Sperimentazioni di geoingegneria: gli effetti disastrosi sono reali

sabato 20 luglio 2013

Grandi manovre militari in Russia

Esercito russo in stato di allerta: a cosa si stanno preparando?

 


esercitazioni-militari-russia.jpgMentre il mondo è distratto da notizie irrilevanti diffuse dai media, quali la nascita del 'Royal Baby' e gli ultimi colpi di calcio mercato,  dalla Russia arrivano notizie potenzialmente preoccupanti per i destini della pace nel mondo.
Come rivela 'La Voce della Russia', le truppe russe sono state allertate per un'imponente esercitazione militare che si sta svolgendo nell'Estremo Oriente della Russia. Pare che il  presidente Vladimir Putin stia partecipando personalmente alle manovre.

Il numero complessivo delle truppe che partecipano alle manovre si aggira sulle 160 mila persone, con circa 1000 carri armati e autoblinde, 130 aerei e elicotteri di diverse tipi di aviazione e 70 navi della Marina Militare. Inoltre, un numero imprecisato di bombardieri strategici in grado di trasportare armi nucleari è stato messo in allerta.

Secondo le fonti giornalistiche russe, si tratta della più grande esercitazione nella Russia post sovietica. Ma perché un esercitazione così imponente proprio in questo momento? Si tratta di manovre militari 'politiche', cioè destinate ad una dimostrazione di forza per aumentare il proprio potere contrattuale nei tavoli internazionali, oppure la Russia si sta preparando ad un qualche evento bellico di dimensioni globali?

Secondo qualche osservatore più smaliziato, potrebbe non essere un caso che le manovre militari siano state indette pochi giorni dopo il bombardamento del 5 luglio scorso da parte di Israele di un deposito di missili russi Yakhont in Siria.

Come rivela l'AGI, le esplosioni sono da attribuire a raid aerei delle forze israeliane contro alcuni depositi di armi della città portuale siriana, in particolare per distruggere i missili russi Yakhont che Israele considera una minaccia per le sue forze navali nel mediterraneo orientale. 
Le forze armate israeliane non hanno voluto commentare le notizie date dall'emittente televisiva CNN. Da quando è cominciato il conflitto, Israele ha lanciato un certo numero di raid aerei all'interno del territorio siriano, affermando che lo scopo era essenzialmente di evitare che armi sofisticate possano cadere in mano di gruppi militanti. La notizia è riportata anche dall'Israel National News.

Già il 28 maggio di quest'anno, La Repubblica riportava alcune dichiarazioni del ministro israeliano della difesa, il quale affermò che Israele "saprà cosa fare" se la Russia consegnerà i missili S-300 al regime siriano. La Russia si rifiutò di precisare se tali armi fossero state già consegnate o meno.
"Non posso né confermare né smentire notizie relative alla fase in cui si trova il processo di consegna degli S-300”, ebbe a dire Sergei Ryabkov, ministro degli Esteri russo. "Consideriamo queste forniture un fattore stabilizzante e riteniamo che questi passi dissuaderanno qualche testa calda dal considerare scenari che potrebbero trasformare (la crisi) in un conflitto internazionale con il coinvolgimento di forze straniere".


Insomma, se letta in questa maniera, la vicenda assume i contorni di una preoccupante escalation. Viene da chiedersi se la massiccia esercitazione bellica, che Putin ha voluto fosse caratterizzata dalla 'piena prontezza al combattimento' sia solo un esercitazione di routine, oppure se è motivata dall'attacco da parte di Israele ai depositi russi in Siria.

Se così fosse, potremmo essere sulla soglia di un grave conflitto armato in Medio Oriente che, nella più sciagurata delle ipotesi, potrebbe rapidamente estendersi a tutto il mondo. Tanto basterebbe a giustificare un interessamento, almeno minino, da parte dei media internazionali.
Soprattutto perché non è facile scavare tra i notiziari in lingua russa e andare a fondo in questa storia, ma per i giornalisti occidentali è più importante sapere quanto  peserà il Royal Baby

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page