martedì 21 agosto 2012

INFORMARSI


Gli esperti della Nasa prevedono per il 2013 una gigantesca eruzione solare: «L'esplosione scatenerà sulla Terra una tempesta magnetica provocando il black-out globale dei sistemi di telecomunicazione satellitare».
L'allarme degli scienziati Nasa riguarda l'eruzione solare prevista per il 2013 che sta preoccupando i governi di tutto il mondo. Il rapporto della National Academy of Sciences analizza gli effetti dell'«apocalisse magnetica» che metterà ko il trasporto aereo, i Gps, i servizi finanziari e le comunicazioni radio, comprese quelle militari.La Nasa sta utilizzando l'ultima generazione di satelliti, fra cui il Solar Dynamics Observatory, per studiare meglio il fenomeno e  scongiurare la minaccia. La mega-eruzione solare, come riporta la Bbc in questo video, è un fenomeno scientificamente conosciuto come brillamento solare o stellare, coinciderà con una fase di intensificazione dell’energia solare che si verifica ogni 11 anni. Nel 2013 raggiungerà il suo culmine, sprigionano una potenza pari a 100 bombe all'idrogeno e provocherà per l’economia Usa danni economici venti volte maggiori di quelli dell’uragano Katrina.
Preoccupate anche le autorità militari. Il ministro della difesa britannico Liam Fox sta studiando contromisure adeguate per la protezione delle reti di comunicazione che potrebbero prestare il fianco all’attacco del terrorismo globale.

Le torce della disperazione

Marco Cedolin
Mentre Monti e Passera incantano la platea del meeting di CL a Rimini, attribuendosi il salvataggio di un paese che sta sprofondando nel baratro e vaticinando l'ormai prossima uscita da una crisi in realtà ben più irreversibile dell'euro tanto caro a Mario Draghi, in Italia si continua a morire di disoccupazione e gli applausi tributati dai ciellini al governo dei banchieri suonano come una nota tanto stonata quanto irriguardosa.
Angelo, disoccupato di Forlì di 54 anni é morto ieri mattina, al termine di una settimana di agonia e con l'85% del corpo devastato dalle ustioni, dopo essersi dato fuoco per disperazione dinanzi a Montecitorio....

Maurizio, meccanico in rovina di Torino di 48 anni  é bruciato come una torcia la scorsa notte, nell'anonimato di un prato di periferia, dove nessuno ha potuto assistere alla sua agonia ed i carabinieri lo hanno trovato solo quando si è fatto giorno.
In entrambe le circostanze, così come nelle centinaia di casi di suicidi per motivi economici che costellano gli ultimi mesi, ed i media obbedendo ad ordini superiori hanno smesso di rendere noti, i martiri della disperazione non hanno lasciato dietro di sé altro che una lettera di scuse per la famiglia ed i cocci di una vita devastata dai problemi economici e dal senso di colpa connaturato nell'incapacità di campare sè stessi ed i propri famigliari.
Ma nell'atmosfera del meeting di Rimini, carica di fiducia nel futuro e gratitudine per quanto sta facendo il governo di Goldman Sachs, non c'é spazio per le torce umane, nè tantomeno per i "perdenti". Si cantano inni alla crescita e si celebra il verbo delle banche, uniche ed onnipotenti, così in cielo, come in terra.

chemioterapia ne rafforza crescita e resistenza

(AGI) - Parigi, 5 ago. - La chemioterapia usata da decenni per combattere il cancro in realta' può' stimolare, nelle cellule sane circostanti, la secrezione di una proteina che sostiene la crescita e rende 'immune' il tumore a ulteriori trattamenti. 
La scoperta, "del tutto inattesa", e' stata pubblicata sulla rivista Nature ed' e' frutto di uno studio statunitense sulle cellule del cancro alla prostata tesa ad accertare come mai queste ultime siano cosi' difficili da eliminare nel corpo umano mentre sono estremamente facili da uccidere in laboratorio. Sono stati analizzati gli effetti di un tipo di chemioterapia su tessuti raccolti da pazienti affetti da tumore alla prostata. 
Sono state scoperte "evidenti danni nel Dna" nelle cellule sane intorno all'area colpita dal cancro. Queste ultime producevano quantita' maggiori della proteina WNT16B che favorisce la sopravvivenza delle cellule tumorali. 
La scoperta che "l'aumento della WNT16B...interagisce con le vicine cellule tumorali facendole crescere, propagare e, più' importante di tutto, resistere ai successivi trattamenti anti-tumorali...era del tutto inattesa", ha spiegato il Co-autore della ricerca Peter Nelson del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle nello stato di Washington La novita' conferma tra l'altro un elemento noto da tempi tra gli oncologi: i tumori rispondono bene alle prime chemio salvo poi ricrescere rapidamente e sviluppando una resistenza maggiore ad ulteriori trattamenti chemioterapici. Un dato dimostrato dalla percentuale di riproduzione delle cellule tumorali tra i vari trattamenti. 
"I nostri risultati indicano che il danno nelle cellule benigne può direttamente contribuire a rafforzare la crescita 'cinetica' del cancro", si legge nello studio che, hanno spiegato i ricercatori, ha trovato conferma anche nei tumori al seno e alle ovaie Ma la scoperta potrebbe aprire la strada allo sviluppo di un trattamento che non produca questo dannoso effetto collaterale della chemioterapia: "Per esempio un anticorpo alla WNT16B, assunto durante alla chemio, potrebbe migliorane la risposa uccidendo più' cellule tumorali. In alternativa si potrebbero ridurre le dosi della chemio". (AGI) .
Fonte:  
 

