Sperimentazioni di geoingegneria: gli effetti disastrosi sono reali

sabato 4 novembre 2017

L'oro della Francia e l'oro di Gheddafi

 

Sei anni fa oggi gli Stati Uniti hanno aiutato l'omicidio di Gheddafi ... per fermare la creazione della sostenuta moneta d'oro.

di Claire Bernish
20 ottobre 2017
dal sito web TheFreeThoughtProject
Sei anni fa oggi, l'Occidente ha usato e preso per se stesso la NATO per rovesciare il leader libico Muammar al-Gheddafi - non per minacce umanitarie ai civili come è stato ripetutamente detto - ma perché il suo pianificato piano era di immettere in tutta l'Africa una nuova valuta da utilizzare rappresentava una minaccia esistenziale palpabile alle banche centrali nel cuore del sistema finanziario e politico occidentale.

Lunga teorizzazione per essere il veicolo effettivo per la caduta di Gheddafi, il motivo monetario pan-africano basato sul dinaro d'oro, è venuto alla luce all'inizio del 2016 in una delle più di 3.000 email di Hillary Clinton rilasciate dal Dipartimento di Stato, convenientemente con la vacanza del nuovo anno per abbattere l'indignazione o ripercussioni.
Ma l'oltraggio va ancora oltre:
un sacco di false imposture sono state condotte nell'ulteriore rovesciamento del regime di Gheddafi che avrebbero dovuto ledere la fiducia del pubblico per motivi geopolitici dell'Occidente, come l'esempio primario di confluire in un conflitto inutile ogni volta che una nazione minaccia di ottenere un'elevata indipendenza.
Nel marzo 2011, in mezzo alla ribellione della Primavera araba, il caos è avvenuto nella seconda città più grande della Libia, Benghazi - e l'Occidente e i suoi alleati rapidamente capitalizzarono su questi eventi per partecipare ad una vera e propria falsa ribellione.
Citando una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per invocare una zona di non volo sopra Libia per "proteggere i civili"
  • gli Stati Uniti
  • UK
  • Francia,
... e altri hanno iniziato una campagna di bombardamento il 19 marzo - in realtà, ovviamente, quella protezione era del monopolio della banca centrale e, in particolare, degli interessi finanziari della Francia nella regione storicamente coloniale-francese.
"Lo stiamo facendo per proteggere la popolazione civile dalla follia assassina di un regime che, sta uccidendo il proprio popolo, e che ha perso tutta la legittimità", La violenza del presidente francese Nicolas Sarkozy, ha giocato un ruolo fondamentale nella morte definitiva di Gheddafi.
"Il colonnello Gheddafi ha fatto succedere questo: ha mentito alla comunità internazionale ... Continua a brutalizzare il proprio popolo", ha affermato anche il primo ministro britannico David Cameron.
"Non possiamo permettere che il massacro dei civili continui".
Come capo del Dipartimento di Stato americano, Hillary Clinton intonava la narrazione scritta, annunciando l'intervento in Libia come la necessità di,
"proteggere i civili e fornire l'accesso all'assistenza umanitaria".
Negli anni che avevano portato alla decisione di rovesciare il governo libico, Gheddafi aveva apportato modifiche alla storia del terrorismo della nazione, accettando anche di abbandonare e smantellare i suoi programmi di armi chimiche e nucleari.

Infatti, Gheddafi ha così migliorato la reputazione della Libia, gli Stati Uniti hanno rimosso la nazione dai suoi sponsor statali del terrorismo nel 2006.

Ma tutto ciò non era servito a niente una volta che Gheddafi cercò di centralizzare le banche africanei per il bene di milioni di persone in Africa.

Nel memo di cui sopra rilasciato dal Dipartimento di Stato, Clinton confidante di lunga data di Sidney Blumenthal scrisse al segretario di Stato il 2 aprile 2011, sotto il titolo "l'oro della Francia e l'oro di Gheddafi", su pertinenti e numerose preoccupazioni riguardo all'assedio in corso in Libia.

Sembrava che Blumenthal avesse sconfitto Gheddafi e che sarebbe stato un compito più ingombrante di quello originariamente immaginato, in parte perché il leader aveva "risorse finanziarie quasi senza fondi per continuare indefinitamente" a combattere la NATO e le forze alleate.

