martedì 18 gennaio 2022

Oggi viviamo in un mondo in cui l'assurdo diventa regolarmente realtà e l'orribile è un luogo comune

© Foto: Pixabay Free-Photos

 

Gli Stati Uniti sono sulla strada per una guerra civile o una dittatura?
 
di Francisco Herranz
dal sito web di SputnikNews
 
A un anno dall'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti, che ha provocato cinque morti e 700 imputati, emergono sempre più voci che avvertono apertamente che la vittoria di Donald Trump alle prossime elezioni presidenziali previste per novembre 2024 potrebbe essere il preludio di una profonda crisi democratica  negli Stati Uniti
 
Alcune di queste opinioni segnano persino delle date.
"Entro il 2025, la democrazia americana potrebbe crollare, causando un'estrema instabilità politica interna, inclusa una diffusa violenza civile.

 

Entro il 2030, se non prima, il Paese potrebbe essere governato da una dittatura di destra".
Chi si esprime così, in quei termini preoccupanti, è un politologo e ricercatore canadese, Thomas Homer-Dixon, dottore in Scienze Politiche al prestigioso MIT, e professore all'Università di Waterloo.
   
Lo stesso Homer-Dixon avverte coloro che lo leggono che queste possibilità non devono essere escluse,"perché sembrano ridicoli o troppo orribili da immaginare", perché nel 2014 sarebbe sembrato assurdo a quasi tutti anche il suggerimento che Trump sarebbe diventato il 45° presidente degli Stati Uniti.

"Ma oggi viviamo in un mondo in cui l'assurdo diventa regolarmente realtà e l'orribile è un luogo comune", afferma l'esperto.

La presidenza Trump e l'attacco al palazzo del parlamento di Washington hanno messo in luce il fatale indebolimento della democrazia americana e l'estrema polarizzazione politica della sua società civile.
 
Lo scorso novembre, più di 150 professori di politica, governance, economia politica e relazioni internazionali hanno chiesto al Congresso di approvare il cosiddetto Freedom to Vote Act, che proteggerebbe l'integrità delle elezioni americane ma ora è bloccato al Senato.

 

Questo è un momento di "grande pericolo e rischio", hanno scritto all'epoca.

"Il tempo scorre e la mezzanotte si avvicina", aggiunsero in tono cupo...

La verità è che i senatori repubblicani hanno bloccato per tre volte da giugno 2021 questo progetto legislativo promosso dai Democratici.

 

La legge sulla libertà di voto ha cercato di contrastare le restrizioni al voto che i repubblicani hanno imposto a livello statale negli ultimi mesi con l'approvazione di 33 leggi in 17 stati che limitano il suffragio di cittadini ispanici, afroamericani e persone con minori risorse economiche.

 

I conservatori affermano che il loro obiettivo è fermare le irregolarità, ma i democratici credono che il loro vero obiettivo sia porre fine ai controlli che hanno impedito a Trump di ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020, in cui ha vinto il presidente Joe Biden.
 
La battaglia per il diritto di voto avviene perché, negli Stati Uniti,
non esiste un sistema elettorale centrale...
In quel modo,
Ciascuno dei 50 stati dell'Unione stabilisce le proprie regole elettorali, che consentono di orientarle verso il partito che detiene il potere in ciascun territorio o per l'esistenza di situazioni aberranti come il "gerrymandering", una flagrante manipolazione delle elezioni elettorali di un territorio, unendoli, dividendoli o associandoli, al fine di produrre un effetto specifico sui risultati alle urne.
Ma continuiamo a leggere l'opinione di Homer-Dixon.
"Oggi, mentre osservo lo svolgersi della crisi in America, vedo un panorama politico e sociale che lampeggia con segnali di avvertimento".
Il canadese, che ha svolto il suo lavoro post-laurea negli Stati Uniti, non è affatto sorpreso da ciò che sta accadendo lì, poiché ha rilevato che già negli anni '80 si stava aprendo,
"una leggera crepa nell'autorità morale delle istituzioni politiche americane",
...che sono stati aperti con uno scalpello affilato e un martello da media e commentatori di destra.
"La potenza dei suoi pugni è stata amplificata ultimamente attraverso i social media e organi di stampa come Fox News e Newsmax.

