martedì 8 settembre 2020

IL CORONAVIRUS DÀ UNA SPINTA PERICOLOSA ALL’AGENDA PIÙ OSCURA DELLA DARPA

  
In questi giorni di COVID 19, si profila un futuro non così lontano e non così difficile da immaginare. L’articolo seguente versa luce sulle restrizioni a cui siamo soggetti e che subiamo, e rafforza alcuni dei peggiori timori. Se certi piani ufficiali si realizzeranno, le nostre vite continueranno a cambiare drasticamente, e non in meglio.  

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e la Bill & Melinda Gates Foundation, insieme ad altri “guardiani premurosi” dell’umanità, hanno sviluppato un dispositivo di tracciamento che può essere somministrato attraverso una siringa per vaccini. Le tecnologie attualmente sviluppate dal controverso dipartimento di ricerca del Pentagono stanno guadagnando un enorme potenziamento nell’attuale “crisi del coronavirus”, ma non stanno attirando l’attenzione dei media.

Per molti questo articolo sarà spaventoso per la sua lunghezza, ma soprattutto per il suo contenuto. E’ una pagina importante. Troverete innumerevoli link di riferimento per aiutarvi ad addentrarvi in una nuova realtà programmata.
IL CORONAVIRUS DÀ UNA SPINTA PERICOLOSA ALL’AGENDA PIÙ OSCURA DELLA DARPA
Traduzione NoGeoingegneria   
Le tecnologie sviluppate dal controverso comparto di ricerca del Pentagono sta ricevendo un enorme incremento nell’attuale crisi dei coronavirus, con poca considerazione per i secondi fini dell’agenzia per lo sviluppo di tali tecnologie, per il loro potenziale di arma o per le loro conseguenze non previdibili. 
A gennaio, ben prima che la crisi del coronavirus (Covid-19) si traducesse in lockdown, quarantene e devastazioni economiche negli Stati Uniti e altrove, la comunità dei servizi segreti statunitensi e il Pentagono stavano lavorando con il Consiglio di sicurezza nazionale per creare piani ancora secretati per rispondere ad un’imminente pandemia.

Da allora è stato riportato che le comunità di intelligence e i servizi segreti militari erano a conoscenza di una probabile pandemia negli Stati Uniti già nel novembre scorso, e potenzialmente anche prima di quella data. 

Date queste premesse e le numerose simulazioni condotte negli Stati Uniti l’anno scorso in relazione alle insorgenze di pandemia virale globale, almeno sei di portata e dimensioni diverse, è stato spesso chiesto: Perché il governo non ha agito o non si è preparato se si sapeva di un’imminente pandemia globale e delle carenze di qualsiasi risposta a un tale evento? Anche se la risposta a questa domanda è stata spesso liquidata come una mera “incompetenza” negli ambienti dei media tradizionali, vale la pena di considerare la possibilità che una crisi sia stata autorizzata a manifestarsi.

Perché la comunità dei servizi segreti o un’altra fazione del governo degli Stati Uniti dovrebbe consapevolmente permettere che una crisi come questa si verifichi? La risposta è chiara se si guarda alla storia, dato che i tempi di crisi sono stati spesso usati dal governo americano per attuare politiche che normalmente sarebbero state rifiutate dal pubblico americano (n.d.r. e non solo), che vanno dalla censura della stampa alle reti di sorveglianza di massa.

Sebbene la risposta del governo agli attacchi dell’11 settembre, come il Patriot Act, possa essere l’esempio più accessibile a molti americani, gli sforzi del governo americano per limitare il flusso di giornalismo “pericoloso” e sorvegliare la popolazione risalgono alla prima guerra mondiale. Molte di queste politiche, sia che si tratti del Patriot Act dopo l’11 settembre o delle reti di “spie” civili dell’era della prima guerra mondiale, hanno contribuito poco o nulla a proteggere la patria, ma hanno invece portato a un aumento della sorveglianza e del controllo che è proseguito a lungo anche dopo la fine della crisi che li ha provocati. (n.d.r. previsioni Rockefeller Paper del 2010)

Usando questa storia come lente, è possibile esaminare l’attuale crisi del coronavirus e osservare come i programmi di lunga data della sorveglianza di massa e della censura mediatica, in continua espansione, stiano di nuovo ricevendo una spinta drammatica grazie al caos scatenato dalla pandemia del coronavirus.

Eppure, questa crisi è unica nel suo genere perché ha anche dato una spinta a un’agenda più recente ma complementare che – se realizzata – renderebbe obsoleti la maggior parte, se non tutti, gli altri sforzi del governo per controllare e sottomettere le loro popolazioni.

DARPA Dystopia

   

Per anni, la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) del Pentagono è rimasta per lo più fuori dalla vista e dalla mente della maggior parte degli americani (n.d.r. e di altri), poiché i loro progetti di ricerca sono raramente considerati dai media mainstream e, quando lo sono, i loro progetti sono spesso elogiati come “che danno vita a film di fantascienza”.

Tuttavia, ci sono stati eventi recenti che hanno guastato la rappresentazione spesso positiva della DARPA da parte dei media, che dipingono l’agenzia come un faro di “progresso” scientifico che ha “cambiato il mondo” in meglio.

Per esempio, nel 2018, un gruppo di scienziati europei ha accusato il programma “Insect Allies” della DARPA di essere in realtà un programma distopico di armi biologiche che vedrebbe gli insetti introdurre virus geneticamente modificati nelle piante per attaccare e devastare l’approvvigionamento alimentare di una nazione mirata.

