mercoledì 13 novembre 2019

La quasi estinzione in contrapposizione alla totale estinzione

 

Lo studio suggerisce che (come si potrebbe pensare) le persone non sono infastidite dall'estinzione umana

Di John Vibes / Teoria della verità

Un recente studio di Oxford pubblicato sulla rivista Scientific Reports ha scoperto che le persone non sono affatto infastidite dalla possibilità dell'estinzione umana. Nello studio, 2.500 persone negli Stati Uniti e nel Regno Unito sono state intervistate sui loro sentimenti riguardo alla possibilità di un'apocalisse.

Agli intervistati è stato chiesto di classificare quanto pensavano fossero potenziali scenari per il giorno del giudizio. In un test molto semplice, sono stati dati tre scenari, uno in cui l'intera specie umana è stata spazzata via da una catastrofe globale, un'altra in cui solo l'80% delle specie è stata spazzata via, e un'altra in cui non accade nulla e la vita continua normalmente.

Come previsto, la scelta più popolare è stata quella di continuare la vita come se nulla fosse successo, ma le altre risposte hanno sorpreso i ricercatori. Le persone che hanno partecipato al sondaggio sembravano avere più paura di vivere in un mondo in cui l'80% delle specie erano state spazzate via rispetto all'idea che l'umanità si fosse completamente estinta.

I ricercatori hanno scritto che " Quando è stato chiesto nel modo più semplice e non qualificato, i partecipanti non trovano l'estinzione umana unicamente cattiva".

Stranamente, quando le domande sono state leggermente modificate per valutare le opinioni delle persone sull'estinzione degli animali, gli intervistati hanno concordato in modo schiacciante che una perdita totale di una specie animale era peggiore di una riduzione dell'80%.
Oltre 5000 persone hanno scaricato il nostro ebook gratuito "Suggerimenti e rituali di hacking di crescita per una vita ottimale" FARE CLIC QUI per ottenere la copia gratuita ora
I ricercatori hanno avuto diverse teorie sul perché le persone si sentissero in questo modo e non hanno trovato alcuna spiegazione per i loro risultati, ma sembra che gli intervistati abbiano risposto alle domande in base a come avrebbero vissuto la situazione come umani. È molto facile per la maggior parte degli umani considerare le morti degli animali come una statistica e dare la risposta fredda e calcolata che il 20% delle zebre nel mondo che sopravvivono a un'estinzione è meglio per il pianeta e per la biodiversità che osservare l'intera specie morire.

Tuttavia, quando si considera questa stessa domanda per la nostra stessa specie, la questione diventa molto più complicata ed emotiva. Di fronte alla questione dell'estinzione umana, la maggior parte delle persone vuole che sia rapida e indolore se accadrà, vogliono una sofferenza minima. Se accadesse qualcosa in cui l'80% della popolazione umana veniva improvvisamente spazzata via, ci sono buone probabilità che comporterebbe molta sofferenza per coloro che sono morti e anche per quelli che sono rimasti indietro.
"Concludiamo che un motivo importante per cui le persone non trovano l'estinzione in modo univoco negativo è che si concentrano sulla morte e sulla sofferenza immediate che le catastrofi causano per i compagni umani, piuttosto che sulle conseguenze a lungo termine " , afferma l'abstract dello studio.
Tuttavia, ci sono stati alcuni casi in cui gli intervistati del sondaggio hanno optato per la quasi estinzione in contrapposizione alla totale estinzione, ed è stato allora che hanno detto che le persone rimaste avrebbero creato un mondo "migliore di oggi in ogni modo immaginabile".

CREDITO IMMAGINE: Razvan Ionut Dragomirescu


Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...