martedì 26 novembre 2013

“telegeodinamica”


L’uomo potrebbe modificare la massa di questo pianeta, controllare le stagioni, modificare la sua distanza dal sole, guidarlo sul suo viaggio eterno lungo ogni percorso che decida di scegliere, attraverso la profondità dell’universo.

Potrebbe portare in collisione i pianeti, potrebbe creare i soli e le stelle, il suo calore e la luce, potrebbe originare la vita in tutte le sue forme infinite. Generare, a suo piacimento, la nascita e la morte della materia sarebbe il più grande atto dell’uomo che gli darebbe il dominio della creazione fisica, rendendo possibile la realizzazione del suo fine ultimo.
 



“L’uomo può riuscire a dividere in due i continenti, 
senza esplosioni o guerre”.

 È quello che disse Nikola Tesla, elaborando la teoria della “telegeodinamica” dopo aver scoperto le onde terrestri stazionarie. Nel 1896, infatti, Tesla accidentalmente provocò un terremoto nella Città di New York usando un piccolo oscillatore meccanico, dal suo laboratorio di Houston Street.

Quando l’oscillatore ricevette il segnale di ritorno di un sisma longitudinale o un’onda d’energia sonora, aggiunse nuova forza al ritorno, e dopo alcuni minuti quest’onda era cresciuta a livello tale che le forze oscillatorie crearono dei piccoli terremoti locali. 





La Terra poteva essere dunque usata come un conduttore che risponde a vibrazioni elettriche, e questa scoperta può essere applicata nello studio della prevenzione dei terremoti e maremoti, o per provocarli e dunque come un’arma catastrofica. Infatti, nel 2002 il Segretario americano alla difesa ammise che esistono tecnologie per alterare il clima e scatenare terremoti ed eruzioni vulcaniche utilizzando delle onde elettromagnetiche. Il messaggio che volle dare era chiaro, ossia che i mezzi tecnologici per far questo esistono e si servono dell’energia nucleare, mediante la quale possono creare la sufficiente energia per l’onda d’urto.

Un colpo ben assestato ad una regione terrestre geologicamente predisposta, può generare un cataclisma. I terremoti sono legati allo scivolamento delle placche tettoniche che si trovano lungo faglie, per cui un’onda di energia che colpisce strati profondi del suolo, potrebbe sortire lo stesso effetto, creando, come fece un secolo fa Tesla, dei terremoti artificiali. 




Sono stati costruiti a tal fine negli anni settanta degli enormi generatori a compressione di flusso, “Pamir”, che potevano essere installati su un grosso camion. Questo sistema “permetteva di trasmettere delle forti correnti elettriche nel suolo” e ufficialmente è stato presentato come un sistema di analisi, su grandi distanze ed a gran profondità, della conduttività elettrica del suolo. Considerando che una variazione di questa conduttività segnala l’imminenza di un terremoto, poteva essere un valido strumento per poterli provocare i terremoti.

I Pamir permettono di trasportare le onde elettromagnetiche a gran profondità; è azionato al suo centro un esplosivo chimico che interagisce con un potente solenoide ad alto potenziale magnetico. L’energia sprigionata dall’esplosione di partenza alimenta il generatore Pamir.

Alcuni militari-geofisici possono così localizzare nel mondo, nei territori potenzialmente “ostili” o indisciplinati, delle “regioni sensibili” in cui un intervento mirato potrebbe scatenare un sisma devastatore. Per scatenare il sisma basta allora modificare per riscaldamento la natura del campo magnetico nel punto che trattiene la faglia e ne impedisce lo scivolamento.

È composto da quattro elementi identici, dette camere di combustione, affiancati per formare una batteria, da dei dispositivi circolari, che sono dei solenoidi, e da quattro razzi a combustibile solido, che formano il “generatore di plasma”. In meno di cinque secondi si raggiungono temperature di combustione elevatissime, superiori ai 3000°-3900°, e le camere di combustione lanciano un flusso non visibile direttamente nell’atmosfera. I solenoidi sono dei veri e propri generatori elettrici, hanno delle resistenze circolari che prendono l’energia creata dall’esplosione e producono un campo magnetico.

Vengono scavati, con sistemi di trivellamento installati sugli stessi camion, dei pozzi verticali sulle cui pareti vengono applicati dei cavi in ferro che faranno da elettrodi per scaricare la tensione elettrica. La scarica viene trasmessa su una falda orizzontale in corrispondenza di uno strato di acqua. Il passaggio della corrente vaporizza l’acqua e produce un effetto di sollevamento dello strato, che va a sbloccare le placche unite da una fessura verticale.