 

Le crepe si sono costantemente allargate, ramificate, collegate e propagate in profondità nelle istituzioni americane un tempo stimate, compromettendo profondamente la loro integrità strutturale.

 

Il Paese sta diventando sempre più ingovernabile e alcuni esperti ritengono che potrebbe precipitare in una guerra civile".
I terribili avvertimenti di Homer-Dixon non sono una voce che grida nel deserto.

 

Pochi giorni fa, esattamente il 17 dicembre, il Washington Post ha pubblicato un parere firmato da tre ex generali statunitensi:

Il documento chiaramente allarmistico inizia dicendo che i militari in pensione sono sempre più preoccupati per le possibili ricadute delle elezioni presidenziali del 2024 e,
"il potenziale di un caos letale all'interno del nostro esercito, che metterebbe tutti gli americani a grave rischio".
E aggiunge:
"Siamo gelati fino all'osso al pensiero di un colpo di stato che avrà successo la prossima volta".
Il trio sottoscritto, con lunghe carriere alle spalle, sottolinea che, se si verifica un'insurrezione come quella di gennaio 2021, il potenziale per un crollo totale della catena di comando, dal suo vertice al livello di squadra, è notevole.
"Non si può escludere l'idea che unità ribelli si organizzino tra loro per sostenere il 'legittimo' comandante in capo", considerano i tre.
Eaton, Taguba e Anderson immaginano,
un Biden appena rieletto che impartisce ordini contro un Trump (o altra figura trumpista) dando loro come capo di un governo ombra.

 

O peggio ancora, politici a livello statale e federale installano illegalmente un candidato perdente come presidente del paese.
E in questo contesto di collasso militare, non escludono la possibilità di una guerra civile, che indebolirebbe il Paese contro nemici e minacce esterne. 
 
Di fronte a questo orizzonte nero, i tre chiedono un'azione decisiva.
Primo, che i leader che hanno ispirato lo sfortunato ammutinamento avvenuto dodici mesi fa ora siano assicurati alla giustizia...
Vogliono anche il Pentagono,
"identificare, isolare e rimuovere potenziali ammutinati", proteggendosi ulteriormente dagli "sforzi dei propagandisti che usano la disinformazione per sovvertire la catena di comando" e per sviluppare un "gioco di guerra",
...ovvero alcune esercitazioni militari, con lo scenario di un'insurrezione post-elettorale o di un colpo di stato per poter individuare i punti deboli del sistema e agire di conseguenza.

Insomma, la minaccia è reale ...

 
 

2 commenti:

  1. Perché invece Biden, il petomane rincoglionito è il garante dei principi dei padri fondatori? Anche da quelle parti si aspetta sempre il sorgere del sol dell'avvenir... Trump cosa farebbe, metterebbe a rischio una democrazia che non esiste, mai esistita? Paese grande come un continente, ci sono le città enormi ma ormai invivibili, la tranquilla e sordida provincia, i territori ancora selvaggi. Su tutto, su tutti, regna il Big Mac di McDonalds, il secondo emendamento e fregnacce simili. La gente, il popolo, va avanti ormai con i buoni pasto, i sussidi di disoccupazione. Chi lavora da Wall Mart prende 5 dollari e 50 all'ora, o li prendeva fino a poco tempo fa. Ci vogliono 10 ore di lavoro al giorno per tirar su uno stipendio decente. 6 giorni a settimana. Paese continente prossimo al dissolvimento, Biden o non Biden.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentrovato Mauro;
      se andiamo vanti così in questo distopico modo, presto saremo in dissolvimento anche noi, le avvisaglie ci sono tutte.

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

L’OZONO POTREBBE INDEBOLIRE UNO DEI PIÙ IMPORTANTI MECCANISMI DELLA TERRA

Una nuova classe globale che modella il nostro futuro comune in base ai propri interessi

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 21: LA VERITÀ NON DETTA SUI TAMPONI NASALI

Gli umani non sono sovrappopolati - Stiamo invecchiando e diminuendo

Li chiamano effetti collaterali - quando sapevano che sarebbe successo ... Essi sapevano che questo

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...