sabato 22 dicembre 2012

La festa delle ipocrisie (replay)

Un anno fa scrivevo questo articolo

cliccaci qui sotto per leggere:

La festa delle ipocrisie


Oggi abbiamo invece la dura realtà che ci ha fatto spalancare gli occhi, il mondo di cartapesta ci è crollato addosso, abbiamo perso il nostro punto fermo che è il lavoro e/o lavoro intermittente precario, come schiavi siamo diventati orfani del nostro padrone, il dio denaro, ciò nonostante, anche nella miseria più nera continuiamo a perpetrare il rito consumistico.
 
In questi tre giorni che vanno dal 19 al 22 dicembre (nonostante la fine del mondo), nelle metropoli come Milano è impossibile viaggiare sia in auto che con i mezzi pubblici, tutti stereotipati, schizzati, frenetici, pronti a dedicare l'ultimo centesimo rimasto per il rito che ad ogni costo bisogna comunque portare a termine.
 
I supermercati e centri commerciali presi d'assalto per comperare poche cose e/o alimentari per sollazzare almeno la gola e la pancia, come se negli altri giorni si è fatto un lungo digiuno panelliano, ecco allora che non potendo più acquistare beni inutili da regalare, ci si butta sulla mensa come se fossimo appena usciti da una guerra.
 
La guerra purtroppo c'è stata, tutti l'hanno provata sulla propria pelle, in questo anno caotico/politico c'è stato un ulteriore abbassamento dei diritti umani, pochi se ne sono accorti, molti danno la colpa a quel partito piuttosto che ad un altro, ma in realtà nessuno si è ancora reso conto del progetto diabolico e nefasto che si sta delineando a nostro danno.

Continuiamo pure con questo rito, dandoci delle giustificazioni come ad esempio: tutto possiamo toglierci ma ad un bambino non si può negare un regalino, oppure, ci hanno tolto tutto ma almeno un buon pranzo una volta all'anno non possiamo farcelo mancare.

E' con questi mezzi che ci hanno inculcato fin dalla nascita che hanno in mano i nostri C.....i, e fin dalla scuola materna che ci dicono come dobbiamo portare avanti questa becera liturgia, passando dalle leggi religiose che ci instradano per la via della schiavitù.

Noi non ascoltiamo il nostro cuore, ma come per osmosi irreversibile continuiamo a perpetrare riti che i veri pagani del passato resterebbero inorriditi.

Buone feste a tutti.

2 commenti:

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page