lunedì 20 dicembre 2021

I Titani della Tecnologia si stanno unendo per capovolgere le strutture finanziarie e di governance

Gli improbabili rivoluzionari che vogliono "riavviare" Internet

I membri dell'élite tecnologica si stanno unendo per riportare il Web alle sue origini idealistiche. Chiamano la loro visione "Web3".

Internet non è andato come avrebbe dovuto.

Nella sua prima incarnazione, prima che nascessero alcuni lettori del Wall Street Journal e il resto aveva meno abbonamenti digitali a rinnovo automatico, avrebbe dovuto essere distribuito, controllato dagli utenti e, in una parola, democratico.

Poi è arrivata la Big Tech e la conseguente centralizzazione, profitti inaspettati, guerre culturali, campagne di disinformazione, udienze del Congresso, sentenze UE, battaglie antitrust e tecnonazionalismo che hanno caratterizzato l'ultimo decennio.

E se ci fosse un altro modo?

E se, per fare solo un esempio, gli utenti dei social network li possedessero collettivamente, o almeno potessero votare su come sono stati gestiti e che tipo di discorso hanno permesso? E se domande simili potessero essere poste a qualsiasi azienda tecnologica il cui prodotto principale è software e servizi, siano essi finanziari, cloud computing o anche legati all'intrattenimento?

Queste sono le domande che si stanno ponendo investitori, ingegneri e non pochi tech dreamer con gli occhi stellati, tra cui ex Twitter L'amministratore delegato Jack Dorsey, il cui interesse per queste domande aiuta a spiegare la sua improvvisa partenza da Twitter.

Le risposte stanno assumendo la forma di servizi e app che sono i primi contorni di ciò che i loro creatori sperano un giorno divorerà completamente Internet: un "Web 3.0" o "Web3" distribuito e governato democraticamente che sorgerà come una fenice dell'era degli anni '1990 L'idealismo del Web 1.0 dalle ceneri del Web 2.0 controllato dalle multinazionali in cui tutti noi attualmente abitiamo.

Ecco l'idea di base: le nuove tecnologie come la blockchain offrono l'opportunità di allentare la morsa centralizzata che aziende e governi hanno su tutto, dalle piattaforme Internet alla proprietà intellettuale, alla creazione e distribuzione di denaro. Queste tecnologie operano diffondendo la responsabilità o la proprietà tra un gruppo di utenti, che, ad esempio, utilizzano la propria potenza di calcolo per fabbricare elettronicamente, o "estrarre", criptovaluta o registrare transazioni per l'arte digitale.

Queste tecnologie rappresentano un'evoluzione della criptovaluta oltre il bitcoin, che alcune comunità crittografiche ora deridono come mero "oro digitale". Oltre al valore monetario, i "token" che compongono questi sistemi sono anche codificati con informazioni che hanno qualche altro uso, che si tratti dell'appartenenza a un club, del diritto di voto su come si comporta un'azienda o anche solo di dati.

Le blockchain che stanno alla base di tutto questo sono solo registri di informazioni archiviate su molti computer diversi contemporaneamente. Ciò consente a qualsiasi blockchain di resistere al controllo di un governo o di una società e consente alle persone di scambiare token su quella blockchain in modo sicuro e trasparente.

Questo futuro, una seconda possibilità di utilizzare la tecnologia per capovolgere le tradizionali strutture di potere, viene sbandierato da gente di ogni tipo dalla lingua argentea, dai venture capitalist agli oracoli da poltrona sui social media.

Altri vedono l'intera impresa come una perdita di tempo. Considerano il bitcoin una valuta fuori misura (e, secondo molti, completamente inutile) energia e impronta di carbonio. E vedono le criptovalute in generale come un classico, destinato a fallire tecnosoluzionismo (la convinzione che la tecnologia possa risolvere qualsiasi problema) Schema Ponzi spinto da imbonitori di spettacoli di medicina degli ultimi giorni desiderosi di uscire dai loro investimenti in titoli non regolamentati prima che il mercato crolli o che la Securities and Exchange Commission si occupi di regolamentarli.

Il signor Dorsey, no ciarlatano, è chiaramente nel campo dei credenti ed è, infatti, uno dei suoi membri più importanti. A luglio ha detto agli investitori che bitcoin sarebbe stato un gran parte del futuro di Twitter, e ad agosto ha twittato che avrebbe unito il mondo.

La sua partenza da Twitter riflette il fascino che Web3 ha per molti di coloro che fanno parte dell'élite tecnologica. Mr. Dorsey ora è a tempo pieno in Block, il nuovo nome che ha dato a Square, la sua società di pagamenti digitali, dove sta sostenendo con entusiasmo la criptovaluta.

Leggi la storia completa qui ...

Pubblicato su: https://it.technocracy.news/gli-improbabili-rivoluzionari-che-vogliono-riavviare-Internet/

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Sempre più vicini all’orlo di una guerra nucleare con la Russia

CO2 – una copertura per la povertà forzata e il minor consumo di energia

NASA: ha scelto di lasciare che la bufala del riscaldamento globale causata dall’uomo persista e si

La comunità scientifica del clima continua a fingere

COSA ACCADE NEI NOSTRI CIELI? - GIORGIO PATTERA

Un buco aperto nella matrice economica – siate felici. Va tutto bene

L’OZONO POTREBBE INDEBOLIRE UNO DEI PIÙ IMPORTANTI MECCANISMI DELLA TERRA

Una nuova classe globale che modella il nostro futuro comune in base ai propri interessi

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 21: LA VERITÀ NON DETTA SUI TAMPONI NASALI

Gli umani non sono sovrappopolati - Stiamo invecchiando e diminuendo

Li chiamano effetti collaterali - quando sapevano che sarebbe successo ... Essi sapevano che questo

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...