sabato 23 maggio 2020

Lettera di un maestro alle istituzioni scolastiche


IL DELIRIO DELLA SCUOLA

SOSTEGNO ALL'INFORMAZIONE LATITANTE

“MI RIFIUTERÒ DI TENERE mio FIGLIO DAVANTI AD UN PC A FINGERE D'IMPARARE!! 

PIUTTOSTO LO MANDO A PRENDERSI CURA DI GALLINE, GATTI, CANI E ORTI IN QUELLE ORE, ALMENO IMPARERÀ L'EMPATIA E STUDIERÀ SCIENZE!! 
E PER L'INFANZIA .... NEACHE UN ACCENNO....

STATE ATTENTI, STATE GIOCANDO CON IL FUOCO....
Avete avuto tre mesi per organizzare la fase tre per la scuola e questo e' il progetto che avete avuto per i nostri figli. ?         
                  
Sappiate che questa volta non accetteremo come nella fase due passivamente tutto quello che avete deciso sul loro futuro .....ora basta

La proposta per la riapertura delle scuole sarebbe l'alternanza didattica in presenza/anti-didattica a distanza. Una sorta di classe mista: metà in presenza e metà connessa da remoto. Questa è la straordinaria soluzione a cui ministero, esperti, comitati sono infine giunti: tenere cinque ore metà classe davanti al pc. 

Una domanda semplice semplice che magari sarà sfuggita a queste menti illuminate: ma chi sarà accanto a questi bambini durante le cinque ore in cui saranno connessi da casa? I genitori? Non credo, perché che lavorino smart o non smart, devono appunto lavorare. I nonni? La famosa categoria fragile che fino a ieri abbiamo cercato di proteggere non esponendola a rischi inutili? I nonni anch'essi smart? E chi i nonni non ce li ha? La vicina di casa? La baby-sitter? Un'altra domanda semplice semplice che magari sarà sfuggita: esattamente come farà il docente a fare lezione usando due didattiche completamente diverse, una vera in presenza e una non-didattica a distanza? Ma qualcuna di queste menti illuminate ha messo mai piede in una scuola primaria? Ha mai fatto lezione davanti e in mezzo a dei bambini che devono imparare tutto da zero, anche come tenere in mano correttamente una matita? Ha mai contato il numero di volte che un bambino chiede spiegazioni o conferme al proprio lavoro? Ha mai toccato con mano l'importanza di uno sguardo al momento giusto, di un sorriso, di un silenzio ? 

Questo miracolo accade solo in presenza. In questo modo non farà più lezione nessuno: né quelli che saranno presenti, né tantomeno gli alunni stessi messi a pascolare davanti al pc e privati del contatto diretto con l'insegnante e delle interazioni tra pari. 

Un'ultima domanda semplice semplice: ma avete idea di quale sia il range di attenzione di un bambino così piccolo? Ma davvero credete che un bambino possa mantenere la propria concentrazione, la propria curiosità, la propria motivazione tenuto davanti a un pc per cinque ore, vedendo allo stesso tempo i compagni dall'altra parte dello schermo interagire? Avete idea del livello di frustrazione che vivranno queste creature? Come si fanno esattamente attività laboratoriali a distanza, dato che la vera didattica in una scuola primaria deve essere laboratoriale? Come la guido la mano di un bambino di prima elementare sul quaderno se il bambino è oltre lo schermo di un pc? Nel momento in cui decidete di farci rientrare a scuola ci state automaticamente dicendo che le condizioni igienico-sanitarie lo consentono;  le condizioni logistiche, al contrario, non consentono il rientro di tutti. 

Per i soliti motivi storici: le classi sono troppo numerose, il personale troppo poco, le scuole troppo vecchie e anguste. Bene, avete quattro mesi, quattro dannati mesi, per trovare spazi da riconvertire in scuole e implementare un sistema di trasporti adeguato. 

Quattro mesi! E l'unica soluzione a cui sapete pensare è fare scuola a metà? Ma non vi vergognate? A scaricare il peso della vostra totale incapacità tutto e sempre sulle spalle delle famiglie, dei docenti e dei bambini?Questo è il colpo definitivo e mortale, perché chi finora ha salvato la scuola, e cioè i docenti e famiglie , saranno  travolti dal peso di questa didattica  zoppa, massacrante, ingorgata, finta e controproducente. 

Non serve un computer per far illuminare gli occhi di un bambino, non serve  la LIM, non serve il coding, non serve il POF, il PTOF, il RAV, serve soltanto quel bambino, quella piccola anima desiderosa di aprirsi al mondo, una stanza e  un insegnante tutto per loro.
(Da Pietro De Angelis - docente)”

1 commento:

  1. Allora il docente spenga la televisione e ne privi l'appartamento. Non so voi, ma pensare che un oggetto a casa mia debba dirmi come comportarmi, già solo questo come adulto basta per poter esporre di non poter agire, cosi come lo sarebbe per mio figlio con la scuola a distanza e vedrà la propria prole in classe piuttosto che ferma, questo per modo di dire... davanti a uno schermo a chi vive la vita, per chi ha il cuore fermo davanti a uno schermo o agli occhi non fa eccezione, per un bimbo invece è come essere assente, non alla lezione ma alla vita. in parole povere: una tragedia. 😔

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TSUNAMI GIUDIZIARIO DI TRUMP SUL GOVERNO ITALIANO FILO-CINESE E FILO G5

TSUNAMI GIUDIZIARIO DI TRUMP SUL GOVERNO ITALIANO FILO-CINESE E FILO G5
Leggi QUI L'articolo

Q, Il Deep State

Una seconda Tangentopoli? La lotta al deep state arriva in Italia - Nicola Bizzi

Se non vuoi guardare il video leggi l'articolo QUI

Scopri Subito se hai Copertura 5G

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...