Post in evidenza

Distopia-Catocopia

  Assange: "Il nuovo totalitarismo sono i colossi del web" Dal fondatore di WikiLeaks un duro attacco a Google: "I...

venerdì 31 gennaio 2014

Il filo invisibile



EVOLUZIONE “TRANSATANISTA” 

Nell'introibo di questa ultima sezione ho affermato che secondo me il Transumanesimo é l' evoluzione naturale del Satanismo. Con questo non intendo assolutamente dire che per forza tutti i satanisti devono essere o dovranno diventare transumanisti, intendo che un satanista il quale sia orientato verso un nuovo stadio evolutivo sul piano materiale, trova nella filosofia del Transumanesimo un naturale percorso. 

Una volta evoluto il proprio credo personale da uno spiritualismo, o da un teismo, a un razionalismo più o meno materialista - e quindi una volta arrivati ad ammettere che l'Uomo in quanto essere senziente di carne è protagonista - si aprono due strade: la prima, che possiamo riassumere con il famoso detto “meglio bruciare subito che consumarsi lentamente”, punta verso il godere e trarre il maggior profitto (di qualunque genere esso sia) possibile dalla propria vita, dalla propria condizione materiale, per tutto il tempo che ci rimane; la seconda, che è appunto quella transumanista, punta verso il prolungare il godimento e il giovamento che vengono dalla propria condizione materiale “ad libitum” finché le tecnologie ce lo permettono.

Questa seconda strada è quella che dipingo come naturale evoluzione del Satanismo. Rappresenta un passo naturale, ma non è ovviamente detto sia obbligatorio compierlo, così come non é obbligatorio l'evolversi da una forma di Satanismo ad un'altra.


C'è sempre stato un filo invisibile a legare tecnologie e Satanismo; già nel 1988 Anton LaVey nel suo saggio “Pentagonal Revisionism” auspicava cinque punti di cambiamento per promuovere una società satanista. Gli ultimi due punti sono interessantissimi, perchè hanno (a mio parere) a che fare proprio con il Transumanismo, pur se non menzionato esplicitamente, che sono:

lo sviluppo e produzione di umanoidi artificiali l'opportunità individuale di vivere in un ambiente di propria scelta, adatto all'estetica e al comportamento di ognuno In particolare il secondo punto rappresenta un po' ciò che si prefigge il movimento transumanista: permettere all'uomo di adattare il proprio ambiente (compreso se stesso) ai propri canoni di estetica e comportamento senza influenze altrui.

Nel 1990 una band death metal (Nocturnus) guidata da Vincent Crowley e Mike Browning, membri della Church of Satan, pubblicava un album intitolato “The key” nel quale alcune canzoni costituivano un concept narrante la storia di un individuo del futuro che utilizzava parti di droidi riciclate per costruire una macchina del tempo. Con essa il protagonista potè tornare all' anno zero, uccidere Gesù ancora bambino, e instaurare attraverso i computer una dittatura tecnologica. Ciò grazie a “ipnosi computerizzata”, alla creazione di un “cervello vettoriale”, e di computer che risvegliano le divinità del passato. 

Un' altra timida serie di riferimenti all'unione uomo-macchina e al come le tecnologie possano essere utilizzate (in questo caso per scopi poco nobili) per creare una società evoluta. In tempi più moderni conosciamo i protagonisti di film come Johnny Mnemonic o Matrix che rappresentano benissimo l' idea di macchina e uomo legati a doppio filo e integrati per costituire qualcosa che é un po' una e un po' l'altro, ma contemporaneamente qualcosa di più sia dell'una che dell'altro.

E siamo solo al campo delle tecnologie uomo-macchina, ma il Transumanesimo non si ferma li. Che dire delle tecnologie genetiche? Perchè un satanista con la sua determinazione egoistica a spremere la vita, non dovrebbe voler prolungare la propria, tramite cocktail genetici che rallentino l'invecchiamento? E se questo non fosse subito a portata di mano, perchè non farsi porre in una stanza criogenica nella quale il nostro corpo possa riposare senza invecchiare per dieci, cinquanta, cento anni? Magari nel frattempo la nostra memoria, tutto il contenuto del nostro cervello, potrebbero essere comodamente salvati in bolle di memoria, come succede per gli astronauti ed i piloti soggetti al Somec nel racconto di Orson Scott Card “Domani le stelle”.


Perché tutto ciò non dovrebbe essere naturale tendenza di un satanista che crede fermamente nel diritto dell'uomo ad auto preservarsi, a protrarsi nel tempo indefinitamente? E perchè un satanista che la pensa in questo modo non dovrebbe pretendere il diritto di sostituirsi parti fisiche difettose, cibernetiche o meno? Se Transumanesimo e Satanismo sono così vicini ideologicamente, é curioso dare uno sguardo a cosa pensano gli esponenti di queste due filosofie gli uni degli altri. Prima di iniziare a scrivere questa ultima sezione del libro mi sono preso il tempo di porre una serie di domande a una trentina di persone tra satanisti e transumanisti, scelti a caso su Internet tra i gruppi dedicati a questi temi. 

Ho anche intervistato due persone dichiaratamente “sataniste transumaniste”.
I miei questionari hanno evidenziato alcune cose che reputo valga la pena condividere: in via generale i satanisti erano molto meglio informati sul Transumanesimo di quanto i transumanisti lo fossero sul Satanismo. 

Inoltre molti satanisti di stampo spiritualista approvano l'ottica evolutiva transumanista e l'approccio alla genetica, ma ne criticano la eccessiva espressione di materialità. Secondo loro la perpetuazione maniacale del corpo, tramite unione con le macchine o tramite terapie genetiche o criogeniche, pone in secondo piano lo spirito e quindi causa evoluzione fisica ma involuzione dell'individuo e della società.

I transumanisti, dal canto loro, spesso schifano il Satanismo perchè ne hanno una visione negativa, forse dettata dai decenni di propaganda sfavorevole a cui siamo stati abituati nel corso del tempo. Interessante é stato notare come, chiedendo un parere sulla definizione di Satanismo senza utilizzare questo termine, i pareri fossero sostanzialmente diversi, e moltissimi transumanisti approvassero totalmente la maggior parte delle caratteristiche del pensiero satanista.

Di seguito riporto il pensiero di alcuni satanisti da me interpellati riguardo alla materia. Andrea Pasciutta, numero due dei Bambini di Satana, interpellato sul Transumanesimo mi risponde: “Il transumanesimo è estremamente simile al Satanismo razionalista, differisce soltanto per pochi aspetti che riguardano per lo più la semiotica e una concezione perfezionistica che a mio parere è e rimarrà un' utopia. Come può un ideale “perfettista” scaturire ed evolversi in un universo, così tremendo, caotico e perfettamente imperfetto?".

Michael Wilfred di Modern Church of Satan reputa che "Se Satanismo e Transumanismo siano compatibili dipende da come essi considerano il concetto di umanità, e in particolare il concetto del “sé”. Per quanto un uomo possa, secondo l' ottica transumanista, modificare il proprio corpo, rimane comunque umano, perciò ricade nel campo del Satanismo. 

In questa ottica le due correnti non solo non contrastano ma anzi si completano". Più elaborata e cauta la posizione di Jennifer Crepuscolo di Unione Satanisti Italiani: "Il Transumanesimo si basa molto sulla scienza, sulle alte tecnologie, può anche affascinare, ma un evoluzione basata solo sulla manipolazione genetica e sulle scoperte scientifico tecnologiche, fa molto fumetto fantascientifico. Il problema di fondo è che la vera evoluzione umana da cui poi possono determinarsi anche eventuali doti psichiche, non è qualcosa che si può raggiungere mentalmente, con il raziocino, bensì è qualcosa che si può raggiungere soltanto spiritualmente usando dunque la parte destra del cervello, l'inconscio.

Pretendere l' evoluzione dell' anima attraverso la sua nemesi, il suo diretto contrario, ovvero la mente, è un po' una forzatura priva di senso. Anche perchè le doti e i super poteri sono nulla a confronto della consapevolezza che sopraggiunge qualora un essere umano avesse davvero la possibilità di oltrepassare i propri limiti fisici.