Blumenthal ha scritto:
"Il 2 aprile 2011 le fonti con accesso ai consulenti di Saif al-Islam Qaddafi hanno affermato con la massima fiducia che mentre il congelamento dei conti bancari stranieri di Libia presenta a Muammar Gheddafi sfide gravi, la sua capacità di dotare e mantenere le sue forze armate e servizi di intelligence resta intatto.
Secondo le informazioni sensibili a disposizione di questi individui, il governo di Gheddafi deteneva 143 tonnellate di oro e una somma simile in argento.
Durante la fine di marzo del 2011 questi titoli furono trasferiti a SABHA (sud-ovest in direzione del confine libico con il Niger e il Ciad); titirato dalle volte della banca centrale libica di Tripoli".
Infatti, l'estensione della minaccia per i monopoli finanziari centrali dell'Occidente dalla moneta d'oro puro, è fatta incredibilmente chiara come continua il memorandum ormai noto:
"Questo oro è stato accumulato prima della ribellione attuale ed era destinato ad essere utilizzato per stabilire una moneta pan-africana basata sul dinaro d'oro libico.
Questo piano è stato progettato per fornire, i paesi francofoni africani con un'alternativa al franco francese (CFA) ".
Fonte di commento:
Secondo gli esperti, questa quantità di oro e argento è valutata a più di 7 miliardi di dollari.
Gli ufficiali francesi dell'intelligence hanno scoperto questo piano poco dopo l'inizio dell'attuale ribellione e questo è stato uno dei fattori che hanno influenzato la decisione del presidente Nicolas Sarkozy di impegnare la Francia nell'attacco contro la Libia".
Quelle fonti non nominate citarono cinque importanti punti di preoccupazione per Sarkozy sul piano innovativo di Gheddafi per sfuggire al controllo occidentale:
  • Un desiderio di guadagnare una quota maggiore della produzione di petrolio
  • Aumentare l'influenza francese in Nord Africa,
  • Migliorare la sua situazione politica interna in Francia,
  • Fornire ai militari francesi l'opportunità di riaffermare la propria posizione nel mondo,
  • Affrontare la preoccupazione dei suoi consiglieri sui piani a lungo termine di Gheddafi per abbandonare la Francia come potenza dominante nella francofona Africa.
In quello che si potrebbe meglio descrivere una lettera scoraggiante - considerando gli eventi che seguirono - Gheddafi, ignorante della trama, ha scritto una lettera il 6 aprile al presidente Obama chiedendo di porre fine agli attacchi aerei condotti dalla NATO sulla Libia.
Affrontando il presidente come un "nostro figlio", riferendosi al genetico patrimonio africano di Obama, il leader si è imbattuto in uno scritto [insolite ortografie e originali errori]:
"Siamo stati feriti più moralmente che fisicamente a causa di ciò che è successo contro di noi in entrambi gli atti e le parole dette da voi. Nonostante tutto questo sarai sempre nostro figlio qualunque cosa succeda.
Abbiamo ancora la speranza che tu continui ad essere il presidente degli Stati Uniti. Siamo speranzosi che tu possa guadagnare la vittoria nella nuova campagna elettorale.
Sei un uomo che ha abbastanza coraggio per annullare un'azione sbagliata".
Gheddafi ha aggiunto che,
"per motivi di cooperazione economica e di sicurezza contro il terrorismo, sei in grado di mantenere la NATO fuori dalla vicenda libica per il bene comune.
Come sapete troppo bene, la democrazia e la costruzione della società civile non possono essere raggiunti per mezzo di missili e aerei, né sostenendo un membro armato di Al Qaeda a Benghazi".
Ma il suo motivo - come è stato inviato pochi giorni prima del bombardamento, in cui Gheddafi ha insistito -
"anche se Libia e gli Stati Uniti entreranno in guerra, Dio non voglia, sarai sempre mio figlio" - ma purtroppo è caduto su orecchie intenzionalmente sorde.
Il 20 ottobre 2011, Gaddafi tentò invano di fuggire dalla città di Sirte, e la Libia è scesa in gran parte sotto il controllo ribelle e della NATO, sostenuto alla fine del mese da un occidentale.

La reazione deplorevolmente spietata di Hillary Clinton,
"Siamo venuti, abbiamo visto, ed è morto", ha dichiarato in un'intervista poco dopo l'omicidio vergognoso di Gheddafi.



Come al solito, gli Stati Uniti e le loro controparti occidentali hanno lasciato il paese ai propri dispositivi dopo aver tagliato la nazione prosperosa.
"Oggi non esiste un governo Libico: sono semplicemente una massa che pattugliano le strade e si uccidono l'un l'altro", ha detto il senatore dello sato della Virginia, Richard Black alla RT per il disordine lasciato indietro.
E nonostante tutto, prima del colpo di stato in Libia,
"I libici hanno un livello di vita incredibilmente elevato, il più alto in Africa", ha dichiarato RT all'avvocato internazionale Francis Boyle.

"Quando sono andato in Libia nel 1986 sono rimasto sorpreso dal potere delle donne. Quello che ho visto in Libia era che le donne potrebbero fare tutto quello che volevano".
Tragicamente, come è ripetutamente detto, intorno al pianeta, qualsiasi nazione - non importa quanto funzionale e di successo sia - sarà annichilita dall'impero americano se ha o che i suoi alleati abbiano ragione sufficiente.
  
Come ha notato il senatore Black - come potrebbe essere di qualsiasi nazione simile:
"Volevamo assolutamente spazzare e schiacciare la loro civiltà".

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page