giovedì 8 settembre 2011

'Il Vangelo di Giuda' Giuda era un addotto?

"Alza gli occhi e guarda la nube e la luce al suo interno e le stelle che lo circondano. La stella che porta il modo in cui è la vostra stella. Giuda alzò gli occhi e vide la nube luminosa, e lui è entrato."

Il rilascio nel mese di aprile 2006 di una traduzione della recente scoperta 'Il Vangelo di Giuda' che è stato provvisoriamente datato al 130-170 d.C, è stata la causa di grandi controversie.




Molti hanno fatto l'affermazione che questo antico testo indica che Cristo ha dato realmente istruzioni a Giuda di tradirlo e che Giuda era in realtà l'apostolo preferito e che fosse semplicemente obbediente agli ordini. La linea va che tutto questo doveva essere fatto in modo che Gesù poteva dimostrare la sua risurrezione e quindi essere acclamato il Figlio di Dio. Giuda a quanto pare, secondo questa interpretazione, era un mero strumento per contribuire a realizzare questo. Un altra inferenza tratta dal Vangelo è che Giuda era il confidente di Cristo che aveva il privilegio di ricevere lezioni private nei 'misteri del regno del'

In effetti, tuttavia potrebbe essere il caso che tutto il contrario è vero?
Potrebbe 'Il Vangelo di Giuda' contenere le prove che Giuda avesse seguito un ordine del giorno che non era di origine umana?

Ad un certo punto nel Vangelo di Giuda si rivolge a Gesù in un sogno in una casa circondata da un 'grande popolo'. Nel suo sogno Giuda chiede di essere lasciato in questa casa. Gesù risponde a Giuda:

"Giuda, la tua stella ti ha portato fuori strada ....... Nessuna persona mortale di nascita è degna di entrare nella casa che hai visto, quel posto è riservato al santo. Né il sole né la luna regnerà là, né il giorno, ma il santo si atterrà sempre lì, nel regno eterno con i santi angeli. Guarda, io ho spiegato i misteri del regno [46] e ti ho insegnato l'errore delle stelle ".


Gesù parla così "dell'errore delle stelle" e dice a Giuda che la sua "stella" ha "portato" lui "fuori strada". Ciò induce Giuda a chiedere a Gesù: "Maestro, potrebbe essere che il mio seme sia sotto il controllo dei governanti"

Potrebbero le "stelle" riferirsi a posizioni effettive nello spazio?

Potrebbero "l'errore delle stelle" riferirsi "all'errore" dei soggetti che provengono da questi luoghi?
 

Giuda potrebbe aver chiesto direttamente a Cristo, se la sua linea biologica potrebbe essere controllata dagli alieni, "governata" da una "schiera di angeli delle stelle": "Maestro, potrebbe essere che il mio seme sia sotto il controllo dei governanti?"

Potrebbe essere che Gesù stia suggerendo a Giuda il dominio di una influenza di alcuni
"padri" extra-terrestri dall'aspetto, alieno che secondo la tesi di Nigel Kerner ha sponsorizzato "l'evoluzione" dell'Homo Sapiens Sapiens?

Se tutto quanto detto sopra è davvero così, si potrebbe dedurre che qualcosa o che sta a Giuda è collegato al cartello alieno. Questa conclusione è supportata da un notevole conto di un avvenimento certo in cui Gesù chiede a Giuda di guardare verso il cielo a qualcosa che assomiglia ad una navicella spaziale:

"Alza gli occhi e guarda la nube e la luce all'interno di essa e gli astri circostanti. La stelle che aprono la strada è la tua stella."

Può anche essere che una esperienza di rapimento viene poi così descritta:

"Giuda alzò gli occhi e vide la nube luminosa, e lui è entrato".


Potrebbe essere questa "stella" la sponsor particolare aliena di Giuda, una razza di alieni (da un pianeta in un'altra costellazione di stelle nello spazio) che aveva intercettato la sua linea biologica? 

 
Fonti:
Il Vangelo di Giuda
A cura di Rodolphe Kasser, Marvin Meyer e Gregor Wurst
Pubblicati in un libro completo con il commento di The National Geographic Society.


Tradotto dal sito:
http://nigelkerner.com/Confirmations/Was_Judas_an_Abductee.html

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page