mercoledì 8 settembre 2021

Psico-Potere-Biopotere: Una calcolata gestione della vita

Psycho-Power - "Conformità dell'automa" e "Libertà" in un mondo post-C-O-V-I-D

(corsivo mio: ti potrebbe interessare il breve video a fondo pagina)

di Kingsley Dennis
Nuova Alba

dal sito web:  NewDawnMagazine

Traduzione in lingua spagnola 'in preparazione'...

Una riconfigurazione del potere è in lavorazione da un po' di tempo e sta ora emergendo rapidamente come parte di a complesso istituzionalizzato medico-politico-economico che chiamerò "biopotere". Fonte

Il ruolo del biopotere dal secolo scorso in poi ha rappresentato un passaggio a forme di 'potere disciplinare' sulle persone, come ho discusso in precedenti articoli di New Dawn.1  

Il passaggio all'industrializzazione necessitava di una forma di disciplina corporea per adattare i lavoratori al modo di produzione macchinico.

Ora che le società moderne di tutto il mondo stanno passando dalla vita industriale a quella digitale, il potere non è più solo sul "corpo docile" ma intra-corpo - la vita cellulare genetica e programmabile - così come la vita cosciente di una persona.

 

Il potere disciplinare consisteva nell'addestrare il corpo, sottoponendolo a esercitazioni e regole.

Tuttavia, ora il controllo sul "corpo docile" viene ampliato per includere il controllo sulla "psiche docile" - per raggiungere, influenzare e guidare la psiche della popolazione.

Portato dalla "pandemia" di C-O-V-I-D-1-9 e infettando i governi di tutto il mondo, questo nuovo regno del biopotere cerca di assicurarsi il suo dominio attraverso una combinazione di un controllo attentamente controllato,

  • "amministrazione degli organi"
  • una calcolata "gestione della vita"
  • una persistente "programmazione della coscienza"...2
Nelle parole di Jose Delgado, professore di neurofisiologia alla Yale University e famoso ricercatore di controllo mentale : 
ci stiamo spostando in una società psico-civile ...3

Nello psico-potere , l'essere umano è il sito bersaglio, compresi i suoi modelli di pensiero conscio e inconscio.

Per inquadrare la vita umana sotto un regno di biopotere globale, le autorità statali devono anche rendere la vita cosciente sotto il suo dominio.

Il contenuto della mente di un individuo è un altro aspetto della nostra esistenza e, come tale, anch'esso rientra nella giurisdizione dello Stato. Per tutta la vita umana nata in questo mondo, lo Stato assume automaticamente il potere di dettare il pensiero cosciente di quella nuova vita.

 

Ciò significa non solo controllo esterno sul corpo di un individuo, ma anche tecniche per interiorizzare questo controllo, sia,
  • mentalmente (condizionamento, programmazione)
  • biologicamente (cura sanitaria, v-a-c-c-i-n-a-zione, ecc.)
Mentre il regno del biopotere continua a svilupparsi, la situazione può essere sempre più gestita in modo che ogni persona sia limitata nel modo in cui prende le decisioni sulla salute .

 

Mi riferisco a questo come a una forma di psico-potere che, in linea con l' agenda del biopotere , cerca il dominio sui regni esterni e interni attraverso la retorica (o il doppio discorso) di affermare di rappresentare il potere del benessere .

 

Il risultato sarà meno 'benessere' e più controllo dell'essere umano ...

 

Il processo stesso di come determiniamo il benessere umano è al centro di ciò che sta accadendo. 

 

Nuova "realtà di consenso" 

Propongo che il biopotere si stia trasformando in,

un sistema di controllo per la coscienza umana...
L'attuale "stato di emergenza" biologico sta costringendo le persone, su scala globale, ad accettare idee precedentemente inimmaginabili al punto in cui la psiche umana viene messa alla prova fino ai suoi limiti.

 

Una nuova narrativa viene stabilita e seminata nella coscienza umana di massa.

 

Questa nuova "realtà del consenso" imposta al mondo tenta di colonizzare i nostri sensi privati. Propaga una nuova affinità condivisa di pensiero condizionato. Eppure, questo è più probabile che causi dissonanza che coesione.

 

La questione della libertà, in particolare della libertà di pensiero, sta ora facendo emergere le proprie forme di costrizione e generando nuove forme di coercizione.

 

Il filosofo tedesco-coreano Byung-Chul Han ha affermato questa nuova forma di potere, emergente dal capitalismo post-industriale,
è psico-politica...


