domenica 12 luglio 2015

L'ascesa al cielo di Etana



Gli scavi condotti nell'antica Kish, hanno confermato vari testi sumeri che definivano il dio Ninurta la divinità titolare della città, dando origine all'idea che forse si trattasse di "Nimrod" che era il "valente cacciatore" di Yahwe.

Ma la lista sumera dei re nominava effettivamente il primo sovrano di Kish; purtroppo non lo si conosce ancora perché l'iscrizione è danneggiata proprio in quel punto, permettendo di leggere solo le sillabe Ga-,-ur. E' invece chiaramente leggibile l'affermazione che regnò per 1.200 anni!

Il nome del secondo sovrano di Kish è interamente danneggiato, ma il suo regno durò 860 anni, com'è chiaramente scritto. Gli succedettero dieci re, i cui nomi sono leggibli e i cui regni durarono 900,840,720, e 600 anni. Essendo numeri chiaramente divisibili per 60, la domanda senza risposta è se si tratti davvero degli anni di durata dei regni o se gli scribi che li hanno copiati si siano sbagliati a leggerli e non avessero dovuto piuttosto scrivere 200 (o 20) per Ga-,-ur, 15 invece di 900 per il suo successore, ecc. Quale dei due?

I 1.200 anni di regno di Ga-,-ur, se effettivi, lo collocano nella categoria dei patriarchi biblici antidiluviani (ciascuno dei quali visse quasi 1.000 anni) e mettono i suoi immediati successori appena prima dei figli di Noè (Sem visse fino a 600 anni). Se Ga-,-ur fosse un semidio Gibbor, i 1.200 anni sarebbero plausibili.

In tal caso i 1.560 anni sarebbero attribuiti al tredicesimo re di Kish, Etana, a proposito del quale la Lista dei re fornisce questa lunga annotazione << Un pastore che ascese al cielo e unificò i paesi>>. In questo caso l'annotazione reale e raffigurata dalla letteratura scoperta, fra cui c'è un antico testo su due tavolette che racconta La Leggenda di Etana, perché egli fu veramente un re che <<ascese al cielo>>.



Sovrano benevolo, Etana era avvilito per la mancanza di un erede maschio, dovuta lla difficoltà di concepimento di sua moglie, che potevano essere curate solo con una pianta celeste, la pianta della nascita. Così Etana si rivolse al suo dio protettore Utu/Shamash affinche lo aiutasse  a ottenerla.

Shamash lo indirizzo alla "fossa di un'aquila" e, dopo aver superato vari ostacoli, l'aquila lo condusse alla "porta del cielo di Anu". Mentre salivano sempre più in alto, la Terra sotto di loro sembrava sempre più piccola.
Dopo averlo portato in alto per un beru,
l'aquila disse a Etana:
<<Amico mio, guarda come appare il paese!
Osserva il mare a lato della casa sulla montagna.
Il paese è diventato una collina,
e il vasto mare è come una tinozza>>.  
Dopo essere saliti di un altro beru (una misura di distanza come i gradi dell'arco celeste), l'aquila spinse di nuovo etana a guardare in basso:
<<Amico mio,
dai un'occhiata a come appare la terra!
Il paese si è trasformato in un campo arato ...
e il vasto mare è come un cestino del pane>>.
<<Dopo che l'aquila l'ebbe innalzato per un terzo beru>>, il paese <<si trasformò nel fossato di un giardiniere>>. E poi mentre continuavano a salire, la Terra scomparve improvvisamente alla vista e, come disse in seguito Etana, spaventato: <<Mentre mi guardavo intorno la Terra è scomparsa!>>.

Secondo una versione del racconto, Etana e l'aquila <<attraversarono la porta di Anu>>. Secondo un'altra Etana si allarmò e gridò all'aquila: <<Sto cercando la Terra, ma non riesco a vederla!>>. Terrorizzato, urlò all'aquila:<<Non posso andare in cielo! Riportami indietro!>>.

Prestando ascolto alle grida di Etana, che <<si era accasciato sulle ali dell'aquila>>, l'uccello ritornò sulla Terra, ma (secondo questa versione) Etana e l'aquila fecero un secondo tentativo che a quanto pare ebbe successo, perché il re successivo di Kish, Balih, viene identificato come "figlio di Etana". Balih regnò per soli 400 anni (o 410) anni.


Il racconti di Etana venne illustrato dagli antichi artisti su sigilli cilindrici (vedi immagine sopra): uno inizia con "l'aquila" nella sua "fossa" e un altro mostra Etana che volteggia fra la Terra (vedi nell'immagine i sette puntini) e la Luna (identificata dalla sua falce).

Il racconto è istruttivo sotto vari aspetti: fornisce una descrizione realistica di un volo nello spazio con la Terra che diventa sempre più piccola alla vista e conferma ciò che numerosi altri testi suggeriscono, ovvero che i viaggi tra la Terra e Nibiru erano più frequenti che una volta ogni 3.600 anni.

Il racconto non si pronuncia sulla condizione mortale o semi-divina di Etana, ma si può solo supporre che il re non sarebbe stato autorizzato a compiere voli spaziali e neppure avrebbe regnato per un millennio se non fosse stato un semidio.

Il fatto che un'iscrizione più tarda doti il nome di Etana del prefisso determinativo "Dingir" supporta la conclusione che il re fosse di origine divina e in un'annotazione in un altro testo, secondo cui Etana era dello stesso "seme puro" di Adapa, può servirci da indizio per capire chi fosse il padre.

La possibilità che fra i ventitré re che regnarono a Kish ci sia stata un'alternanza di semidei e loro discendenti mortali si affaccia alla mente sopratutto quando arriviamo al sedicesimo re, En.me.nunna. che regnò per 1.200 anni e al quale succedettero i due figli con regni mortali di 140 e 305 anni.

Tratto dalle me letture: 
"Quando i Giganti abitarono la Terra"(2010)
di Zacharia Sitchin  
p: 244-245-246-147  
http://ningishzidda.altervista.org/     

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page