Quindi consiglierei a questi Transumani di guardare un po' meno il mondo materiale, fatto di ingranaggi e provette e di guardare invece maggiormente dentro loro stessi". Malcolm Davis, satanista transumanista, concilia totalmente le due filosofie: "Satanismo e Transumanesimo sono compatibili al 100%: il Satanismo è la dottrina che istiga l'uomo a vivere al suo massimo potenziale, il Transumanesimo è la dottrina che glielo permette". Lo stesso concetto é espresso dall'italiano Marco Rizzato:  

"Il Transumanesimo é la ricerca della migliore e più durevole forma dell' essere Uomo. Come il Satanismo. Il transumanista é l' uomo che piega, o è disposto/intenzionato a piegare, la natura al volere dell'Uomo. Come il satanista. 
Il Transumanesimo é l' evoluzione dell'Uomo. Come il Satanismo. Vedo nel Transumanesimo l' applicazione tecnologica del mio essere satanista".

La maggior parte dei transumanisti coinvolti nella mini intervista mostra quasi paura nel trattare di Satanismo; in un paio di occasioni le risposte esprimevano questo concetto: "Il Satanismo potrebbe essere considerato come una rielaborazione egoistica delle filosofie più etiche del Transumanesimo". In un caso addirittura la differenza tra le due filosofie sembra essere "il diverso concetto di etica". Risposta, questa, che evidenzia come in una società pratica ove ognuno crea la propria etica e il proprio corpus di valori morali questa differenza scompaia e le due correnti si identifichino.

Dopo aver esposto il pensiero di alcuni appartenenti alle due correnti vorrei esprimere la mia opinione, senza presa alcuna che questa sia presa per oro colato: il Satanismo é una filosofia che incita l'uomo a vivere la vita sempre e comunque al massimo, é una filosofia che propaganda ed auspica la determinazione dell' uomo e la sua rivalsa nella società; ne esalta l' ego e il diritto ad esistere e vivere, non solo sopravvivere. Il Transumanesimo é una filosofia che auspica per l'uomo il superamento dei limiti e la continua miglioria di se stessi e della propria condizione grazie alle tecnologie. In fondo, ciò che secondo me potrebbe distinguere queste due correnti di pensiero, é solo l' approccio e l' uso che si vuole fare della tecnologia. Per il transumanista questa ha un valore essenziale, per il satanista ciò non è automatico nè obbligatorio. Ma é altamente probabile.

Di fatto, viviamo in un' era tecnologica, nella quale, per quanto certe correnti New Age cerchino di negarlo o combatterlo, l' evoluzione umana e societaria sono legate indissolubilmente all' uso che faremo della tecnologia. Reputo quindi che per il satanista il Transumanesimo sia una evoluzione naturale, non obbligata, ma auspicata. Siamo pronti, secondo me, per una evoluzione transumanista del Satanismo. Io la chiamo evoluzione "Transatanista".


Articoli correlati:   
http://ningizhzidda.blogspot.it/2013/05/il-perfetto-sviluppatore-e-creatore.html
http://ningizhzidda.blogspot.it/2013/05/da-sumer-al-transumanesimo.html
http://ningizhzidda.blogspot.it/2012/10/la-nascita-di-satana.html 

http://ningizhzidda.blogspot.it/search/label/Satana?updated-max=2013-02-21T11:28:00%2B01:00&max-results=20&start=5&by-date=false

 
Tratto dal libro di Alessandro Demontis p. 181-182-183-184-185-186-187-188-189


giovedì 30 gennaio 2014

La Tavola Rotonda

Ascesa e caduta di Re Artù 

Le leggende ei miti che circondano Re Artù e Camelot sono varie e numerose, sorprendenti, e, parzialmente vere. Nel corso del tempo, la storia di Artù e Camelot sono sfociate in una fantastica favola, intessute e intrecciate con tutti i tipi di invenzioni fantasiose. Ciò che rimane è una storia molto distorta, in modo velato di mistero e oscurato con la finzione, che molti hanno riflettuto se Artù e Camelot siano mai esistiti.

Gli storici sono stati estremamente benevoli con Arthur, c'è un ampio consenso verso di lui e molti lo hanno elevato a uno status divino accreditandolo erroneamente con caratteristiche mistiche, magiche, visionarie e spirituali altruistici. Tuttavia, egli era davvero un re d'Inghilterra e un conquistatore. Ha ampliato il suo regno in un impero enorme incentrato su Camelot - e lui ha decimato quel regno.

In primo luogo, voglio licenziare alcuni dei miti ridicoli che lo circondano. Non aveva alcun potere reale chiaroveggente - lui era una persona molto fisica. Confidava in quello che poteva toccare e vedere. Era una persona molto orientata ai cinque sensi, ha fortemente dubitato su cose esoteriche ed è stato enormemente scettico nei confronti di eventi soprannaturali.

Lo scetticismo di Arthur fu scosso quando ha incontrato Merlino, che lo ha istruito su molte questioni esoteriche. Tuttavia, a Arthur mancavano le esperienze interiori e le connessioni con il Divino che Merlino aveva. In altre parole, Arthur ha dovuto prendere le questioni esoteriche sulla fede perché aveva limitate esperienze di prima mano con le cose spirituali. Quindi, in ultima analisi, egli non aveva la forza interiore e si basava in gran parte a Merlino. Questo lo rendeva vulnerabile, e la sua fede potrebbe essere facilmente scossa. Non importa quanto Merlino gli abbia mostrato, mancava del suo nous interiore, Arthur non poteva averlo. Arthur era invidioso dei poteri spirituali di Merlino, ma era un opportunista e ha riconosciuto i vantaggi che gli sarebbero derivati dai consigli di Merlino e l'assistenza su varie cose, comprese le questioni personali politiche, militari e di altro tipo. Così, Merlino è diventato un consulente importante a Camelot.

A causa della enorme scetticismo di Arthur, non avrebbe mai perseguito nulla di lontanamente simile a un Santo Graal o una ricerca spirituale. Era fisicamente molto orientato ad usare la forza bruta per prendere quello che poteva. Con la guida di Merlino, Artù divenne un conquistatore opportunista che ha costruito il suo sogno d'impero.

Arthur ha avuto dei momenti per aspirare ad attività spirituali, ma gli mancava la forza interiore e la disciplina di perseverare. Pertanto, era vulnerabile alle distrazioni e tentazioni esterne, che gli hanno bloccato il risveglio.

Arthur non ha mai estratto una spada da una roccia, nonostante la diffusa accettazione di questo incidente fantasioso. "Excalibur" è simbolico - che rappresenta Gwenevere - la quale si è unita ad Arthur in un matrimonio pre-organizzato. Una volta che Arthur ha avuto Gwenevere al suo fianco, il suo potere è aumentato notevolmente. Gwenevere era una "incarnazione" della Divina Madre. Ha collaborato con Arthur e lo coprì con il Divino Amore, come hanno fatto Merlino e Lancillotto. Merlino e Lancillotto erano entrambi gli aspetti della Madre Divina, che erano sulla Terra per aiutare Arthur a tirarlo fuori dal fango delle Tenebre. Arthur aveva ancora un altro amico che era anche un aspetto della Madre Divina soprannominato "Thomas", che lo ha aiutato in molti modi e lo rallegravano quando si sentiva giù e depresso. Inoltre, il cugino di Lancillotto, Benevere, era amico di Arthur. Mai nessuno prima ha mai avuto un tale nucleo, qualcuno che lo circonda di aspetti della Madre divina.

Merlino, con il regno di Arthur sono cresciuti in dimensioni e potenza. I suoi soggetti erano orgogliosi di essere parte di questo molto famoso impero ed erano straordinariamente fedele a lui. La chiamata di questo impero crescente ha attraversato il Canale della Manica e ha attirato molti cavalieri dal continente europeo a far parte di questa gloriosa impresa. Alcuni sono stati attratti da ambizione, mentre altri sono venuti per ragioni altruistiche e spirituali.

Con l'afflusso di cavalieri stranieri, la fama di Arthur crebbe in lungo e in largo. Lancillotto è stato spiritualmente guidato a lasciare la sua patria per unirsi Arthur e diventare un membro di quello che più tardi divenne noto come i Cavalieri della Tavola Rotonda. Lancillotto era un principe, che ha scelto di servire Arthur per ragioni spirituali.

Lancillotto era molto più un solitario che aveva pochi amici veri in Inghilterra. Benevere e Merlin erano tra i suoi più stretti compagni nei primi giorni di Camelot. Lancillotto era così diverso dagli altri che era inizialmente ostracizzato dalla maggior parte dei cavalieri, che erano per lo più edonistici. Lancillotto era una persona dolce e si adoperò per la purezza spirituale, che ha intimidito e infastidito molti. Tuttavia, il suo valore in battaglia gli è valso il rispetto di Arthur, che alla fine ha fatto di lui il primo cavaliere della Tavola Rotonda. Ciò ha portato dalla sua parte l'accettazione da parte di molti cavalieri.

