giovedì 13 novembre 2014

Lo Stargate Sumero

L'analisi esopolitica americana verso l'Iraq


Lo Stargate sumero  

Le guerre verso l'Iraq, che sono state portate dagli US, coinvolgendo anche l'Europa, certamente sono state fatte per il petrolio, ma anche di segreti inconfessabili, uno di questi segreti ipotizzati potrebbe essere una 'porta delle stelle', uno Stargate, se veramente esistesse questo passaggio temporale nel sud Iraq, avrebbe avuto un ruolo molto importante sul 'ritorno profetizzato degli dei ", allora è molto probabile che le organizzazioni governative clandestine che influenzano o controllano l'amministrazione americana, sono a conoscenza dell'esistenza e il ruolo di questo Stargate.
 
L'allora presidente Sadam Hussein, è più probabile che fosse a conoscenza di tale esistenza, di uno Stargate, questo lo si deduce dai suoi progetti architettonici intenti a far rivivere la grandezza delle antiche civiltà mesopotamiche, confermando così il suo posto come il restauratore della gloria passata dell'Iraq.
 
Più significativamente, si evince tutto questo da quando ha dato il suo permesso a una squadra tedesca di archeologi di riprendere gli scavi nella città sumera di Uruk dopo l'avvenuta mappatura dei sotterranei dell'antica città, questo, suggerisce che potrebbe essere la posizione dello Stargate sumero. Questa conoscenza di uno Stargate sepolto, può anche essere parte del motivo per cui il governo tedesco si è pubblicamente opposto ad una guerra preventiva degli Stati Uniti contro l'Iraq. Se, infatti, sia il regime di Hussein che quello dell'allora amministrazione Bush, ritenevano che uno Stargate giacesse sepolto nelle sabbie del sud dell'Iraq, allora molto probabilmente esiste una corsa per ottenere l'accesso ad esso e quello di controllarlo. Questa è la tesi di William Henry' s per sostenere la politica del conflitto militare in Iraq. Dal punto di vista dell'amministrazione americana, il controllo dello Stargate Sumero, consentirebbe alle organizzazioni governative clandestine di continuare la loro campagna globale della non divulgazione della presenza ET sulla Terra. 
 
Questa forte implicazione dell'amministrazione, dell'allora presidente Bush per la segretezza ha ribaltato molte delle libertà e iniziative d'informazione da parte della precedente amministrazione Clinton. Il controllo dello Stargate sumero, da parte delle organizzazioni clandestine va aggiunto a qualsiasi altro Stargate che potrebbero essere stati trovati nelle capitali di altre civiltà, ad esempio, l'egiziano, Inca e Aztechi; presumibilmente per far leva sulle varie razze di ET  che attualmente interagiscono con il pianeta, o alla previsione dell'arrivo sulla scena di qualche evento associato al 'ritorno profetizzato degli dèi'.
Per lo meno, il controllo dello Stargate Sumero, permetterebbe alle organizzazioni governative clandestine di dettare il ritmo delle trasformazioni globali che gli ET promettono di introdurre sulla Terra con la loro tecnologia avanzata, conoscenza superiore e abilità psichiche accresciute. Da parte del regime di Hussein, il controllo dello Stargate gli avrebbe permesso l'attivazione, soddisfacendo così la profezia, facilitando il ritorno di una razza avanzata di ET, l'élite Anunnaki. L'allora Presidente Hussein, probabilmente immaginava che in cambio della sua fedeltà alla élite Anunnaki, sarebbe stato ricompensato con una posizione globale di grande autorità. Forse, avrebbe vistop se stesso come una sorta di salvatore dell'umanità, facilitando il ritorno degli dèi che avrebbero risolto tutti i problemi umani, e la fine delle organizzazioni governative clandestine che hanno perpetuato nel tempo la non divulgazione della presenza ET.
 