La DARPA, naturalmente, ha sostenuto che il suo intento di utilizzare questi insetti per modificare geneticamente le piante era invece quello di “proteggere” l’approvvigionamento alimentare. Indipendentemente dalle affermazioni della DARPA che si tratta solo di un programma “difensivo”, dovrebbe essere chiaro ai lettori che una tale tecnologia potrebbe essere facilmente utilizzata in entrambi i casi, a seconda del gestore.

Sebbene le armi da guerra futuristiche della DARPA ricevano spesso la massima attenzione da parte dei media, l’agenzia ha interessi di lunga data nell’occuparsi non solo della biologia delle piante, ma anche degli esseri umani. DARPA, che viene finanziata con circa 3 miliardi di dollari l’anno, ha diverse strade attraverso le quali persegue queste ambizioni, con molte di quelle che sono ora sotto il controllo dell'”Ufficio per le tecnologie biologiche” (BTO) istituito nel 2014.

Di recente, alcuni dei progetti di biologia umana e biotecnologia della DARPA presso il suo BTO hanno ricevuto un massiccio impulso di PR grazie all’attuale crisi del coronavirus, con notizie recenti che sostengono addirittura che l’agenzia “potrebbe aver creato le più grandi speranze per fermare Covid-19”.

La maggior parte di queste tecnologie che hanno ottenuto una copertura mediatica positiva grazie a Covid-19 sono state sviluppate diversi anni fa. Esse comprendono le piattaforme finanziate dalla DARPA utilizzate per produrre vaccini a base di DNA e RNA, categorie di vaccini che non sono mai stati approvati per l’uso umano negli Stati Uniti (n.d.r. e altrove) e che comportano l’iniezione di materiale genetico estraneo nel corpo umano.

In particolare, è proprio di questa categoria di vaccino, ora prodotta da aziende partner della DARPA, che il miliardario e “filantropo della salute globale” Bill Gates ha recentemente affermato di essere ” il più entusiasta” rispetto ad altri candidati al vaccino Covid-19. Eppure, gli aspetti chiave riguardanti questi vaccini e altre iniziative “sanitarie” della DARPA sono stati lasciati fuori da questi recenti rapporti favorevoli, probabilmente perché forniscono una finestra su quella che è probabilmente l’agenda più buia di questa agenzia. 

“In Vivo Nanopiattaforme”

 

Nel 2006, la DARPA ha annunciato il suo programma Predicting Health and Disease (PHD), che ha cercato di determinare “se un individuo svilupperà una malattia infettiva prima dell’insorgenza dei sintomi”. Il programma di PHD prevedeva di realizzare questo obiettivo “identificando i cambiamenti nello stato di salute di base dell’uomo attraverso una frequente sorveglianza” con un’attenzione specifica per “gli agenti patogeni virali delle alte vie respiratorie”.

Tre anni dopo, nel 2010, i ricercatori della Duke University finanziati dalla DARPA hanno creato le basi di questo strumento, che avrebbe utilizzato l’analisi genetica di campioni di sangue per determinare se qualcuno è infetto da un virus prima che mostri i sintomi. I rapporti dell’epoca sostenevano che queste “diagnosi preventive” sarebbero state trasmesse a “una mappa nazionale dell’influenza in rete” disponibile tramite smartphone.

Dopo la creazione del BTO di DARPA nel 2014, questo particolare programma ha dato vita al programma “In Vivo Nanoplatforms (IVN)”. La branca diagnostica di tale programma, abbreviata in IVN:Dx, 
“studia le tecnologie che incorporano nanopiattaforme impiantabili composte da materiali biocompatibili e non tossici, il rilevamento in vivo di piccole e grandi molecole di interesse biologico, il rilevamento moltiplicato di analiti a concentrazioni clinicamente rilevanti e la ricerca esterna delle nanopiattaforme senza utilizzare l’elettronica impiantata per la comunicazione”. 
Le relazioni precedenti sul programma lo descrivono come lo sviluppo di ” categorie di nanoparticelle per il rilevamento e il trattamento di malattie, malattie e infezioni all’interno. La tecnologia coinvolge nanoparticelle impiantabili che percepiscono specifiche molecole di interesse biologico”.

Il programma IVN della DARPA da allora ha contribuito a finanziare e produrre “idrogel morbidi e flessibili che vengono iniettati appena sotto la pelle per eseguire il monitoraggio [della salute] e che si sincronizzano con un’applicazione per smartphone per dare una visione immediata della salute”, un prodotto attualmente commercializzato e creato dalla società Profusa, finanziata dalla DARPA e dagli Istituti Nazionali di Sanità (NIH).

Profusa, che negli ultimi anni ha ricevuto milioni e milioni da DARPA, afferma che le informazioni generate dal loro biosensore iniettabile sarebbero “condivise in modo sicuro” e “accessibili agli individui, ai medici e ai professionisti della sanità pubblica”. Tuttavia, l’attuale pressione per un sistema nazionale di “tracciamento dei contatti” basato sui dati sanitari privati dei cittadini è destinato ad espandere la condivisione dei dati, in linea con l’obiettivo annuale della DARPA di creare un database nazionale di diagnosi preventive sul web. 

Profusa è anche supportata da Google, che è intimamente coinvolta in queste nuove iniziative di sorveglianza di massa per “rintracciare i contatti”, e include l’ex leader della maggioranza del Senato William Frist tra i membri del suo consiglio di amministrazione. Sono anche partner del National Institutes of Health (NIH). 

