mercoledì 17 agosto 2022

I Tentacoli del Leviatano raggiungono tutti i sistemi


“CONTROLLANDO IL CIBO, SI CONTROLLA TUTTO”. L’ONU PROGETTA UN’ECONOMIA COMANDATA A LIVELLO GLOBALE
 
Costruito dal 1948 al 1952, il terreno della sede fu acquistato dalla famiglia Rockefeller per 8,5 milioni di dollari che poi lo donò alla città. Un  VIDEO mostra il segretario generale Trygve Lie, che riceve da John D. Rockefeller III, a nome di suo padre, John D. Rockefeller Jr. un assegno per la sede permanente delle Nazioni Unite a New York.  Rockefeller fondò Bilderberg (1954)  e la Trilaterale (1973).

Da sempre internazionalista e attento all’istruzione, Julian Huxley, fratello di Aldous Huxley, si impegnò nella creazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), di cui divenne il primo direttore generale nel 1946.

Questo è un capitolo da scrivere (e qualcuno lo ha fatto), la storia e i personaggi coinvolti nella creazione delle Nazioni Unite e infine le origini dell’attuale “Grande Reset”.

Nel frattempo, ecco alcune riflessioni di Robert Malone. Anche lui alza gli occhi e ora guarda il campo grande, cercando di capire il programma dei grandi giocatori. Quello che scopre lo lascia sconvolto.

Se volete essere aggiornati sulle informazioni di questo blog, iscrivetevi al canale Telegram https://t.me/NogeoingegneriaNews

*******************

Di Robert Malone

Ho trascorso il pomeriggio leggendo l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, con i suoi 17 obiettivi e 169 target. Si tratta di un’agenda per la quale l’ONU lavora dal 1992.

Francamente, è stato terrificante. Il mio pensiero è stato che, una volta tolti gli unicorni e le farfalle dal testo, questo documento di consenso unilaterale sembra un aggiornato manifesto comunista.

Questo è particolarmente rilevante perché, sebbene l’Agenda 2030 non sia uno strumento giuridicamente vincolante, le Convenzioni e i Patti regionali e internazionali sui diritti umani su cui si basa l’Agenda 2030 sono, di fatto, strumenti vincolanti di diritto internazionale. Quindi, per ora, possiamo insistere affinché i nostri politici si battano contro gli aspetti più draconiani dell’Agenda 2030.

A prima vista, la maggior parte dei 169 obiettivi dell’Agenda 21 sono piuttosto “confusi”, ma estremamente naif. Sono gli obiettivi di un governo con economia controllata, non di un’organizzazione per la pace nel mondo! Francamente, sono gli obiettivi di un modello governativo fallito. Un modello che è stato provato più volte.

Definizione: L’economia di comando è un sistema in cui un governo centrale prende tutte le decisioni economiche. Il governo o una collettività possiedono la terra e i mezzi di produzione.

Ma facciamo un passo indietro fino all’inizio delle Nazioni Unite (ONU). Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’ONU è stata sviluppata da alcune nazioni per porre fine alle guerre e mantenere la pace nel mondo. Lentamente, nel corso del tempo, 193 nazioni sono diventate membri.

Si è trasformata in un’organizzazione leviatana, con tentacoli che raggiungono tutti i Paesi membri. I suoi vari accordi e obiettivi dettano regole riguardanti l’economia, la salute, la povertà, la migrazione, la salute “riproduttiva”, i sistemi monetari, l’identità digitale, i controlli ambientali, il controllo dei mercati agricoli, il salario di sussistenza universale in tutto il mondo, i sistemi governativi, ecc.

L’ONU ha partnership e accordi strategici con i Paesi membri, 100 organizzazioni non governative, come la Fondazione Bill e Melinda Gates, la Banca Mondiale e il Forum Economico Mondiale. Ha sviluppato molte organizzazioni collaterali, come l’UNESCO e l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

L’ONU ha firmato accordi strategici con tutte le principali organizzazioni e potenze mondiali per realizzare una visione utopica del mondo che prevede un sistema di governo globale che garantisca l’assenza di povertà, di discriminazioni, di assistenza sanitaria e riproduttiva universale, assenza di energia sporca, assenza di disuguaglianze nella distribuzione del cibo, un salario di sussistenza e un’inversione del cambiamento climatico attraverso l’intervento dell’ONU sui Paesi membri. In pratica un nuovo ordine mondiale, con funzionari non eletti al comando.

Ma non credetemi sulla parola (ndr e nemmeno a loro) : prendiamo invece le citazioni dirette dei 169 obiettivi della loro più recente e più grande iniziativa, l’”Agenda 2030″.

