martedì 19 marzo 2019

I FLINTSTONES MODERNI


Ricevo dall'amico Dottor Roberto Slaviero e pubblico

Nel 1982, uscì il fantastico film del regista Ridley Scott, Blade Runner, ambientato in una tristissima Los Angeles nel 2019, con bassifondi estremamente puzzolenti e piovosi! 

Non conosco Los Angeles, ma siamo adesso nel 2019 e le macchine della polizia nel film di Scott volavano, vi ricordate? Dei replicanti non ne sentiamo molto parlare, ma sicuramente parecchi umani mezzi robotizzati, solcano già le nostre strade e piazze, senza che ce ne accorgiamo. E non parlo dei normali chippati, attraverso l’utilizzo dei moderni telefoni con batteria non estraibile.

Il Transumanesimo va avanti velocissimamente.

Dando un occhiata alle prossime auto volanti, già pronte comunque per la consegna, ho notato che i prezzi oscillano, come minimo, tra i 300-500 mila dollari !Diciamo quindi, auto alla portata  di tutti i portafogli! Nel 1959, Hanna e Barbera, produssero i famosi cartoni animati, dove le macchine degli antenati funzionavano a propulsione umana ... pedala, pedala mio amico; ed i Sauri invece volavano.

Siamo cosi avanzati tecnologicamente, che nel giro di 4 mesi (scrivo il 17.03.19), due aerei nuovi della Boeing, precipitano dopo pochi minuti dal decollo; si dice per un difetto di lettura di un chips, che dovrebbe stabilizzare l’aereo in fase ascendente. Un’incomprensione tra i piloti e la macchina ... incomprensione fatale, poiché il pilota nulla può allo strapotere di chip elettronici, che via via in questi decenni hanno sostituito le parti meccaniche dei motori!

Cosi ce la raccontano; magari sono atti di guerra, ma comunque sembra chiaro che gli aerei, anche commerciali, possono venire guidati dal remoto ... tipo Droni ... e quindi i piloti sono estromessi completamente dal controllo del veicolo. Adesso pensate alla rivoluzione che arriverà con le macchine ed i trasporti volanti, con o senza pilota, e di come l’uomo sarà completamente escluso dal loro controllo; ci affidiamo completamente alle IA.

Per attivare il sistema si devono assolutamente introdurre le frequenze ad emissione 5G; passeremo cosi ad una risposta dei sensori che oggi, con il 4G, hanno un tempo di ingaggio variabile tra i 20-40 millisecondi ad una risposta di circa 2 millisecondi.

Capite che stiamo comunque parlando di millesimi di secondo; da un punto di vista tecnologico, valori  incredibilmente inferiori, ma da un punto di vista umano, parliamo quasi del nulla, di qualcosa senza un valore tangibile! State vedendo come gli Usa, siano preoccupati di come la loro colonia italiana, possa finire in mano tecnologica cinese.

Hanno i loro diritti su di noi comunque, avendo noi perso la guerra ... “Vae Victis” dicevano i latini, ossia; guai ai vinti … dovete mangiare ..rda per molti decenni! Sui media, il dibattito si infiamma, poiché tra pochi giorni il Presidente cinese viene in visita ufficiale in Italia per firmare vari contratti importanti, riguardanti soprattutto le nuove  sfide commerciali della Via della Seta: opportunità incredibili per i nostri commerci, senza alcun dubbio.

Speriamo in ogni caso di non passare da un colonizzatore ad un altro, anche se la vedo molto dura con le oltre 100 basi militari Usa nel nostro territorio.

MA UNA DOMANDA! E LA SALUTE DEGLI UMANI SOTTOPOSTI AL 5G?

Ne hanno parlato o ne parlano sui media ufficiali? Ci parlano dei servizi segreti che già da tempo mettono in guardia i governi sull’importanza strategica delle telecomunicazioni…

Ma se hanno privatizzato quasi tutto, i lazzaroni che sono stati al governo negli ultimi trent’anni … robe da matti … siamo terra di conquista degli stranieri da una vita. Hanno creato adesso un altro duopolio ... Di Maio coi cinesi e Salvini con gli Yankee … 

SVEGLIATEVI … azzo!! Parlate invece della salute in pericolo per milioni di persone … parliamo dell’immenso Whirless che ci aspetta; da sotto e da sopra le nostre teste! Non una parola, nada de nada!

