mercoledì 17 gennaio 2018

Fact Checking = il controllo parziale dei fatti

 

La guerra di Google sul conservatorismo continua.
 
Google ora sta conducendo una guerra di censura a tutto campo contro i siti web conservatori attraverso il "fact checking" che non è altro un'opinione parziale


Come riportato all'inizio di questa settimana dal Daily Caller, il motore di ricerca più potente del mondo ora mostra i controlli dei fatti quasi esclusivamente per pubblicazioni conservative di destra incentrato sui risultati. I siti web liberali di spicco, d'altra parte, non sembrano ricevere lo stesso grado di controllo.

Ovviamente, coloro che gestiscono Google sono, per la maggior parte, ideologi di sinistra lasciando che le loro convinzioni politiche influenzino il modo in cui gestiscono i loro affari. In un certo senso, è quasi difficile credere che un'azienda così famosa si concentri così tanto nell'usare il proprio potere di Internet per zittire le voci conservatrici, tuttavia sembra che questo sia esattamente ciò che sta accadendo. E oltre ad avere un sistema di controllo dei fatti incredibilmente parziale, più volte sì che no, Google è completamente fuori di testa. In effetti, la società ha sviluppato una certa reputazione per affermare che i siti hanno fatto certe "affermazioni" che non hanno mai effettivamente realizzato.

Ad esempio, se qualcuno dovesse eseguire una ricerca su Google per il Daily Caller, vedrebbe i dettagli sul sito nella barra laterale, argomenti trattati in genere dal sito e una sezione intitolata "Rivendicazioni avanzate".

Al contrario, i siti web di sinistra come Vox e Gizmodo di solito ottengono un pass gratuito sui fatti dai controllori di Google. Anche se un utente che cerca Vox o Gizmodo vedrà una sezione "argomenti su cui scrive" (proprio come vedrebbero dopo aver cercato il Daily Caller), non c'è la sezione "Reclami rivendicati". Perché i siti web di destra ricevono più controllo dei siti web liberali? Potrebbe essere che Google sia effettivamente più interessato a mettere a tacere le voci conservatrici di quanto non lo siano nel trovare la verità su Internet?

Il "fact checker" di Google dice che un "claim" in un articolo pubblicato da The Daily Caller che il consigliere speciale Robert Mueller sta assumendo persone per la sua squadra investigativa "sono tutti sostenitori di Hillary Clinton" è impreciso. Il problema, tuttavia, è che l'articolo in primo luogo e questione non ha mai fatto questa affermazione. In realtà, da nessuna parte nell'articolo si evidenzia qualcosa di persino lontanamente simile a "tutti sul team di Robert Mueller sostenitore di Hillary Clinton".

Ovviamente, l'obiettivo di Google è quello di screditare il più possibile i siti come The Daily Caller, che sperano porteranno sempre più persone a rinunciare del tutto ai siti. Mentono su cosa scrivono i siti conservatori in modo che possano poi girarsi e etichettare il contenuto come falso o impreciso - se questa non è una delle cose più diaboliche che tu abbia mai sentito, allora che cos'è? (Correlato: gli addetti ai lavori di Google hanno avvertito che la "censura totale" di Internet è la massima priorità di Google).

La censura di Google sui siti Web e le voci conservatori su Internet non è una novità. In effetti, solo pochi mesi fa Dennis Prager e la sua conservatrice digital media PragerU hanno annunciato di aver fatto causa a Google e YouTube (di proprietà di Google) per aver censurato il loro contenuto.

Secondo il Wall Street Journal, "La causa sostiene che il sito deve utilizzare le" leggi che disciplinano la libertà di parola", non la sua discrezione, per prendere decisioni su cosa censurare," aggiungendo che PragerU "sostiene che limitando l'accesso ad alcuni dei suoi video senza criteri chiari YouTube sta violando i diritti del Primo Emendamento di PragerU". (Correlato: YouTube ha minacciato di chiudere il canale di Health Ranger su un podcast che discute dell'ordinaria ostruzione della giustizia dell'FBI). 

In effetti, il Primo Emendamento è a cui tutto ciò si riduce veramente. Che si tratti di screditare attivamente i siti web conservatori o di vietare completamente contenuti conservatori, Google ha dimostrato di non interessarsi alla Costituzione degli Stati Uniti. Stanno mostrando al mondo intero che sono fortemente guidati da un'ideologia politica di sinistra, e spetta ai conservatori stessi porre fine una volta per tutte, in un modo o nell'altro.

Le fonti includono:

Fonte articolo:  https://www.naturalnews.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page