martedì 18 ottobre 2011

Enki nella Terra dei Morti

    

    E' impensabile credere che gli esseri umani un giorno avrebbero potuto pensare alla morte dei loro dèi. Questo perché gli è sempre stato inculcato una dipendenza di salvezza di qualche tipo, in modo tale che se avessero visto una cessata esistenza dei loro dèi, il popolo sarebbe rimasto in balia del vento del caos e del disordine.

    
Il processo continua ancora oggi: la matrice umana è generata con il complesso religioso che gli permette di vivere in tranquillità, mentre in realtà si ritrova in catene con limitazione estrema.

    
Ma gli dèi spariscono in qualche modo. Nel caso di Enki-Ea, si è trovata una  tavoletta sumera che descrive la sua scomparsa metaforica.

    
Parchi sostiene con forza l'analogia che collega il personaggio di Enki a Osiride, e usa questa analogia a "decodificare" questa tavoletta sumera, con l'aiuto dell'ideologia funeraria egiziana. Egli sottolinea inoltre che Enki-Osiride non è stato in realtà assassinato nel Kalam (Sumer) (che è il motivo per l'evento in cui non viene generalmente descritta su tavolette mesopotamiche), ma piuttosto a Kemet (Egitto). Parchi segue anche le tracce della sorella di Enki Ereškigal (indicata nelle tavolette mesopotamiche) e la sorella più giovane Ninanna (Inanna). Le loro ombre intessute ci conducono nelle profondità sotto la piana di Giza.

    
Enki e Osiride erano oggetti di culto mistico relativa alla stabilità dell'anima e resurrezione nei loro templi rispettivi. I sacerdoti usavano artefatti per dare l'illusione che essi vivevano eternamente.

   
I riti funerari sono stati numerosi in Egitto, perché la morte non è stata diffamata lì come è stata in Mesopotamia. La ritualizzazione del defunto, l'immagine di Osiride e Horus, trascende la morte di perpetuare il mito di Osiride e riequilibrate l'universo. La morte non era altro che uno stato al servizio della trasmutazione dell'anima.

    
Ma in Mesopotamia, la morte era terribilmente temuta. Per citare direttamente quello che potrebbe provocare. E così i Sumeri hanno preferito usare frasi come "lui/lei, è andato alla sua/il suo destino" o "la sua/il suo destino hanno preso lui/lei".

   
Parchi afferma che questa differenza è coerente con il fatto che l'Egitto era più ispirato dalle forze dette esseri "della luce" (Osiride-Enki/Kadištu), mentre la Mesopotamia fu sotto l'influenza di forze associate con "tenebre" 

(Seth-Enlil/Anunnaki).

   Quello
che separa l'Egitto dalla Mesopotamia è una vasta pianura desertica, nota ai Sumeri come Edin. Fu sotto la sovranità di Seth-Enlil, il
Grande Satam  (amministratore territoriale). Seth (Setes), il dio mitologico egiziano dei deserti, viveva nella terra rossa, il deserto e la terra straniera conosciuta come "Deseret" (Dšr.t "), termine che nella KUR sumera, designa ugualmente" il paese straniero".

    
"Kur" aveva due significati distinti per i Sumeri. In primo luogo, il monte dove gli "dei" risiedevano, inaccessibili ai mortali, universale e vivificante. Questo sarebbe il dominio primordiale, della Kharsag del Gina'abul-Anunna nelle montagne del Taurus.

    
Il secondo senso è stato il mondo di là, il paese dei morti, in genere situato sotto la crosta terrestre, tra le acque primordiali della Abzu e il mondo abitato in precedenza. Sappiamo che non appare (in questo caso) ad essere la terra cava, l'Abzu, ma la dimensione più sottile o frequenze più basse collegate agli inferi dove Gina'abul (rettili) alcuni avevano stabilito il loro dominio. Questo dominio, inconoscibile ai comuni mortali, generalmente simbolo per i Sumeri era il regno dei morti.

    
Parchi elenca numerosi punti riguardanti il ​​KUR da Françoise Bruschweiler dello studio del 1987 "Inanna". Questi riguardano le sue connessioni con la vita e la morte per gli dèi a vari livelli e il loro rapporto con gli intermediari tra l'umanità, le categorie superiori di divinità, i demoni e gli altri spiriti malevoli, ed i mezzi utilizzati per la forza eroica di accesso.

    
Non dobbiamo, dunque sorprenderci di trovare menzione dell'KUR su tavolette di argilla che si occupano di domini degli Anunnaki e gli esseri umani, fallosi, e il possesso e l'utilizzo del Gúrkur ("sfera di KUR") e Gùrkur ("chi trasporta verso il KUR") .

    
Nota:

    
La grande maggioranza dei capi villaggio, cioè gli iniziati, che risiedevano nella piana di Giza sapevano perfettamente che il sito era pieno di gallerie che formano una rete sotterranea assolutamente gigantesca. Si conoscono inoltre la collocazione di alcuni tunnel completamente sconosciuti alle autorità e al Consiglio supremo egiziano delle antichità. Qualsiasi persona che stabilisce una misura di contatto con questi individui è in grado di verificare questo.