L’azienda ha anche una notevole collaborazione con la società di diagnostica Cepheid, che ha recentemente ottenuto l’approvazione della FDA per il suo test rapido del coronavirus e che in precedenza si è aggiudicata lucrosi contratti governativi per rilevare l’antrace nel sistema postale degli Stati Uniti. A partire dallo scorso marzo, Profusa si è nuovamente aggiudicata un finanziamento DARPA per determinare se i loro biosensori iniettabili possono prevedere future pandemie, compresa l’ormai ampiamente prevista “seconda ondata” di Covid-19, e rilevare le persone infette fino a tre settimane prima che possano manifestarne i sintomi.

La società prevede di ottenere la licenza dei suoi biosensori FDA per questo scopo entro l’inizio del prossimo anno, più o meno nello stesso periodo in cui si prevede che un vaccino contro il coronavirus sarà disponibile al pubblico.

“Fonderie viventi”

 

Un altro programma DARPA di lunga data, ora supervisionato da BTO, è noto come “Fonderie viventi”. 

Secondo il sito web della DARPA, Living Foundries “mira a consentire la produzione adattabile, scalabile e su richiesta di molecole [sintetiche] programmando i processi metabolici fondamentali dei sistemi biologici per generare un vasto numero di molecole complesse che non sono altrimenti accessibili. Attraverso Living Foundries, DARPA sta trasformando la bioproduzione sintetica in una pratica ingegneristica prevedibile a sostegno di un’ampia gamma di obiettivi di sicurezza nazionale”. 

I tipi di ricerca che questo programma “Fonderie viventi” sostiene riguardano la creazione di “vita artificiale”, compresa la creazione di materiale genetico artificiale, compresi i cromosomi artificiali, la creazione di “organismi completamente nuovi” e l’utilizzo di materiale genetico artificiale per “aggiungere nuove capacità” agli esseri umani (cioè modificare geneticamente gli esseri umani attraverso l’inserimento di materiale genetico creato sinteticamente).

Quest’ultimo è particolarmente preoccupante (anche se tutti sono francamente preoccupanti), poiché DARPA ha anche un progetto chiamato “Strumenti avanzati per l’ingegneria del genoma dei mammiferi”, che – pur avendo “mammiferi” nel nome – è focalizzato specificamente sul miglioramento “dell’utilità dei cromosomi artificiali umani (HACs)”, che DARPA descrive come “uno strumento fondamentale nello sviluppo di terapie avanzate, vaccini e diagnostica cellulare”.

Anche se i documenti di ricerca spesso si concentrano sugli HAC come un progresso medico rivoluzionario, essi sono anche spesso promossi come un mezzo per “migliorare” gli esseri umani infondendo loro caratteristiche non naturali, tra cui fermare l’invecchiamento o migliorare la cognizione. 

DARPA è noto per essere coinvolto nella ricerca dove questi metodi sono utilizzati per creare “super soldati” che non richiedono più il sonno o pasti regolari, tra le altre “caratteristiche” incrementate, e ha un altro programma sulla creazione di combattenti “metabolicamente superiori”. I rapporti su questi programmi parlano anche dell’altro, molto sconcertante uso di queste stesse tecnologie, “armi genetiche” che “sovvertirebbero il DNA” e “minerebbero la mente e il corpo delle persone”.

Un’altra potenziale applicazione che DARPA sta studiando attivamente è il suo programma BioDesign, che sta esaminando la creazione di organismi sintetici creati per essere immortali e programmati con un “kill switch” che permette ad un organismo sintetico, ma organico, di essere “spento” in qualsiasi momento. Questo ha portato alcuni a ipotizzare che tale ricerca potrebbe aprire le porte alla creazione di “replicanti umani” utilizzati per combattere guerre e altri compiti, come quelli che appaiono nel film di fantascienza Bladerunner.

Tuttavia, questi “kill switch” genetici potrebbero anche essere inseriti in esseri umani veri e propri attraverso cromosomi artificiali, che – così come hanno il potenziale di prolungare la vita – hanno anche il potenziale di accorciarla. In particolare, nel 2017 è stato rivelato che la DARPA ha investito 100 milioni di dollari nella ricerca “gene drive”, che comporta l’uso della modificazione genetica per spazzare via intere popolazioni, spiegando il motivo per cui è stata spesso definita una tecnologia di “estinzione genetica”.

Inoltre, altri esperimenti DARPA prevedono l’uso di virus geneticamente modificati che inseriscono materiale genetico nelle cellule umane, in particolare nei neuroni del cervello, per “ritoccare” la chimica del cervello umano. In un esempio, la ricerca finanziata dalla DARPA ha alterato le cellule cerebrali umane per produrre due nuove proteine, la prima permettendo che l’attività neurale sia facilmente rilevabile da dispositivi esterni e la seconda permettendo alle “nanoparticelle magnetiche” di “indurre un’immagine o un suono nella mente del paziente”.

“Neurotecnologia neurochirurgica di nuova generazione”

 

Cambiare la chimica e la funzionalità del cervello umano a livello cellulare è solo una delle numerose iniziative DARPA volte a cambiare il modo in cui gli esseri umani pensano e percepiscono la realtà. Dal 2002, la DARPA ha riconosciuto i suoi sforzi per creare una “Brain-Machine Interface (BMI)”. Anche se in primo luogo mirava a creare “un modem cerebrale senza fili per un ratto che si muove liberamente”, che permettesse di controllare a distanza i movimenti dell’animale, la DARPA non si è mostrata timida riguardo all’obiettivo finale di applicare tale “potenziamento” cerebrale agli esseri umani per consentire ai soldati di “comunicare con il solo pensiero” o di controllare a distanza gli esseri umani (solo dalla parte del nemico, dicono così) ai fini della guerra.