Byung-Chul Han

 

Sotto la psicopolitica, coloro che sono governati pensano di agire liberamente, ma in realtà agiscono secondo le direttive dei governanti.

 

L'apparente libertà dell'individuo viene sfruttata in quanto attentamente guidata - spinta - a fare le scelte giuste attraverso un preciso controllo della psiche. A nostra volta, riportiamo la nostra frustrazione su noi stessi.


Come osserva Han, le persone sono meno soggette alla rivolta quando sono depresse:
"Malattie psichiche come la depressione e il burnout esprimono una profonda crisi di libertà. Rappresentano segni patologici che la libertàsi sta ora trasformando in molteplici forme di coercizione".4

Le attuali forme di biopotere non interferiscono apertamente con la psiche umana in modo sistemico, ma hanno preparato le basi per la neonata biologia del controllo per ottenere influenza sull'intra-spazio della psiche umana.

Nuove forme di governo moderno, messe in atto proprio ora, gestiranno e sfrutteranno una tecnologia di dominio "psico-potere".

Quello a cui stiamo assistendo, e Han è d'accordo, è, 

l'emergere di una nuova forma di psicogoverno...

 

Governance imposta non solo dai tradizionali organismi statali, ma anche attraverso lo sfruttamento della tecnologia per influenzare la mente umana e il modo in cui le persone pensano.
Questo sistema utilizzerà le tecnologie digitali e l'architettura di sorveglianza digitale come mezzo di controllo dominante e pervasivo.

Inoltre, lo psico-potere non riguarda il controllo del passato, ma la manipolazione della memoria in modo che il presente possa essere forgiato di nuovo.
La nuova realtà del consenso sta già cancellando la storia pre-pandemia.

 

Possiamo percepire che questo sta già accadendo...

Il mondo, pre-2020, ora sembra un'età passata. È sorprendente quante persone si siano prontamente abituate alla "nuova normalità" con le sue norme sulla biosicurezza.

Un altro punto è che all'interno del nuovo regime di biopotere, le emozioni sono attivamente incoraggiate e spesso deliberatamente mirate e intensificate.

Ciò è in contraddizione con le precedenti società disciplinari in cui le emozioni erano considerate distrazioni dal funzionamento ordinato e meccanico.

 

La "Quarta Rivoluzione Industriale (4IR)", come la chiama il World Economic Forum, riguarda una nuova funzionalità:
un tabellone di gioco gestito digitalmente di interruzione, diversione e coinvolgimento simultanei.
Come parte di questo maggiore coinvolgimento emotivo, vengono promosse alcune "tecnologie del sé". 
 
'Auto-ottimizzazione' nel 4IR 
 
Con sempre più persone che lavorano da casa, possiamo solo immaginare come le pratiche di 'auto-ottimizzazione' verranno smerciate ancora più di prima.
Questi possono includere ritiri motivazionali online, workshop di gestione digitale, seminari sulla personalità di Zoom, ecc.

 

Tutto progettato e spinto per far funzionare le persone in modo più efficiente all'interno del sistema, come un ingranaggio in una macchina.
All'interno di un tale sistema, i punti deboli vengono presi di mira e "lavorati" per aumentare "l'efficienza e le prestazioni".

Faremmo bene a ricordare che il "buon sé" non è lo stesso che vivere la "bella vita".

 

È più probabile che con il nuovo sistema di psico-potere, il "buon sé" sarà sfruttato nell'"Industria della Coscienza" sempre più allineata alle imprese.

 

Essere nutriti con una dieta accuratamente formulata di insegnamenti del "pensiero positivo" può effettivamente distrarre una persona da un esame interiore più profondo e autodiretto.
Saranno forgiate tecniche sofisticate di "auto-ottimizzazione" per manipolare le persone per un impegno e una partecipazione ottimali nel nuovo consenso , piuttosto che il suo opposto dell'auto-potenziamento per l'emancipazione e la sovranità individuali.
Come osserva Han, "lavorare" costantemente su se stessi, come per l'industria del miglioramento personale, può diventare una nuova forma di etica del lavoro:
"Ora, invece di cercare i peccati, si danno la caccia ai pensieri negativi".5
Il filosofo italiano Franco Berardi prende una posizione ancora più forte.
Nella sua prospettiva, sta sorgendo un nuovo fascismo mentre le persone vengono sussunte nel proprio panico e in una "rabbia depressiva di impotenza" psicologica.6

 

La volontà di potenza un tempo prevalente, dice, è stata ora sostituita dalla rabbia impotente.
Berardi vede nella dipendenza e nel disorientamento psicofarmacologico il nuovo sconforto, una forma di confusa passività in mezzo al caos mentale, all'interno della quale alberga un impotente desiderio di vendetta.

