martedì 14 settembre 2021

Occhio per Occhio


Nuovo film: Il complotto ebraico per uccidere la Germania avvelenando le forniture d'acqua (ora C-O-V-I-D?)
 
 
Via RT Mosca
Un nuovo film, Plan A, ricrea come un gruppo di ebrei complottò poco dopo la fine della seconda guerra mondiale per uccidere milioni di tedeschi per vendicare l'Olocausto. Ecco l'incredibile storia vera dietro di esso.
La vendetta, si dice, è un piatto che va servito freddo. Ma nel 1945, un gruppo di ebrei sopravvissuti all'Olocausto complottò una vasta e orribile vendetta alimentata da un bruciante senso di ingiustizia e odio.

Prendendo spunto dall'antico editto "occhio per occhio", il gruppo, noto come Nakam o "i Vendicatori", progettò di uccidere sei milioni di cittadini tedeschi avvelenando le loro riserve d'acqua - un atto di omicidio di massa che, se avesse riuscito, avrebbe potuto porre fine allo stato di Israele prima ancora che fosse stato creato.

Un nuovo  film, 'Plan A', è un racconto drammatico di questa trama, utilizzando una miscela di personaggi reali e immaginari, ma molto 'basato su una storia vera'. Una storia davvero notevole che fino a pochi anni fa è stata sottovalutata, una situazione che ha sbalordito i registi del film, i fratelli Yoav e Doron Paz.

"Mi ha fatto impazzire perché crescendo in Israele, non abbiamo mai sentito queste storie", mi dice Yoav Paz. “Penso che ci siano un paio di ragioni. Uno è che, per molti anni, gli stessi Vendicatori non hanno voluto parlarne. Sapevano come suona oggi, quanto suona orribile per le persone. Poi 10 anni fa o giù di lì hanno iniziato. Penso che abbiano sentito il bisogno di parlarne prima di morire”.

Prima di arrivare al cuore della trama, è meglio impostare la scena.

Quando la seconda guerra mondiale finì e i campi di concentramento nazisti furono svuotati, gli ebrei d'Europa, meno i sei milioni che erano stati assassinati, non furono magicamente riportati alle loro vite precedenti. La loro proprietà era stata loro sottratta e i beneficiari di questo furto erano restii a rinunciare ai loro guadagni illeciti.

Nemmeno il diffuso antisemitismo in tutta Europa che aveva alimentato e facilitato l'ascesa di Hitler era scomparso. Scampati all'inferno, arrivarono solo fino al purgatorio.

La sete di vendetta era comune, ma lo erano anche la stanchezza e la debolezza provocate dalle atrocità. Alcuni di coloro che speravano di andare avanti, letteralmente e psicologicamente, viaggiarono in una Palestina pre-israeliana, allora chiamata Palestina Mandataria e sotto il dominio britannico, sebbene questo viaggio non fosse disponibile per tutti. Molti hanno tentato di ricostruire la propria vita in Europa o in Nord America.

Ma per alcuni ebrei la vendetta era d'obbligo.

Sebbene gli uomini ebrei avessero combattuto per varie nazioni alleate durante la guerra, non avevano avuto una loro forza definibile fino alla sua conclusione, quando la  Brigata Ebraica  era stata costituita come parte dell'esercito britannico.

Guidata da ufficiali sia ebrei che non ebrei - e con molti soldati della Palestina mandataria che erano rimasti relativamente al riparo dagli orrori - la brigata vide poca azione in prima linea, ma un piccolo numero al suo interno sviluppò una reputazione di punizione spietata.

Cominciarono a giustiziare sommariamente i soldati tedeschi catturati, in particolare quelli delle SS. Hanno poi inflitto la stessa punizione, anche dopo la guerra, ai civili, sempre per lo più ex SS, che hanno ritenuto colpevoli di crimini di guerra. Paz e suo fratello ne parlano all'inizio del film, incluso un raccapricciante montaggio di uomini e donne dall'aspetto ordinario che vengono spediti con un solo proiettile alla testa.

"La Brigata Ebraica [nel film] è molto accurata", dice. Questi soldati israeliani, che erano forti, senza paura, niente come gli ebrei che sono sopravvissuti all'Olocausto fisicamente e mentalmente. Sono venuti in Europa negli ultimi giorni della guerra, quindi non hanno avuto nessun vero combattimento. Quindi un piccolo gruppo segreto – penso che fosse 200 o forse un po' di più – ha intrapreso queste operazioni.

Hanno compiuto operazioni segrete di notte sul confine austriaco, soprattutto, e nel nord Italia. Stavano dando la caccia ai criminali di guerra, controllando due volte le informazioni: hanno ottenuto alcune informazioni dall'intelligence britannica, alcune delle proprie. Potresti avere un intero programma televisivo solo sulla Brigata Ebraica” .

Possiamo vedere la brigata come seduta in un punto particolare su uno "spettro di vendetta". Giovani uomini, molti dei quali scoprivano solo ora gli atti appena concepibili compiuti contro gli esseri umani semplicemente per la loro religione, che si sentivano impotenti per non aver potuto combattere contro i colpevoli fino a quando tutto non fosse finito. Volevano giustizia contro coloro che potevano essere provati – con loro soddisfazione – colpevoli.

