sabato 9 luglio 2016

Ophiuchus Il "Serpente Rosso"

 
Il mistero di Rennes-le-Château‎
 
I Merovingi sono tornati alla ribalta più recentemente in una serie di libri che tentano di risolvere il mistero del minuscolo villaggio di Rennes-le-Château‎ sulla sommità delle montagne della Linguadoca, nella Francia meridionale.
 
Questo fu un tempo uno dei centri più importanti del monastero di Sion, dei Templari, dei Catari e di molti altri che fanno parte della cerchia di chi detiene le conoscenze segrete.
 
Questa zona fu un tempo popolata dai Celti, gli antichi Cimmeri e Sciti, provenienti dal vicino Oriente e dalle montagne del Caucaso, e Rennes-le-Château‎ si chiamava Rhedae dal nome di una delle tribù.
 
Era venerato dai druidi come un luogo sacro poiché anche questa è una regione ad elevato livello di magnetismo. Alla fine degli anni Sessanta del Novecento un documento di origine incerta detto: "Serpente Rosso" o Le Serpent Rouge venne alla luce alla Biblioteca Nazionale di Parigi.
 
Conteneva l'albero genealogico dei Merovingi, due cartine della Francia del periodo merovingio e una pianta di St. Sulpice, il centro della chiesa cattolica in cui si svolgevano studi di occultismo.
 
St. Sulpice fu costruita sui resti di un tempio dedicato a Iside/Semiramide e fu il luogo in cui venivano sepolti i re merovingi. Le Serpent Rouge recava la data del 17 gennaio 1967 e la scheda della Biblioteca Nazionale era datata 15 febbraio.
 
Ma quest'ultima data si rivelò fasulla perché la vera data in cui venne depositato era il 20 marzo. A quell'epoca tutti i presunti autori dell'opera, Pierre Feugere, Louis Saint Maxsent e Gaston de Koker erano morti a una distanza di 24 ore l'uno dall'altro, il 6 marzo.
 
Ma la cosa si fa ancora più strana, poiché questi tre, come poi è emerso, non ne erano affatto gli autori. Qualcuno, si pensa aveva loro attribuito la paternità di quell'opera per avvolgere tutto ancor più nel mistero.
 
Tredici giorni erano trascorsi tra quelle tre morti e il deposito del libro alla biblioteca. Il documento di tredici pagine includeva piccoli poemi in prosa relativi ad ogni segno dello zodiaco e elencava tredici segni.
 
Il tredicesimo era detto Ophiuchus (il portatore di serpente), ed era posizionato tra lo Scorpione e il Sagittario. Il 13 era il numero più importante per i Templari e ciò diventerà sempre più chiaro man mano che la storia procederà leggendo il libro.
 
Credo da molto tempo che i segni dello zodiaco originariamente fossero 13. Le Serpent Rouge, che pare faccia riferimento mal paesaggio circostante Rennes-le-Château, presenta una versione della favola della Bella Addormentata io cui la principessa (l'energia femminile) è condannata a dormire finché un bel principe non arriverà a svegliarla.
 
Questo è assai rilevante anche per il numero 13 per ragioni che il libro chiarirà in seguito. Le Serpent Rouge confermava anche che Maria Maddalena non era che l'ennesimo simbolo di Iside.Diceva infatti:
"Inizialmente qualcuno la chiamava ISIDE, regina delle sorgenti benefiche, VENITE A ME VOI TUTTI CHE SOFFRITE E CHE SIETE SOPRAFFATTI E IO VI CONFORTERÒ, altri la chiamavano la Maddalena del famoso vaso pieno di balsamo medicamentoso. Gli iniziati conoscevano il suo vero nome: NOTRE DAME DES CROSS"  
L'energia femminile e la discendenza rettiliana vengono tramandate per linea materna, e sin dai tempi di Ninkharsag e Enki questa energia era simboleggiata da Maria, Iside e Semiramide, come pure Diana.

La principessa Diana fu uccisa in corrispondenza di un antico luogo sacrificale merovingio consacrato alla dea Diana, quando la sua auto si schiantò contro il tredicesimo pilastro della galleria.

Una grotta a Sainte-Baume, nella Francia meridionale, è un santuario ufficialmente riconosciuto dalla chiesa Cattolica poiché si dice, e la cosa è assolutamente infondata, che vi abbia vissuto Maria Maddalena.

In realtà, durante la dominazione romana, quella grotta era un centro di culto della dea Diana Lucifera - la Diana portatrice di luce o Illuminatrice. Fu proprio questo l'appellativo dato a Maria Maddalena da Jacobus de Voragine, l'arcivescovo domenicano della nobiltà nera genovese.

Un altro punto interessante è che mentre i Templari sparsi nel resto della Francia furono arrestati e torturati dopo l'epurazione ordinata da Filippo il Bello nel 1307, quelli che vivevano nella zona intorno a Rennes-le-Château‎, a la Bezu, le Valdieu e Blanchefort, furono lasciati in pace.

Questa zona era evidentemente molto importante per i Templari, che erano legati alla Famiglia Blanchefort di Château‎ di Blanchefort, ad appena due miglia di distanza da Rennes-le-Château.

Alcuni studiosi pensano che i Templari abbiano sepolto gran parte del loro oro vicino a Rennes-le-Château. Certamente un terzo di tutto il loro patrimonio europeo si trovava un tempo nella regione della Linguadoca. Anche i romani ritenevano sacra questa zona e vi veneravano le loro divinità pagane.

Nel VI secolo Rennes-le-Château era una fiorente città di 30-000 abitanti, la capitale settentrionale dell'impero visigoto che si estendeva oltre i Pirenei, nella Spagna. I Visigoti erano un popolo germanico o teutonico, come i successivi Cavalieri Teutonici che emersero nello stesso periodo dei Templari.

Anche i Visigoti erano gli antenati dei Cimmeri e degli Sciti, le popolazioni bianche del Caucaso. Furono i Visigoti a piombare giù dall'Europa centrale per saccheggiare Roma e porre fine al dominio romano.

da il Segreto più Nascosto p: 187-188-189

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page