Il progetto, che ha fatto grandi progressi negli ultimi anni, ha a lungo suscitato grandi preoccupazioni tra eminenti scienziati della difesa, alcuni dei quali hanno avvertito in un rapporto del 2008 che “la guida o il controllo a distanza di un essere umano” potrebbe rapidamente ritorcersi contro di loro per ottenere l’accesso alla tecnologia impiantata (aprendo la possibilità di “hackerare” il cervello di una persona), e hanno anche sollevato preoccupazioni circa i pericoli etici generali di tali tecnologie.

I lavori sono iniziati nel 2011 per lo sviluppo di “impianti cerebrali” da utilizzare nei soldati umani, ufficialmente con l’obiettivo di curare i danni neurologici nei veterani, e tali impianti sono stati testati su volontari umani in esperimenti finanziati dalla DARPA almeno dal 2015.

Le preoccupazioni, come quelle sollevate da quegli scienziati della difesa nel 2008, sono state regolarmente respinte dalla DARPA, che ha costantemente sostenuto che i suoi controversi progetti di ricerca sono temprati dai loro “esperti di etica” interni.

Tuttavia, vale la pena di notare come la dirigenza della DARPA consideri questi enigmi etici, dal momento che alla fine hanno l’ultima parola. Per esempio, nel 2015, Michael Goldblatt, allora direttore dell’Ufficio per le Scienze della Difesa (DSO) della DARPA, che supervisiona la maggior parte degli aspetti del programma “super soldato” dell’agenzia, ha detto alla giornalista Annie Jacobsen che non vedeva alcuna differenza tra “avere un chip nel cervello che potrebbe aiutare a controllare i pensieri” e “un impianto cocleare che aiuta i sordi a sentire”. Quando è stato messo sotto pressione per le conseguenze indesiderate di tale tecnologia, Goldblatt ha dichiarato che “ci sono conseguenze indesiderate per tutto”.

Vale quindi la pena sottolineare che, mentre le tecnologie sviluppate dalla DARPA – dall’ingegneria genetica umana alle interfacce cervello-macchina – sono spesso promosse per la prima volta come qualcosa che rivoluzionerà e migliorerà la salute umana, la DARPA vede l’uso di queste tecnologie per tali scopi allo stesso modo di altre applicazioni distopiche e francamente da incubo, come il controllo del pensiero.

Gli IMC non fanno eccezione, essendo stati inizialmente promossi come un modo per “potenziare le funzioni corporee dei veterani con danni neurali o disturbi post-traumatici da stress” e per consentire agli amputati di controllare le protesi avanzate. Anche se questi rappresentano in effetti importanti progressi medici, la leadership della DARPA ha chiarito che non vede alcuna distinzione tra l’uso medico degli IMC e il loro utilizzo per esercitare un controllo quasi totale su un essere umano “guidando” i loro pensieri e persino i loro movimenti.

Un’ammissione così netta da parte della dirigenza della DARPA fa sì che valga la pena di esplorare lo stato di questi attuali programmi di interfaccia “cervello-macchina” e i loro obiettivi espliciti. Per esempio, uno degli obiettivi del programma Neurotecnologia Neurochirurgica di prossima generazione (N3) della DARPA consiste nell’utilizzare “interfacce cervello-computer non invasive o minimamente invasive” per “leggere e scrivere” direttamente nel cervello.

Secondo un recente rapporto sul programma N3 della DARPA, un esempio di tecnologie “minimamente invasive” comporterebbe: 
“un’iniezione di un virus che trasporta sensori sensibili alla luce, o altri nanobot chimici, biotecnologici o auto-assemblati che possono raggiungere i singoli neuroni e controllare la loro attività in modo indipendente senza danneggiare i tessuti sensibili. L’uso proposto per queste tecnologie non è ancora ben specificato, ma come hanno dimostrato gli esperimenti sugli animali, controllare l’attività di singoli neuroni in più punti è sufficiente per programmare memorie artificiali di paura, desiderio ed esperienze direttamente nel cervello”
Sebbene il preteso obiettivo dell’N3 sia legato alla creazione di armi “controllate dal pensiero” che reagiscono e sparano sulla base dei pensieri di un soldato, il fatto che la tecnologia sia anche bidirezionale, apre l’inquietante possibilità che ci si sforzi di controllare e programmare i pensieri e le percezioni di un soldato in contrasto con il senso opposto.

Questo potrebbe essere più di quanto la DARPA abbia pubblicamente lasciato intendere, dal momento che i documenti militari ufficiali hanno dichiarato apertamente che l’obiettivo finale del Pentagono è essenzialmente quello di sostituire i combattenti umani con robot “autocoscienti” interconnessi “che” progetteranno e condurranno operazioni contro obiettivi scelti da sistemi di intelligenza artificiale.

Questo sistema di armi del futuro non molto lontano sembra avere poco spazio per gli esseri umani, anche per quelli capaci di “controllare” le armi con la loro mente, suggerendo che i pianificatori militari futuristi vedono i soldati con BMI come una “arma” che si collegherebbe anche a questo stesso sistema guidato dall’intelligenza artificiale. Vale anche la pena sottolineare che DARPA sta cercando di creare un “cervello umano artificiale” dal 2013. 

