Sperimentazioni di geoingegneria: gli effetti disastrosi sono reali

sabato 31 gennaio 2015

scienza & co-scienza

La coscienza è un'illusione?
 "DICOTOMIA"
"Il Taglio attraverso la disinformazione sulla coscienza è vitale: perché le neuroscienze si stanno muovendo verso una società controllata mentalmente, basata sull'idea che abbia una consapevolezza individuale, è un'illusione, è lo stimolo-risposta la chiave per plasmare una nuova collettività di cervelli sincronizzati 'felici'." (La metropolitana, Jon Rappoport)
In una nota di una storica lettera: Circa un secolo fa, la scienza, costituita da scienziati e filosofi, ha attaccato la religione organizzata, ha fatto delle presunte "regole" per regolamentare tutta la conoscenza, per il bene dell'umanità.

Oggi, i loro discendenti, credono ancora nella dicotomia semplicistica tra religione e scienza:

Se la scienza non riesce a rispondere a una domanda metafisica, dobbiamo solo aspettare un po' perché lo faccia; altrimenti, saremo rigettati nuovamente dentro l'oppio della religione, come se nulla fosse mai accaduto. Questa è una sciocchezza.

Questo approccio è fittizio e/o spazzatura. La religione o la scienza, come le uniche due scelte, è una frode.
 

Ecco una di quelle questioni metafisiche:

Che cos'è la coscienza?

La scienza non ha fatto nulla per spiegarlo. ci ha ballato e speculato sopra, ha dato delle rassicurazioni, ma spiegarlo? No!

Qui sotto riportato virgolettato, un famoso biologo affronta a testa alta la domanda:

"Se uno stato di coscienza straordinario inspiegabile avviene a seguito di un tessuto nervoso, è altrettanto inspiegabile come la comparsa del Genio quando Aladino strofinò la lampada". (Thomas Henry Huxley)
E qui sotto sempre virgolettato, un filosofo moderno si ritira nella posizione convenzionale sulla base di prove uguali a zero:
"In primo luogo, la coscienza è un fenomeno biologico. Noi pensiamo ed agiamo sulla convinzione che la coscienza sia parte della nostra ordinaria storia biologica, insieme alla digestione, la crescita, la mitosi e meiosi ... gli stati di coscienza sono causati dai processi neurobiologici a livelli inferiori nel cervello anche se sono essi stessi elementi di livello superiore del cervello. "(John R Searle , professore di filosofia, Università di California a Berkeley)
I processi biologici inferiori in qualche modo "danno origine" a "processi biologici più alti," atti così a produrre coscienza.

Questo è quanto di più convincente, è come giocarsi la data di nascita alla lotteria.

«Be', vedete, abbiamo imparato molto sulle funzioni biologiche più basse, come si impara di più sulle funzioni superiori, scopriremo cosa sia la coscienza."
Davvero? Questa è la logica di una formica è una navicella spaziale.

Huxley ci dice cosa implica la coscienza, la coscienza è un diverso tipo di realtà; Non è solo un atomo che urtandosi forma strutture.

Ad esempio, un fatto sulla coscienza è che ora stai leggendo questa pagina. Non è certamente come sputare molecole di messaggi per "poter leggere questa pagina."

La coscienza è sapere che sei vivo. Non è il cervello che in qualche modo produce le parole per dirti che "sei vivo."

La coscienza non è un'illusione. L'illusione è il supporre che il cervello non sa nulla.

I fisici ammettono che le particelle atomiche e subatomiche non sanno nulla. E poiché il cervello è costituito tali particelle, non vi è alcun motivo di ritenere che il cervello abbia la capacità di conoscere. Il fatto è che un sistema dentro altri sistemi funziona in un modo di più ampio respiro.

Sul fatto che stai leggendo questa pagina non è dovuto al fatto che il cervello ha ricevuto un messaggio. E' diverso. Non è riducibile. Non è qualcosa che si può rompere in piccoli pezzi. Lo sai che sei vivo.

Il fatto che la coscienza agisce sulla conoscenza della consapevolezza, non è un fatto fisico. È un non fisico. Non è fatta di particelle. E' al di là di loro. E' indipendente.

La coscienza non è un argomento di studio in un dipartimento di filosofia o di una materia fisica o di biologia o una facoltà di chimica. Essa non rientra in nessuna categoria.

La coscienza è un'illusione? No! L'illusione è fingere che lo sia "il cervello." L'illusione è la vendita di un futuro in cui tutta l'esistenza sarà controllata dalla scienza. L'illusione è aspettarsi "una civiltà migliore" in cui tutti i cervelli saranno "armonizzati".

Se la coscienza è un'illusione, allora la libertà è eccessiva. Se la coscienza è solo l'atomo del cervello in movimento per fornire impulsi predeterminati, allora la libertà è una bufala.

Sotto la superficie, questo è ciò che le neuroscienze propongono. "Sì, gli umani credono in una concezione di singolare libertà, ma sappiamo che è ridicolo. Non vi è nulla di simile. Sono semplicemente particelle in movimento ... "

Se dovessimo prendere il principio della vita come la rappresentazione delle particelle in movimento ... allora non c'è un te, non c'è un voi, non c'è un me, non vi è nessuno. Non c'è individuo, non c'è un gruppo. Tutto ciò che c'è è pura illusione. Questa è la conclusione inevitabile della fisica presa nella sua più ampia applicazione.

E' quindi la giustificazione per manipolare il cervello in qualsiasi modo, poiché "in casa non c'è nessuno", quale è la differenza? La differenza è vanificare una sinapsi qui, ricollegare una connessione lì, dosare un'area del cervello con un farmaco, stimolare quei neuroni con impulsi elettromagnetici ... e portare le persone ad una gradevole obbedienza.

Ci sono molte persone istruite che si rifiutano di comprendere la religione organizzata e hanno fatto sì che la scienza sia una fede senza fondo portandola alla tirannia. Essi non hanno la fantasia e la curiosità di esplorare altre alternative.

Link


http://ningishzidda.altervista.org/

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page