Ricordate: questi obiettivi devono essere raggiunti a livello globale entro il 2030 e le nazioni membri devono assicurarsi che questi obiettivi non vengano compromessi. Questi sono solo alcuni degli obiettivi dell’Agenda 2030 e non comprendono altri accordi strategici firmati dai Paesi membri delle Nazioni Unite:

L’elenco dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e dei 169 Target

Garantire una significativa mobilitazione di risorse da diverse fonti, anche attraverso una maggiore cooperazione allo sviluppo, al fine di fornire mezzi adeguati e prevedibili ai Paesi in via di sviluppo, in particolare a quelli meno sviluppati, per attuare programmi e politiche volti a porre fine alla povertà in tutte le sue dimensioni.

Creare quadri politici solidi a livello nazionale, regionale e internazionale, basati su strategie di sviluppo a favore dei poveri e sensibili alle questioni di genere, per sostenere investimenti accelerati per azioni di sradicamento della povertà e di protezione a causa dei conflitti.

Correggere e prevenire le restrizioni e le distorsioni commerciali nei mercati agricoli mondiali, anche attraverso l’eliminazione parallela di tutte le forme di sussidi alle esportazioni agricole e di tutte le misure di esportazione con effetto equivalente, in conformità con il mandato del Doha Development Round.

Adottare misure per garantire il corretto funzionamento dei mercati delle materie prime alimentari e dei loro derivati e facilitare un accesso immediato alle informazioni di mercato, anche per quanto riguarda le riserve alimentari, al fine di contribuire a limitare l’estrema volatilità dei prezzi alimentari.

Entro il 2030, garantire l’accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva, anche per la pianificazione familiare, l’informazione e l’educazione, e l’integrazione della salute riproduttiva nelle strategie e nei programmi nazionali.

Raggiungere la copertura sanitaria universale, compresa la protezione dai rischi finanziari, l’accesso a servizi sanitari essenziali di qualità e l’accesso a farmaci e vaccini essenziali sicuri, efficaci, di qualità e a prezzi accessibili per tutti.

Sostenere la ricerca e lo sviluppo di vaccini e farmaci per le malattie trasmissibili e non trasmissibili che colpiscono principalmente i Paesi in via di sviluppo, fornire l’accesso a farmaci e vaccini essenziali a prezzi accessibili, in conformità con la Dichiarazione di Doha sull’Accordo TRIPS e la salute pubblica, che afferma il diritto dei Paesi in via di sviluppo di utilizzare appieno le disposizioni dell’Accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio in materia di flessibilità per proteggere la salute pubblica e, in particolare, fornire l’accesso ai farmaci per tutti.

Entro il 2030, garantire che tutte le ragazze e i ragazzi completino un’istruzione primaria e secondaria gratuita, equa e di qualità, che porti a risultati di apprendimento pertinenti ed efficaci per l’Obiettivo 4.

Entro il 2030, garantire a tutte le donne e a tutti gli uomini parità di accesso a un’istruzione tecnica, professionale e terziaria di qualità e a prezzi accessibili, compresa l’università.

Entro il 2030, garantire che tutti gli studenti acquisiscano le conoscenze e le competenze necessarie per promuovere lo sviluppo sostenibile, anche attraverso l’educazione allo sviluppo sostenibile e a stili di vita sostenibili, ai diritti umani, all’uguaglianza di genere, alla promozione di una cultura della pace e della non violenza, alla cittadinanza globale e alla valorizzazione della diversità culturale e del contributo della cultura allo sviluppo sostenibile.

Garantire l’accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva e ai diritti riproduttivi, come concordato in conformità con il Programma d’azione della Conferenza internazionale sulla popolazione e lo sviluppo e la Piattaforma d’azione di Pechino e i documenti finali delle loro conferenze di revisione.

Entro il 2030, raggiungere la piena e proficua occupazione e un lavoro dignitoso per tutte le donne e gli uomini, compresi i giovani e le persone con disabilità, e la parità di retribuzione per un lavoro di pari valore (nota dell’ autore – sì, questo significa un’economia di comando – ergo il comunismo).

Garantire le pari opportunità e ridurre le disuguaglianze nei risultati, anche eliminando le leggi, le politiche e le pratiche discriminatorie e promuovendo leggi, politiche e azioni adeguate a questo proposito.

Adottare politiche, soprattutto fiscali, salariali e di protezione sociale, e raggiungere progressivamente una maggiore uguaglianza.

Migliorare la regolamentazione e il monitoraggio dei mercati e delle istituzioni finanziarie globali e rafforzare l’attuazione di tali regolamenti.