Significativamente, i governi europei come la Germania, e forse anche la Francia e la Russia, possono aver dato una maggior copertura finanziaria per il futuro controllo dello Stargate, offrendo anche una copertura diplomatica per il regime di Hussein per consentire la ripresa degli scavi per la raccolta dei reperti archeologici, scavando in Uruk. Questi governi e le organizzazioni clandestine ad essi associati che hanno accesso alla conoscenza sulla presenza degli ET, molto probabilmente hanno il profondo sospetto che la volontà degli Stati Uniti, sia di avere il controllo sulla condivisione delle informazioni sul futuro dello Stargate Sumero e qualsiasi altra tecnologia scoperta in Iraq sugli ET. La tesi di Sitchin di un'antica presenza ET in Sumer combinata con la nozione di una varietà di dispositivi di trasporto ET descritti da altri autori nella loro ricerca di antiche civiltà, e la ripresa degli scavi archeologici nella prima capitale sumera Uruk nel 2002, da sostegno alla tesi di William Henry di uno Stargate che giace sepolto nelle sabbie del sud dell'Iraq. Questo fornisce importanti informazioni contestuali che è utile per capire le vere motivazioni dell'amministrazione americana nel suo avvenuto attacco preventivo contro l'Iraq. Possiamo sostenere che l'allora amministrazione Bush e il regime di Sdam Hussein erano entrambi coinvolti in una corsa contro il tempo per ottenere l'accesso e il controllo dello Stargate tra le rovine di Uruk o in qualche altro luogo nell'Iraq, prima del ritorno profetizzato degli Anunnaki. Allora, esisteva una situazione di stallo.

 

Sempre allora, Hussein controllava la terra nel sud dell'Iraq, ed erano stati permessi gli scavi condotti dai tedeschi in Uruk, mentre gli Stati Uniti guidati da una coalizione controllava il cielo monitorando la situazione. L'amministrazione Bush vuoleva il controllo del territorio iracheno a prendere il controllo degli scavi in Uruk per scoprire il sepolto Stargate, per monitorarlo attentamente e controllarlo. Al contrario, Hussein voleva trovarlo e attivarlo per la sua maggior gloria e presumibilmente per il bene dell'umanità. Il supporto probatorio principale per la discussione di cui sopra è certamente sottile per gli esperti di politica pubblica convenzionale e può sembrare più adatta a un thriller di fantasia più di un serio dibattito pubblico.
 
Dal punto di vista convenzionale, uno sparso assortimento di radicali indipendenti autori archeologici, dalle interpretazioni esegetiche conoscenti di testi biblici scritti, e della conoscenza di 'canali' ET, carte speculative redatte da astronomi, difficilmente costituiscono una fonte persuasiva di informazioni per comprendere le motivazioni della politica estera USA. Le prevalenti spiegazioni  dell'amministrazione americana devota a sradicare armi di distruzione di massa, e/o di essere guidata da interessi petroliferi e ambizioni imperiali potrebbero prevedibilmente prevalere per coloro che non convinti dalle fonti di cui sopra. Vi sono tuttavia alcune importanti prove circostanziali che conferiscono plausibilità alla tesi di uno Stargate, come il vero obiettivo dell'allora amministrazione Bush o ai gruppi di riferimento meno interessati, ma dietro di essi.
  • Il prima posizione ci sono le prove indiziarie, delle schiaccianti testimonianze che confermano l'esistenza di organizzazioni governative clandestine responsabili per sopprimere la conoscenza pubblica di una presenza ET, e che controlla tutta l'interazione ufficiale con le stazioni ET. Dal punto di vista esopolitico, vi è poi contemporaneamente, la soppressione clandestina di una presenza ET, sostenendola anche con importanti implicazioni di politica pubblica, in conclusione, vi è un'attiva soppressione clandestina di una antica presenza ET.
     
  • In seconda posizione ci sono delle prove circostanziali, è il potente sostegno diplomatico della Germania e della Francia al Regime di Hussein  per scongiurare un attacco militare preventivo. E' stato così potente questo supporto, che il segretario di allora alla Difesa, Donald Rumsfeld, in modo dispregiativo si riferiva all'Europa come  "la vecchia Europa", in risposta ad un giornalista il 22 gennaio 2003:
    "Stai pensando all'Europa come la Germania e la Francia. Io no. Io credo che sia la 'vecchia Europa'. Se si guarda all'intera NATO in Europa ad oggi, il centro di gravità si sta spostando verso Est. E ci sono un sacco di nuovi membri. E se si prende l'elenco di tutti i membri della NATO e di tutti coloro che sono stati invitati di recente, quanti sono 26? O, qualcosa del genere, la ragione è che la Germania è stato un problema, e anche la Francia è stato un problema."
    Se invece diamo un occhiata indietro su quello che è avvenuto realmente, ci rendiamo conto di quello che era, una bomba diplomatica, l'allora amministrazione Bush ha invece continuato e fatto di tutto per isolare le posizioni tedesche e francesi in Iraq. Ad esempio, l'amministrazione ha incoraggiato i leader di Spagna, Portogallo, Italia, Regno Unito, Ungheria, Polonia, Danimarca e Repubblica Ceca, a scrivere una lettera al Wall Street Journal il 30 gennaio, dicendo che "il regime iracheno e le sue armi di distruzione di massa rappresentano una chiara minaccia per la sicurezza mondiale.'' 

