Nessuna delle Apocalissi Allarmistiche sul Clima si è presentata o è addirittura possibile

domenica 17 aprile 2011

"Anunnaki-Igigi-Nephilim"

Anunnaki e Igigi sono due termini ricorrenti nella mitologia della Mesopotamia, descrivendo ciò che oggi consideriamo come dovuta alla divinità sumera e accadica.
 
Tali termini, in particolare Anunnaki, sono utilizzati entrambi dalla letteratura sia nei sumeri che  nei babilonesi , quest'ultimi con le parole sumeriche e glifi invece di quelli appropriati babilonesi. Ciò rende difficile stabilire cosa o chi gli Anunnaki erano veramente, perché l'etimologia della parola è incerta.

In miti, degli Anunnaki sono spesso descritti come 'gli dèi del mondo degli inferi', con un approccio negativo o violento, ad esempio nel mito conosciuto come "la discesa di Inanna agli inferi", dove sua sorella Ereshkigal scatena gli Anunnaki per ucciderla; a volte sono descritti come i lavoratori del mondo sotterraneo, i minatori, e tante altre volte come una sorta di 'saggi', Wise-uomini del 'Consiglio dei Dodici' visto, in un ruolo di 'regolatori' della vita per il genere umano. In alcuni altri miti troviamo gli Anunnaki che ingaggiano battaglie uno contro l'altro, di tanto in tanto con la partnership di alcuni re umani.

Il nome Igigi è invece meno usato, e quasi sempre si descrive ad una parte degli Anunnaki (300 di loro, come si legge nel'Enuma Elish che risiedono in cielo e che di tanto in tanto scendevano sulla Terra (KI), come nella mitologia di Marduk quando sposa Sarpanit.

Dovremmo notare ormai che c'è un parallelo tra gli Anunnaki della mitologia sumera e la Nefilim di tradizioni semitiche / biblico. In effetti, la radice ebraica "NFL" ha un significato che non è solo 'nella caduta', ma anche 'nello scendere'.

Tradurre i Nefilim come 'quelli che sono discesi' o 'quelli che scesero', possiamo integrarli nel significato con il nome di Anunnaki, che coinvolge i due termini sumeri:

        * AN (cielo - il cielo)
        * KI (terra - terra)

Ma i Nephilim, sono TUTTI gli Anunnaki? La risposta dovrebbe essere 'NO'.

I Nephilim sono solo una parte degli Anunnaki, e si ritiene significativamente che possano essere identificati con il nome di Igigi.

Quello che si vorrebbe sottolineare in questo articolo è la questione linguistica, non la sola mitologia, tutti quelli che cercano di dare una fonte etimologica del termine Anunnaki è rimasta soccombente, in modo che al giorno d'oggi abbiamo varie versioni che si differenziano sia per la traslitterazione che nei significati coinvolti.

La maggior parte degli studiosi degli Anunnaki traduce come 'Sons of Anu' o 'Gli eredi di Anu', con Anu è la principale divinità del pantheon sumero, dividendo il termine come An.un [Na]. Ma questa traduzione ed il concetto che esprime lascia fuori la particella KI che è fondamentale.

John Halloran, che ha pubblicato il suo ultimo Lexicon sumerico nel 2004, sul suo sito (domande e risposte sumeriche) propone:

       1. a-suora-na (-k): scorte di nobile; paura, terrore ('figli' + 'master' + genitivo)
       2. DA-nun-na (-KE4-ne): gli dèi nel suo insieme, gli dei degli inferi, rispetto al-gal dnun-e-ne, i grandi dèi del cielo

Come si vede, la particella KI è completamente ignorata. Nella prima definizione la finale-K è tradotta come un caso genitivo, e nel secondo, Halloran propone che KI sarebbe effettivamente KE4-NE, un'altra forma di genitivo come riportato nel suo Lexicon:

        * KE4: spesso si verifica alla fine di un composto genitivale che funziona come l'attore o l'agente della frase (AK, suffisso genitivale 'di', + E, indicatore di agente ergativo).

Un'altra teoria afferma che Anunnaki deve essere traslitterato come A.nun.ak.e, dove AK è un genitivo (questo basato su materiale Thorkild Jacobsen).

Ma come possiamo fidarci di queste traduzioni che hanno senso solo quando si lascia una particella fuori delle analisi? Queste traduzioni sarebbero accettabili se solo avessimo la forma Anunna, che in realtà è la più utilizzata. Nel periodo sumerico in realtà abbiamo sempre verificato "Gods Anunna" o Anunna". E' solo nel  periodo accadico che troviamo l'uso di Anunnaki.

Il fatto che questo modulo venga utilizzato in accadico cuneiforme rende facile capire che non può essere un errore, perché il termine si presenta come una forma non subordinata.

Se dicendo che il termine AK è sempre un genitivo, e il termine Anunnaki è il genitivo di Anunna, indirettamente si dice che ogni volta che gli scribi accadici usando il  cuneiforme per gli Anunnaki, renderebbero il KI, sbagliato sia nella grammatica che nella scrittura sumerica. Ma, questo è impossibile, perché la grammatica accadica era più complessa e vi erano più particelle subordinate che nella grammatica sumerica.


Un errore di questa materia può essere effettuata solo nel caso opposto, quando rendiamo un linguaggio più complesso in uno più semplice, perché andiamo ad un grado superiore di astrazione.

Ciò che è stato fatto di sicuro, nel termine Anunnaki, è che la particella AN significa 'Cielo / Paradiso', e la particella KI significa 'Terra / Terra', così il significato del nome è una cosa in relazione sia con il cielo che con la terra. A mio parere, nel sumero Anunna, termine che descrive gli 'dèi del cielo', e l'accadico Anunnaki termine che descrive l'atto di questi "dèi del cielo" dèi del cielo che sono venuti sulla terra.

È infatti nel periodo accadico che troviamo il termine IGI.GI, anche questo proveniente da radici sumere.

La già citata sumerica Lexicon ha:

        * IGI: n. occhio (s); sguardo; volto, aspetto, aspetto anteriore (raddoppiata ig, 'porta') [Frequenza IGI arcaico: 21]. v., da vedere.
        * gi (4): per circondare, assediare, di lock-up (cerchio + a scendere in).
        * gi (17): N. giovane (piccolo e sottile come una canna).

Utilizzando questi rendering e traslitterazione, possiamo estendere il 'giovane' senso del parlare agli dèi più giovani, o 'di circondare / assediare' può essere una validazione del concetto che Igigi sono stati descritti come gli dèi che sono rimasti nel cielo che circonda la terra.

Inoltre, il termine IGI.GI potrebbe essere anche un raddoppiamento della radice IGI = 'guardare'.

Nella reduplicazione fatto di particelle è stato spesso utilizzato come plurale o per indicare l'accento, come troviamo nel racconto Flood quando la barca di Ziusudra (Noè biblico) si chiama:

        * MA2.GUR.GUR a significare una barca che può rotolare e capovolgersi
        * o in NA4.GUL.GUL nel mito chiamato «un shir sud di Ninurta»

In questo caso, l'uso enfatico di IGI raddoppiato è coerente con il significato di 'The Watchers', (gli osservatori) lo stesso termine usato dalla Bibbia per identificare i Nefilim.

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page