Facilitare una migrazione e una mobilità ordinata, sicura, regolare e responsabile delle persone, anche attraverso l’attuazione di politiche migratorie pianificate e ben gestite.

Entro il 2030, garantire a tutti l’accesso ad alloggi adeguati, sicuri ed economici e ai servizi di base e riqualificare le baraccopoli.

Entro il 2030, garantire a tutti l’accesso a sistemi di trasporto sicuri, economici, accessibili e sostenibili, migliorando la sicurezza stradale, in particolare attraverso l’espansione del trasporto pubblico, con particolare attenzione alle esigenze di coloro che si trovano in situazioni di vulnerabilità, donne, bambini, persone con disabilità e anziani.

Entro il 2030, migliorare l’urbanizzazione inclusiva e sostenibile e la capacità di pianificazione e gestione partecipativa, integrata e sostenibile degli insediamenti umani in tutti i Paesi.

Sostenere legami economici, sociali e ambientali positivi tra aree urbane, periurbane e rurali, rafforzando la pianificazione dello sviluppo nazionale e regionale.

Entro il 2030, aumentare in modo sostanziale il numero di città e insediamenti umani che adottano e attuano politiche e piani integrati per l’inclusione, l’efficienza delle risorse, la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico,

Razionalizzare i sussidi inefficaci ai combustibili fossili che incoraggiano il consumo dispendioso, eliminando le distorsioni del mercato, in conformità con le circostanze nazionali, anche ristrutturando la tassazione ed eliminando gradualmente tali sussidi dannosi, laddove esistenti, in modo da riflettere il loro impatto ambientale, tenendo pienamente conto delle esigenze e delle condizioni specifiche dei Paesi in via di sviluppo e riducendo al minimo i possibili impatti negativi sul loro sviluppo, in modo da proteggere i poveri e le comunità colpite.

I Paesi sviluppati devono attuare pienamente i loro impegni di assistenza ufficiale allo sviluppo, compreso l’impegno di molti Paesi sviluppati a raggiungere l’obiettivo dello 0,7% dell’APS/RNL per i Paesi in via di sviluppo e dello 0,15-0,20% dell’APS/RNL per i Paesi meno sviluppati I fornitori di APS sono incoraggiati a considerare l’obiettivo di fornire almeno lo 0,20% dell’APS/RNL ai Paesi meno sviluppati.

Sviluppare istituzioni efficaci, responsabili e trasparenti a tutti i livelli.

Garantire un processo decisionale reattivo, inclusivo, partecipativo e rappresentativo a tutti i livelli.

Ampliare e rafforzare la partecipazione dei Paesi in via di sviluppo alle istituzioni della governance globale.

Entro il 2030, fornire un’identità legale a tutti, compresa la registrazione delle nascite.

Ora, molti di questi sono obiettivi legittimi – MA per una nazione, non come governo mondiale.

L’ONU ha oltrepassato il limite.

https://rwmalonemd.substack.com/p/if-you-control-the-food-supply-you?utm_source=%2Fprofile%2F49176289-robert-w-malone-md-ms&utm_medium=reader2

LA ROCKEFELLER FOUNDATION “PREVIDE” LA SCARSITA DI CIBO GIÀ DUE ANNI FA – E CHIEDE LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA ALIMENTARE

LA GRANDE IMPORTANZA DELL’ONU NELLA DIFFUSIONE DELL’AGW

ROCKEFELLER – “RIVOLUZIONE DEFINITIVA” – “RIVOLUZIONE FINALE”

ROCKEFELLER SI FACEVA L’ARCA DI NOÈ. COSA CI NASCONDE?

I TENTACOLI DEL POTERE DEI ROCKEFELLER: LE RIVELAZIONI DI AARON RUSSO 

Pubblicato sul sito web: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Sempre più vicini all’orlo di una guerra nucleare con la Russia

CO2 – una copertura per la povertà forzata e il minor consumo di energia

NASA: ha scelto di lasciare che la bufala del riscaldamento globale causata dall’uomo persista e si

La comunità scientifica del clima continua a fingere

COSA ACCADE NEI NOSTRI CIELI? - GIORGIO PATTERA

Un buco aperto nella matrice economica – siate felici. Va tutto bene

L’OZONO POTREBBE INDEBOLIRE UNO DEI PIÙ IMPORTANTI MECCANISMI DELLA TERRA

Una nuova classe globale che modella il nostro futuro comune in base ai propri interessi

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 21: LA VERITÀ NON DETTA SUI TAMPONI NASALI

Gli umani non sono sovrappopolati - Stiamo invecchiando e diminuendo

Li chiamano effetti collaterali - quando sapevano che sarebbe successo ... Essi sapevano che questo

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...