    Piuttosto che limitarsi a un dibattito diplomatico intenso su diverse posizioni politiche in Iraq, il linguaggio suggestivo e le posizioni assunte in questo dibattito suggerivano un più fondamentale e radicale conflitto su questioni nascoste alla vista del pubblico. E' probabile che esista una lotta di fazioni tra le organizzazioni governative clandestine istituite per far fronte alla presenza ET negli Stati Uniti, con le organizzazioni rivali create in Germania, Francia e anche la Russia.
     
  • Il terzo elemento della circostanziale prova è la ripresa degli scavi della prima capitale di Sumer, Uruk, portato avanti da un team archeologico tedesco nel 2002. Data l'importanza di Uruk e la sua probabilità come sito per un Stargate sumero, solleva degli interrogativi sul perché sono stati ripresi gli scavi in questo momento e su cosa si stava cercando. Dato che le tensioni politiche in Iraq non erano significativamente diminuite nel 2002 e, che sarebbe stato (e lo è stato) una probabile futura fonte di conflitto militare con gli Stati Uniti, possiamo suggerire che ci sono state forti motivazioni nascoste per ciò che in superficie sembrava essere uno scavo puramente scientifico di un antica capitale sumera.
     
  • Il quarto elemento di prova indiziaria è stata la distruzione del Columbia Space Shuttle durante il suo rientro il 1° febbraio del 2003, ad un'altezza di circa 38 chilometri viaggiando a Mach 18. Uno degli astronauti è stato il primo israeliano nello spazio, il colonnello IIan Ramon dalla aviazione israeliana. Il riferimento al Col. Ramon, è il suo ruolo nell'attacco israeliano contro l'impianto nucleare iracheno di Osirak nel giugno 1981, e ci sono state speculazioni che la sua missione sia stata coinvolta nella raccolta dell'intelligence sull'Iraq durante le orbite dello Shuttle.
     
    La distruzione del Columbia, è avvenuto 16 minuti prima di atterrare quando i serbatoi di carburante sarebbero stati praticamente vuoti. Una probabile fonte della distruzione dello Shuttle, data la velocità e l'altezza del Columbia, sarebbe stata una qualche forma di attacco da parte di una organizzazione in possesso di capacità militari ben al di là di eventuali gruppi terroristici e, anche della maggior parte delle nazioni. La causa più probabile sarebbe stata un'organizzazione governativa clandestina che ha voluto inviare un messaggio importante ai suoi rivali negli Stati Uniti per il minacciato attacco preventivo all'Iraq.
Quando tutte le primarie e circostanziali prove vengono messe insieme, ciò che emerge è un caso molto plausibile che supporta la tesi di una lotta di potere che va al cuore della presenza ET e la continua soppressione clandestina delle informazioni relative agli ET, con tutte le sue implicazioni.
 
Le interpretazioni delle motivazioni dell'allora amministrazione Bush a lanciare la guerra preventiva contro l'Iraq per quanto riguarda le preoccupazioni sollevate nel 2003 durante il discorso sullo stato dell'Unione, o gli interessi corporativi e imperiali di Bush suggerito dai suoi critici come Robert Fisk e Michael Lind, possono tutti essere descritti come parte dello strato superficiale delle motivazioni di guida della stessa amministrazione.
 
A un livello più profondo, è probabile che ci sia una grande ansia da parte delle organizzazioni governative clandestine in termini di ciò che sarebbe accaduto se Hussein, con il sostegno dei governi europei tedeschi e altri, avessero ottenuto l'accesso allo Stargate sumero o altra tecnologia ET sepolta in Uruk, e/o se lo Stargate fosse stato attivato in qualche modo senza la presenza del personale governativo clandestino per monitorare e controllare lo Stargate.
 
Il discorso sullo Stato dell'Unione che delineava la necessità di un attacco preventivo contro l'Iraq, nella maggior parte è stato mascherato da un probabile programma segreto per ottenere l'accesso allo Stargate o altra tecnologia ET in Uruk e altrove in Iraq dell'allora presidente Bush.
Tale accesso avrebbe dovuto presumibilmente perpetuare il controllo del governo clandestino sulle risorse globali e le informazioni in un momento di maggiore influenza dell'attività ET.

