Intervista di Florinda Balli a Giuliana Conforto

domenica 24 novembre 2013

“Sentinelle Extraterrestri”

Planet X: Dark Star, la stella oscura si nasconde oltre la Nube di Oort 

Planet X: Dark Star, 
la stella oscura si nasconde oltre la Nube di Oort

La nube di Oort è una nube sferica di comete che si estenderebbe tra le 2.000 e le 5.000 UA fino ad arrivare alle 50.000 UA dal Sole. Altre stime collocano il confine della Nube di Oort tra le 100.000 e le 200.000 unità astronomiche. Questa nube non è mai stata osservata perché troppo lontana e buia perfino per i telescopi odierni, ma si ritiene che sia il luogo da cui provengono le comete di lungo periodo come la ISON, la Encke e tante altre che stanno girando all’interno del nostro sistema solare, sfiorando a volte il nostro pianeta. 



A cura di Dan Keying

I nostri occhi ricevono segnali visivi sprigionati dalle stelle sotto forma di costante brillìo che si irradia tra le buie profondità dello Spazio oscuro. Tale brillìo può diffondersi a tal punto da raggiungere immense distanze, ma gli occhi non vedranno mai le stelle nascoste nell’ombra delle tenebre.

E mentre dentro al Sistema Solare le comete e gli asteroidi aumentano di gran numero, i Guardiani Multidimensionali discendono dai mondi sensoriali e interagiscono col nostro mondo fisico. Essi lottano per contrastare le “Avanguardie” che avanzano tra i nostri cieli; minacciosi “precursori” inviati da un mostro distruttivo nascosto tra le inesplorate profondità della Nube di Oort. Un mostro di fuoco oscuro destinato a divenire il più terribile degli eventi che ciclicamente si abbattono sulla Terra.

Probabilmente l’umanità si troverà presto faccia a faccia con la più temibile delle Avanguardie che orbita attorno a questo “Colosso Oscuro”…il Pianeta X.

Ma questo rappresenterebbe soltanto l’inizio di un lungo ciclo di stravolgimenti.


 

Come detto sopra, la famosa nube di Oort è una nube sferica di comete, ovvero, viene ritenuta un serbatoio di comete e asteroidi che si estenderebbe tra le 2.000 e le 5.000 UA fino ad arrivare alle 50.000 UA dal Sole. Altre stime collocano il confine della Nube di Oort tra le 100.000 e le 200.000 unità astronomiche. Questa nube non è mai stata osservata perché troppo lontana e buia perfino per i telescopi odierni, ma si ritiene che sia il luogo da cui provengono le comete di lungo periodo.

Dentro questa immensa nube, composta da innumerevoli oggetti cosmici, si aggira qualcosa di imponente e spaventoso. Un corpo spaziale enorme, la cui identità “sembra” essere sconosciuta. Non sappiamo ancora quanto questo “ipotetico” corpo planetario possa essere distante da noi, ma potrebbe trattarsi della stella compagna binaria del Sole. Il nostro Sistema Solare potrebbe infatti far parte di un sistema stellare binario, o comunque di un sistema multiplo. Le informazioni a riguardo sono scarse e quelle inoppugnabili vengono tenute al sicuro sotto il velo della segretezza. E’ da considerarsi quindi una grande fortuna conoscere quel “poco” che negli ultimi 30 anni di ricerche è trapelato, arrivando sino a noi come un puzzle scomposto.


 

Si pensa che anche le altre stelle abbiano una nube di Oort e che i bordi esterni delle nubi di due stelle vicine possano a volte sovrapporsi, causando un’occasionale “intrusione” cometaria. E’ veramente affascinante come tutti i pianeti dell’Universo, appartenenti al nostro Piano Fisico, incontrino molti ostacoli simili tra loro e che subiscano importanti periodi di rinnovi ciclici collegati ai moti orbitali dei propri sistemi planetari e stellari.

