venerdì 3 dicembre 2010

Una scatola da riempire

"Felicità è l’incoscienza del vivente e la coscienza del vissuto:
ci si accorge dell’attimo della felicità solo quando esso è già passato, quando esso diventa un ricordo scolpito nel cuore"

"L’uomo non è mai sufficientemente maturo
se ha paura o vergogna di dire quattro frasi:

"Grazie!"
"Scusa!"
"Ho bisogno!"
"Ti voglio bene!"… a se stesso, agli altri, a Dio"  

Ancora una manciata di ore e anche quest’anno se ne andrà, inesorabilmente, progetti, intenti, fantasie, ansie, amore, rancori, rabbie, tutto dentro in una scatola, pronta da accantonare, per far posto a una nuova scatola da riempire, la scatola della vita che scorre, ogni persona nel suo, ogni individuo con le sua ansie ed angosce, il mondo così grande ma così piccolo in una scatola accantonata nell’ultima frontiera dell’universo.
Tra 100 anni di noi non resterà nemmeno la polvere, allora
cogliamo l’attimo fuggente, e viviamo alla giornata, giorno dopo giorno,
e se possiamo (egoisticamente) facciamo del bene, forse saremo ricordati dalle prossime generazioni, per avere solo un attimo di immortalità, anche la lumaca nel suo passaggio lascia una scia di bava, di noi non resterà nulla se non rispetteremo la natura del creato … forse siamo ancora in tempo per farci ricordare…

Il calcolo, la mancanza di generosità e l'avarizia isolano, se vogliamo essere circondati dall'amicizia e dall'amore, bisogna saper dare senza contare, sacrificando i bisogni di fondo ai bisogni voluttuari e momentanei, ci si espone a grandi rimpianti per delle piccole soddisfazioni.

Marcel Proust diceva che il tempo che abbiamo quotidianamente a nostra disposizione è elastico le passioni che sentiamo lo espandono, quelle che ispirano lo contraggono, e l'abitudine riempie quello che rimane.  

4 commenti:

  1. Una pagina bellissima nella sua purezza.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Grazie Zret per il commento, è un vecchio articolo (ma sempre attuale) del mio vecchio blog MySpace, che ora è stato traslato in WordPress.com, è un blog molto privato e intimo, dove scrivo poesie, filosofia, storia e tante altre cose di vita di tutti i giorni.

    Avevo creato questo blog dopo la dipartita della mia cara Moglie, una valvola di sfogo per non impazzire; è un blog per amici (pochi) molto intimi, e per i ricordi cari da lasciare a mio figlio ed ai miei nipotini che vivono in Germania.

    Ogni tanto ripasso quello che ho scritto in passato, e quando trovo cose interessanti vengo qui in chiaro a pubblicarle.

    Ciao e grazie ancora

    RispondiElimina
  3. Carissimo Wlady, ti ringrazio di avermi commosso con questa tua pagina intensa. Sarò lieto di leggere altri tuoi componimenti. Sì, "una valvola di sfogo per non impazzire", poiché il dolore acerbo e continuo non porta all'elevazione, ma alla follia. Nella composizione del commento al racconto Il mantello, ho pensato alla tua sofferenza ed a a quella di tutti coloro che hanno perso una persona cara. La poesia e l'arte sono catarsi.

    Ciao

    RispondiElimina
  4. Ciao Zret,
    Grazie delle belle parole che hai scritto, mi scuso per il ritardo della pubblicazione del Tuo intervento, questa notte sono venuto a Roma e solo questa mattina ho trovato il tuo commento.

    Ho un piccolo book come pc, ma funziona, alla bisogna, fa il suo dovere, così ogni tanto mi affaccio per leggere.

    Un caro saluto, wlady

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page