La barriera naturale protegge il nostro clima

domenica 2 novembre 2014

Mesoamerica - 3113 a.C.

Dalla Mesopotamia alla Mesoamerica

Il ricordo che ha l'umanità di eventi epocali nel suo passato più remoto - "leggende" o "miti" come li definiscono la maggior parte degli storici - include narrazioni ritenute "universali", nel senso che sono parte integrante del retaggio culturale o religioso dei popoli di tutta la terra. Appartengono a questa categoria Prima Coppia di Esseri Umani, di un Diluvio Universale, Gli dèi che venivano dal cielo. E di dèi sia che partivano alla volta del cielo.

Di particolare interesse per noi sono le memorie collettive dei popoli che abitano le terre in cui si verificano queste presenze. Abbiamo già presentato le prove che provengono del Vicino Oriente; ma ne abbiamo altre che giungono dalle Americhe e che riguardano sia gli dèi enliliti che quelli enkiti. 

In sud America la divinità principale era chiamata Viracocha "Creatore di tutte le cose". I nativi aymara delle Ande dicevano di lui che la sua dimora era a Tiwanaku, e che dette alle prime due coppie fratello-sorella una bacchetta d'oro grazie alla quale avrebbero individuato il posto adatto per erigere Cuszo (la capitale inca), il sito per l'osservatorio di Mucchu Picchu, nonché altri siti sacri.
E che poi, dopo aver fatto tutto ciò se ne andò.

Il grande schema che simulava un Ziggurat quadrato con gli angoli orientati ai punti cardinali indicava la direzione della sua eventuale partenza (guarda figura sotto). Abbiamo identificato il dio Tiwanaku come Teshub/Adad del pantheon ittito/sumero, figlio minore di Enlil. In Mesoamerica il dio che dette la civiltà fu il "Serpente Alato" Quetzalcoatl:

Lo abbiamo identificato come il figlio di Enky, Thoth del pantheon egizio (Nin.gish.zid.da per i sumeri),
colui che nel 3113 a.C. portò con sé i suoi fedeli africani per fondare la civiltà in Mesoamerica. Pur se il periodo della sua partenza non era stato specificato doveva necessariamente coincidere con la scomparsa dei suoi protegès africani, gli Olmechi e con la contemporanea comparsa sulla scena dei Maya - nel 600/500 a.C. circa.


La leggenda più famosa in Mesoamerica era la sua promessa fatta al momento di partire, di tornare -  in occasione dell'anniversario del suo Numero Segreto 52. E fu così che, a metà del I° Millennio a.C. nelle varie regioni del mondo l'umanità si trovò progressivamente senza gli dèi che aveva adorato da tempo; e non ci volle molto che una domanda cominciasse a tormentare l'umanità: Torneranno? 

Come una famiglia improvvisamente abbandonata dal proprio padre l'umanità ha iniziato ad annaspare nella speranza di un ritorno, poi, come un orfano che ha bisogno di aiuto, l'umanità ha cercato un salvatore. I profeti aveva promesso una sua venuta alla Fine dei Giorni. All'apice della loro presenza, gli Anunnaki erano 600 sulla Terra, più altri 300 Igigi con base su Marte. Il loro numero iniziò a decrescere dopo il Diluvio e, in particolare dopo la visita di Anu nel 4000 a.C. 

Degli dèi citati nei primi testi sumerici  e nelle lunghe liste degli dèi, ben pochi rimasero col trascorrere dei millenni, la maggior parte fece ritorno al proprio pianeta; altri - a dispetto della loro presunta "immortalità" - morirono sulla Terra. Ricordiamo Zu (che fu sconfitto) e Seth, Osiride fatto a pezzi; Dumuzi, che annegò; Ebau, vittima dell'olocausto nucleare. La permanenza degli dèi Anunnaki all'avvicinarsi di Nibiru fu il drammatico finale.