Vale la pena per qualche millesecondo, o per i trasporti pubblici e privati volanti, mettere a repentaglio la salute di milioni di persone? Di questo si deve parlare, altro che Via della Seta e Smart City. L’uscita del ministro Di Maio, mi pare alla fiera di Shangai qualche mese fa, in presenza di Bill Gates e del Presidente cinese, sul fatto che l’Italia sarà la prima Smart Nation dell’Europa, ci lascia intendere in che mani siamo caduti…

Al peggio non c’è mai fine.

Io personalmente non voglio finire a far parte di un mondo dove tutto è connesso, dove il singolo è subordinato allo Stato.

Capisco che, ad esempio la storia e la tecnologia della Cina e la loro enorme espansione commerciale del dopo Mao sia stata incredibile: complimenti a loro e capisco come loro, da sempre siano abituati a lavorare senza soste e spesso in condizioni di lavoro precarie ... diciamo cosi.

Sono orgogliosi di far parte del loro Stato-Sistema che tutto fa e tutto controlla. Noi italiani siamo diversi ed individualisti, forse troppo in qualche caso, ed è per questo che  vogliono mescolarci forzatamente; nuove generazioni senza storia, cultura e tradizioni antiche di pensiero filosofico e religioso.  

Un modo di vivere, il nostro fino a poco tempo fa, che pensava all’uomo come essere individuale e non come una parte di un alveare.
Le Api si, hanno una coscienza cosmica perfetta e voi non penserete mica, che qualsiasi Stato o multinazionale abbia una coscienza cosmica! Sono solo degli sfruttatori altrui, per i loro fini di potere e denaro ... niente più!

Aprite gli occhi prima che perdiate il senso della natura, degli alberi, degli uccelli,del profumo dei fiori e dei frutti!
Tutti uguali, chippati, stravaccinati ed avulsi dalla realtà!
E se un giorno il Controller remoto della IA lo decide … ciao ciao baby ... ci vediamo all’inferno...forse!

Quanti potranno acquistare un auto volante?

Capite che state cadendo di nuovo in un inganno mostruoso, fatto spacciare per tecnologia fantastica in grado di metterci online con tutto e tutti… Vi consegneranno i pacchi a casa con i droni … che figo ragazzi!! Ho tutto e subito … e siete contenti della vostra vita?

Si perché ordino la pizza e coca cola e mi arriva dall’alto dei cieli, sai con questo traffico! Idiotizzati … Pieni di psicofarmaci poiché il ritmo frenetico della vita vi distrugge!
 
Volete il 5G per i voli aerei … e allora createvi dei ...azzo di porti  aerei tecnologici e piazzatevi le vostre frequenze tossiche e non rompeteci più i ...oglioni … a chi li ha ancora … visto il genderismo dilagante! 



sabato 16 marzo 2019

Scielti per Voi, buon fine settimana

   

La piccola Greta e i grandi gretini dell’ambientalismo malthusiano


Da settimane i media mainstream hanno acceso e puntato i riflettori su una sconosciuta ragazzina svedese, spuntata letteralmente dal nulla.

Nessuno l’aveva mai vista. Di punto in bianco….puff….esce dal cilindro, viene invitata a parlare al vertice sul clima delle Nazioni Unite e poi al Forum di Davos, oggi addirittura è stata candidata al Premio Nobel.

Tutte cose normali per una qualsiasi ragazza di 16 anni, vero?

Ma i suoi discorsi hanno emozionato e toccato le corde profonde dell’anima, appassionando gli ambientalisti di tutto il mondo, così è stata presa come modello da stimare ed emulare.

Se non bastasse per capire il quadro, persino Sergio Mattarella l’ha elogiata, e il diversamente-sobrio Jean-Claude Junker le ha fatto il baciamano.

 

Da agosto 2018, ogni venerdì mattina, invece di andare a scuola Greta si piazza davanti al Parlamento svedese con il cartello “Sciopero scolastico per il clima”, e in pochissimo tempo è diventata la più giovane ambientalista europea e promotrice delle marce degli studenti per il clima. 