Merlino ha consigliato Arthur a cercare la mano di Gwenevere, una principessa straniera. Un matrimonio con lei è stato negoziato e pre-organizzato. Arthur ha inviato una delegazione guidata da Lancelot e Benevere per portare Gwenevere a Camelot per il matrimonio.

Quando Lancillotto visto la prima volta Gwenevere, era intimorito dalla sua presenza e sbalordito perché lui la riconobbe come la donna nelle sue visioni nel corso degli anni. Egli gli si è spezzato il cuore perché aveva sempre amato la donna delle sue visioni, e credeva che un giorno gli sarebbe stata portata, e che si sarebbero sposati. Invece, si rese conto che doveva essere la regina di Arthur, e lui aveva doverosamente promesso fedeltà al suo servizio e a Arthur, anche strappandosi il cuore, non ha mai smesso di amarla.

Gwenevere arrivato a Camelot con sentimenti contrastanti. Ha perso i suoi genitori e la sua patria, ed era preoccupata per il futuro perché poteva percepire che ci sarebbero stati tumulti e tradimenti nella sua nuova vita. Gwenevere amava sua madre e suo padre e sapeva di non poterli più vedere per "lungo tempo" tutto questo a caro prezzo. Ha sposato Arthur ordinato dai suoi genitori, e sapeva che il matrimonio sarebbe a beneficio della loro nazione.

Accompagnata dalle sue più strette dame di compagnia, Gwenevere salpò per Camelot con gli accompagnatori di Arthur. Quando arrivò, lei era eccitata per le gloriose storie che aveva sentito su Camelot.

Anche Arthur è stato attratto da Gwenevere, ma non era in grado di riconoscere la sua energia divina. Merlino aveva sperato che Arthur avrebbe riconosciuto questo nel tempo, ma non lo ha mai fatto. Quindi, ha trattato Excalibur come qualsiasi essere umano normale.

La vita in Camelot è stata una sfida per Gwenevere, con fugaci momenti di felicità intervallati da molto dolore. La sorellastra di Artù, Morgana, correva per il castello come se fosse suo. Arthur ha incoraggiato questo prima di sposare Gwenevere, Morgana aveva suo figlio illegittimo, Mordred, che è stato sollevato nel castello come un potenziale principe. Ciò ha causato indebita tensione tra Gwenevere e Arthur.

Dopo il matrimonio, Morgana continuato come amante di Artù, ma più discretamente, a volte. Era sempre in competizione con Gwenevere e si sentiva insicura perché era molto più vecchia di Gwenevere. Inoltre, tutti erano innamorati della bellezza e la bontà di Gwenevere, che fece infuriare Morgana. Arthur ha sempre difeso Morgana quando Gwenevere espresse preoccupazione per lei. Morgana era una intrigante, manipolatrice, intrusa e bifronte nel castello. Lei era sempre preoccupata che Gwenevere avrebbe potuto dare alla luce un figlio maschio che avrebbe spodestato Mordred nella linea reale.

Arthur aveva un debole per le donne. Aveva bisogno di molti partner diversi per soddisfare il suo ego. Per un po', dopo aver sposato Gwenevere, si fermò nella ricerca di altri partner, ma ben presto cominciò di nuovo. I cavalieri e gli altri sapevano della sua infedeltà. A Morgana non importava perché adattava il suo piano per mettere Mordred sul trono.

Mordred era lussurioso e ambizioso. Aveva disegni su tutto ciò che Arthur possedeva, compreso Gwenevere. Un giorno era arrabbiato con suo padre, così ha violentata Gwenevere. Questo terribile atto è andato impunito.

Anche se fosse stato un matrimonio pre-organizzato (che era comune in quei giorni), Gwenevere ha fatto del suo meglio come moglie e regina per Arthur e il suo paese recentemente adottato. Anche Arthur apparve ad amarla e ammirato le sue qualità, fu presto influenzato da Morgana, Mordred e dei loro complici.

Merlino ha incoraggiato Gwenevere, Lancillotto, Benevere e Arthur a lavorare insieme come una squadra. I quattro erano vicino a Merlino a modo loro. Formavano un cerchio unico di amici. Merlin sperava che Gwenevere sarebbe stata il catalizzatore per aiutare Arthur a sollevarsi e tirarsi fuori dal pantano e l'oscurità lo aveva inghiottito dentro il senso esoterico, Gwenevere, Lancillotto, Benevere e Merlino hanno lavorato insieme per cercare di aiutare Arthur. I quattro, con l'aiuto di Thomas, hanno versato amore in Arthur per aiutarlo a cercare di superare Tenebre.

Gwenevere portava in grembo i figli gemelli di Arthur. Morgana aveva progettato di sopprimere se fosse stato un maschio. Per la sua costernazione, ci sono stati due gemelli, che ha reso ancora più complicato agire nel nefasto progetto. Morgana ha ordinato all'infermiera di uccidere segretamente i gemelli e di dire Gwenevere che erano nati morti i gemelli. Arthur era lontano in battaglia, al momento della nascita dei gemelli ed era ignaro del complotto per ucciderli. L'infermiera ha avuto pietà gemelli e rischiato la sua vita per salvarli e così li nascose in case-famiglia separati, ma ha portato a Gwenevere, Artù e Morgana a credere che fossero entrambi morti. L'apparente perdita dei gemelli ha causato grande dolore e molti più problemi nel matrimonio, che, insieme con la sollecitazione da di Morgana, Mordred e altri, alla fine ha portato a una spaccatura tra Gwenevere e Arthur.

Arthur aveva il potere mondano e la fama, che ha attirato un sacco di tentazioni e nemici. Ha ceduto alle tentazioni, dando spettacolo di un comportamento da donnaiolo. Si accompagnava con gente sbagliata, che hanno minato il rapporto con la sua regina e la sua amicizia con Merlino e Lancillotto. Si sono messi contro Gwenevere, Lancillotto e Merlino diffondendo calunnie su di loro per provocare Arthur e dubitare di loro. Arthur era a conoscenza che i diabolici stavano complottando contro di lui, e non riusciva a vedere attraverso le loro lusinghe insincere e frodi. In definitiva, Arthur ha scelto di credere ai cattivi e respingere i suoi veri amici, che lo amavano, senza secondi fini. Questo in ultima analisi ha portato alla caduta di Arthur e il crollo del suo regno.

Arthur ha ascoltato le menzogne dei suoi presunti amici ed è venuto a credere che Gwenevere e Lancillotto erano amanti e che Merlino non era dalla sua parte. La mente di Arthur è stata "avvelenata" dai plotter del male, e ben presto divenne geloso di Lancillotto, arrabbiato con Gwenevere, e dubbioso di Merlino. Il suo amore emozionante per loro si rivolse a odiare.

Arthur divenne così consumato dalla gelosia, la rabbia, i dubbi e l'odio e ha cominciato a tramare contro tutti e tre. Prima Arthur ha emanato i suoi piani per punire Gwenevere e Lancillotto, Morgana ha ucciso Merlino con il veleno per farlo uscire di scena.

Arthur è stato incoraggiato dai sostenitori di Mordred per inquadrare Gwenevere e Lancillotto, e un complotto è stato covato per far sembrare che fossero amanti. Anche se Gwenevere sapeva profondamente che Lancillotto l'amava, non hanno mai attraversato la linea. Anche se Gwenevere ha amato Lancelot, rimase fedele a Arthur finché lei era la regina a Camelot.

Gwenevere è stata arrestata, ma Lancelot fuggì dalla folla cospirazioni-sta. Dopo l'arresto, Arthur ha schernito Gwenevere e ripetutamente le disse: "Vedi, Lancelot è un vigliacco! Lui è scappato e ha lasciato te per affrontarne le conseguenze! "

Arthur ha ottenuto un processo e condannato Gwenevere di tradimento condannandola ad essere bruciata sul rogo. Alcuni hanno detto che Arthur è stato intrappolato dal suo sistema giuridico e costretto a seguire la rigorosa legge e bruciare la regina per dare l'esempio. Tuttavia, essendo il re, Artù avrebbe potuto perdonare la regina, soprattutto perché Gwenevere era innocente. Arthur ha impostato la data di esecuzione diversi giorni dopo la condanna, nel tentativo di intrappolare Lancelot, che sospettava potrebbe tentare di salvare Gwenevere. Il luogo di esecuzione brulicava di guardie armate, che si mascheravano da spettatori ordinari per cercare di far sembrare che sarebbe stato facile per salvare la regina dal rogo. La trappola per Lancelot era stata impostata.