Inoltre, i rapporti sugli sforzi del BMI della DARPA hanno suggerito che questa tecnologia bidirezionale sarà utilizzata per “offuscare la percezione dei soldati”, “allontanandoli dal senso di colpa emotivo della guerra”, una mossa che creerebbe un pericoloso precedente e che sicuramente porterebbe a un deciso salto nei crimini di guerra.

Naturalmente, queste sono solo le ammesse, potenziali applicazioni “militari” di tale tecnologia. Una volta che questa tecnologia si sposta dalla sfera militare a quella civile, come hanno fatto diverse invenzioni DARPA in passato, il loro uso per la “guida remota”, il “controllo del pensiero” e/o la programmazione di pensieri ed esperienze è più che probabile che venga usata in modo improprio dai governi, dalle società e da altri power-broker negli Stati Uniti e non solo, a fini di controllo. (n.d.r.non che l’uso militare sia il più rassicurante

L’ingresso degli BMI nella sfera civile non è molto lontano, dato che i dirigenti e i ricercatori della DARPA che hanno lavorato sull’N3 e su altri programmi BMI sostenuti dalla DARPA sono stati da allora “scavati” da Verily (una partnership Google-GlaxoSmithKline), il Neuralink di Elon Musk e il Building 8 di Facebook – che hanno tutti lavorato per portare sul mercato dispositivi di “neuro-modulazione” e BMI.

“Bioreattori umani”, “Nanoterapeutici” 
e vaccini genetici finanziati dalla DARPA


Come descritto in precedenza, la DARPA spesso inquadra le tecnologie controverse che sviluppa come sviluppate per far progredire principalmente la medicina e la sanità. A parte le tecnologie già discusse, è importante notare che la DARPA è da tempo molto interessata all’assistenza sanitaria, in particolare ai vaccini.

Ad esempio, nel 2010, DARPA ha iniziato a sviluppare una classe di vaccini in grado di ” intervenire contro agenti patogeni sconosciuti”, una componente del suo programma di produzione accelerata di prodotti farmaceutici. Il vaccino inietterà nel corpo umano migliaia di anticorpi sintetici, come quelli sviluppati attraverso il programma “Fonderie vive” della DARPA. Questi anticorpi sintetici o “sincorpi” creerebbero quindi “un kit di strumenti per l’immunità che può essere combinato in una miriade di modi per affrontare praticamente qualsiasi agente patogeno”.

Nello stesso anno, la DARPA ha iniziato a finanziare gli sforzi per creare “vaccini a DNA sintetico multiagente” che sarebbero stati somministrati nel corpo umano attraverso “l’elettroporazione non invasiva” ed è stata rapidamente promossa nei reportage dei media come un modo per produrre rapidamente i vaccini rispetto ai metodi tradizionali di produzione del vaccino. Questa categoria di vaccini comporterebbe lo stesso tipo di DNA sintetico che la DARPA stava anche ricercando simultaneamente per “migliorare” e “sovvertire” gli esseri umani a livello genetico. È stato anche quest’anno, 2010, che la Bill and Melinda Gates Foundation ha iniziato a finanziare pesantemente vaccini a base di DNA e RNA.

I vaccini a base di DNA, che sono stati creati per la prima volta nel 2005, non sono mai stati approvati per l’uso umano negli Stati Uniti e gli studi passati hanno messo in guardia sul fatto che “possiedono una significativa imprevedibilità e una serie di potenziali pericoli potenziali dannosi intrinseci” e che “non vi sono conoscenze adeguate per definire la probabilità di eventi indesiderati o le conseguenze di modifiche genetiche”. Un altro problema di lunga data con tali vaccini è la mitigazione delle “reazioni immunitarie indesiderate” che derivano dalla risposta immunitaria naturale al materiale genetico estraneo in essi contenuto.

Nel 2011, DARPA ha annunciato il suo programma “Rapidly AdaptableNanotherapeutics”, che cerca di creare una “piattaforma in grado di sintetizzare rapidamente le nanoparticelle terapeutiche” per combattere “le armi biologiche in evoluzione e addirittura geneticamente modificate”. Il piano di DARPA per queste nanoparticelle, che i media hanno descritto solo come “piccoli sistemi autonomi di somministrazione di farmaci”, era di combinarle con “piccoli RNA interferenti (siRNA)”, che sono frammenti di RNA che possono mirare e disattivare specifici geni.

Come scrisse allora Wired: l’RNA (siRNA) può essere riprogrammato “al volo” e applicato a diversi agenti patogeni”, permettendo alle nanoparticelle di “essere caricate con le giuste molecole di RNA (siRNA) e inviate direttamente alle cellule responsabili dell’infezione. 

La creazione di questo programma è stata seguita a poco tempo dalla decisione della DARPA nel 2013 di finanziare la Moderna Therapeutics con 25 milioni di dollari per sviluppare la loro piattaforma di produzione di vaccini sintetici a base di RNA. DARPA ha finanziato il progetto per “sviluppare tecnologie di piattaforma che possono essere impiegate in modo sicuro e rapido per fornire alla popolazione statunitense una protezione quasi immediata contro le malattie infettive emergenti e armi biologiche ingegnerizzate”.

Poi, nel 2015, la ricerca della DARPA sui vaccini che coinvolgono anticorpi sintetici e materiale genetico sintetico si è ampliata, con la donazione di 45 milioni di dollari alla società di vaccini contro il DNA, Inovio Pharmaceuticals. Nello stesso anno, i vaccini a base di RNA e DNA finanziati dalla DARPA hanno cominciato a essere inquadrati in modo diverso sia dai ricercatori della DARPA che dai media – che hanno descritto la tecnologia come la trasformazione del corpo umano in un “bio-reattore”. 

