venerdì 11 settembre 2020

Shahmaran - La regina dei serpenti

 
 Shahmaran era la Regina dei Serpenti. Credito: Adobe Stock - T Studio

Regno sotterraneo di Shahmaran e la terra dei serpenti   

di Ellen Lloyd   
dal sito web:  AncientPages

La saggezza è meglio dell'ignoranza, ma forse non sempre.

Fino a che punto dovrebbe spingersi una persona per diventare un uomo o una donna saggia? Ci sono momenti in cui vorremmo non aver mai vissuto certi eventi perché il prezzo che abbiamo pagato per acquisire saggezza era troppo alto. 

La leggenda di Shahmaran è una storia bella, ma triste, di un uomo che ha acquisito una notevole saggezza, ma non con mezzi validi. 

Sebbene abbia trascorso il resto della sua vita come un uomo saggio famoso e rispettato, il suo cuore era sempre pieno di dolore. Non importa quanto si sforzasse, non avrebbe mai potuto dimenticare la meravigliosa e intelligente creatura che aveva incontrato e perso.

La leggenda di Shahmaran non è solo una storia di saggezza, amore, avidità e perdita, ma rivela anche perché i serpenti divennero nemici mortali degli umani. 

Antiche credenze sui saggi serpenti 

Il serpente ha svolto un ruolo importante nella vita dei nostri antenati per migliaia di anni. 

Molte antiche civiltà dicono di essere state guidate dal saggio Popolo Serpente che ha dato loro la conoscenza di,

  • architettura
  • astronomia
  • medicinale
  • agricoltura,

... e ha insegnato ai terrestri tutto ciò di cui avevano bisogno per stabilire una civiltà. 

Le prove dell'antico culto del serpente possono essere trovate in tutto il mondo. 

Il serpente compare frequentemente nei miti e nelle leggende. Manufatti e intagli realizzati a immagine del serpente sono stati trovati in tutto il mondo.

Il serpente è un simbolo dell'immortalità, che secondo antiche credenze era dimostrata dallo spargimento della sua pelle.
 
Prima rappresentazione nota di 'uroboro su uno dei santuari 
che racchiude il sarcofago di Tutankhamon. 
Credito: Djehouty - CC BY-SA 4.0

Molte culture antiche credevano nel concetto di infinito e il serpente è diventato una rappresentazione simbolica del ciclo di vita e morte che l'universo mantiene. 

Testi antichi e incisioni mostrano che i nostri antenati usavano spesso l'Ouroboros come simbolo di infinito .
Credenze e raffigurazioni variano leggermente, ma in generale, l'Ouroboros era raffigurato come un serpente che avvolge la propria coda e forma un cerchio con l'inizio e la fine.

Il sito neolitico Gobekli Tepe in Turchia è famosa per le sue enormi a forma di T pilastri in pietra.

Su questi enormi megaliti ci sono molte incisioni di animali e, tra queste, il serpente è una delle creature raffigurate più frequentemente. Le leggende di vari esseri simili a serpenti sono comuni in tutta l'Anatolia. 

I turchi, i curdi, gli yezidi e gli iraniani hanno mantenuto vivo il ricordo dei saggi serpenti del passato. 

Il regno sotterraneo di Shahmaran e dei serpenti

Antiche leggende raccontano che Shahmaran era per metà donna e per metà serpente. 

La sua leggenda è molto antica e ci sono molte varianti della stessa storia. Essendo mezzo umano e mezzo serpente, Shahmaran ricorda i saggi Naga incontrati nella mitologia indù. 

In Turchia, Shahmaran è associata alla città mediterranea di Tarso. 

Nella versione turca della leggenda il giovane che incontrò Shahmaran si chiamava Tahmasp (in altre versioni della storia è conosciuto come Yada Jamsab, o Jamisav). 

Tahmasp era bello, ma povero e lavorava come taglialegna. 

Un giorno, mentre era fuori nella foresta a tagliare alberi, lui ei suoi amici si imbatterono in un misterioso pozzo pieno di miele. Tahmasp è sceso dal pozzo per prendere altro miele, ma quando è stato il momento di tornare in superficie si è bloccato. 

I suoi amici non si sono preoccupati di aspettarlo e lo hanno lasciato nel pozzo. 

In altre versioni della leggenda, si dice che Tahmasp ei suoi amici abbiano trovato una grotta con il miele.
 
Shahmaranraffigurato in un calendario curdo. 
 Credito: MikaelF - CC BY-SA 2.0 
Tahmasp non sapeva cosa fare.
 
Non riusciva a raggiungere la superficie e i suoi amici se n'erano andati così decise di esplorare bene.
 
All'improvviso individuò un grande buco sul fondo del pozzo.

Cos'era questo?

Dove conduceva il buco?
Essendo un giovane coraggioso e curioso, Tahmasp ha afferrato un coltello e ha fatto il buco abbastanza grande da poterlo passare. Scivolò giù e raggiunse una caverna profonda e buia.
 
A questo punto, era così stanco per la stanchezza che si addormentò.

Quando Tahmasp si svegliò fu inorridito nel vedere migliaia di serpenti intorno a lui. Era convinto che lo avrebbero ucciso e iniziò a pregare Dio .
 
Il giovane era seduto, tremante non sapendo cosa fare. Era così spaventato che chiuse gli occhi. Tuttavia, i serpenti non sembravano ostili, lo stavano semplicemente guardando.

Quando Tahmasp aprì improvvisamente gli occhi vide una bellissima donna che era metà umana e metà serpente.
 