Artù, Mordred e Morgana avevano gravemente sottovalutato quante persone nel regno amavano veramente Gwenevere, altrimenti avrebbero messo più guardie sul luogo di esecuzione. Quando Lancelot ha formato una squadra di soccorso, anche lui fu stupito da quanti cavalieri erano fedeli a Gwenevere. A causa dell'eterno amore e la fedeltà di tanti cavalieri, Lancillotto è stato in grado di mettere insieme una grande strategia di salvataggio molto di più che le guardie di Arthur. Nessuno al castello aveva anticipato la dimensione della squadra di soccorso. Il cacciatore stava per diventare il cacciato.

Le squadra di soccorso hanno preso d'assalto le porte del castello e sono penetrate nel cortile dove Gwenevere era legato ad un palo. Quando Arthur sentì gli zoccoli dell'enorme esercito in avvicinamento, gridò, "Brucia la Regina ora!" Una battaglia violenta e sanguinosa ne seguì. Nessuno osava accendere il rogo. Arthur era così consumato con rabbia e odio che ha afferrato una torcia e corse verso la pira per accenderla. Lancelot è crollato su di Arthur e i due sono caduti a terra. Ne seguì una tremenda lotta con le spade. Arthur capì che tutto era perduto ed è scappato per la paura. Anche se Lancelot voleva rincorrere Arthur per trafiggerlo, ha invece tagliato le funi che legavano Gwenevere liberandola  galoppando verso la salvezza.

Il regno di Artù ha subito un duro colpo durante il salvataggio e si è sempre diviso in seguito. Una volta che ha perso Excalibur, è stato completamente sommerso dal male e i sostenitori di Mordred. Benevere e Thomas lamentavano quanto Arthur era caduto in basso. Thomas pianse molte lacrime di tristezza e di delusione oltre gesta e la caduta di Arthur nella trappola del Male. Arthur non ha mai preso la responsabilità per le sue azioni che hanno portato alla spaccatura nel suo regno, anche se era un cospiratore attivo nella definizione e tentati omicidi di Gwenevere e Lancillotto.

Gwenevere e Lancillotto si sono ritirati per riprendere le forze e, infine, hanno espresso il loro amore l'uno per l'altro. Dopo essere stati insieme per circa due anni, Gwenevere stava portando il figlio di Lancillotto, che entrambi erano a conoscenza. A causa della complessità della situazione, Gwenevere e Lancillotto si rese conto che avrebbero dovuto combattere sia Arthur o separarsi. Hanno accettato a malincuore che avrebbero dovuto separarsi piuttosto che distruggere il regno rimanente di Arthur, anche se era estremamente doloroso per entrambi. Gwenevere andò a vivere in un convento. Lei e Lancelot hanno programmato di vedersi prima della partenza per la Francia.

Lancelot è andato a Arthur e gli disse che Gwenevere viveva in un convento e si rifiutava di vedere Arthur, e che Lancelot sarebbe tornato in Francia. Tuttavia, ha dato un ultimatum ad Arthur che, se mai Gwenevere fosse stata ferita, avrebbe alzato un esercito in suo nome e per distruggere tutta l'Inghilterra. Arthur si rese conto della gravità della situazione, e sapeva che Lancelot potrebbe facilmente raccogliere un esercito in nome di Gwenevere che avrebbe reso il suo regno in difficoltà.

Artù, nel suo dilemma, ha accettato questi termini, ma ha aggiunto la condizione che Lancelot avrebbe lasciato l'Inghilterra subito, senza mai contattare nuovamente Gwenevere. Lancelot ha inviato un messaggero di fiducia per Gwenevere con i termini della tregua, ma il messaggio non è mai arrivato. All'insaputa di Lancelot, il messaggero è stato ucciso sulla strada per il convento. Lancelot molto a malincuore ha accettato la richiesta di Arthur, che non ha contatto Gwenevere di nuovo per tenerla al sicuro, ei due non mai avuto la possibilità di dirsi "addio".

Anche se il regno di Artù si stava sgretolando, voleva trattenere i suoi resti. Pertanto, ha fatto in modo che nessun danno sia stato fatto a Gwenevere per il resto della sua vita. Da questo momento, senza Excalibur, Merlino, Lancillotto e altri che veramente lo amavano, i suoi nemici divennero sempre più audaci, e combatterono Arthur per il potere e il suo regno.

Gwenevere presto si rese conto che stava portando il bambino di Lancillotto e ha cercato di nascondere il piccolo Jeffery. Gwenevere venuta conoscenza del segreto dell'esistenza di Jeffery per proteggerlo da Morgana, che aveva già complottato per uccidere i suoi figli gemelli. Così, Jeffery è stato nascosto presso una gentile coppia di fiducia, che erano fratello e sorella. Hanno cresciuto Jeffery in una casa amorevole nel paese. Lancelot è rimasto da solo in Francia ed era ignaro alla nascita di Jeffery. Molti anni più tardi, dopo che il ragazzo è cresciuto, gli è stato detto chi erano e fossero davvero i suoi genitori. Da allora, Gwenevere era morta. Jeffery ha subito visitato suo padre in Francia, con grande gioia e sorpresa di Lancillotto. Infine, padre e figlio sono stati uniti.

La storia esoterica di Camelot è di gran lunga più profonda della storia fisica narrata. Si tratta del salvataggio di esseri intrappolati nelle tenebre e la battaglia tra la Luce e le Tenebre. Purtroppo, molti sono stati persi nelle Tenebre. La battaglia per separare la luce dalle tenebre continua ancora oggi giorno, ma l'eliminazione definitiva di tutti gli esseri vitali della-Luce dalle tenebre sarà presto realizzata. Tutti coloro che detengono la loro Divina Volontà possono resistere alle tenebre fino a quando non vengono recuperati e messi al sicuro ritornando nella luce della loro casa.

martedì 28 gennaio 2014

Parla un IGIGI

PARLA UN IGIGI, IL MONITO DEI CREATORI AL GENERE UMANO - UN ARTICOLO DEL COLONNELLO PHILIP CORSO

Rappresentazione artistica dell'incontro tra Corso e la EBE
Il Colonnello Philip J. Corso ci ha lasciato nel 1998, con questo messaggio che un Igigi-EBE (Entità Biologica Extraterrestre) gli trasmise telepaticamente.
La prima volta che sentii il termine Igigi fu in occasione della seconda visita in Italia di Corso, poco prima della sua morte, avvenuta il 16 Luglio 1998. A Roma, durante una nostra conversazione, Corso mi consegnò diversi documenti e due manoscritti, che avrebbe avuto desiderio di vedere pubblicati in Italia. Fra i documenti scritti di suo pugno ce n’erano alcuni sulla tipica carta giallina dei block notes americani. Uno era intitolato “Igigi Speaks”.



Si trattava di un testo contenente un messaggio affidato telepaticamente al Colonnello Corso e da lui immediatamente trascritto in seguito a un suo personale Incontro Ravvicinato con un essere di tipo EBE. L’essere agiva per conto di creature superiori, da Corso identificate con i termini di “Creatori” o “Igigi” (secondo la mitologia sumera, in quella assiro-babilonese il termine accadico era Anunnaki, ovvero “coloro che dal cielo scesero sulla Terra”, N.d.R.).



Il Colonnello Corso e M. Baiata
(foto: Baiata)
In questo documento si rintracciano chiaramente i fondamenti di quanto Corso intendeva con “Nuova Scienza”, un argomento che tratterò prossimamente riportando qui interviste integrali al Colonnello Corso. Ciò che colpisce maggiormente del contenuto è il linguaggio, apparentemente confabulatorio di Corso. Nel messaggio dell’Igigi sembrano confluire dichiarazioni connotabili storicamente, connesse alla personale visione di Corso in merito al nucleare e alle risorse naturali del nostro pianeta. È lecito quindi ipotizzare che Corso abbia operato un transfert affidando all’essere alieno alcuni tratti del proprio pensiero. D’altro canto, concetti assai simili vengono significati da molta messaggistica derivata da comunicazioni di razze aliene positive in contatto con loro “ambasciatori” terrestri. Ad esempio, dai Siriani.



Mentre ritengo possibile che Corso abbia tratto da Sitchin alcuni elementi della sua “cosmogonia”, sono portato ad escludere che all’atto della stesura di questo scritto Corso soffrisse di perdite di focalizzazione della memoria, o di manie di grandezza tali da portarlo a esprimersi come un profeta sgrammaticato e privo di senso logico. Chiunque lo abbia incontrato può testimoniarne la lucidità mentale sino alla fine dei suoi giorni. Il Lettore è comunque perfettamente in grado di giudicare da sé.



