sabato 31 marzo 2018

Cambiare l'essenza di ciò che significa essere umani

 

Lo scienziato dice che la RFID non sarà facoltativa e potrebbe cambiare l'essenza di ciò che significa essere umani

di Arjun Walia
Mentre il mondo continua ad avanzare tecnologicamente, così fanno più iniziative che invadono i nostri diritti umani fondamentali. Sembra che siamo sulla buona strada per diventare una società senza carte, senza contante. Ricordi quando le nostre carte di credito e di debito non avevano un chip e dovevamo firmare per i nostri acquisti? Bene, hanno un chip, e il prossimo passo potrebbe essere un chip all'interno del nostro corpo, e non all'interno della carta.

In effetti, gli impianti di microchip negli esseri umani sono già sul mercato. Ad esempio, una società americana chiamata Applied Digital Solutions (ADS) ha sviluppato una dimensione approssimativa di un chicco di riso e l'ha già approvata dalla Food and Drug Administration statunitense per la distribuzione e l'implementazione. (fonte)

Non molto tempo fa, il direttore di Ex DARPA e Google Executive (ora un dirigente di Facebook), Regina Dugan, promuovevano l'idea di microchip umani. Puoi vedere quella clip qui.

Chiediti, cosa succede se questo diventa un requisito per l'autenticazione e l'identificazione? Per prelevare denaro o andare al negozio di alimentari, accedere alla tua tessera sanitaria, informazioni sulla sicurezza sociale o passaporto. Lo faresti?

L'anno scorso, una società del Wisconsin ha organizzato un "chip party" per microchip dei propri lavoratori, come sottolinea il Chicago Tribune:
"Una breve puntura è che tutti i dipendenti di un'azienda tecnologica del Wisconsin hanno dichiarato di sentirsi martedì quando hanno ricevuto un innesto di microchip in mano che permetterà loro di aprire le porte, accedere ai computer o acquistare snack spuntando semplicemente la mano.

Three Square Market, noto anche come 32M, ha dichiarato che 41 dei suoi 85 dipendenti hanno accettato di essere sottoposti a microchip volontariamente durante un "chip party" presso la sede centrale della società a River Falls." 
 

Un altro esempio potrebbe essere la società tecnologica svedese, Epicener. Oltre 100 dipendenti hanno concordato di avere un microchip impiantato nelle loro mani, che consente loro di aprire le porte e utilizzare i dispositivi elettronici in modo più efficiente.

Anche se si sostiene che i dati contenuti in questi microchip siano crittografati e non utilizzino il GPS (quindi non possiamo essere rintracciati e ottenute informazioni private), chi sa davvero se è vero. Con tutte le fughe di Edward Snowden, e ora le rivelazioni su Facebook e quanto hanno insinuato nei loro utenti vite private tramite la memorizzazione dei dati, è qualcosa su cui possiamo davvero fidarci? La cosa interessante è che sta insinuandosi nell'essere la norma, poiché la tecnologia viene lentamente utilizzata e sviluppata da più paesi in tutto il mondo.

In realtà ha iniziato anni fa quando gli animali iniziarono ad essere impiantati con dispositivi.

Un professore associato di sociologia presso l'Università del Wisconsin-Milwaukee, Noelle Chesley, ha affermato che molti di coloro che sono al limite dello sviluppo di queste tecnologie "credono che stiamo unendo la tecnologia nei nostri corpi".

Uno scienziato di cibernetica, il dott. Mark Gasson dell'università di Reading in Gran Bretagna ha dichiarato al Sydney Morning Herald,
"Ha il potenziale per cambiare la vera essenza di ciò che è umano. Non è possibile interagire nella società di oggi in modo significativo, senza avere un telefono cellulare. Penso che gli impianti umani seguiranno un percorso simile. Sarà un tale svantaggio non avere l'impianto che in sostanza non sarà opzionale."
C'è una "cospirazione" qui che sta andando avanti?

Microchipping ha sempre attirato l'attenzione come parte di un piano di agenda nascosta, che continua a togliere i nostri diritti. La spina dorsale dell'ideologia dell'élite dominante americana è stata a lungo neoliberalismo e neoconservatorismo, uno stato che si avvicina alla descrizione data da George Orwell nel 1984.

Non molto tempo fa, la sorveglianza di massa sulla popolazione globale era considerata una semplice cospirazione, ma non lo è più. E i motivi per giustificare queste azioni sembrano essere basati su false premesse.

Il 1984 di George Orwell è un libro classico che descrive una popolazione governata da un regime politico che perseguita l'individualismo e il pensiero critico indipendente come "crimini pensati" che devono essere applicati dalla "polizia del pensiero". Questo partito cerca il potere soprattutto e, attraverso il ministero propagandista di verità, presenta alle persone la loro versione della verità. Suona familiare?

Negli ultimi anni sono uscite così tante informazioni che contraddicono la retorica tradizionale. La frode elettorale, come evidenziato da Wikileaks, ne è un esempio, e il terrorismo con false flag, con l'11 settembre come esempio perfetto, è un altro.

Le grandi iniziative aziendali e politiche globali come questa sono da tempo legate a una sorta di agenda nascosta, e non sei pazzo di pensare che questa sia anche una piccola parte del massiccio stato di sorveglianza globale che stiamo vivendo.

Fonte: http://www.collective-evolution.com/
 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...