lunedì 11 maggio 2020

Il messaggio degli dei della peste nell'era della quarantena

 

Pensieri durante la peste n. 5. Nergal ed Erra ci chiamano per notare l'essenziale  

Alexander Dugin 

Ciao, stai guardando la serie "Pensieri durante la peste". Oggi vorrei passare a una storia mitologica sugli dei della peste. Nella tradizione mesopotamica, tali dei erano Erra e Nergal. Si credeva che l'inizio di una pestilenza, un'epidemia, una pestilenza del bestiame, quando raggiungeva le persone, fosse implicita da una certa epifania, la scoperta di una divinità superiore che invase il mondo umano. 

Vorrei attirare l'attenzione su questa strana peculiarità: quando si verificano disgrazie, accade qualcosa di tragico, persone e animali muoiono, i fiumi sono avvelenati, la fame, la sofferenza, la povertà insorgono - le persone associano questo a Dio. 

Gli antichi ebrei nella tradizione monoteistica credevano che l'originatore della pestilenza o della peste fosse una sola divinità - il Signore - che dava alle persone doni aggraziati e allo stesso tempo li puniva quando si allontanavano dalle vie degli dei, quando si dimenticavano della divinità, divenne troppo immerso nelle preoccupazioni terrene. Per questo, il biblico Dio punì gli abitanti di Sodoma e Gomorra e inflisse loro il diluvio noachico. 

L'origine della peste in un contesto politeistico è una certa epifania, una manifestazione di una divinità che mostra che una persona è mortale, debole, miserabile. L'uomo vive già in un mondo di ceneri. Gli dei Erra e Nergal ricordano solo: sei polvere, sei cenere dalle ceneri; la tua volontà, i tuoi piaceri, il tuo senso di sicurezza e le tue gioie non sono nulla di fronte alla divinità. E se la divinità lo desidera, ti riporterà allo stato di nulla - alla tua cenere. È un contesto mitologico. 

In realtà, gli dei della peste ricordano la scala dell'umano, che è incomparabilmente più piccola della scala del divino. Se prestiamo attenzione alle storie bibliche, si scopre che la peste, l'epidemia, la pestilenza hanno la stessa funzione: Dio punisce le persone, dimostrando la loro ristrettezza mentale, debolezza.

In realtà, l'epidemia di peste, colera e pestilenza nel Medioevo è stata compresa in questo modo, nonostante il fatto che il Dio cristiano sia virtuoso e non abbia pietà di suo figlio per la salvezza delle persone, ma in alcuni casi riporta le persone indietro sulla retta via adottando una crudele pedagogia. Se le persone non capiscono bene, allora Dio inizia a interagire con loro in modo approssimativo, mostrando il vero cammino verso la salvezza. 

Questa interpretazione della sacralità di un parassita, un'epidemia, una pestilenza, una pestilenza (sia nel contesto cristiano che pre-cristiano - contesto ebraico e persino politeistico) - ha una caratteristica fondamentale: la peste, il disastro naturale, la catastrofe hanno un certo senso, e è quasi sempre lo stesso: quando l'umanità dell'umanità è sovraffollata, quando le persone diventano troppo convinte della propria onnipotenza e onnipotenza, hanno un senso di grandiosità su se stessi - una divinità che si trova ad un livello superiore di essere, coscienza, potere e potenza, riporta gli umani alle loro posizioni. Sei polvere, sii umile.

Sei un servitore di Dio, non ribellarti a Dio. Hai concluso un'alleanza con Dio (nell'ebraismo), un'unione, un'alleanza, devi seguirla, non devi ribellarti a un ordine superiore, spirituale, celeste. Devi rispettare alcune regole (tra cui famiglia, politica,stato, gerarchico, religioso). E se dici che non vuoi sapere nulla di tutto ciò, allora ottieni la peste. Si potrebbe pensare che la peste avrà misericordia dei giusti e punirà i peccatori. Beh no! Un uomo giusto non soffre troppo durante la pestilenza: è pronto per la morte, per il servizio di Dio, capisce persino perché il Signore punisce l'umanità e quindi vede questo come una manifestazione della giustizia divina.

Il giusto si rafforza nella sua giustizia quando arrivano gli dei della peste o quando la sola divinità lo invia.per il servizio di Dio, capisce persino perché il Signore punisce l'umanità, e quindi vede questo come una manifestazione della giustizia divina. Il giusto si rafforza nella sua giustizia quando arrivano gli dei della peste o quando la sola divinità lo invia.per il servizio di Dio, capisce persino perché il Signore punisce l'umanità, e quindi vede questo come una manifestazione della giustizia divina. Il giusto si rafforza nella sua giustizia quando arrivano gli dei della peste o quando la sola divinità lo invia. 

E la terapia è diretta specificamente contro il peccatore: pensa troppo a se stesso, crede di capire tutto così bene, ha una scienza così sviluppata che non ha bisogno di Dio, può prendersi cura di se stesso. Questo è solo un pensiero peccaminoso - ribellione contro Dio - ed è rimandato ai suoi limiti dalla peste. 

La peste ha un certo significato. La peste è una manifestazione della dimensione trascendente, divina, sacra nel mondo umano che dimentica questa dimensione. Di conseguenza, se torniamo ora a questo punto di vista - alla sacralità della peste - possiamo interpretare correttamente ciò che ci sta accadendo nell'era dell'epidemia di coronavirus.