Va detto comunque dell’attualità di quanto Corso afferma e riporta in relazione ai Creatori/Igigi, anche in considerazione delle informazioni che giungono sempre più consistentemente da parte di eccellenti ricercatori italiani, come Mauro Biglino e da specialisti internazionali di Storia Alternativa, genesi dell’uomo e civiltà pre e post diluviane, mesopotamiche soprattutto.



Infine, degli Igigi parlano oggi diversi experiencers che si dicono in contatto con questi esseri superiori.



Ma le rivelazioni di Corso risalgono ormai ad oltre una dozzina di anni fa e questo rende il monito degli Igigi ancora più interessante.



Maurizio Baiata, 25 Gennaio 2012


Parla un IGIGI



Messaggio trasmesso da una EBE per conto dei suoi maestri



di Philip J. Corso †


Che voi siate stati creati da Dio onnipotente, o che siate stati creati da noi, non ha importanza. Ciò che importa è quello che siete diventati. Vi è stato fatto un gran dono, una mente che crea ordine. Con questo intendo la capacità di distinguere tra un’esperienza e una mera immagine mentale. La conoscenza scaturisce dalle esperienze ottenute dal confronto tra le invenzioni dell’intelletto e fatti osservati e fa uso solo di concetti collegati alle esperienze delle quali non si nutre alcun dubbio. Vi è stato dato accesso a solide basi scientifiche che vi hanno fatto avanzare rapidamente di duecento anni nel futuro. Adesso è arrivato il momento di proiettarsi nei fenomeni tempo-dimensionali e gli effetti che gli sconvolgimenti nel tempo possono avere sugli eventi futuri. La formula vi è stata data, comunque al momento noi ci poniamo l’interrogativo se voi possiate andare avanti o meno, a fronte della stoltezza e della mancanza di realismo dei vostri pensieri e delle vostre azioni. C’è un perdurante dubbio se voi siate o no in grado di farla vostra per creare un nuovo mondo.

La EBE nel disegno di Amy O’Brien su indicazioni di Philip Corso.


“Voi mortali potete essere così stupidi”



I mezzi per progredire sono dentro di voi, eppure fate confusione con la realtà. Sembra quasi che nella vostra mente la realtà non esista. Alla luce di questi fatti, cosa dovremo fare con voi? Ricominciare daccapo con una nuova razza, eliminare gli indesiderabili tra di voi, o fondere le nostre culture e civiltà? Noi abbiamo preso la nostra decisione, qual è la vostra? Vi abbiamo dato uno dei più grandi avanzamenti mai dati alla razza umana, e voi cosa ne avete fatto?



L’energia atomica potrebbe essere un grande aiuto per la razza umana al di là di quello che voi avete fatto. Avete creato un’arma di distruzione di massa. Questo ha permesso a coloro che controllano l’economia mondiale, che trascendono i confini nazionali, di far leva sulla paura delle masse. Noi abbiamo scelto gli Stati Uniti d’America come nazione che si avvicinava maggiormente alla società da noi auspicata. Ma cosa avete fatto con i doni che vi abbiamo concesso? Siete sulla via giusta per diventare una potenza di seconda classe. Avete trasformato il grande dono dell’atomica (l’Universo si basa su una struttura atomica) in una fogna di avida economia. Questo fattore, insieme alla follia, alla stupidità e alla mancanza di conoscenza, sta contribuendo al vostro degrado. Poiché voi basate tutto su fattori economici e non sull’esigenza di sopravvivenza e progresso e non potete isolarvi dal resto del mondo, molte altre nazioni stanno progredendo nell’uso pacifico dell’atomica. Accusate noi di sterminio mentre i colpevoli siete voi, visto che vi abbiamo dato i mezzi per fermare lo sterminio della razza umana. Io parlerò di questi lati oscuri che conducono al disastro in ordine di importanza.



1: L’acqua



Einstein disse che lo sviluppo storico aveva portato all’accentramento di tutti i poteri economici, politici e militari nelle mani degli Stati nazionali.



A tutt’oggi l’acqua si presenta come uno dei punti più critici per la pace tra le nazioni. L’acqua ha rimpiazzato il petrolio come il punto caldo per i conflitti tra le nazioni. Il mondo, il vostro mondo, deve prepararsi allo shock dell’acqua. La mancanza di acqua potabile ha condannato milioni di persone alla malattia, morte e degrado. Per sopravvivere, le nazioni povere devono insorgere contro quelle ricche. Miliardi di abitanti del mondo saranno a corto di acqua potabile e periranno, rivoltandosi prima della distruzione. Quarant’anni fa (1960) l’esercito americano mise a punto un impianto atomico portatile in grado di produrre 28.800 galloni di acqua fresca al giorno e 10.000.000 di galloni in sei anni ottenuti dall’acqua salata. Richiedeva pochissima manutenzione ed era sicuro, ma fu scartato dagli artisti dell’allarmismo nucleare e dagli economisti antinucleari che si dicevano ambientalisti. Città come New York, Parigi, Londra, Tokio, Los Angeles, Roma e altre metropoli, all’attuale ritmo di mancanza di acqua e numero di abitanti, periranno nel prossimo millennio. Lo spreco, l’incompetenza, e i fattori di costo annienteranno città grandi e piccole. Nell’ultimo quarto di secolo il fabbisogno di acqua è giunto ai minimi livelli.



2: Misure igieniche e rifiuti.



Durante i primi anni Sessanta l’esercito americano sviluppò un sistema atomico che avrebbe usato il cobalto per purificare le acque di scarico e i rifiuti umani. L’esercito americano aveva capito il potenziale di malattia e morte di un esercito stanziato in poco spazio (per esempio, 100.000 soldati nel raggio di una o due miglia). Il potenziale danno derivato dalla mancanza di strutture sanitarie sarebbe più mortale che affrontare un esercito nemico. Il sistema fu scartato a causa del termine “nucleare”. Miliardi di persone in tutto il mondo non hanno misure igieniche e sono condannati. Le malattie si diffonderebbero facilmente in tutto il mondo, come la morte nera (la peste, N.d.R.), metropoli potrebbero essere annientate, istantaneamente. I sistemi odierni per l’acqua e le fognature saranno distrutti in breve e il mondo civilizzato scomparirà. La spazzatura e i rifiuti potrebbero essere decomposti con mezzi nucleari, ma la stupidità impera.



3: Cibo



Il mondo odierno soffre la mancanza di cibo e la fame. Questa situazione potrebbe mutare in breve tempo, ma la stupidità e l’ignoranza impediscono la soluzione. A metà degli anni Quaranta l’esercito americano cominciò a studiare gli effetti delle irradiazioni alimentari. Gli sforzi furono premiati da grande successo. La refrigerazione non era più necessaria, furono eliminate malattie come la trichina dal maiale e la salmonella dal pollo. I polli possono crescere virtualmente in 90 giorni e i polli irradiati potrebbero essere esportati in grandi quantità. Miliardi di vite potrebbero essere salvate, ma ancora una volta la stupidità si fa nuovamente sentire e, a causa dell’infondata paura del nucleare, gli Americani non permetterebbero mai che nei loro supermarket si possa trovare cibo irradiato. Questa situazione sarebbe applicabile a molti altri cibi, vegetali, erbe, ma sebbene il processo sia affidabile e non nocivo, il boicottaggio continua, a causa della mancanza di conoscenza.



Sterminio alieno per inedia



4: Energia.



Opinione comune è che nessuno in America vuole sviluppare una nuova linea di generatori di energia nucleare; la motivazione è che non ne è stata stabilita la praticabilità commerciale. Mentre il mondo va avanti, noi ristagniamo. Dicono che l’idea di sviluppare una nuova linea di generatori di energia nucleare chiamata Advanced Light Water Reactor sia uno spreco di denaro. Questo è tipico dell’anti-pensiero. È dal 1973 che negli Stati Uniti non vengono costruiti nuovi impianti nucleari e non ne saranno costruiti altri nella prossima decade a causa del pensiero negativo dei politici. Nuove tecnologie computerizzate rendono possibili dispositivi di sicurezza più semplici, ma non negli Stati Uniti. Sono stati intrapresi nuovi progetti geotermici e di energia eolica, ma questa è una cattiva idea, un diversivo. Nei primi anni Sessanta l’esercito americano disponeva di un impianto nucleare portatile sicuro a basso mantenimento, in grado di produrre vapore per guidare i generatori a produrre centinaia di Kw e sciogliere il ghiaccio per produrre acqua. Una piccola città nell’Artico fu dotata di acqua, calore ed elettricità: fu scartato. Era in via di sviluppo un piccolo impianto nucleare che poteva prendere l’idrogeno dall’acqua e l’azoto dall’aria e produrre ammoniaca come propellente per i veicoli. Fu interrotto. I ricercatori usarono un reattore nucleare per scaldare il gas per farlo espandere e pressurizzarlo. Poteva essere passato attraverso un ugello e creare una reazione opposta per condurre un veicolo. Progettarono di spingere un velivolo spaziale con un raggio ionico. Abbiamo pianificato di proiettarvi nel futuro dandovi un sistema per accelerare particelle molecolari cariche in campi magnetici quindi irraggiarle attraverso un ugello per guidare un motore. Comunque, invece di proiettarvi 500 anni in avanti e viaggiare nello Spazio, voi, attraverso la stupidità, l’avarizia e la mancanza di conoscenza, siete arretrati di 50 anni.