L’ipotesi di un Sistema Stellare Triplo 

Accantoniamo momentaneamente la teoria di un possibile sistema stellare binario, composto quindi dal nostro Sole e dalla sua stella compagna, per addentrarci nel vivo di un’altra possibile realtà: quella di un sistema stellare triplo, nel quale il Sole si troverebbe a condividere lo stesso comune centro di massa (baricentro) con una seconda stella. Queste due stelle, il Sole (nana gialla) e una “ipotetica” nana bruna, percorrerebbero le loro orbite attorno al baricentro del sistema in un periodo piuttosto distante tra loro. Una terza stella, forse un’altra nana bruna o anche una nana rossa, potrebbe essere gravitazionalmente legata a questo sistema compiendo un’orbita attorno alle due stelle. Un paragone, che ne semplificherebbe di certo la visione, potremmo farlo con Alfa Centauri.



Alfa Centauri è un sistema stellare triplo situato nella costellazione australe del Centauro. È la stella più luminosa della costellazione, nonché terza stella più brillante del cielo notturno a occhio nudo, dopo Sirio e Canopo. È anche il sistema stellare più vicino al Sistema Solare, in quanto ne dista 4,365 anni luce. In particolare Proxima Centauri, delle tre stelle che compongono il sistema, è in assoluto, dopo il Sole, la stella più vicina alla Terra.

Il sistema di α Centauri è costituito da una coppia di stelle di sequenza principale di simile luminosità, una nana gialla e una nana arancione molto vicine fra loro, al punto che a occhio nudo o con un piccolo binocolo sembrano essere un’unica stella. In aggiunta a queste se ne trova una terza, una nana rossa molto più distante e meno luminosa, chiamata Proxima Centauri, la quale compie un’orbita molto ampia attorno alla coppia principale.

Proxima Centauri (spesso chiamata anche solo Proxima) è la debolissima nana rossa che si trova a circa 12.000 o 13.000 UA dal sistema α Centauri AB, equivalente a 0,12 anni luce o 1,94 bilioni di km (circa il 5% della distanza fra il Sole e la coppia α Centauri AB). Proxima appare gravitazionalmente legata al sistema AB, compiendo un’orbita attorno alle due stelle in un periodo compreso fra 100.000 e 500.000 anni; tuttavia, è anche possibile che Proxima possa essere non legata e che si muova lungo una traiettoria iperbolica attorno al sistema AB. L’evidenza principale di un’orbita legata è che sembra difficile che l’associazione fra Proxima e le due stelle principali possa essere accidentale, dato che mostrano circa lo stesso moto proprio attraverso lo spazio. In teoria, secondo alcuni studiosi, Proxima potrebbe lasciare il sistema fra alcuni milioni di anni. Comunque resta ancora da chiarire se Proxima e α siano realmente legate gravitazionalmente.
 

Cambiamenti nel Sistema Solare 

Le piogge meteoriche che arrivano ad entrare nell’atmosfera terrestre e il passaggio costante di comete all’interno del nostro sistema, evidenziano un chiaro mutamento gravitazionale appartenente a forze che spingono questi detriti rocciosi e ghiacciati nelle zone a ridosso della Terra…proprio come fu rappresentato nel crop circle di Santena, apparso il 17 Giugno 2012. I “Guardiani” provenienti da mondi sensoriali sono costantemente presenti nel nostro piano fisico e ne abbiamo avuto prova in tantissime occasioni. Di certo il più incredibile è stato l’intervento, da “Loro” effettuato, sul grosso meteorite caduto in Russia il 15 Febbraio 2013. Un dato di fatto inconfutabile.


 

Non possiamo immaginare quanti asteroidi vengano deviati da parte di queste “Sentinelle Extraterrestri” anche in zone più distanti al di fuori dell’atmosfera terrestre. Sicuramente la “Loro” presenza è costante e sempre attiva, la dimostrazione è data anche dall’insistenza nell’essere onnipresenti attorno al Sole.