Conclusione: Implicazioni politiche e raccomandazioni
 
Se la prospettiva esopolitica è una descrizione più accurata delle motivazioni che hanno guidato l'amministrazione Bush a spingere per una guerra preventiva contro l'Iraq, possono essere fatte le seguenti raccomandazioni. 
In primo luogo, la qualità di elementi a suffragio di una storica presenza ET e di una copertura di un governo clandestino verso l'alto ha un notevole grado di credibilità e forza di persuasione. Questo, deve sostenere la creazione di un nuovo settore d'intervento pubblico, una Esopolitica, che studi la presenza storica degli ET in termini di implicazioni per una pubblica e contemporanea politica. In secondo luogo, vi è la necessità di promuovere una ufficiale comunicazione del governo della storica presenza degli ET e/o il ritorno imminente di questi; e per rendere più rappresentativo il processo di elaborazione delle politiche che si è evoluto nelle risposte del governo a tale informazione. In terzo luogo, l'evidenza suggerisce che gli interventi militari attuati con la guerra contro l'Iraq hanno poco a che fare con le armi di distruzione di massa, ma hanno lo scopo di perpetuare il controllo da parte del governo clandestino degli Stati Uniti sulle informazioni relative agli ET e la loro presenza storica. Tali guerre preventive (ancora in atto oggi con altri soggetti ma, sempre sotto lo stesso comando occulto), dovrebbero quindi essere interrotte, sia da parte  degli Stati Uniti, l'Iraq e i governi europei interessati che dovrebbero essere incoraggiati. In quarto luogo, l'evidenza suggerisce che il conflitto in Iraq e la distruzione del Columbia Space Shuttle mascherano una profonda lotta di fazione tra le organizzazioni governative clandestine associate ai diversi governi nazionali che sono stati inizialmente creati per far fronte alla presenza ET. L'auspicio è che il pubblico venga messo al corrente di queste organizzazioni, facendo uno sforzo nel controllare e rispondere alla presenza ET, e che queste organizzazioni diventino responsabili con l'elezione di pubblici funzionari.
L'auspicio finale riguarda la politica che deve fare uno sforzo maggiore nel determinare la misura in cui è richiesta la supervisione con Congressi legislativi da creare nei diversi paesi per affrontare tutti gli aspetti della presenza ET, passati e presenti, e sulle implicazioni di un ritorno previsto di una razza di ET associata con la nascita della civiltà umana. Questo auspicio suggerisce che il miglior meccanismo per rispondere all'esistenza di antiche tecnologie ET nell'antica capitale sumera di Uruk e/o altrove, deve essere la volontà dei principali governi mondiali e le organizzazioni clandestine associate nel condividere le informazioni e il controllo su tali attività. Le guerre preventive condotte in gran parte per il controllo di uno 'Stargate' in Uruk, che ha contrapposto gli Stati Uniti e i loro alleati, contro l'Iraq, sono state tacitamente sostenute da importanti nazioni europee, effettivamente sono state (e lo sono ancora) disastrose; il 'ritorno profetizzato' significa un evento fisico che coinvolgono gli antichi ET, una storia che ha avuto un ruolo primario agli albori nella partenza della civiltà umana.
 
La competizione delle organizzazioni governative clandestine alle prese con una guerra per procura per avere il controllo di antiche tecnologia ET, al fine di prepararsi per gli eventi corrispondenti del 'profetizzato ritorno degli dei ", difficilmente invierebbe un buon esempio di un'umanità abbastanza matura e  responsabile per continuare ad esercitare la sovranità sulle risorse della Terra.
 
La tragedia del Columbia Space Shuttle, potrebbe anche essere stato un messaggio dal contenuto tragico che ha causato delle vittime, una guerra per procura, un probabile messaggio dato alle organizzazioni clandestine basate sulla guerra preventiva contro l'Iraq. La sovranità umana può dunque essere messa in gioco nel momento in cui esiste la possibilità di un rapido movimento in avanti nella crescita evolutiva della coscienza umana.
Spetta a tutta l'umanità decidere come rispondere alla sfida posta dalle organizzazioni clandestine che lottano per le risorse storiche dell'Iraq per favorire i loro rispettivi segreti ordini del giorno.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page