    
Il termine "GIGAL" non è traducibile in Egitto, i capi villaggio sono ben consapevoli di questo e sostengono che questo termine molto antico non viene dall'Egitto. Ricorda piuttosto il Giganteus termine Latino (gigantesco) e Giganti (giganti), vale a dire
esseri "mostruosi" - i figli o figli della terra (geni serpente) chiamati "Sata" in egizio - che hanno voluto scalare  l'Olympus per detronizzare il re degli dei.
    

 Ma il "paese straniero" di Ereškigal (Iside) non era altri che il regno reale in cui sono stati praticati i culti funerari. Totalmente sconosciuti alla Mesopotamia, e con la quale gli Anunnaki di Kalam (Sumer) sono stati in conflitto, con l'altopiano di Giza, il luogo degli "dei stranieri". Questo è stato chiamato "Gigal" in Egitto, e in ogni caso questo è quello che i nativi chiamano vivendo sull'altipiano millenario.

    
Del 17° secolo, le incisione viste mostrano una sezione di una rete sotterranea sotto la piana di Giza. Tutto questo è così da molto tempo. La rete si chiama "Gigal" dai nativi del pianoro millenario. La schematizzazione dei labirinti sul campo mostra che l'utilizzo della piana di Giza è inferiore come piattaforma iniziatica ed era conosciuta nella più remota antichità. "La Sfinge Mystagoga" di Athanase Kircher, 1676.


    
La tavoletta sumera a cui abbiamo accennato sopra è una delle dodici su cui vi è scritta "L'Epopea di Gilgamesh" - in particolare quella dodicesima, è una sorta di epilogo. Si consiglia al lettore che può avere familiarità con queste tavolette di rivedere la sintesi, nel poema epico di Gilgamesh (voce di Wikipedia). Ma tenete a mente che pochi sembrano cogliere il tempo in cui gli eventi descritti potrebbero effettivamente aver avuto luogo. Ci viene dato un tempo per le stesse tavolette a circa il 27° secolo a.C. e che si suppone che sia questo.

    
Inoltre, "Enkidu", è un uomo selvaggio che sta con Enki, è stato creato nel tempo nel regno di un re Gilgamesh per essere istruito e tolto dalla sua deviazione animale.

    
Così abbiamo ignorato che, il nostro interesse è in quello che è detto circa il mondo sotterraneo in cui viene inviato Enkidu per la ricerca di alcuni manufatti utili a Gilgamesh. Questo è per i Sumeri, "la Terra dei Morti".

    
Qualche nota di come si sta delineando:

        
La fonte di queste informazioni è Raymon-Jacques Tournay e Aaron Shaffer, edito in tutto il 1990.
        
Il documento ci riporta al principio del mondo. A suo tempo libero dagli Anunna si confonde con la fama di umanità, in modo da essere rafforzato dagli dèi della Mesopotamia.
        
La maggior parte delle tavolette di argilla rivelano apertamente la posizione dispotica e tirannica di An e la sua "mafia intergalattica".
        
Questa tavoletta la dodicesima, rivela chiaramente la manipolazione genetica effettuata dagli "dèi Sumeri", che produce la linea di A-DAM, gli umani animali accusati di servire anima e corpo alla Gina'abul "dei" (lucertole).

    
La "poesia" è disattenta per l'ordine degli eventi. Essa ha, per esempio, la creazione dell'umanità che si è verificata prima del ripartizionamento del globo tra gli "dèi" Ma passandoci sopra, notiamo che i personaggi presenti sono sempre An, Enlil, Enki, Ninmah (Ninhursag), o quando si sostituisce Ereškigal Ninmah-Ninhursag.

    
Solo che al momento della "ripartizione", non sostituisce mai Ninmah e Enki. E perché? Perché egli non è più tra i vivi. Si naviga nella Terra dei Morti, una terra infernale, estranea agli occhi dei Sumeri.

    
Si naviga su una barca nella terra insondabile del defunto ... secondo il testo sumero. Gli specialisti prestano poca attenzione al termine KUR, il cui significato varia in base ai termini e alle circostanze. Come per esempio ai mondi sotterranei e acquatici di Enki.

    
Ma questo contrasta con il mondo roccioso di Ereškigal (egizia Iside). Parchi pensa al libro egiziano dei due modi (si veda il testo Coffin - Il libro dei due modi), un itinerario iniziatico che proprio le mappe del mondo sotterraneo della necropoli Restau (o Ro-Setau), in cui le due strade portano alla tomba di Osiride e alla Grande Piramide.

    
Continuando con questo, Parchi dà la definizione rigorosa egiziana di "Restau" come "l'ingresso alle gallerie o corridoi", mentre la traduzione del vocabolo sumero, è piuttosto diverso. Vedere "Restau" nel nostro decoder.

