martedì 7 luglio 2015

La Gladio del Peloponneso

 

Gli Stati Uniti e la Germania sono pronti a progettare un colpo di stato in Grecia per mantenere il paese che opera come una risorsa strategica sul vulnerabile versante europeo del sud-est della NATO.

di Kurt Nimmo
Prison Planet.com
6 luglio 2015


"Un colpo di stato ad Atene è in preparazione da parte degli Stati Uniti e la Germania, per evitare che la Grecia si allei con la Russia il nemico storico dell'America, con il sostegno dei non-contribuenti della Grecia - oligarchi greci, gli armatori anglo-grechi, e la Chiesa greca", questo è quanto scrive John Helmer, il corrispondente estero in servizio da lunga data in Russia è non collegato con i media aziendali.

La prima soffiata è stata rivelata dalla presenza di Victoria Nuland, assistente segretario di stato per gli affari europei ed eurasiatici, ad Atene nel mese di marzo.

La Nuland, del The Guardian ha riferito il 17 marzo quanto segue:

"sono volata nella capitale per monitorarla l'interesse è la grande crisi del debito dell'euro che ha cominciato a rappresentare una minaccia geopolitica. Che potrebbe andare fuori controllo, la Grecia potrebbe finire nell'ambito russo, priva com'è di finanziamenti e scollegata in Europa che la possano mantenere delimitata a ovest. Nel Sud-orientale del fianco della Nato sarebbe enormemente indebolita aumentando di numero le preoccupazioni per la sicurezza globale oltre ai fondamentalisti islamici in Medio Oriente."
La Nuland e gli Stati Uniti possono lavorare a stretto contatto con i militari greci per fomentare un colpo di Stato in seguito allo storico voto del "no" in un referendum sulle pretese dei bankster.

Lei è nota per il suo ruolo nel rovesciamento del governo democraticamente eletto in Ucraina e ora sembra che gli sia stato assegnato una ripetizione in Grecia.

Helmer scrive che quando la Nuland ha visitato Atene ha messo un ultimatum contro la rottura del regime sulle sanzioni anti-russe, e i think-tank anglo-americani hanno seguito e dato avvertimenti alla marina russa che stava salpando per il Pireo, l'oggetto del gioco [divenne] chiaro. Per funzionare, la linea della Nemesis è quello che la Grecia deve essere salvata, non da se stessa o da suoi creditori, ma dal nemico di Mosca.

L'intervento della Russia per salvare la Grecia dai banchieri

La Russia ha riferito di essere pronta ad aiutare la Grecia in quanto combatte i bankster di Wall Street e Bruxelles. Si ritiene che un'uscita della Grecia dalla zona euro si muoverà verso il paese più vicino, la Russia e ad approfondire le divisioni all'interno della NATO.

Il Primo ministro greco Alexis Tsipras del partito socialista Syriza a metà giugno ha detto che un allineamento con la Russia è possibile facendo capire che la Grecia era "pronta ad andare in nuovi mari raggiungendo così nuovi porti sicuri."

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov e il vice primo ministro Arkady Dvorkovich hanno detto che durante il St. Petersburg International Economic Forum in Russia avrebbero preso in considerazione la concessione di prestiti alla Grecia se fossero stati richiesti.

I militari greci inviano un forte messaggio

Venerdì scorso un certo numero di ufficiali e militari greci si è schierato pubblicamente per un "sì" al referendum.

"Il Generale in pensione Fragkoulis Fragkos, un ex ministro della difesa e capo a sua volta dello stato maggiore dell'esercito greco, ha chiesto domenica un forte "sì". Alex Lantier scrive: "Fragkos nel 2011, è stato destituito dall'allora primo ministro George Papandreou in mezzo a voci di un colpo di stato".
    Chiaramente riferendosi a Tsipras, Fragkos ha detto che "i valori morali e i principi che danno gli USA alla Preparazione di un colpo di stato è per evitare che la Grecia cada sotto l'influenza russa, hanno sempre definito noi greci incapaci storicamente di negoziazione per ignoranza politica, avanzando il proprio interesse di partito."

    Un gruppo di 65 pensionati e alti ufficiali hanno rilasciato una dichiarazione che cita il loro "giuramento alla Patria e alla bandiera" e l'avvertimento che, "Scegliendo l'isolamento, abbiamo posto la Patria e il suo futuro in pericolo."

Tsipras e Syriza si sono preparati per un possibile colpo di stato nel mese di gennaio sostituendo e mischiando il personale militare.

Da fonti di Heller: "La leadership (dei servizi militari e di intelligence) è stata cambiata, ma non radicalmente. Il ministro della difesa (Panos Kammenos) è di destra quindi non ci sono 'radicali' al comando."

L'azione militare greca è un
Asset dell'Operazione Gladio

L'Intervento degli Stati Uniti in Grecia non è una novità. Tra il 1987 e il 1989 gli Stati Uniti hanno fatto uno sforzo concertato per rovesciare il governo greco eletto del primo ministro Andreas Papandreou.

Prima di questo, nel 1967 il militari greci hanno instaurato il regime dei colonnelli in seguito ad un colpo di Stato.

L'esercito greco era sotto il controllo della CIA per il successivo ingresso della Grecia nella NATO nel 1952. Gli elementi delle forze armate greche facevano parte della rete della CIA "chi stava dietro" e sotto questi elementi era l'Operazione Gladio (in particolare LOK, o Lochoi Oreinōn Katadromōn, vale a dire "Una società granitica adita alle incursioni") i quali sono stati direttamente coinvolti nel 1967 nel colpo di stato.
 

Fonte Originale in lingua inglese: LINK

http://ningishzidda.altervista.org/ 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page