Per i Vendicatori, però, tutti i tedeschi erano colpevoli. Nel migliore dei casi avevano cospirato o rispettato probabilmente il regime più vile nella storia dell'umanità. Chiudere un occhio sull'Olocausto non era una difesa.

"Ho visto negli occhi di coloro che sono stati giustiziati, che chiedevano vendetta", ha detto Yehuda Maimon, un sopravvissuto ad Auschwitz polacco e Vendicatore, al documentario di Channel 4, Holocaust: The Revenge Plot, nel 2017. "Non l'ho fatto bisogno di filosofare, la vendetta era un mio diritto fondamentale”.

Il loro terribile piano è stato ordito. Piani, in realtà: il piano A era di avvelenare l'approvvigionamento idrico, uccidendo milioni di persone. Sei milioni speravano. Occhio per occhio. Il piano B era di avvelenare migliaia di ex soldati delle SS tenuti prigionieri nei campi di prigionia statunitensi. Dirette dal quartier generale di Nakam a Parigi, le cellule in tutta la Germania hanno iniziato a lavorare sulla prima.

"Ho pensato, proprio come hanno ucciso i nostri figli, noi possiamo uccidere i loro", ha detto Maimon.

Il loro capo, il poeta e combattente della resistenza Abba Kovner, una delle poche persone reali ritratte nel 'Piano A', si rivolse alla Brigata Ebraica per chiedere aiuto, ma fu respinto. Non solo la loro versione della giustizia era vista come troppo brutale, ma erano in corso trattative internazionali per formare uno stato ebraico in cui questo popolo oppresso, perseguitato e massacrato potesse vivere al sicuro: un atto di ferocia su questa scala, molti credevano, avrebbe potuto porre fine a questo conversazione.

Nakam scelse Norimberga come obiettivo a causa del suo famigerato ruolo nell'ascesa del nazismo e della sede dei processi del dopoguerra che, a loro avviso, erano di dimensioni insufficienti. I realizzatori hanno scelto di basare il loro film in città, non solo per questi motivi, ma perché è qui che il gruppo si è avvicinato di più al raggiungimento del suo obiettivo.

"Abbiamo deciso di concentrarci sulla cellula di Norimberga perché hanno approfondito il piano",  afferma Paz.  "Avevano persone che lavoravano sotto copertura nel sistema idrico e nel sistema fognario, aspettando solo che arrivasse il veleno".

Il piano ovviamente fallì: nemmeno il governo più censorio riuscì a tenere la morte di sei milioni di persone dai libri di storia. Kovner, che aveva ottenuto del veleno nella Palestina obbligatoria, ma solo quanto basta per il Piano B, fu arrestato dagli inglesi mentre tornava in Europa. Ha gettato metà del veleno in mare e l'altra metà è stata portata a Parigi da un amico.

Il piano A è stato evitato, quindi si sono trasferiti al piano B e questo è stato realizzato.

I suoi obiettivi erano molto più specifici e, secondo alcuni, più giusti. L'attenzione si è rivolta ai campi di prigionia che ospitano i prigionieri delle SS vicino alle celle di Nakam a Norimberga e Dachau. Queste cellule sono state mantenute attive, con tutti gli altri membri di Nakam messi in standby.

Il piano era quello di servire letteralmente la vendetta come piatto freddo, aggiungendo veleno alle pagnotte di pane che sarebbero state date in pasto solo ai prigionieri. Poiché Kovner aveva perso metà del veleno che aveva ottenuto nella Palestina obbligatoria, non ce n'era abbastanza nemmeno per questo sforzo ridotto e così a Parigi fu sviluppata una tossina insapore e inodore a base di arsenico.

La missione di Dachau è stata interrotta dopo che è emerso che i membri della cellula erano ricercati dalla polizia. Tuttavia, il 13 aprile 1946, i membri di Nakam che avevano trovato lavoro nella panetteria che riforniva il campo di prigionia Stalag 13 a Langwasser, vicino a Norimberga, riuscirono a infettare 2.283 prigionieri tedeschi tramite 3.000 pani prima di fuggire in Cecoslovacchia con l'aiuto di Maimon.

In un'altra svolta a questa storia, non sono stati segnalati decessi, cosa che non è mai stata adeguatamente spiegata. In effetti, un rapporto statunitense declassificato recentemente trovato dall'Associated Press ha mostrato che c'era abbastanza arsenico nel campo per uccidere 60.000 uomini.

"Alcuni [dei Vendicatori] hanno detto di essere riusciti a uccidere i criminali di guerra, ma le forze americane lo hanno tenuto nascosto perché non volevano suscitare il panico", dice Paz. “Ma gli storici sono ancora divisi su questo argomento. Alcuni dicono che ci sono riusciti in piccole quantità, altri dicono che non ci sono riusciti affatto. Ma quando abbiamo parlato con [gli ex membri di Nakam] tutti hanno detto che fino ad oggi si sentivano dispiaciuti che il piano B non fosse efficace. Perché per loro il Piano B è pura, pura giustizia. Erano tutti soldati delle SS, soldati nazisti che avrebbero dovuto morire. Per quanto riguarda il piano A, è molto più complicato».

