domenica 30 agosto 2020

Non c'è un "noi" per fare la svolta

Per gentile concessione di Kinoco.mm

The Matrix Revealed: L'esperimento collettivo sul pianeta Terra

di Jon Rappoport

Quando tutta la coscienza di gruppo ossessiva sulla Terra sarà finita, esausta, quando ammetterà la sconfitta, allora emergerà un'era diversa. Ma per ora, siamo nel bel mezzo dell'esperimento collettivo.

Sentimento stucchevole ad alta quota, profonda dipendenza dagli altri, repressione segreta: questi sono all'ordine del giorno.

Quanto manca alla fine dell'era collettiva? Cento anni? Millennio? La risposta è: finché ogni essere umano non si renderà conto che l'esperimento è fallito e perché.

Il perché è chiaro: l'individuo è stato trascurato. È stato umiliato. È stato preso e arruolato in gruppi. Il suo potere creativo è stato compromesso per adattarsi.

La maggior parte del mondo crede ancora in questo approccio, come se da buoni gruppi scaturissero le soluzioni ultime e finali che tutti abbiamo cercato.

Questo è puro controllo mentale, perché i buoni gruppi si trasformano in malvagi, e viceversa, nella rappresentazione teatrale in corso chiamata realtà.

Gli ideali sono distorti, gli infiltrati sovvertono i piani, le lezioni vengono ignorate e l'intero triste pasticcio si ripete di nuovo.

Ciò che costituiva un trionfo del bene sul male in un momento viene guidato in un altro collettivo, i cui obiettivi sono "un tipo migliore di controllo".

I più illusi tra noi credono che siamo sempre sull'orlo di una svolta finale.

Ma non c'è un "noi" per fare la svolta.

Si tratta di ogni persona da sola. E non arriva come la spinta di una forza esterna, ma dalla propria lotta, accompagnata da intuizioni per le quali non c'è un agente esterno che dia conferma.

Se davvero ci vorranno mille anni per portare a termine questa illusione collettiva, non è motivo di reazione scoraggiata.

Al contrario, è semplicemente una comprensione che tutti gli esperimenti hanno termine, così come il metodo di pensiero su cui si basano.

Uno o dieci o cento crolli di civiltà e la conseguente ricostruzione non sono sufficienti.

Lo schema dura.

Può dissolversi solo quando un numero schiacciante di individui, ciascuno a modo suo, in assenza di autoinganno, vede la sua bancarotta.

Il "noi" e il "noi" sono solo rinvii e storie di copertina schizzate sulle prime pagine della mente.

Combattere per ciò che è giusto, qui e ora, è vitale. Ma non preclude la consapevolezza che, finché le persone sono fissate sui gruppi come la Risposta, il problema sottostante persisterà.

Pertanto, come parte della mia ricerca negli ultimi decenni, ho esplorato quella che oggi viene comunemente chiamata Matrix, dal punto di vista della liberazione dell'individuo da essa.

Il primo passo è comprendere Matrix come una continua "opera d'arte" perversa e osservarne i dettagli.

Fonte:https://blog.nomorefakenews.com/
 
********************************** 

Ti potrebbero interessare:  





Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Niente più Cinema, tutto sarà in streaming – indipendentemente dal Covid o dai vaccini

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”
Leggi QUI L'articolo di imolaoggi.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...