 

È un segno di dolorosa ironia che in un'epoca di impotenza, come la chiama Berardi, la fertilità umana stia rapidamente declinando e sembri destinata a diminuire ulteriormente.

 

Mentre la morsa dello psico-potere continua a imprimere nuovi modelli sul pensiero umano, questa "rabbia impotente" alimenta una nascente architettura sociale delle "non libertà" umane.

 

Nonlibertà e (In)Sicurezza

 

Con i blocchi del 2020 che proseguono nel 2021, molte persone trovano molto difficile sopportare il confinamento forzato nelle loro case, tagliato fuori dagli impegni sociali e dalle reti.

 

Ha causato grande disagio personale e disagio psicologico poiché le persone erano precedentemente abituate a quella che consideravano una vita di "libertà" e svago.

 

Quello che ora sta emergendo è che molte persone nutrono paure inconsce sui rischi della libertà... 

Erich Fromm (1900-1980)

 

Il filosofo e psicologo sociale di origine tedesca Erich Fromm ha trascorso gran parte della sua vita cercando di comprendere la libertà in relazione alla condizione umana.

 

Fromm ha postulato che una lotta per la libertà è,
una dinamica tra il mondo interiore di un individuo e le istituzioni e i sistemi esterni.
Sotto la prevalente "pandemia" di paure personali di isolamento sociale e incertezza, le persone hanno rinunciato volontariamente alle libertà e hanno autorizzato agenzie esterne.

 

Alla fine, questo porta le persone a diventare strumenti nelle mani di poteri esterni a loro.
L'alternativa è cercare una forma di indipendenza basata sulla fiducia personale e sul credo.

 

Tuttavia, questa forma di fiducia in se stessi è costantemente minata dalle istituzioni nel mondo moderno.
Fromm dice che quando gli individui cercano di diventare più indipendenti e autosufficienti, diventano anche più isolati dai sistemi sociali, il che crea paura dell'isolamento.

 

Allo stesso modo, la nuova realtà del consenso sta tentando di rafforzare una dipendenza dai sistemi esterni - attraverso la paura del virus - la biosicurezza.

Questa dipendenza è o forzata innescando le paure delle persone (attraverso narrazioni di rischio accresciute) o rafforzata attraverso regimi di biopotere e strategie di psico-potere.

Fromm ha notato che siamo affascinati dal potere esercitato al di fuori di noi stessi, eppure siamo accecati dalla condizione della nostra moderazione interiore sotto forma di compulsioni e paure.

Queste condizioni individuali e sociali determinano la soppressione della vita umana e la sua tendenza al controllo e alla gestione.

suggerisco che,

sotto forme governative e statali di psico-potere c'è un'agenda per manipolare le paure delle persone sui rischi della libertà...
Le persone sono più inclini a rivolgersi a sistemi autoritari per fornire una "libertà sicura", specialmente all'interno dell'ambiente elevato dei rischi di biosicurezza.

 

Nel suo Fear of Freedom, Fromm propone che la nostra innata, spesso non riconosciuta, paura della libertà personale e dell'autonomia personale si traduca nei seguenti meccanismi di fuga:

Conformità dell'automa:

cambiare il proprio sé ideale per conformarsi a una percezione del tipo di personalità preferito dalla società e perdere il proprio vero sé nel processo; La conformità dell'automa sposta l'onere della scelta dal sé alla società.

Autoritarismo:

dare il controllo di sé all'altro. Sottomettendo la propria libertà a qualcun altro, questo atto rimuove quasi del tutto la libertà di scelta.


Distruttività:

qualsiasi processo che tenti di eliminare gli altri o il mondo nel suo insieme, tutto per sfuggire alla libertà.7

Fromm vedeva che le persone si rivolgevano alle dipendenze esterne come un modo per salvarsi dall'essere schiacciate dalle loro paure non elaborate. Scrisse:
"Poiché ci siamo liberati delle più antiche forme palesi di autorità, non vediamo che siamo diventati preda di un nuovo tipo di autorità.

 

Siamo diventati automi che vivono nell'illusione di essere individui volenterosi." 8

Questo "nuovo tipo di autorità", per operare sotto lo psico-potere, è una forma insidiosa di potere che entra letteralmente nella testa delle persone e dà loro l'"illusione di essere individui volenterosi".
Sotto questo nuovo regime, le persone obbediscono volentieri e si mettono sotto il controllo esterno.