Lo scivolamento delle placche può allora propagarsi su grandi distanze, con un’onda di taglio, e scatenare un sisma. Lo stesso sistema viene utilizzato per smuovere il fondale marino, considerando che i razzi utilizzati a propellente solido funzionano molto bene nell’acqua e sotto pressione. Viene portata ad ebollizione l’acqua di un bacino acquifero, situato o sotto la superficie terrestre, o sotto il fondale oceanico, azionando un effetto “cric”, per poi far detonare al di sotto della faglia un ordigno nucleare.




Tali interventi sono molti ricorrenti nei pressi delle piattaforme petrolifere off shore o delle zone costiere, e vanno a creare una nuova forma di guerra in cui per indebolire un avversario vengono ricreati dei “fenomeni naturali”. Infine, bersaglio di queste operazioni sono anche i vulcani attivi, che hanno un meccanismo interno analogo a quello di un geyser: raggiunta una temperatura soglia tale da innalzare la pressione, avviene l’esplosione e la colata di magma.

Le microonde inviate su basse e frequenze, sono capaci di portare energia termica a grande profondità, scaldare il magma e rendere il sistema instabile, se è vicino al suo punto critico. Gravi tragedie hanno colpito l’umanità, eventi naturali che si traducono in catastrofi soprattutto perché spesso i più colpiti sono i paesi in via di sviluppo, o i poveri della terra: tsunami, terremoti, eruzioni, potrebbero nascondere qualcosa d’inquietante, ben più terribile del cambiamento climatico e dell’influsso della luna.

La biografia di Nicola Tesla QUI

Articolo correlato di Gianni Lannes QUI



5 commenti:

  1. Tesla era un grande genio e su questo non c'è dubbio, considerato da alcuni un pazzo visionario ma l'f:b:i: sequestrò tutto il suo lavoro subito dopo la sua "sospetta" morte ma volgio mettere il punto su questo, per sua ammissione "sognava" le sue invenzioni al punto che metteva giù il progetto già funzionante sulla carta e questa è una cosa che accomuna molti inventori a quei livelli ma quei sogni da dove venivano?
    Queste tecnologie credo siano esistite anche nel lontano passato e sono tecnologie di una potenza mostruosa oltre i limiti della nostra immaginazione.
    Tesla disse che aveva la potenzialità di far entrare in risonanza la terra al punto di spaccarla come una noce.
    Una potenza mostruosa in grado se usata con criterio di far avanzare l'umanità a livelli mai pensati ma per ora sono servite solo a distruggere.
    Veniamo tenuti in un medioevo tecnologico, quelle poche briciole che ci vengono elargite sono solo per renderci ebeti e controllarci.
    Se l'essere umano fosse consapevole a livello interiore di quanto ci viene negato ci sarebbe una rivolta globale ma forse è già successo in passato e allora........ Rien ne va plus.

    Ciao Wlady e complimenti per l'ottimo articolo.

    RispondiElimina
  2. Ciao Zak, grazie dell'immeritato complimento.

    Senza dubbio, Nicola Tesla è stato un "illuminato" nel vero senso della parola, che nulla a che vedere con le sette massoniche che lo hanno contrastato fino alla morte.

    Le tecnologie scippate agli scienziati come Tesla, sono sempre state panacea "Top Secret" dei servizi segreti lasciati in mano ai militari da parte delle lobbie finanziarie create ad ok per gestire e controllare il pianeta.

    L'essere umano è sempre stato "tenuto" inconsapevole, manipolato e schiavizzato, proprio per veicolarlo tramite la manipolazione delle religioni e della monarchia, oggi chiamata "politica" e "democrazia".

    Nessuna rivolta sarà possibile con il "divide et "impera", rivolta indirizzata solo da uno schiavo verso un altro schiavo unano; il passato con tutte le sue rivoluzioni pilotate è lì a confermarcelo che nulla si cambia ...

    Un caro saluto e grazie.
    wlaDY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti il meccanismo del divide et impera è ben conosciuto da chi ci comanda, ed è costantemente applicato per mantenere lo status quo e assopire le menti dei popoli...

      Comunque ha ragione zak, ottimo articolo wlady, sempre molto informato

      P.S. OT: i giornali annunciavano che questa mattina fosse il momento più adatto per vedere la cometa ISON e puntualmente il cielo era coperto di nubi... Caso?

      Elimina
    2. Grazie Cresh, della visita e dei complimenti immeritati, mi limito a leggere e condividere quello che è in linea con il mio pensiero.

      Oggi a Leonardo su rai 3, ha dato la notizia che non sarà molto visibile come la Halley; voglio comunque segnalare che da due sere in posizione ovest alle ore 18.39, c'è una stella? Luminosissima che non si era mai vista prima.

      Qui a Milano oggi e ieri non ci dono state nubi anzi, un sole abbastanza luminoso e, così anche la sera che mi ha permesso di vedere la luminosità di quella cosa che ancora non so definire se stella, cometa, pianeta, cometa.

      Ciao e grazie;
      wlady

      Elimina
    3. Grazie Wlady, domani ci guarderò, tempo permettendo ;)

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page