Sperimentazioni di geoingegneria: gli effetti disastrosi sono reali

sabato 23 luglio 2016

Al limite della tensione

 
Un analista avverte che: 
"gli Stati Uniti sono al limite di una insurrezione"

Secondo quanto riporta l'analista Justin King, nel Web AntiMedia.org, gli Stati Uniti potrebbero trovarsi al limite di un'insurrezione, stando a quello che si definisce il ciclo dell'insurrezione.

Nell'agosto del 2014, lo stesso analista ha reso nota la sua teoria sul ciclo dell'insurrezione che è formato da cinque stadi e che sono avvenuti uno dopo l'altro fino ad oggi, momento in cui ci troviamo al 4 stadio che precede una ribellione o insurrezione generale.

Secondo King, le cinque fasi di un ciclo per l'insurrezione sarebbero le seguenti:

FASE 1: PROLIFERAZIONE DI VOLANTINI E OPUSCOLI

Prima dell'era digitale, ovunque i volantini erano il metodo principale di propaganda dei dissidenti. Gli opuscoli erano usati per far dubitare dell'autorità dei governi e dei loro sistemi di controllo.

Oggi, gli opuscoli sono stati sostituiti dai blog, dalle reti sociali e in misura minore dai giornalisti contrari all'establishment.


FASE 2: PROTESTE DI REAZIONE

Una volta seminata la sfiducia con la proliferazione di opuscoli di denuncia, la gente scende in strada per esprimere la sua opinione al governo.

Queste proteste avvengono dopo che i mezzi di comunicazione controllati dal potere cercano di alleggerire o minimizzare qualche incidente che ha offeso la popolazione o una parte di essa.


FASE 3: DISORDINI PREVENTIVI

I disordini preventivi fanno seguito a un periodo di proteste reattive che sono rimaste senza risposta da parte del Governo. Le persone iniziano a invadere le strade e a distruggere la proprietà privata e pubblica in modo veloce appena avviene un incidente che li offende.

Le persone indignate non hanno più speranza che il governo agisca correttamente e corregga gli abusi fatti alla popolazione.


 

FASE 4: REAZIONE POLITICA O MILITARE PER REPRIMERE LE PROTESTE

Questi disordini e piccoli incidenti per la resistenza scatenano una reazione del Governo . I sistemi di controllo del paese rinforzano il controllo sulla popolazione e restringono la libertà civile violando in tal modo i diritti del cittadino.

La repressione da parte del Governo serve da combustibile per alimentare ancora di più la resistenza mano a mano che più persone si stancano dell'intrusione del Governo.


FASE 5: RIBELLIONE O INSURREZIONE GENERALE

Ad un certo punto durante la repressione scoppia un incidente che serve da detonatore che fa scoppiare la polveriera della dissidenza.

A questo punto scoppia una ribellione aperta.

 

King sostiene che gli Stati Uniti si trovano nella 4 fase del ciclo dell'insurrezione e i mezzi di comunicazione, che credono sbagliando di essere i portatori dei punti di vista del popolo americano, stanno chiedendo di applicare una repressione ancora più forte.   

Secondo l'opinione dell'analista, nel corso di tutta la storia, mai un movimento di insurrezione maturato secondo le fasi sovraesposte, è arrivato a questa tappa, è stato soffocato con la forza.


E come immagine finale, cita il Presidente John F. Kennedy, che ai suoi tempi disse:
 
"Coloro che contrastano una rivoluzione pacifica, 
rendono inevitabile una rivoluzione violenta”. 
John F. Kennedy 

Nota di El Robot Pescador:
 
Vedremo se avverranno queste fasi.
 
La cosa più probabile è che se si rafforza o militarizza ancora di più la polizia, scaturirà l'alimentare ancora di più la possibilità di una rivolta.

Quindi l'analista consiglia di smilitarizzare la polizia, punire i crimini e gli abusi costanti e in aumento da parte del governo per impedire che le proteste vadano avanti e si entri nella 5 fase.

Vedremo se il governo nordamericano vuole farlo o se come molte persone di un mondo alternativo teme, si sta cercando proprio di alimentare quest'insurrezione per poi applicare, in risposta, una politica repressiva.
 di Tyler Durden
10 Luglio 2016
dal Sito Web ZeroHedge
traduzione parziale da El Robot Pescador
11 Luglio 2016
dal Sito Web ElRobotPescador
traduzione di Nicoletta Marino
Versione originale in inglese
Versione in spagnolo
 

Capo dell'Intelligence Francese avvisa:
Rischio di "Guerra Civile" in Francia  

Patrick Calvar, Capo della Direzione Generale della Sicurezza Interna in Francia, ha dichiarato ai membri della commissione parlamentare francese che il suo paese, 
"sta sull'orlo di una guerra civile".
Calvar, ha detto che la situazione in Francia,

"sta sull'orlo di un precipizio, che manca soltanto un nuovo attacco terroristico islamico per provocare una reazione a catena che andrà a beneficio della estrema destra".
Patrick Calvar

Nelle dichiarazioni rilasciate al giornale francese Le Figaro, Calvar, ha detto che secondo il suo criterio, 
"Questo scontro civile sarà quasi inevitabile e che solo uno o due attacchi terroristici in più lo potranno provocare".
Ha avvisato anche su possibili attacchi con autobomba.

Quindi, secondo Calvar, questi dovrebbero essere prevenuti e bloccare tutti questi gruppi per impedire al presumibile scontro, quasi inevitabile, tra l'estrema destra e i Musulmani se avverranno nuovi attacchi terroristici islamici in Francia.




Secondo il capo della sicurezza interna, questa possibilità fa sorgere una minaccia più grande dello stesso terrorismo.

Calvar ha anche avvisato che 
"l'Europa corre un grave pericolo e che l'estremismo sta crescendo dappertutto".
I commenti del capo della Direzione Generale della Sicurezza Interna di Francia, coincidono nel tempo con gli avvertimenti dell'ex capo del MI6, Richard Dearlove, che ha detto anche che l'Europa si sarebbe trovata con, 
una "ribellione populista" se i governi non prendono il controllo sulla crisi migratoria.

Richard Dearlove

Gli esperti di sicurezza in Germania anche hanno avvisato la Cancelliera Angela Merkel, del fatto che la classe media è sempre più radicalizzata rispetto alla politica dell'immigrazione della frontiere aperte.

Tutto sembra indicare che nei prossimi mesi l'Europa potrebbe essere sottoposta a un'ondata di tensione in cui la crisi dei migranti, il terrorismo e l'estrema destra si alimenterebbero l'una dell'altra.
di Laura Mowat
13 Luglio 2016
dal Sito Web Express
traduzione di Nicoletta Marino
Versione originale in inglese
Versione in spagnolo

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page