Il suo motto è: «non mi fermerò. Non fino a quando le emissioni di gas serra non saranno scese sotto il livello di allarme».

La realtà è che Greta Thunberg è stata fatta diventare un simbolo. 

Da una parte sicuramente c’è lo sfruttamento in una «campagna di pubbliche relazioni» in vista dell’uscita del nuovo libro della madre, la cantante d’opera svedese Malena Ernman... 

 

che sta strumentalizzando la povera figlia affetta dalla Sindrome di Asperger. Conosciamo anche il nome dello stratega della campagna di PR, Pubbliche Relazioni, Ingmar Rentzhog, un esperto di marketing e pubblicità. Dall’altra però Greta fa comodo anche al Sistema… 

Quello che Greta non dice…

La giovane svedese è portatrice sana di cose ovvie e assolutamente scontate.
Il punto non è quello che Greta dice, ma quello che non dice!

Non è un po’ strano che nonostante attacchi i Poteri Forti, venga appoggiata dagli stessi, cioè dai circoli malthusiano-globalisti, e dalla dittatura europea? Gli stessi circoli che vogliono austerità, deflazioni, disoccupazioni di massa, depopolazione e gli stessi che stanno creando il problema climatico! 

Global Warming 

L’immensa grancassa di Poteri Forti sta tambureggiano l’allarme del Riscaldamento Globale, attribuendone la causa SOLO alla produzione industriale e ai consumi umani! 

Il Global Warming è un fatto accertato e la causa dell’effetto serra è il cancro chiamato uomo, per cui la “soluzione” è quella di aderire immediatamente ai vari Protocollo di Kyoto ecc. che impongono la riduzione delle emissioni industriali, costi quel che costi. 

Nessuno sta negando l’ovvietà: basta aprire la finestra per capirlo. 

Il pianeta sta certamente vivendo un periodo di riscaldamento globale, e il nostro stile di vita, improntato esclusivamente al consumismo sfrenato, è follia allo stato puro! Questi sono dati oggettivi e inoppugnabili, ma quello che si vuole sottolineare è che il Global Warming (non è solo causa dell'uomo) è usato dall’élite dominante come un Cavallo di Troia per scopi tutt’altro che ambientalistici o naturalistici: fomentare e instaurare il terrore nella popolazione (paura di allagamenti, nubifragi, tornado, uragani, ecc.), far passare leggi sempre più repressive, spingere l’acceleratore della riduzione della popolazione, impedire a paesi emergenti di uscire dal loro baratro, ecc. 

La storia docet

Anche perché a proposito di riscaldamento, va detto che nel 1719 una canicola eccezionale, che sarà difficile attribuire all’industria umana, fece morire non i 15.000 anziani francesi deceduti nel 2013, ma oltre 450.000 persone. I sudditi del Re Luigi XV erano allora solo 22 milioni.

Per lo più i morti erano bambini colpiti da diarrea perché le falde, prosciugate per metà, erano infette. Altre dissenterie canicolari si produssero nel 1706 e nel 1747 e ciascuna fece oltre 200.000 morti.

Quindi prima della grande industrializzazione, prima che le attività dell’uomo liberassero anidride carbonica nell’aria, vi sono stati periodi molto più caldi dell’attuale. Come la mettiamo?

Sono banali esempi, che insegnano come la storia dell’umanità sia costellata da periodi caldissimi (e periodi freddissimi) indipendentemente dall’uomo. 

Cambiamento climatico o guerra climatica? 

«Abbiamo bisogno di un mondo più autoritario. Anche le migliori democrazie accettano che quando si avvicina una grande guerra, la democrazia deve essere sospesa per tutta la sua durata. Io ritengo che il cambiamento climatico sia una situazione grave come una guerra. Può essere necessario mettere la democrazia in sospeso per un po'. Dobbiamo avere poche persone dotate di autorità a comandare».

Questa frase non l’ha scritta Adolf Hitler nel suo Mein Kampf ma è uscita dalla bocca di James Ephraim Lovelock, il chimico futurologo, ex collaboratore della NASA, che ha elaborato la teoria di Gaia. 