 

La maggior parte delle persone "crede" di essere già libera, in quanto "individui volenterosi", ma in realtà si adegua alla narrativa del consenso della società.
Questo è ciò che Fromm chiamava conformità dell'automa , che alla fine porta alla condizione dell'autoritarismo .

L'unica altra alternativa è la distruttività - una rabbia per eliminare gli altri o il mondo.

Sotto lo psico-potere , gli esseri umani devono essere costantemente ricordati che sono aperti ad attacchi - il rischio di infezione - in qualsiasi momento.

Chiunque interiorizzi le emozioni della paura derivata risponderà più volentieri a una "minaccia" percepita, anche in assenza di una minaccia genuina.

 

Tale comportamento è autogestito - programmato internamente - e precisamente ciò che lo psico-potere cerca.
Oggi il potere non si esercita più solo attraverso la facciata delle istituzioni politiche:
si è spostato nello spazio extraterritoriale oltre i confini, le nazioni, le leggi, la visibilità e la responsabilità.
Sotto il nuovo regime di psico-potere, l'unica forma di sicurezza è l' inclusione.

Escludendoti dai sistemi generali di gestione sociale, porti un rischio maggiore su te stesso e sui tuoi cari.

L'inclusione e l' esclusione sono fattori significativi nello psico-potere . Come per le epidemie, esiste una divisione tra "infetti" (esclusi) e "sani" (inclusi).

Ciò sarà messo in atto con l'imminente introduzione di pass sanitari e passaporti per i vaccini .
La programmazione psicologica dei media mainstream genera la necessaria paura dell'esclusione dalla sicurezza sanitaria sponsorizzata dallo stato (biosicurezza).

 

L'ingegnosità dello psico-potere sarà probabilmente la sua produzione di "ansia da sicurezza" (che gioca sulle paure delle persone) in cui la mentalità pubblica collettiva è ulteriormente condizionata da sentimenti di insicurezza, rafforzati dalla ripetizione incessante dei politici e dei media.
L'insicurezza genera una maggiore sicurezza dello stato: un ciclo che si autoavvera.

 

Lo stato di essere in sicurezza (insicuro) richiede la nostra volontà di obbedienza.
Erich Fromm è stato preveggente nel riconoscere che un potere enormemente influente, quasi segreto, viene esercitato su tutta la società che condiziona i nostri modi di pensare e il modo in cui percepiamo la realtà.
Oggi mi riferisco a quel potere "quasi segreto" come espressione di psico-potere.
Il pericolo del momento è che molte persone continuano a vivere nell'illusione di pensare di essere individui volenterosi.

 

Nonostante questo stato di cose, ogni individuo ha davvero l'agenzia personale e il potere della sovranità.

 

Ma possiamo percepire la verità del nostro potere solo se ci districhiamo dalla nuova realtà di consenso emergente che incorpora biopotere, biosicurezza e crescenti narrazioni di non libertà...

 

Note a piè di pagina
1. Biopoder nell'era del 'Gran Reinicio'

2. Il nuovo regno del biopotere - L'ascesa della biologia del controllo

3. Jose Delgado - Controllo fisico della mente: verso una società psicocivilizzata - 1969

4. Byung-Chul Han - Psico-politica - Neoliberismo e nuove tecnologie del potere - Verso, 2017,2

5. Ibidem, 30

6. Franco Berardi - La seconda venuta - Polity Press, 2019, 11

7. Erich Fromm - La paura della libertà - Routledge e Kegan Paul, 1960

8. Ibid., 177

Pubblicato sul sito web: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_greatreset40.htm

*******************************

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Sempre più vicini all’orlo di una guerra nucleare con la Russia

CO2 – una copertura per la povertà forzata e il minor consumo di energia

NASA: ha scelto di lasciare che la bufala del riscaldamento globale causata dall’uomo persista e si

La comunità scientifica del clima continua a fingere

COSA ACCADE NEI NOSTRI CIELI? - GIORGIO PATTERA

Un buco aperto nella matrice economica – siate felici. Va tutto bene

L’OZONO POTREBBE INDEBOLIRE UNO DEI PIÙ IMPORTANTI MECCANISMI DELLA TERRA

Una nuova classe globale che modella il nostro futuro comune in base ai propri interessi

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 21: LA VERITÀ NON DETTA SUI TAMPONI NASALI

Gli umani non sono sovrappopolati - Stiamo invecchiando e diminuendo

Li chiamano effetti collaterali - quando sapevano che sarebbe successo ... Essi sapevano che questo

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...