Tahmasp era sorpreso e senza parole. Non aveva mai visto una creatura straordinaria come quella prima.

La donna serpente gli disse di non avere paura.

Ha spiegato che il suo nome era Shahmaran e che era la regina dei serpenti.

Gli disse anche che ora si trovava nella terra dei serpenti e, come loro ospite, non aveva nulla da temere.

Quindi, se ne andò e Tahmasp si addormentò di nuovo.
La mattina dopo, Shahmaran tornò e gli mostrò il magnifico regno dei serpenti.
 
Tahmasp è stato portato in una grande sala e in un bellissimo giardino. Ha fatto colazione ed è rimasto affascinato dalla bellezza di questa misteriosa donna serpente.
 
Col passare del tempo, Tahmasp divenne un residente permanente nella terra sotterranea dei serpenti. Si sentiva al sicuro e apprezzava la compagnia di questi coloratissimi animali intelligenti. Lui e Shahmaran si sono innamorati e anche se ora era un uomo diverso. Era felice, o almeno così pensava.
 
Dopo un po 'si rese conto che, sebbene amasse Shahmaran, gli mancava la sua famiglia.

Shahmaran era riluttante a lasciarlo andare perché lo amava, ma era un essere saggio e capiva che avrebbe dovuto essere in compagnia della sua stessa specie.
 
Gli ha permesso di tornare nel mondo di sopra, ma solo a una condizione.

Non deve mai rivelare la posizione del suo regno e la terra sotterranea dei serpenti.

Gli disse anche che doveva stare attento perché, dopo tutto questo tempo, aveva ormai assunto alcune caratteristiche dei serpenti.
Shahmaran ha spiegato che non dovrebbe mai fare il bagno con altre persone perché il contatto con l'acqua avrebbe rivelato che aveva la pelle di un serpente.

La morte orribile di Shahmaran - La regina dei serpenti

Tahmasp ha promesso di non rivelare mai il suo segreto ed è tornata in superficie.
 
Passarono molti anni e tutto andò bene, finché un giorno il re della città si ammalò. I medici hanno detto che il sovrano poteva essere curato solo se avesse mangiato la carne di Shahmaran.
 
In qualche modo il re aveva saputo che c'era qualcuno in città che sapeva dove trovare Shahmaran e la terra del serpente, ma non aveva idea di chi fosse. Il re ordinò di versare acqua su tutti gli abitanti.
 
Questo rivelerebbe chi aveva la pelle di un serpente.

Tahmasp capì che l'acqua lo avrebbe esposto e cercò di nascondersi, ma era troppo tardi. I soldati ordinarono a tutti di andare ai bagni pubblici e mentre cercava di fuggire, l'uomo del re lo catturò e lo portò ai bagni della città.

Statua di Shahmaran a Tarso. 
Credito: CeeGee - CC BY-SA 4.0
Non c'era niente che potesse fare e quando i soldati gli hanno versato dell'acqua addosso la sua pelle ha assunto l'aspetto di un serpente. Tahmasp fu portato dal re dove sotto tortura rivelò il segreto di Shahmaran.

Non appena i soldati hanno saputo dove trovare la terra dei serpenti, si è affrettato, ha afferrato Shahmaran e l'ha portata al palazzo del re.

Inutile dire che Tahmasp si sentì malissimo quando vide la bellissima donna serpente che ora era stata catturata perché non poteva mantenere la sua promessa.
 
Shahmaran, che sapeva che sarebbe morta, ha detto:

"Mentre sto per morire, ti svelerò il mio segreto. Chi mangia la mia coda raggiungerà la saggezza oltre misura e la lunga vita, ma chi mangia la mia testa morirà."
Le guardie hanno ucciso Shahamran e l'hanno tagliata in tre pezzi.
 
Il Capitano della Guardia e il Re desideravano diventare saggi e il Re voleva vivere a lungo, quindi le mangiarono la coda. Tahmasp voleva morire così ha consumato parte della sua testa.

Quello che non sapevano era che Shahmaran li aveva ingannati poco prima di essere uccisi.
 
Il re e il capitano della guardia morirono, ma Tahmasp sopravvisse. La verità era che la saggezza di Shahmaran le riempiva la testa e ora faceva parte di Tahmasp.

Tahmasp divenne un uomo saggio ma era solo e triste.
 
Non poteva sopportare il dolore di perdere Shahmaran. Lasciò la sua casa e vagò di terra in terra, di montagna in montagna, e divenne noto in lungo e in largo come un uomo saggio.
 
Alcuni dicono Yilankale, il castello dei serpenti 
una volta era la casa di Shahmaran.
Credito: Klaus-Peter Simon
CC BY-SA 3.0

La leggenda di Shahmaran spiega perché i serpenti divennero nemici degli umani e non avrebbero mai potuto dimenticare e perdonare la brutale uccisione della loro Serpent Queen.
Se viaggi in Turchia, puoi scoprire che Shahmaran è ancora raffigurato in ricami, tessuti e gioielli.

La storia e le immagini di Shahmaran sono considerate un tesoro nazionale in Turchia.

Ad Adana, nella Turchia meridionale, lo Yilankale (castello dei serpenti) è conosciuto localmente come la casa di Shahmaran.

La storia di Shahmaran è ancora popolare oggi.

 

Le descrizioni del suo regno sotterraneo e della terra dei serpenti sono state oggetto di molti libri, tra cui Arabian Night Tales ...

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Niente più Cinema, tutto sarà in streaming – indipendentemente dal Covid o dai vaccini

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”
Leggi QUI L'articolo di imolaoggi.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...