giovedì 18 gennaio 2018

Il livello della nostra intimità


Intelligenza emotiva e intima 


L'intimità è spesso erroneamente intesa come sola vicinanza fisica:
abbracciare, coccolare, baciare, sesso.
Tuttavia, se non vi è alcuna intimità emotiva (come nelle relazioni emotive) e un sentimento di sicurezza in una relazione, allora l'intimità fisica non può che andare così lontano.

Per poter veramente aprirci ad un partner e andare in profondità, dobbiamo sentirci sicuri e poter condividere l'intimità emotiva, le nostre paure, gli errori e i dolori e ricevere l'altro con compassione ed empatia.

Per molte persone l'intimità fisica è più facile dell'intimità emotiva. Per gli altri è il contrario. Spesso le persone evitano l'intimità emotiva concentrandosi sull'intimità fisica, usando il sesso per tamponare la loro vulnerabilità. 

Per essere intimi emotivi con un partner, dobbiamo essere in grado di essere intimi con noi stessi, sentendo la nostra vulnerabilità senza giudizio e sviluppando un sano amore per se stessi.

Se non ci sentiamo a nostro agio con la nostra vulnerabilità, non possiamo ricevere pienamente la vulnerabilità di un'altra persona e l'intimità emotiva è bloccata.

Non importa quanto sia caldo il sesso e quanto sia grande l'intimità fisica, se non sviluppiamo o non abbiamo un'intimità emotiva e la sicurezza di esprimerci in quel modo, solo così una relazione potrà andare lontano. 

Abbiamo bisogno di limiti sicuri e salutari per stabilire l'intimità a tutti i livelli. Questa sicurezza è molto più che sentirsi "sicuri" e i confini non significano rifiuto o evitamento. Si tratta di prendersi cura di noi stessi.

Il nostro corpo ci dà costantemente indizi su ciò che è sicuro per noi e cosa no. Più siamo in contatto con i nostri corpi, più possiamo ricevere questi messaggi che ci mettono anche in contatto con la nostra vulnerabilità.

È importante ascoltare queste sensazioni corporee che vanno più in profondità delle sole sensazioni sessuali. Molto spesso sono sepolti sotto strati di "armature".

È facile razionalizzare queste sensazioni più profonde, valutando se stessi per non aprirsi quando non ci si sente sicuri. Non ascoltare la mente, fidati del tuo corpo e non giudicare te stesso per quanto tu provi.

L'intimità emotiva va di pari passo con la fiducia, sapendo che possiamo essere completamente noi stessi con tutta la nostra vulnerabilità ed essere sempre ricevuti con compassione ed empatia in un contenitore sicuro da un partner.

Ma prima di poter ricevere un'altra persona come quella di noi stessi, o persino esprimerci in quel modo, dobbiamo essere capaci di essere compassionevoli con noi stessi e amare noi stessi, l'oscurità e la luce, senza gonfiarci o diminuirsi.

Altrimenti continueremo a cercare il partner illusorio, che non arriva mai e che vogliamo essere in un certo modo, quando in realtà questo è ciò che dobbiamo dare prima a noi stessi.

A volte cerchiamo inconsciamente un "salvatore" in un partner, ma è una proiezione di ciò che abbiamo negato o evitato di dare a noi stessi: 
un sano auto-amore, vulnerabilità e sicurezza interiore.
Prima di poter sviluppare una fiducia più profonda con un partner, dobbiamo essere in grado di fidarci di noi stessi e degli indizi più profondi che i nostri corpi ci stanno dando.
"Hai paura di essere intimo con te stesso - di essere solo con te stesso. Una volta che sviluppi un'intimità, un silenzio, un amor proprio e un contenimento della tua energia, allora vorrai rendere quell'aspetto del tuo livello di intimità con qualcun altro."
Barbara Marciniak


Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...