Quella complessità ha causato disaccordo tra i membri di Nakam in quel momento. Molti hanno rinunciato alla scala del Piano A, pensando che fosse troppo assetato di sangue un atto di vendetta, anche per qualcosa di disumano e impensabile come l'Olocausto. Alcuni, però, non hanno avuto scrupoli.

Nel 2016, Joseph Harmatz, allora di 91 anni e uno dei pochi Vendicatori sopravvissuti, ha  parlato  con l'Associated Press delle trame – le sue parole suggeriscono che potrebbe ancora rimpiangere il fallimento di entrambe le missioni.

"Non volevamo tornare [a pre-dichiarare Israele] senza aver fatto qualcosa, ed è per questo che eravamo entusiasti",  ha detto.  "Non abbiamo capito perché non dovrebbe essere rimborsato."

Alla domanda su quale fosse la missione del gruppo, Harmatz, che ha perso la maggior parte della sua famiglia nell'Olocausto e ha fatto parte dell'avvelenamento di Norimberga, ha risposto: " Uccidi i tedeschi... Il maggior numero possibile ".

Maimom ha parlato anche con AP. Poi, all'età di 92 anni, anche lui non si sentiva in colpa.

"Era imperativo formare questo gruppo",  ha detto.  “Se sono orgoglioso di qualcosa è che appartenevo a questo gruppo. Dio non voglia se dopo la guerra fossimo tornati alla routine senza pensare a ripagare quei bastardi. Sarebbe stato terribile non rispondere a quegli animali”.

Dovremmo essere felici che la loro storia sia uno dei "e se", almeno quando si trattava del Piano A. Il popolo dell'Israele moderno, dove Harmatz è venuto a vivere, dovrebbe essere particolarmente sollevato. Paz crede che se il piano fosse riuscito, il paese quasi certamente non esisterebbe nella sua forma attuale.

"Penso che [il piano A] sia stato orribile"  , dice.  “Penso che sia stata una cosa terribile. L'ONU ha reso Israele un paese a causa di ciò che le persone hanno passato, a causa dell'Olocausto, perché hanno capito che abbiamo bisogno di un posto sicuro per noi stessi. Penso che se anche centinaia o migliaia di bambini e famiglie tedeschi innocenti fossero stati persi a causa di questa operazione, avrebbe potuto mettere a repentaglio tutto. Penso che avrebbe avvelenato le fondamenta di questo stato».

Le autorità tedesche hanno indagato su Harmatz e Leipke Distal, che lavoravano sotto copertura nella panetteria, dopo aver rivelato le loro azioni nelle interviste per un documentario del 1995. Comprensibilmente, i funzionari non erano desiderosi di perseguire i sopravvissuti all'Olocausto per aver cercato di vendicarsi dei nazisti e hanno deciso di non sporgere denuncia a causa delle " circostanze straordinarie ".

Quindi, come ricordare i Vendicatori? Come giudicare uomini e donne morti quando nessuno è stato giudicato in tribunale? Alcuni li considerano terroristi, altri eroi; la maggior parte avrà punti di vista da qualche parte tra questi due estremi.

Una discussione sul fatto che i loro obiettivi e metodi fossero giustificabili o comprensibili è un labirinto morale. La vendetta non è solo un istinto, ma ha costituito la base della punizione legale per millenni - anche se non è sempre "occhio per occhio", dovremmo pagare per i nostri crimini. L'omicidio, tuttavia, è sempre difficile da giustificare, anche quello degli stessi assassini.

Quello che cerchiamo di lanciare al pubblico è: 'Se fossi nei panni di queste persone, se perdessi tutto, quale potere ti controllerebbe?' "dice Paz. “Sarebbe il potere di ricominciare da capo, di andare avanti con la tua vita, o il potere che ti affonderà? La vendetta è una cosa viziosa e guida ancora il mondo intorno a noi.

Anche nell'Israele moderno di oggi, questi circoli viziosi tra Israele ei palestinesi, dove ciascuna parte non può andare avanti perché l'altra parte ha fatto questo o quello. Lo puoi trovare in tutte le aree di conflitto, che le persone sfortunatamente non possono dimenticare il passato e non possono andare avanti perché la vendetta è una cosa così primaria.

Harmatz, nel documentario di Channel 4, spiega perfettamente questa trappola, ricordandoci che è impossibile per nessuno di noi, come dice Paz, mettersi nei panni di queste persone. Parlando dell'Olocausto, di aver assistito agli omicidi di uomini, donne, bambini e neonati, di dover seppellire i loro corpi mutilati, ha detto:

Quando l'hai visto con i tuoi occhi, allora ti invade così profondamente che, anche se vuoi liberartene, non puoi liberartene.”

 
PLAN A | UK Trailer | 2021 | WWII Thriller | Starring August Diehl
 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Il punto cieco delle catene intorno alle nostre menti

Se vuoi la vera libertà, vivi come un leone, lotta per la verità e crea la tua realtà.

Sopravvivere al morso del serpente

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...