Negli anni successivi, le aziende produttrici di vaccini contro il DNA e l’RNA sostenute dalla DARPA, tra cui Moderna, Inovio e la tedesca CureVac, non sono state in grado di ottenere la licenza per i loro prodotti per uso umano, in gran parte a causa del fatto che i loro vaccini non sono stati in grado di fornire un’immunità sufficiente negli esperimenti sull’uomo. Esempi di questi vaccini inefficaci sono il tentativo del CureVac di ottenere un vaccino antirabbico e gli sforzi di Moderna per creare un vaccino per il virus Zika (che è stato finanziato dal governo degli Stati Uniti).

Sono state proposte diverse soluzioni per questo problema, compresi i vaccini in cui il materiale genetico (RNA o DNA) si “autoamplifica”. Tuttavia, la soluzione alternativa a questa mancanza di risposta immunitaria e ad altri ostacoli per i vaccini a base di DNA/RNA è rappresentata dall’incorporazione della nanotecnologia in questi vaccini. Di conseguenza, l’uso di nanoparticelle come vettori del materiale genetico in questi vaccini è stato ampiamente promosso e studiato, oltre che pubblicizzato come il modo migliore per migliorare la loro stabilità, aumentare la loro capacità di distribuzione mirata e migliorare la risposta immunitaria che provocano.

La combinazione di vaccini a base di DNA o RNA con la nanotecnologia è già diventata realtà grazie alle aziende leader in questo campo. Per esempio, la società di vaccini a base di DNA sostenuta dalla DARPA Inovio Pharmaceuticals utilizza ciò che i rapporti chiamano “nanotecnologia del DNA” nella loro linea di vaccini sintetici marcati come “SynCon” dall’azienda, che utilizza un algoritmo computerizzato non divulgato per progettare i suoi vaccini.

È un’interessante coincidenza, quindi, che il vaccino Inovio “SynCon” per il Covid-19 sembra ora essere in vantaggio rispetto al resto del pacchetto, con il sostegno di Bill Gates, DARPA, l’Istituto Nazionale delle Allergie e Malattie Infettive (NIAID) e altre agenzie governative.

DARPA – SALVANDOCI DA COVID-19?


A gennaio, la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI) ha annunciato che avrebbe iniziato a finanziare i candidati al vaccino per l’epidemia di coronavirus, molto prima che diventasse una questione globale. La CEPI si autodefinisce “una partnership di organizzazioni pubbliche, private, filantropiche e civili che finanzierà e coordinerà lo sviluppo di vaccini contro le minacce per la salute pubblica ad alta priorità” ed è stata fondata nel 2017 dai governi di Norvegia e India insieme al World Economic Forum (WEF) e alla Bill and Melinda Gates Foundation. 

Quel mese, il CEPI ha scelto solo due aziende farmaceutiche per ricevere finanziamenti per i loro sforzi di sviluppo di un vaccino per Covid-19 – Moderna e Inovio Pharmaceuticals.

Come già detto in precedenza, queste due società sono imprese sostenute dalla DARPA che spesso hanno pubblicizzato la loro “alleanza strategica” con la DARPA in comunicati stampa e sui loro siti web. La DARPA ha inoltre fornito a queste società finanziamenti di notevole entità. Per esempio, i principali finanziatori di Inovio Pharmaceuticals includono sia la DARPA che la Defense Threat Reduction Agency (DTRA) del Pentagono e l’azienda ha ricevuto milioni di dollari in sovvenzioni dalla DARPA, inclusa una sovvenzione di 45 milioni di dollari per sviluppare un vaccino per l’Ebola.

Recentemente hanno anche ricevuto più di 8 milioni di dollari dall’esercito statunitense per sviluppare un piccolo dispositivo intradermico portatile per la somministrazione di vaccini a base di DNA, che è stato sviluppato congiuntamente da Inovio e dall’Istituto di ricerca medica delle malattie infettive dell’esercito statunitense (USAMRIID), che gestisce anche il laboratorio di “biodifesa” a Fort Detrick.

Inoltre, la società tedesca CureVac, che sta anche sviluppando un vaccino contro l’RNA sostenuto da CEPI per Covid-19, è un altro beneficiario di lunga data dei finanziamenti DARPA. Sono stati uno dei primi investimenti di DARPA nella tecnologia, vincendo un contratto DARPA da 33,1 milioni di dollari per sviluppare la loro piattaforma di vaccini “RNActive” nel 2011.

Nel caso di Moderna, la DARPA ha finanziato la produzione e lo sviluppo della loro piattaforma di produzione di vaccini contro l’RNA e il loro candidato per la terapia dell’RNA per il virus Chikungunya (il primo per una malattia infettiva) è stato sviluppato in collaborazione diretta con l’agenzia. Dal 2016, il programma di vaccinazione contro l’RNA di Moderna ha ricevuto 100 milioni di dollari di finanziamenti dalla Bill and Melinda Gates Foundation. Da allora la Fondazione Gates ha versato milioni di dollari direttamente negli sforzi per il vaccino Covid-19 di Moderna e Inovio.