5: Medicina nucleare.



In questo campo avete fatto grandi progressi, a dispetto degli ostacoli prodotti dalla ottusità umana e nei molti casi in cui gli uomini di scienza hanno dovuto elidere la parola “nucleare” per andare avanti, specialmente nella MRI (Magnetic Resonance Imaging) e nell’impiego di apparecchi per il rilevamento di immagini. Persino gli zar dell’economia dell’avidità hanno guardato ad altre soluzioni, visto che in molti casi si trattava di sopravvivenza e della loro salute, non dei dollari. Eccovi 100 anni nel futuro e andrete avanti a un ritmo rapido, ammesso che altri fattori non vi schiaccino e distruggano il vostro modo di vivere.



E adesso vi lascio con questo:



I. Visto che possedete armi di distruzione totale, dovremo lasciarvi autodistruggere?



oppure



II. Dovremo distruggervi noi come abbiamo già fatto una volta?



oppure



III. Dovremo fare come fece il vostro Gesù Cristo, portare i creditori e quelli che usano il potere del denaro fuori dal tempio e lasciarvi progredire?



oppure



IV. Creare una razza ibrida e la società che noi abbiamo previsto?



La scelta sta a voi.



Tratto da un documento di Philip Corso, pubblicato nell’Ottobre 1999 su “Dossier Alieni” e da me aggiornato per questo blog

fonte

sabato 25 gennaio 2014

Nibiru tra il 2016 e 2023


Pianeta X: 
Nibiru, possibile portatore di cambiamenti positivi 
tra il 2016 e 2023

VANCOUVER, BC – L’idea stereotipica e catastrofica che si ha riguardo il passaggio ravvicinato del Pianeta X/Nibiru, la presunta Nana Bruna sorella del nostro Sole, è di distruzione. Portatrice di eventi globali e costieri seguiti da maremoti in grado di distruggere completamente le città litoranee, imponenti tempeste solari che innescano l’inversione dei poli e l’estinzione di massa della razza umana dalla superficie terrestre,  mentre il complesso monarchico, finanziario, politico e di intelligence militare troverà riparo e sopravvivenza nelle basi militari poste nelle profondità sotterranee.


 Sistema di Planet X-Nibiru 

1.25 milioni di passaggi ravvicinati del Pianeta X/Nibiru 

E se l’imminente transito del Pianeta X/Nibiru, che secondo nuove informazioni avrà all’inizio del 2016, portasse a cambiamenti positivi invece che di distruzione?

Secondo le stime il Pianeta X/Nibiru ha orbitato nel nostro sistema solare interno più di 1.25 milioni di volte nel corso dei 4.6 miliardi di anni di vita del Sole. La Terra fa parte di un sistema solare binario che ruota intorno al Sole e la Nana Bruna, che orbita intorno al nostro Sole in un orbita ellittica di 3600 anni, si trova in posizione periferica rispetto all’eclittica.

Dal punto di vista storico, durante i suoi più di 1.25 milioni di passaggi ravvicinati nel nostro sistema solare, il Pianeta X/Nibiru ha avuto disparati effetti sulla Terra.

Importanti dati astronomici presagiscono passaggi ravvicinati del Pianeta X/Nibiru per il 2016

Recentemente, importanti dati astronomici raccolti dal ricercatore Marshall Masters, presagiscono un possibile avvicinamento del Pianeta X/Nibiru nel 2016.

Sistema di osservazione del Pianeta X e Analisi orbitale





 E per quanto riguarda la “Kill Zone”?

Lo studioso Marshall Masters, conclude: 

“Dalla fine del 2013 all’inizio del 2014 la Nana Bruna si troverà in una congiunzione superiore (dalla parte opposta del Sole all’interno dell’orbita della Terra). In questo periodo di tempo, la Nana Bruna attraverserà l’eclittica fino ai cieli del Nord, dove inizierà ad avere interazioni più serie con il nostro Sole. Vedremo, così, tempeste solari e un grande aumento di fenomeni vulcanici e sismici.

 

“Dal 2015 al 2016: Vedremo il “Lupino Blu” o Bluebonnet ( l’oggetto orbitale più esterno monitorato con migliaia di immagini dall’osservatorio che si trova sul vulcano Turrialba ). Poco dopo, la Nana Bruna si muoverà intorno al nostro lato del Sole dal suo punto di perielio ( la distanza più vicina al Sole) verso la massima elongazione ad ovest (il nostro lato del sole, all’interno della nostra orbita a destra). Da questo momento, entrerà nella “Kill Zone”

 

 

“L’inizio della Kill Zone.  La Kill Zone è quella parte dell’orbita della Nana Bruna che va dal perielio all’eclittica ( il livello del nostro sistema solare). In questa fase vedremo tempeste solari di proporzioni bibliche.”

“La fine della Kill Zone: Il sistema del Pianeta X uscirà dal nostro attraverso la quadratura di Ovest (la nostra posizione, uscendo dall’orbita della Terra) in quanto quest’ultima attraversa l’eclittica dai cieli del Nord a quelli del Sud. In questo momento l’inversione dei poli sarà più probabile in quanto la Nana Bruna si congiungerà alla nostra litosfera ( la crosta terrestre e la porzione di mantello esterno) dove le forze gravitazionali di marea causano l’inversione dei poli.”

“Post Kill Zone: Complessivamente, da questo momento fino a quando inizieremo nuovamente a vedere cieli azzurri, l’intera azione di questo passaggio potrebbe richiedere fino a un decennio.”

Il Pianeta X/Nibiru potrebbe non essere il distruttore della “Kill Zone” 

Le previsioni riguardo il transito del Pianeta X/Nibiru nel 2016 potrebbero essere fondate. 

Tuttavia, stando a questo pronostico, l’avvicinamento del Pianeta X/Nibiru porterà con se automaticamente “ tempeste solari di proporzioni bibliche” e l’inversione dei poli. 

Impatti distruttivi sulla Terra e sulla società potrebbero non derivare da fattori astronomici, solari, geologici o sismici scatenati dal Pianeta X/Nibiru, ma bensì dal modo in cui l’umanità stessa reagirà alla presenza della Nana Bruna nel nostro sistema solare. 

Le nostre gerarchie politiche e finanziarie stanno, forse, tentando di creare una “kill Zone” manipolando l’avvenimento che si terrà nel 2016 allo scopo di creare situazioni di panico generale, una guerra mondiale, e catastrofi naturali causate da armi di distruzione di massa come il programma di ricerca Aurora attiva ad alta frequenza (HAARP) e armi chimiche. 

La chiave per il nostro futuro, è il modo in cui l’umanità reagirà e farà fronte a questa “Kill Zone artificiale”.

Reagiremo con la paura o con l’amore?

Pianeta X/Nibiru: fonte di un cambiamento positivo per l’umanità
 

L’umanità ha l’opportunità di vivere il transito del 2016 del Pianeta X/Nibiru come fonte di un cambiamento positivo. 

Riguardo il Pianeta X/Nibiru, nel 1974 nel mio libro THE AGE OF CATACLYSM, ho scritto che il suo passaggio ravvicinato “porterà alla creazione di nuove città, all’immigrazione di massa della popolazione oltre i confini nazionali, alla produzione congiunta di cibo per le specie presenti nelle poche aree rimaste intatte dopo la distruzione, ad un’esplosione di scienza e tecnologia, a problemi logistici di dimensioni che neanche possiamo immaginare, e porterà necessariamente ad un ritorno alla saggezza e alla fede da parte degli uomini seguito da una profonda fiducia nei processi umani e nella mente individuale.