    
Il restauro in latino porta al francese e inglese restaurer ripristinare: riparare, ristabilire. Parchi ricorda che il santuario antidiluviano posto sotto le piramidi di Giza è stato riutilizzato per le "divinità egiziane", come una base sotterranea, e in seguito per compiere riti funerari dei faraoni antichi per ripristinare il corpo e l'anima dei sovrani egizi, successori di Osiride e di Horus.

    
A questo
punto Parchi cita i complicati testi moderni ed antichi, sviluppando i concetti che i corsi d'acqua navigabili con la barca solare del sovrano defunto, e descritti dagli egiziani, prende il nome Urenes, che significa "gigante" o "molto vasto", ma sembra essere un sotterraneo del Nilo le cui dimensioni corrispondono a quelle dell'Egitto stesso. Vedere la sua decomposizione sumero nel nostro decoder.


    KIGAL

Sumerian (Mesopotamian) Akkadian Egyptian
Kigal: Great Earth / Place (Ensemble of Dimensions), can be decomposed to...
GI7-GAL (good and noble)
GI6-GAL (great and sombre): Why Mesopotamian tablets say the place where Ereškigal lives is filled with darkness
Kigal or Kigallu
(base, uncultivated land, underground, infernal)
Sumerian Kigal >> Gigal
Network under Giza Plateau
Access to Duat Network

   
    Come abbiamo visto, il Parchi si è messo a esaminare i significati dei Sumeri o sumero-accadici e le vocalizzazioni dei termini egiziani ... che con Kemet (vedi Decoder) dove mette in luce un culto funerario del tutto inesplorato e temuto a Sumer.

   
La settima tavoletta di Gilgamesh evoca l'idea che la Mesopotamia era di questa terra strana e infernale. E' quella di un sogno in cui Enkidu, il compagno di Gilgamesh, quando era sul punto di accesso a questo paese sconosciuto.

    
Enkidu ha le sue origini in Africa, dove ha vissuto in armonia con gli animali prima dell'accoppiamento con una sacerdotessa di Uruk, la città di Inanna e Gilgamesh. La sacerdotessa ha trasmesso a Enkidu suo "alito di vita", facendo credere a Enkidu di diventare "come un dio". Questa trasformazione gli permette di mescolarsi con il mondo civilizzato, affrontando Gilgamesh, e diventare suo amico per la vita e vivere insieme le avventure.

   
La settima tavoletta di Gilgamesh raffigura un precipitato Enkidu da forze esterne verso il luogo misterioso con grande abbondanza di porte, gallerie, e sacerdoti iniziatici. Enkidu ha incontrato i re del passato, i sovrani che avevano diretto la terra. Sembravano corrispondere a faraoni, i cui passi più volte sono entrati in clandestinità nel Gigal da avviare.
   
A questo punto diventa evidente che il carattere di Enkidu è una sorta di umano precoce e l'analisi di Parchi 'diventa dipendente con la familiarità del lettore con le prime razze umane.

    
Molte informazioni sono state date sulle prime pagine sul modo in cui sono state prodotte queste gare. Vedi per esempio Siensišár, lavoratori, e Crepuscolo degli Eroi. Tuttavia non siamo sicuri su come uno di questi primi umani avrebbero potuto essere venuti a vagare come Enkidu. Speriamo finalmente di poter sviluppare questo tema
ulteriormente 
(Enki nella Terra dei Morti).

Parzialmente tradotto dal sito: 
http://www.zeitlin.net/EndEnchantment/Secrets.html

2 commenti:

  1. Ciao Wlady, e un' ipotesi che mi sempre affascinato e la trovo plausibile.

    RispondiElimina
  2. Ciao Zak, trovo Parchi un ottimo scrittore e ricercatore, non so fino a quanto siano veritiere le sue esperienze, ma certamente un ottimo interprete della lingua sumero accadica.

    A differenza di Sitchin, che rimane sulla superficie, il Parchi si addentra nella decodificazione delle tavolette sumeriche scritte in cuneiforme, al di là delle sue personali visioni che portano anche ad una narrativa.

    Una cosa è sconvolgente in tutto questo, il nostro cervello primordiale legato ai rettili, che potrebbe trovare attendibilità in quello che scrive David Ike; Sitchin, non fa menzione sui rettili tranne al caduceo che è l'emblema della medicina oggi, e a suo tempo il tratto che identificava Enki.

    Anche Alan F. Alford (alunno di Sitchin) scrive le stesse cose, differenziandosi dal suo maestro, per alcuni particolari legati alle date e all'uso dell'oro.

    Altri ricercatori della creazione sono ad esempio: Alessandro de Montis, De Angelis Alessio; De Angelis Alessandro (padre e figlio), Mauro Biglino, quest'ultimo grande interprete della Bibbia e della scrittura ebraica.

    Insomma, sembrerebbe proprio che la civiltà sumerica, sia la culla della nostra civiltà.

    La ricerca continua ...

    Ciao e grazie

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page