Il sostegno di Gates ai vaccini a base di DNA e RNA è significativo, dato che

Gates – un miliardario con un’influenza e un controllo senza pari sulla politica sanitaria globale – ha recentemente affermato che le migliori opzioni per un vaccino Covid-19 sono questi stessi vaccini, nonostante il fatto che non siano mai stati approvati per l’uso nell’uomo. Eppure, grazie alle autorizzazioni di emergenza attivate a causa della crisi attuale, sia Moderna che Inovio hanno saltato la sperimentazione animale e sono passati direttamente alla sperimentazione umana.

Sono inoltre destinati ad essere utilizzati su larga scala nel giro di pochi mesi. La sperimentazione clinica di Moderna sull’uomo è iniziata a metà marzo, seguita da quella di Inovio all’inizio di aprile. Quindi, non sono solo i favoriti da Gates per essere il nuovo vaccino, ma sono anche destinati ad essere i primi a completare gli studi clinici e a ottenere l’approvazione d’emergenza del governo degli Stati Uniti, in particolare il vaccino di Moderna che è stato sviluppato congiuntamente con il NIH del governo.

La rapida ascesa alla ribalta dei vaccini Covid-19 di Moderna e Inovio ha fatto sì che diversi articoli mediatici lodassero la DARPA come la nostra “speranza migliore” per contrastare la crisi del coronavirus. Oltre a sostenere gli sforzi di Moderna e di Inovio, la stessa DARPA, in particolare il BTO di DARPA, è destinata ad avere un vaccino “temporaneo” per il Covid-19 disponibile nel giro di poche settimane, che comporterà la produzione di anticorpi sintetici che apparentemente garantiranno l’immunità per alcuni mesi fino a quando non sarà disponibile un vaccino più duraturo (come quelli prodotti da Moderna e Inovio).

Il trattamento con gli anticorpi di DARPA per Covid-19 persegue due vie, incluso l’approccio “corpo umano come bio-reattore” che prevede l’iniezione di DNA sintetico o RNA per indurre l’organismo a produrre gli anticorpi necessari. La Difense One sottolinea che il trattamento Covid-19 della DARPA utilizzerebbe le tecniche che sono il risultato degli investimenti dell’agenzia nella microfluidica (la manipolazione di liquidi nel range sub-millimetrico), la fabbricazione di nanotecnologie e “nuovi approcci al sequenziamento dei geni”. 

Preoccupazioni persistenti 

Anche se la maggior parte dei media ha dipinto questi sforzi guidati dalla DARPA come del tutto positivi, vale la pena di notare che sono state sollevate delle preoccupazioni, anche se queste preoccupazioni hanno ottenuto a malapena la copertura che meritano.

Per esempio, Nature ha recentemente notato alcuni punti chiave riguardanti questioni di sicurezza relative alla corsa per un vaccino Covid-19, compreso il fatto che tutti i “precedenti vaccini contro il coronavirus non si sono dimostrati tutti idonei o addirittura sicuri”, con alcuni tentativi passati di vaccini contro il coronavirus che hanno prodotto un potenziamento dipendente dagli anticorpi (ADE). L’ADE fa sì che le cellule assumano il virus più rapidamente e accelerino la replicazione del virus, aumentandone l’infettività e la virulenza. 

Nature ha anche segnalato che i due vaccini coronavirus per la SARS che sono riusciti a superare gli studi di fase 1 sono risultati, in studi successivi, la causa dell’ipersensibilità immunitaria nei topi “con conseguente immunopatologia grave”, cioè difetti permanenti o malfunzionamenti del sistema immunitario. Inoltre, Nature ha anche precisato che non si sa quanto sia necessaria una risposta immunitaria forte per conferire l’immunità a Covid-19 e ai coronavirus in generale, il che rende incredibilmente difficile valutare se un vaccino sia anche solo efficace.

Un’altra questione degna di nota riguarda le preoccupazioni emerse a proposito di Inovio Pharmaceuticals da parte della società di investimenti di ricerca Citron Research, che ha paragonato Inovio a Theranos, la società di tecnologia medica che inizialmente aveva promesso di offrire diagnosi per numerose malattie attraverso un semplice esame del sangue, ma che in seguito si è rivelata una farsa. Citron ha affermato che “Sono passati più di 40 anni dalla fondazione di Inovio, eppure l’azienda non ha MAI [sic] portato un prodotto sul mercato, e nel frattempo gli addetti ai lavori si sono arricchiti con stipendi consistenti e grandi vendite di azioni”.

Citron Research ha aggiunto che la pretesa dell’azienda di aver progettato il vaccino Covid-19 in sole 3 ore sulla base di un algoritmo computerizzato è davvero difficile da credere, sostenendo che “Inovio ha un ‘algoritmo computerizzato’ che nessun altro al mondo ha ed è probabilmente uno dei più grandi progressi nella scoperta del vaccino negli ultimi 100 anni, eppure questo ‘algoritmo computerizzato’ non viene menzionato una sola volta in nessuno dei suoi 10-K o 10-Q? A noi sembra Theranos”.

Ha anche notato che le alleanze di Inovio con le aziende farmaceutiche Roche e AstraZeneca hanno finito per fallire con le due aziende che hanno annullato la partnership, sebbene il CEO di Inovio abbia affermato che il siero avrebbe “continuato a prosperare”.

Un’agenda non così nascosta


Naturalmente, queste sono solo preoccupazioni focalizzate sul comportamento aziendale e sugli ostacoli verso la realizzazione di un vaccino Covid-19 in generale. Come questo rapporto ha già mostrato in dettaglio, gli altri esperimenti della DARPA con le stesse tecnologie (in particolare l’ingegneria genetica, i cromosomi sintetici e la nanotecnologia) che vengono utilizzati per produrre vaccini a base di RNA e DNA per il Covid-19 sono probabilmente più preoccupanti.