È l’inventore anche del buco dell’ozono, provocato a suo dire dal gas CFC, il cui brevetto della Dupont scadeva casualmente quando si scoprì il buco… 

Lovelock è profondamente inserito nelle centrali di potere che protraggono l’impero britannico, anche perché egli è un uomo del liberismo secondo Adam Smith e seguace di progetti di riduzione della popolazione secondo Malthus*.
Quello che Lovelock adombra è il progetto di un governo autoritario mondiale con la scusa del controllo del riscaldamento globale.

Oggi ha 99 anni ed è ancora membro del The Optimum Population Trust, un think tank che promuove la riduzione della popolazione umana nel mondo, e della Royal Society of Edinburgh, società filosofica che promuove le azioni adatte ridurre dell’80% le emissioni di gas di carbonio. 

Infine ha lavorato a stretto contatto con l’americano John Holdren, il fisico aeronautico diventato un fondamentalista della denatalità (consigliere del presidente Obama).


Holdren già nel 2009 proponeva di spargere milioni di tonnellate di particolato nell’alta atmosfera onde formare una nube capace di respingere i raggi solari...
Ricordo che l’ambientalismo catastrofico, l’effetto serra e il buco dell’ozono sono mossi da interessi costituiti potenti e dalle ideologie della crescita zero, teleguidati dalle Fondazioni Rockefeller. 

«Alla ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, giungemmo all’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, mancanza d’acqua, la carestia e cose del genere fossero adatte»
Così riporta una pubblicazione del Club di Roma**.
Il controllo del clima è una priorità per il Sistema.
 

Ecco cos’è riportato in un documento sugli armamenti futuribili della Us Air Force dal titolo Air Force 2025: «la modificazione del clima offre nel quadro bellico un ampio ventaglio di opzioni per sconfiggere o coercire un avversario. Negli Stati Uniti la modifica del tempo atmosferico diverrà parte della sicurezza nazionale con applicazione all’interno e all’estero».

Controllare il clima rientra nella guerra militare, e quindi per gli Stati Uniti d’America una priorità per la sicurezza nazionale. 

Geo-ingegneria climatica

Quali sono le cose che Greta e tutti gli ambientalisti malthusiani non denunciano nel cambiamento climatico che stiamo vivendo? Nessuno di loro ha il coraggio di tirare in ballo le scie chimiche (chemtrails) e le ingerenze dei potenti campi elettromagnetici usati nei vari programmi militari come HAARP. Irrorare quotidianamente, spruzzando sostanze tossine e metalli pesanti nei cieli non ha ripercussioni nel clima globale? 

Riscaldare la ionosfera (progetto HAARP) con quantità abnormi di energia non ha ripercussioni nel clima globale?

Come mai nessuno denuncia la guerra climatica in atto? Non lo sanno, non sono coscienti, oppure fanno parte del giochetto?

Queste sono le cose da denunciare al mondo, da gridare in faccia ai potenti della Terra, non le fregnacce messe in circolazione dal Sistema stesso.
Per questo motivo Greta è diventata la paladina ambientale, l’eroina dei più deboli e indifesi, ma anche dei potenti della Terra...

*Thomas Malthus 

Il reverendo Thomas Robert Malthus oltre due secoli fa elaborò una teoria che pone in relazione la crescita della popolazione con lo sviluppo economico.
Il pastore anglicano, oltre ad essere economista e demografo britannico, sosteneva che la tendenza della popolazione di un paese è di crescere a tasso geometrico (1-2-4-16-32), mentre l’offerta di cibo segue un tasso aritmetico (1-3-5-7-11).

Quindi per evitare bassi livelli di vita o di assoluta povertà la strategia è di limitare il numero delle nascite!

Malthus, al soldo della Compagnia delle Indie Orientali, si mise a capo dell’ideologia del limite delle risorse a fronte della crescita demografica.

Successivamente la sua visione è stata fonte di ispirazione di moltissimi personaggi della politica, economia e finanza. Per esempio negli anni Trenta, la politica del genocidio che sottende l’ideologia dei «limiti delle risorse», fu riformulata nel corso di un incontro tra Adolf Hitler e Lord Lothian (Philip Kerr) il capo della Tavola Rotonda, la formazione più direttamente impegnata a sostenere la scalata al potere di Adolf Hitler in Germania. Il resto è storia… 

** Il Club di Roma fu fondato durante alcuni incontri tenutisi a Villa Serbelloni, proprietà della Fondazione Rockefeller a Bellagio, sul Lago di Como. 
 