“Questo è il preludio ad un’era di pace mondiale e di libertà dal punto di vista della creatività, cooperazione, e felicità che non ha precedenti nella storia dell’umanità. Come arriveremo a quest’era, è in gran parte nelle nostre mani. Ci stiamo avvicinando alla conoscenza, che ci permetterà di superare la distruzione e di riorganizzare una nuova intelligenza. Questa conoscenza – che, paradossalmente, giunge in anni caratterizzati da crescente intensità di limitazioni della ragione – potrebbe diventare la nuova arca che, in sicurezza, ci condurrà verso le oscure acque del diluvio universale.”

Di Alfred Lambremont Webre, JD, MEd

Traduzione di Montevecchi Valentina
Per Segnidalcielo.it



venerdì 24 gennaio 2014

dissoluzione

Unione Europea voluta dalla Cia. 
Ecco le prove del coinvolgimento dei padri fondatori.


In questa fase di crisi acuta dell’Euro e dell’Europa sentiamo troppo spesso dire che questa non è l’Europa che volevano i padri fondatori.

Vogliono farci credere che quella che stiamo vivendo è una fase transitoria , difficile e tortuosa a causa di qualche errore di percorso ma sicuramente superabile dato che non è questa l’Europa che i padri fondatori avevano concepito e presto si realizzerà il progetto iniziale di un’Europa nata con l’intento di unire i popoli.

Tutto falso, la realtà documentata venuta fuori da documenti ufficiali incontrovertibili di cui i media non hanno mai parlato, testimonia l’esatto contrario. Chi ha concepito, creato e finanziato l’Unione Europea aveva bisogno di un’Europa debole, di un Europa in crisi, di Stati e Governi senza potere decisionale e di popoli senza sovranità.

Questa che stiamo vivendo oggi è esattamente l’Europa che loro avevano in mente, la massima realizzazione del loro progetto e soprattutto l’euro che è palesemente un fallimento dal punto di vista dei popoli e dei lavoratori è il successo di chi lo ha concepito.

Chi sono i padri fondatori dell’Unione Europea? Chi c’è dietro di loro e quali intenti volevano perseguire ?

Jean Monnet

Nel 1950, Monnet decise fosse venuto il momento di tentare un passo irreversibile verso l’unione dei paesi europei. Prepara, con alcuni collaboratori, il testo di quella che sarà la Dichiarazione Schuman dove per la prima volta verrà ufficialmente annunciato il progetto dell’Unione Europea.

Nel 1952 Jean Monnet diventò il primo presidente dell’Alta Autorità della Comunità europea del carbone e dell’acciaio del 1952 giudicata il primo importante passo di cessione di sovranità statali ad un ente sovranazionale.
Egli sosteneva che: “Non ci sarà mai pace in Europa se gli stati si ricostituiranno su una base di sovranità nazionale” 

E’ Monnet ad aver redatto il Victory program per l’America durante la seconda guerra mondiale dove si dice chiaramente che “L’America deve diventare l’arsenale della democrazia”.

Possibile che chi professa l’egemonia americana possa parallelamente aver contribuito a formare l’Unione Europea  che se fosse diventata davvero ricca e forte avrebbe contrastato quell’egemonia stessa ?

Giscard D’estaing

E’stato Presidente Della Repubblica francese, ed ha presieduto la Convenzione Europea dalla quale poi è nata la Costituzione europea. (Bocciata nei paesi dov’è stata proposta con il referendum com’è’ avvenuto nella stessa Francia.) Sarà poi Il Trattato di Lisbona del 2007 approvato senza referendum a riprendere quasi totalmente le disposizioni della bocciata Costituzione.)

Robert Schuman

Presidente del Consiglio francese, fu ministro degli esteri ed è stato il primo presidente dell’Assemblea parlamentare europea
La Dichiarazione Schuman portò alla creazione della CECA e costituì il punto di partenza del processo di integrazione europea che condusse poi alla formazione dell’Unione Europea. Per ricordare tale origine, il 9 maggio viene celebrata annualmente la Festa dell’Europa.

Per l’Italia sappiamo che tra i padri fondatori si annoverano De Gasperi poi Spinelli poi Prodi. Per la Germania Adenauer.

Ma perchè nessuno ci racconta chi c’era dietro questi uomini? Perché se lo facessero diventerebbe chiaro a tutti chi ha voluto l’Europa Unita, quali erano gli scopi precisi; perché è stato accelerato il processo di unificazione e soprattutto perché volevano un’Europa debole, in perenne crisi e subordinata agli USA.
                                      
L’unica volta che sui media hanno parlato delle vere origini dell’Europa Unita è accaduto 14 anni fa ossia il 19 Settembre del 2000 quando un articolo del Telegraph britannico mai ripreso da altri media ha rivelato che: http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/1356047/Euro-federalists-financed-by-US-spy-chiefs.html

Documenti governativi americani resi di dominio pubblico mostrano che i servizi segreti americani condussero una campagna negli anni ’50 e ’60 per dare impulso ad un’Europa unita. Finanziarono e diressero il movimento federalista europeo. I documenti sono stati trovati da Joshua Paul, un ricercatore della Georgetown University di Washington. Essi comprendono file resi pubblici dai National Archives. Il principale strumento di Washington per forgiare l’agenda europea fu l’American Committee for a United Europe [ACUE], costituito nel 1948.

In pratica l’organizzazione che ha dato ufficialmente vita all’Unione Europea era in realtà un Comitato americano nato è finanziato proprio dagli Usa che più di ogni altra nazione avrebbe dovuto temere che un Europa unita ed una moneta unica forte potevano scardinare l’egemonia statunitense e quella del dollaro negli scambi internazionali.Questa è la prima grossa anomalia.

Ma chi era il Presidente dell’Acue e da dove provenivano i suoi membri?

Primo Presidente del “Comitato” fu William Donovan, capo dell’ufficio USA dei servizi strategici durante la Seconda Guerra mondiale (Office of Strategic Services, OSS), precursore della  CIA. Vice presidente fu Alen Dulles, direttore della CIA dal 1953 al 1961. Presente nel consiglio troviamo anche Walter Smith, nominato nell’ottobre 1950 primo direttore della CIA. Poi abbiamo Paul Hoffman, ex ufficiale dell’OSS, capo dell’amministrazione del “Piano Marshall” e presidente della Fondazione Ford, che divenne capo dell’ACUE verso la fine degli Anni Cinquanta.

In pratica i fondatori del ACUE che è stata la culla dell’Unione Europea erano tutti uomini dei servizi segreti americani e quindi l’integrazione europea è stata una creatura del Dipartimento di Stato e della CIA. Un progetto ad ogni evidenza che completava il piano di dominio americano.

“Piano Marshall”, nel 1948-1952, (dominio economico) NATO dal 1949 (dominio militare) Unione Europea (dominio politico/commerciale/culturale). E come ha annunciato Brzezinski , Consigliere Usa per  la sicurezza nazionale nonché fondatore della Commissione Trilaterale nel suo saggio “La grande scacchiera”. L’europa Unita doveva fungere da strumento di colonizzazione Usa e testa di ponte verso il continente asiatico.
   
Per capire ulteriormente i legami basti pensare che il ministro degli esteri belga Paul-Henri Spaak, che presiedette nel 1955 il Comitato preparatore del “rapporto Spaak” che portò, due anni dopo, alla creazione dell’Euratom e della Comunità Economica Europea, il 6 maggio 1957, ossia  42 giorni dopo aver firmato i due succitati Trattati di Roma (sottoscritti da Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi) diviene Segretario generale della NATO dove si parlava di Europa << ancora alle prese con i fantasmi della sovranità nazionale >> definitivamente da <<trasferire >> ad un’entità sovranazionale altrimenti verrebbe fortemente penalizzata la <<vitalità dell’alleanza atlantica >>.

Quali sono le prove evidenti e documentate del legame tra Acue ed i padri fondatori dell’Unione Europea?

La succursale europea dell’Acue si chiama Movimento Europeo ed era la più importante organizzazione federalista del dopoguerra. I documenti divulgati da Joshua Paul dimostrano che Acue era il grande finanziatore del Movimento in questione infatti nel 1958 ha fornito il 53% 5 dei fondi del Movimento Europeo e questi finanziamenti arrivavano principalmente dalle fondazioni Ford e Rockefeller che abbiamo già visto essere legate a doppio giro con Acue (Hoffman è stato Presidente di Acue e Ford).

Il leader del Movimento Europeo era Joseph Retinger ossia colui che qualche anno più tardi fonderà il Club Bilderberg.

Come riporta il sito dell’organizzazione (www.europeanmoviment.org), il Movimento Europeo ha giocato un ruolo essenziale nel processo di colonizzazione/integrazione europea «esercitando influenza sulle istituzioni nazionali e comunitarie».

Chi faceva parte di questo Movimento Europeo?