Questo è particolarmente vero dato che le aziende sostenute dalla DARPA che si descrivono come “partner strategici” dell’agenzia sono quelle che producono questi vaccini. Inoltre, grazie al sostegno del governo degli Stati Uniti e di Bill Gates, tra gli altri, sono anche destinati ad essere tra i primi vaccini (se non i primi) approvati per un uso su larga scala.

E’ certamente preoccupante che la copertura mediatica degli impegni della DARPA e degli impegni di Moderna e di Inovio non abbia finora incluso la documentazione critica riguardante i diversi rami della ricerca della DARPA che ha prodotto la tecnologia utilizzata per la realizzazione di questi vaccini, lasciando poco spazio al pubblico per il controllo della loro sicurezza, della loro efficacia e del loro potenziale di effetti indesiderati sulla genetica umana.

Questo è particolarmente allarmante se si considera che, nelle ultime settimane, in molti paesi sono stati intrapresi sforzi per far rispettare le vaccinazioni obbligatorie una volta che il vaccino Covid-19 sarà disponibile. In alcuni paesi, sembra probabile che il vaccino Covid-19 non sarà reso obbligatorio di per sé, ma sarà richiesto per coloro che desiderano tornare a qualsiasi parvenza di “normalità” in termini di incontri pubblici, di lavoro, di lasciare la propria casa per periodi di tempo più lunghi e così via.

Le persone coinvolte nella creazione di un tale vaccino obbligatorio, ad esempio la DARPA, si lascerebbero sfuggire l’opportunità di utilizzare le stesse tecnologie coinvolte nella produzione del vaccino per alcuni dei loro altri obiettivi previsti? Questa domanda, naturalmente, non può avere una risposta ovvia, ma il fatto che l’arco della ricerca della DARPA sia finalizzato ad armatizzare la biologia umana e la genetica in un modo che è pronto per un uso improprio, suggerisce possibilità molto preoccupanti che necessitano di essere esaminate.

Infatti, se ci si limita a guardare come la crisi sia stata una manna per i piani orwelliani della National Security Commission on Artificial Intelligence (NSCAI) e gli attuali sforzi del governo federale per aumentare drasticamente i propri poteri in mezzo alla crisi attuale, è sempre più difficile dare il beneficio del dubbio ad agenzie governative come la DARPA e ai loro partner aziendali come Moderna e Inovio.

Questo è particolarmente vero dato che – se non fosse per una crisi importante come quella che attualmente domina gli eventi mondiali – la gente sarebbe probabilmente poco propensa all’introduzione diffusa di molte delle tecnologie che la DARPA sta sviluppando, sia che si tratti della loro volontà di creare dei “super soldati” cyborg, sia che si tratti di BMI iniettabili con la capacità di controllare i propri pensieri. Eppure, in mezzo alla crisi attuale, molte di queste stesse tecnologie vengono vendute al pubblico come “sanità”, una tattica che la DARPA usa spesso.

Mentre il panico e la paura per quanto riguarda il virus continua a crescere e mentre la gente diventa sempre più disperata nel voler tornare a qualsiasi parvenza di normalità, milioni di persone prenderanno volentieri un vaccino, a prescindere da qualsiasi programma di vaccinazione imposto dal governo. A coloro che hanno paura e sono disperati non importerà che il vaccino possa includere la nanotecnologia o che abbiano il potenziale per modificare geneticamente e riprogrammare il loro stesso essere, poiché vorranno solo che la crisi attuale che ha stravolto il mondo si fermi.

In questo contesto, l’attuale crisi del coronavirus sembra essere la tempesta perfetta che permetterà alla visione distopica della DARPA di prevalere e di avanzare dalle nicchie più oscure del Pentagono verso la più completa visibilità pubblica. Tuttavia, la visione transumanista della DARPA per l’esercito e l’umanità rappresenta una minaccia senza precedenti, non solo per la libertà umana, ma una minaccia a livello esistenziale per la vita umana e per gli stessi pilastri della biologia stessa.

Informatevi su tutto, venite alle vostre conclusioni.


2 commenti:

  1. Quando la vita con la perdita della Libertà perde il suo senso, solo i schiavi si sentono felici nel viverne l'esistenza, i liberi se ne vanno e chi è senza "anima" si gode la sua insofferenza al quieto vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... così come il lupo è stato ammaestrato a diventare cane, così l'umano dopo il sesto anno di vita viene ammaestrato/domesticato surrettiziamente, perdendo così la sua libertà; questo tipo di imposizione si chiama "Neotenia"; insomma ominidi addomesticati.

      Siamo all'interno di vari recinti che possiamo chiamare, politica, religione, razza, ossequiosi di un dio o un re o una respubblica moderna con il suo presidente.

      Nulla di più sbaglato è pensare di essere liberi, siamo all'interno di un ovile dove il padrone ci dice cosa fare e non permette al lupo selvatico e libero di sbranari, perché solo lui il nostro padrone ha queso diritto, simo sua proprietà.

      Altroché libero arbitrio o liberta, si librtà di stare in quegli ovili sopra citati, dove un vassallo avrà nche lui il suo valvassore sopra di lui fino ad arrivare in cima alla piramide che a noi non è dato sapere ...

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Niente più Cinema, tutto sarà in streaming – indipendentemente dal Covid o dai vaccini

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”
Leggi QUI L'articolo di imolaoggi.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...