 

Con il libro: «I limiti dello sviluppo» il Club propose nel 1972 le sue strampalate teorie ambientali che sollevarono una tempesta. Purtroppo il testo e le successive edizioni esercitarono una notevole influenza sul nascente movimento ambientalista italiano... 

Il vero scopo del Club di Roma era - ed è - quello di organizzare la propaganda sulla crisi ambientale e sfruttare quest’ultima per giustificare la centralizzazione del potere, la soppressione dello sviluppo industriale sia in Occidente che nel Terzo Mondo ed il controllo della popolazione mediante l’eugenetica.


**************************

 
CLIMA, METEO, INQUINAMENTO  

Forse è bene dare una ripassata ad alcuni termini. 

Non userò definizioni che solo io riesco a trovare…. ma riporterò testualmente ciò che viene scritto su Wikipedia: (ndr articolo interessante da leggere)
Leggi QUI l'intero articolo

**************************


Urgente è cambiare il modello economico. La salvaguardia del pianeta verrà poi da sè.
 
di Davide Gionco

Chissà perché nel giro di pochi giorni tutti i giornali e i telegiornali, e di consenguenza anche la gente sui social media (che dai primi dipendono) hanno iniziato a parlare di ambiente. 

La cosa è molto sospetta. La prima cosa che viene da chiedermi è quali siano dei poteri forti del mondo, senza il permesso dei quali giornali e tv non si occupano mai di un certo argomento. 

L’attuale presidente della RAI Marcello Foa ci ha spiegato bene i meccanismi che portano alla diffusione simultanea di notizie sui mass-media mainstream.
L'articolo continua QUI

************************** 

   

Il Giudizio Universale di Greta. Siamo tornati al Medioevo  

di Gianmarco Landi 

La Globalizzazione sta assumendo contorni di idiozia inquietanti, ed è assolutamente agghiacciante il clamore giornalistico al servizio di una colossale bugia planetaria propalata oggi da un’eroina dei media, una ragazzina di 16 anni. Greta, purtroppo, è affetta da sindrome di Asperger e me ne duole, ma il punto non è questo; è che una ragazzetta incompetente, portata alla ribalta dal mainstream, che ha costruito il personaggio, non può certo indirizzare l’Umanità, quando invece pare che così debba essere! Tutti gli ambientalisti, i radical chic, i liberal glamour e i sinistroidi del Mondo, con Greta hanno trovato la loro giusta dimensione perché, proprio come lei, credono acriticamente ad un allarmismo apocalittico di antico richiamo all’umanità peccaminosa tardo medievale. L'articolo continua QUI

**************************

   

Il riscaldamento globale è un "imbroglio e truffa" gestito da scienziati corrotti, avverte il co-fondatore di Greenpeace  


Sebbene l'organizzazione oggi sia tra le più schiette quando si tratta di scatenare l'isteria di massa sul "riscaldamento globale" e sul "cambiamento climatico", la sua homepage ha attualmente un pop-up che esorta i visitatori a firmare una petizione per "Dillo al Congresso" spingere per un New Deal verde"- Greenpeace non è stato sempre un sostenitore spudorato della scienza spazzatura. 

Infatti, il co-fondatore di Greenpeace Canada, Patrick Moore, ha recentemente versato i fagioli durante un'intervista su Breitbart News Tonight di SiriusXM, spiegando che non solo il riscaldamento globale è completamente falso , ma che viene utilizzato anche dagli ingegneri sociali di tutto il mondo - incluso Greenpeace - per spaventare il pubblico nel rinunciare ai propri diritti e alle proprie libertà. L'articolo continua QUI in lingua inglese 

LETTERA INEDITA DI ROSALIE BERTELL ALLE NAZIONI UNITE – SENZA RISPOSTA

LA GRANDE TRUFFA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE

Leggi il breve articolo postato da nogeoingegneriaQUI
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Governo, strategia all’italiana. “5G ipoteticamente sicuro”. Hanno già deciso ...

Tutto quello che c'è da sapere sul lancio del 5G

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

STATISTICHE