Perché è lo stesso, in che modo differiamo dalle altre epoche? La nostra umanità si basa su strutture tecnologiche, crede di poter calcolare il genoma, che può organizzare la vita di miliardi di persone sul pianeta secondo la stessa logica di mercato liberale, che l'umanità può fare senza Dio, senza dei, senza rito, senza le chiese, senza rituali, affrontano qualsiasi sfida solo in virtù della ragione. 

Ed ecco che arriva il coronavirus, che dice: niente del genere! Amici, non siete nessuno, siete polvere. Sei piccoli, sporchi, deboli, insetti rozzi che hanno avuto una falsa idea della tua importanza. Ritorna alla tua proporzione. Ricorda qual è il timore del Signore, qual è il flagello di Dio. Pecchi, violi il quadro assegnato a te; violare le alleanze che Dio ti ha dato. Vai oltre i limiti dell'umanità. Sei catturato dal diavolo, Satana, dal titanismo per ribellarti contro la divinità - scusa alcuni: coronavirus, peste, punizione. 

E questo è il meglio della pedagogia: se non torni più, ti distruggerò, creerò un'altra umanità o anche il mondo finirà. 

Questo è ciò che significa il principio divino della peste: questo è il discorso della peste, il messaggio della peste, la narrazione della peste: smetti di essere quello che eri, ritorna sul sentiero del Signore, ritorna alla proporzione , la scala che è determinata per l'umanità terrena. Fermati, ripensa al tuo comportamento. 

Oggi, tale interpretazione può essere all'interno delle tradizioni cristiane, islamiche, ebraiche, di altre religioni (buddismo, induismo). Ma l'interpretazione religiosa (in senso lato) dell'epidemia di coronavirus è per lo più non tradizionale. Fondamentalmente, stiamo parlando di quante maschere abbiamo bisogno, di quanti ventilatori polmonari abbiamo bisogno, come costruire nuove cliniche e quali misure dovrebbero essere prese in modo che il virus non si diffonda ulteriormente, come salvare le persone. 

Tutto sembra andare bene. Ma non pensi che un simile atteggiamento, se ricordi gli dei della peste, aggrava solo la nostra situazione - diciamo: è eccessivo, possiamo farcela, non c'è traccia di Dio, dobbiamo fare affidamento sulla nostra forza e dobbiamo affrontare la peste delle nostre forze umane.

Ma aggraviamo così la nostra situazione? Supponendo il significato religioso e metafisico della peste, dovrebbe davvero essere questa la nostra risposta? Se la peste ha senso, se la pandemia vuole dimostrare che ci stiamo muovendo nella direzione sbagliata, che dobbiamo cambiare il corso e le basi della civiltà, che siamo andati troppo lontano nel credere nell'immanente, non abbiamo nemmeno crediamo nelle persone, crediamo negli oggetti, negli oggetti, nelle tecnologie, nell'intelligenza artificiale, nei genomi, in una mente tecnocratica razionale completamente incarnata,che non è più umano e assomiglia sempre di più a Satana e al diavolo. 

È interessante notare che Nergal - il dio della peste, il dio classico della mitologia accadica - scende all'inferno con la regina dell'inferno Ereshkigal - e minaccia di tagliarle la testa.

Lei cerca di renderlo suo prigioniero, ma lui estrae la sua spada, la prende per i capelli e dice - e ora, suino, ti taglierò la gola. Quindi la regina dell'inferno Ereskigal, che cadde in ginocchio di fronte al dio della peste Nergal, dice: allora posso solo chiederti di sposarmi.

Le storie accadiche finiscono così. Ma è interessante che il dio solare Nergal, il dio della peste Nergal, scenda all'inferno per mettere in atto e mettere in ordine l'amante dell'inferno che si è alzato contro l'ordine divino. 

Questo è un mito molto importante. La peste viene per una ragione, viene per qualcosa: per renderci umili, per far tornare il nostro inizio materiale e materiale nella sua giusta posizione nella gerarchia dell'essere, nella gerarchia delle creature. 

Gli dei della peste ci insegnano l'umiltà. Dio manda la peste nelle culture monoteiste in modo che una persona si ricordi di quanto sia insignificante e debole.

E se combattiamo la peste per mezzo di uno stato di emergenza, un nuovo numero di maschere, ventilatori, basandoci solo sui medici - quindi noi, come Ereshkigal, diciamo che non siamo convinti - sconfiggeremo noi stessi la peste, non lo faremo cambieremo il nostro stile di vita, ci prenderemo in giro e vivremo come prima, ripristineremo l'economia capitalista, i nostri valori secolari, i nostri divertimenti, il nostro percorso di umanità autonoma, la nostra ricerca nel campo delle alte tecnologie e dell'IA, continueremo a modernizzare e digitalizzare la nostra società, impianteremo tutti durante l'epidemia e la quarantena con microchip, e così supereremo noi stessi la peste. 

Di conseguenza, renderemo inevitabile il nostro destino. Questo è il problema. Combattere - sì, superare l'epidemia - sì, non permettere che si diffonda - sì, è vero. Ma soprattutto, se ci manca il problema, perché questa piaga, perché questo coronavirus - e anche se riusciamo a far fronte senza un cambiamento interno nella nostra vita, nella nostra società, nei nostri valori, non peggioreremo noi stessi e tutta l'umanità? 

Ti auguro il meglio, pensiamo a questo messaggio degli dei della peste nell'era della quarantena ... 

Versione russa

Fonte: https://www.geopolitica.ru/

*********************************
___________________________________
Note Bibliografiche: 
______________________________________

®wld   

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Niente più Cinema, tutto sarà in streaming – indipendentemente dal Covid o dai vaccini

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”
Leggi QUI L'articolo di imolaoggi.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...