Facevano parte di questo Movimento proprio alcuni degli uomini ritenuti i padri dell’Europa Unita come Schuman, Monnet e Giscard D’Estaing ex presidente della Convenzione Europea che è stato addirittura presidente del Movimento e figura ora come presidente onorario. Quindi la relazione movimento europeo/unione europea è incontrovertibile e non è mai stata messa in dubbio quello che viene celato è che è stato però l’ACUE come scrive Joshua Paul a «gestire i programmi del Movimento e a dirigerne i leader», tra cui politici “europei” di primo piano, «rilasciando fondi solamente una volta che l’esecuzione proposta fosse stata approvata e dirigendo il Movimento mantenendolo dipendente dall’America». 

È proprio Donovan (Acue /Servizi segreti OSS) con un memorandum datato 26 luglio 1950, a dare istruzioni per una campagna a favore del
Parlamento europeo. Ed è una comunicazione del Dipartimento di Stato USA datata 11 giugno 1965 e inviata al vice presidente della Comunità Economica Europea (CEE), Robert Marjolin, ad invitare a «portare avanti in segreto» i progetti di Unione monetaria: «non se ne deve parlare fino a che l’adozione di proposte del genere diventerà praticamente inevitabile».

“Proposte” che sono sfociate nel varo dell’euro, considerato dagli USA uno strumento di dominio sulle economie degli Stati europei, essendo più semplice controllare –piuttosto che una pluralità di valute ed istituti di emissione– un’unica valuta emessa da una sola Banca Centrale, a sua volta pressoché svincolata dalle esigenze politiche e finanziarie di ogni singolo Stato.

Ma come potevano portare avanti il progetto in silenzio se per farlo avevano bisogno di incontri continui con tutti i leader europei?

Fu a quel punto che Rockefeller finanziatore del ACUE e Retinger del Comitato Europeo diedero vita nel 1954 al Gruppo Bilderberg per proseguire gli interessi degli USA nella creazione di una Unione Europea delle élite sovranazionali e non dei popoli. Chi troviamo, infatti,  alla prima riunione del Bilderberg? Troviamo Alcide De Gasperi, poi sostituito da Altiero Spinelli poi sostituito da Romano Prodi ossia quelli che noi consideriamo i padri fondatori italiani dell’Unione Europea.

Se come abbiamo visto l’Unione Europea doveva servire per portare alla dissoluzione degli stati Nazionali, ad una moneta unica che permettesse alle élite assolutiste di tenere i Governi ed i popoli sotto scacco, e alla spoliazione delle sovranità nazionali, oggi che tutto questo è stato realizzato perchécontinuiamo a dire che l’Unione Europea e l’euro stanno fallendo andando in una direzione che non era quella che volevano i padri fondatori?

Credete abbia senso interrogarsi sull’uscita o meno da questa Europa quando ci sono prove così evidenti che questa Europa è stato un golpe finanziario?
Perché ridurre la questione della permanenza nell’euro e nell’Europa ad una mera questione di scelte economiche e politiche nei dibattiti tra pro euro e contro euro quando è evidente che l’economia è stato solo un mezzo usato per portare avanti questo piano distruttivo che può essere arginato solo rivendicando l’indipendenza nazionale da questa euro trappola tutt’altro che democratica come dimostra il fatto che due istituzioni (Commissione e Consiglio) che sono dominate da pochi personaggi hanno il pieno potere e tutti i capi ufficiali dell’unione europea non sono mai stati eletti dai popoli degli stati membri che invece eleggono solo il Parlamento che infatti è stato spogliato di ogni potere divenendo quasi solo un’istituzione di facciata.

Volete ancora altre prove ?

Sapete chi è il vero padre fondatore dell’unione Europea universalmente riconosciuto da tutti i leader europei ma per nulla menzionato nei libri di storia e assolutamente sconosciuto ai cittadini?



Il suo nome è Richard Coudenhove Kalergi, massone di alto grado che nel 1922 fonda a Vienna il movimento “Paneuropa” che mira all’instaurazione di un Governo Mondiale basato su una Federazione di Nazioni guidata dagli Stati Uniti. Documentato è l’appoggio che ebbe dal massone Wiston Churchill nel suo lavoro dietro le quinte per arrivare all’Europa Unita ed alla moneta unica.

Il movimento Panaeuropeo si unisce al Comitato europeo e Kalergi comincia a muovere le fila di quelli che noi chiamiamo i padri fondatori dell’Europa ed infatti è lui a fondare l’Unione parlamentari europei e a spingere Schumann nel progetto della CECA.

Ma perché nessuno parla mai di kalergi?                                                                      
Non possono farlo perché Kalergi è uno che ha sempre dichiarato apertamente i suoi intenti come nel suo libro «Praktischer Idealismus», dove si evince non solo la sua volontà di arrivare ad un Governo mondiale a guida USA; la sua idea di eliminare gli stati nazionali ma è evidente anche il suo disprezzo verso i popoli europei che secondo lui “ vanno resi facilmente dominabili per la supremazia dell’élite” e perciò “con la mobilitazione dei parlamenti bisogna forzare i governi a costruire la Paneuropa”.

Ci sono prove che i leader europei riconoscano davvero in questo personaggio sconosciuto il padre fondatore dell’odierna Unione Europea ?

Certo, il premio più prestigioso istituito per le personalità “con meriti particolari in favore dell’integrazione e unione europea” si chiama premio Carlo Magno. Il primo ad aver ricevuto il premio Carlo Magno è stato proprio kalergi ed a seguire tutti quelli che noi chiamiamo i padri fondatori dell’unione europea da Robert Schuman a Monnet, a De Gasperi, Ciampi, Adenauer, ma anche Churchill, Kissinger,(incredibile a kissinger il premio per l’Europa) ma anche Beatrice dei paesi bassi figlia del fondatore del Bilderberg insomma tutti quelli che facevano parte del piano iniziale della Cia e che lo hanno portato avanti. 

Ma come se non bastasse per rendere ancora più chiara l’importanza che ricopre Kalergi agli occhi dei leader europei, in suo onore è stato istituito il premio europeo Coudenhove-Kalergi che ogni due anni premia gli europeisti che si sono maggiormente distinti nel perseguire il suo piano criminale.
Volete sapere chi è stato premiato ultimamente?

La Società Europea Coudenhove-Kalergi ha assegnato alla Cancelliera Federale Angela Merkel il Premio europeo nel 2010 mentre il 16 novembre 2012 è stato conferito al Presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy il premio europeo Coudenhove-Kalergi 2012 durante un convegno speciale svoltosi a Vienna proprio per celebrare i novant’anni del movimento paneuropeo.

In conclusione, è evidente che ciò che si vorrebbe far apparire come un frutto ineluttabile della storia è in realtà un piano studiato a tavolino e preparato da decenni per distruggere completamente il volto del Vecchio continente.

Oggi abbiamo un debito pubblico inestinguibile, dei privati che creano dal nulla la nostra moneta attraverso le banche centrali come la Banca Centrale Europea che emette la moneta ed è un entità senza controllo da parte degli stati guidata da uomini non eletti, con poteri superiori a quelli dei governi. Essa non è menzionata neppure tra le istituzioni europee ma il trattato gli riconosce la più ampia capacità di agire in ciascuno degli stati membri ovviamente solo per tutelare i propri interessi perché non può però concedere, per nessun motivo, crediti agli Stati, o alla comunità europea o a qualsiasi altro soggetto pubblico, e quindi gli è proibito acquistare titoli di Stato, sia al momento dell’emissione che successivamente. 

Tutte le banche centrali dipendono solo dalla BRI (la banca per i regolamenti internazionali) ossia la banca centrale delle banche centrali, un organismo dai poteri immensi che nessuno conosce e di cui nessuno parla.

La perdita della sovranità monetaria e legislativa, che sono parti essenziali della sovranità nazionale, da parte degli Stati europei, è stata stabilita in Italia in maniera irrevocabile e senza che il popolo neanche se ne accorgesse come sottolineò Ida Magli su “il Giornale” dell’11 marzo 2001,  spiegando che “nella legge di riforma della Costituzione, approvata dalla maggioranza di sinistra in gran fretta poche ore prima dello scioglimento delle Camere, c’è un passo fondamentale e che pure non è stato portato a conoscenza dei cittadini né prima né dopo della sua approvazione”.

Si tratta dell’articolo 117 in cui si stabilisce: “La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali”. In queste tre righe è codificata la perdita della sovranità legislativa dell’Italia. Per questo l’articolo 117 non è stato discusso apertamente: GLI ITALIANI NON DEBBONO SAPERE”.

Francesco Amodeo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page