6 commenti:

  1. Circa la tempesta geomagnetica, penso che, se avverrà, sarà artificiale: qualche ricercatore ritiene che alcune sonde della nasuta N.A.S.A., ufficialmente lanciate in orbita per studiare la materia oscura, siano potenti armi che avrebbero causato pure la strana cicatrice sul Sole. Vedremo.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente quello che sta succedendo, nulla ha di normale, voglio pensare che siano gli 11 anni ciclici del Sole, anche se questa ipotesi ormai fa acqua da tutte le parti.

      Certo è che una cicatrice così estesa di 800.000 chilometri (quando è stata rilevata), è terrificante.

      In più, ci sono navi stellari aliene(?) che girano ed entrano dentro il Sole, una cosa impensabile con i mezzi che abbiamo a disposizione.

      Se veramente questi umani/alieni hanno fatto delle armi che hanno danneggiato la nostra Stella, allora si prevede una triste fine dell'umanità, almeno così come noi la intendiamo.

      Sì! Vedremo, intanto siamo in un forno a microonde, sia di giorno che di notte, nessuna escursione termica.

      Ciao Zret.

      Elimina
  2. Caro Wlady,

    Questa sera mi sono imbattuto in un articolo assai ironico e divertente (dal punto di vista del parossismo scientifico e propagandistico) riguardante il tema della geoingegneria. L'articolo è in inglese ed esordisce in tal modo:
    "Even though it sounds like science fiction, researchers are taking a second look at a controversial idea that uses futuristic ships to shoot salt water high into the sky over the oceans, creating clouds that reflect sunlight and thus counter global warming."
    Questo è l'indirizzo per l'articolo completo http://www.terradaily.com/reports/Experiment_would_test_cloud_geoengineering_as_way_to_slow_warming_999.html
    Immagino che non avrai difficoltà a leggerlo e farti quattro sane risate. Risate che lasciano sempre e comunque un po' di amaro in bocca!
    Mi è sembrato opportuno fartene partecipe nel caso non ne fossi stato già a conoscenza.

    Un saluto,
    Elmoamf

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Più o meno dice così quello che hai postato:

      "Anche se sembra fantascienza, i ricercatori stanno dando una seconda occhiata a un'idea controversa che utilizza navi futuristiche per sparare acqua salata nell'alta atmosfera del cielo sopra gli oceani, creando nubi che riflettono la luce del sole, e quindi contro il riscaldamento globale."

      Grazie per avermi fatto partecipe di questa esilarante notizia; sappiamo che non è così e quello che che realmente stanno sparando sopra le nostre teste, sono veleni atti solo a distruggere ogni forma di vita animale, compreso l'essere umano.

      Leggo sempre volentieri i tuoi interventi su SL, anche se non sempre posto un mio commento

      Elimina
    2. Ciò che trovo comico, oltre che subdolo, è il paragone che alla fine vien fatto tra le scie degli aerei e quelle delle navi come a voler sottolineare l'assoluta naturalezza delle stesse. Tempo fa su SL fu postato un articolo che trattava di un fumetto per bambini in cui gli stessi venivano "scolarizzati" sull'argomento scie. Ecco, questo supposto intervento scientifico oltre a negare implicitamente l'esistenza della geoingegneria come "tecnica" in uso da decenni (lo sienziato sembra infatti cadere letteralmente dalle nuvole quando asserisce che ci sarebbero forti resistenze sullo sviluppo pratico delle sue tesi!?), sminuisce al contempo l'evidenza accomunando il solco nel mare di una nave al solco nel cielo di un aereo. Quanto di più banale ed efficace per negare l'esistenza di un fatto acclarato!

      Un saluto,
      Elmoamf

      Elimina
    3. Certamente Elmoamf, sono "fake" volte ad ingannare il lettore non consapevole, una conferma indiretta che vogliono far passare come un eventuale progetto da attuarsi.

      Il fatto poi che menzionano gli aerei e il loro carburante che rilascerebbero delle scie la dice lunga di quanto sono mentitori.

      Mentendo ancora spudoratamente su quello che veramente viene spruzzato, pur parlando di geoingegneria.

      Sperano che questa generazione si estingua così le scie nei giocattoli, nelle pubblicità ed in ogni dove, carpiranno il quotidiano delle nuove generazioni facendole passare per cose naturali, cominciando dai bambini.

      Un saluto,
      wlady

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page