Erano finiti i tempi solenni in cui i dèi risiedevano nei recinti sacri nelle città degli uomini, quando un faraone affermava che un dio viaggiava nei cieli a bordo di un carro, quando un re assiro si vantava dell'aiuto ricevuto dal cielo. Già ai tempi del profeta Geremia  626- 586 a.C. le nazioni che circondavano la giudea venivano beffate perché veneravano non un "dio vivente" bensì idoli in pietra, legno o metallo, opera di artigiani - dèi che avevano bisogno di essere trasportati perché non erano in grado di camminare.

Al momento della partenza finale chi fra i grandi Anunnaki rimase sulla Terra? A giudicare dalle citazioni nei testi e dalle iscrizioni dei periodi successivi, possiamo essere solo certi di Marduk e di Nabu degli Enkiti; fra gli Enliliti troviamo Nanar/Sin, la sua sposa Ningal/Nikkal e il suo aiuto Nusku; probabilmente rimase anche Ishtar. In ciascuna fazione della grande divisione religiosa c'era solo un grande Dio di Cielo e Terra: Marduk per gli Enkiti, Nanar/Sin per gli Enliliti. 

La storia dell'ultimo re di Babilonia rifletteva le nuove circostanze.Era stato scelto da Sin nel suo centro di culto Haran, ma aveva bisogno del consenso e della benedizione di Marduk a Babilonia e la conferma celeste con l'apparizione del pianeta di Marduk; portava il nome di Nabu-Na'id. Questo co-regno divino avrebbe potuto essere un tentativo di "monoteismo duale" 
(per coniare un'espressione), ma la conseguenza non intenzionale fu la nascita del seme dell'Islam.

Le testimonianze storiche indicano che ne gli dèi, ne il popolo erano soddisfatti di questa situazione.
Sin, il cui tempio ad Aran era stato restaurato, chiese che venisse ricostruito il sui grande Ziggurat a Ur e che diventasse il centro di adorazione; a Babilonia i sacerdoti di Marduk erano furiosi. Il testo di una tavoletta conservata al museo di British Museum, che gli studiosi hanno intitolato Nabu Na'id  e i sacerdoti di Babilonia, contiene un elenco di accuse da parte dei sacerdoti babilonesi nei confronti di Nabu Na'id , le scuse andavano da faccende puramente civili (legge e ordine non sono promulgate da lui), al fatto che trascurava l'economia del paese (gli agricoltori sono corrotti, le vie del commercio sono bloccate) fino alla mancanza di pubblica sicurezza (i nobili venivano uccisi), e alle accuse più gravi: sacrilegio.
Ha fatto l'immagine di un dio
che nessuno ha mai visto prima nel paese:
La messa nel tempio,
in cima ad un piedistallo, l'ha chiamata Nannar.
Con lapislazzuli l'ha adorata.
L'ha incoronata con una tiara che ha forma di falce di luna,
la sua mano, il gesto di un demonio.

L'accusa proseguiva affermando che si trattava di una statua ben strana, di una divinità mai vista prima, con capelli che arrivavano giù fino al piedistallo. Era talmente insolita e sconveniente, scrisse il sacerdote, che nemmeno Enky e Ninma (che finirono che l'essere raffigurate con strane creature - simili a chimere -  nell'atto di forgiare l'uomo) avrebbero potuto concepirla. Era così strana che nemmeno Adapa l'erudito (icona della conoscenza umana) ne conosce il nome.

4 commenti:

  1. ciao ti lascio questo nel caso non lo conoscessi già... un aspetto poco indagato da sitchin relativamente a Ningi.
    https://www.academia.edu/10347365/Considerazioni_su_Sarmizegetusa_Regia_e_sull_archeologia_romena_

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alex, grande la tua disamina, non è così peregrina l'ipotesi Dacia (rumena), in effetti Zecharia Sitchin ne parla nel suo libro "Gli Architetti del tempo", e più precisamente a pagina 353.

      La chiama la "Stonehenge" del Mar Nero. Che dire poi dei monti Bucegi? Qualcosa ne ho riportato qui anche Altro-giornale ne parla qui

      Certamente la tua ricerca asseverata e gli studi impegnati che hai fatto, non possono senza dubbio competere con le approssimazioni fatte nei due articoli citati, ma, senza dubbio sono intriganti-

      Grazie per il tuo impegno nell'avermi mandato un documento che apprezzo molto.

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page