Uno dei casi più incredibili, ma estremamente reale, fu quello degli articoli riguardanti l’asteroide “Nibiru” (denominazione provvisoria che è tipico venire utilizzata dagli scienziati NASA, detta da loro, prima di assegnare una “sigla ufficiale” ad un corpo spaziale minaccioso appena scoperto). Questi articoli furono fatti scomparire quasi subito dopo la loro pubblicazione da tutti i giornali web (ricordiamo che uscirono su CNN, NBC, AlJazeera, ITN, BBC, NOS e altri, nel periodo di Novembre 2012) che ne divulgarono la notizia. Oltre agli articoli scomparve “ovviamente” l’intero asteroide minaccioso…ma vogliamo ribadirlo: la notizia non era assolutamente falsa; semplicemente (probabilmente) quell’asteroide fu fatto “sparire” proprio dai Guardiani Extraterrestri.

L’asteroide “Nibiru” era a tutti gli effetti un corpo roccioso spaziale reale, che avrebbe di certo devastato una buona parte del pianeta Terra. La tensione che si percepiva leggendo le interviste rilasciate a quei giornali era reale, i nomi dei giornalisti e quelli degli scienziati intervistati erano reali, i contenuti scientifici e le “paure” della NASA erano reali. Una notizia che, visto la gravità, era sfuggita di mano alle agenzie governative, ma poi “ridimensionata” immediatamente e quindi fatta ritirare con decisione assoluta dagli “alti” stadi governativi Top Secret dopo (forse) aver ricevuto una “garanzia di difesa” offerta segretamente da esseri provenienti da altri mondi…?

Non vi è dubbio che “osservando Chi” da sempre ci osserva, possiamo trarre la conclusione che l’intervento di questi Guardiani Multidimensionali, nell’interagire col Sistema Solare e col nostro ecosistema, venga svolto per motivi di “prevenzione” in questo delicato momento; lo dimostra anche l’insistenza nei Loro costanti interventi sulle dinamiche termonucleari del Sole.

Qualcosa ci “perturba” sempre più, ma ancora non possiamo vedere esattamente di cosa si tratti. Il Sole sta attendendo un’Ombra Oscura, ovvero una stella oscura (Dark Star) che inevitabilmente farà presto ritorno. I Guardiani delle stelle aumentano la loro presenza nei nostri cieli, Essi conoscono gli eventi, da tempo ci avvertono, da sempre vegliano su di noi. I nostri occhi si accorgeranno presto di un nuovo brillìo nascere dal buio oscuro.

L’Avanguardia più imponente precederà il ritorno del Secondo Sole.

Scritto da Dan Keying

Per Segnidalcielo.it

2 commenti:

  1. Stamani alle 7 e 30 ho fotografato un pianeta ad oriente: non credo sia Marte né Venere. Sarà Nibiru?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Zret,
      gli indicatori sono tanti ormai, non vi è dubbio che il sole oltre ad essere nella fase dell'alternanza dei poli magnetici che si presentano ogni 11 anni, è disturbato da comete e meteore che si infrangono nella sua corona.

      Anche la Terra non è messa bene, vulcani che si risvegliano con tutta la loro potenza, asteroidi (piccoli per il momento) si infrangono nella nostra atmosfera (troppi direi) comete che ci passano a poca distanza.

      Questi sono tutti indicatori che qualcosa di terribile sta accadendo; antiche civiltà ce ne hanno parlato (Hopi, Sumeri, Egizi, Indiani, Maya, ecc.), inoltre i Crop Circle, sono li a testimoniare che qualcosa sta per accadere.

      Vaticano e N.A.S.A. senza dubbio sanno, solo noi ci ostiniamo ad essere scettici; non so se sia Nibiru con i suoi pianeti millenari, ma di sicuro Sitchin non mentiva nella traduzione delle tavolette sumeriche.

      L'ultima volta che gli dèi se ne sono andati dalla Terra era intorno al 560 a.C. la frase mitica la conosci "ce ne andiamo da questo posto", il posto era il Sancta Sanctorum del tempio di Gerusalemme, carri celesti si alzarono in volo, dove siano andati non lo sappiamo, la Luna? Marte? Nibiru? O altri satelliti dei pianeti del sistema solare?

      Facendo i conti da quando fece visita ANU alla terra 4000 a.C. e dopo 560 a.C. se è vero che questo gemello del Sole si fa vedere ogni 3600 anni, allora mancano ancora circa 1000 anni al suo arrivo.

      Ciao

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page