domenica 1 agosto 2021

Il mezzo per un fine - Presto ci verrà presentato il conto: Tasse, inflazione ed espropriazione

FANNO SUL SERIO – COSA SIGNIFICA QUESTO PER NOI?

Ogni volta che una persona si batte per un ideale, ovvero migliora la sorte degli altri. o prende posizione contro l’ingiustizia, invia una piccola onda di speranza. E quando queste onde provengono da molte fonti si incrociano e si fondono, si crea una corrente..,che può abbattere i più potenti muri dell’oppressione…e resistenza.
Robert F. Kennedy

Cari amici

A un anno e mezzo dall’inizio della planemia, è chiaro: non si tratta della malattia, che è un po’ più grave di una normale influenza. Né si tratta del coronavirus, che è noto da decenni ed è così innocuo che non è stato nemmeno testato.

Quindi di cosa si tratta? Certamente, si tratta, almeno per stavolta, di “vaccinare” la maggior parte delle persone con preparati genetici testati per l’emergenza. Questo è sostenuto dal fatto che terapie efficaci come l’idrossiclorochina e l’ivermectina sono state vietate in molti paesi e le “vaccinazioni” mRNA sono state presentate come l’unica soluzione.

Alle persone sane, la maggior parte delle quali immuni, viene somministrata una sostanza che provoca così tanti decessi che Swissmedic, patrona dei dati sugli effetti collaterali, non li segnala nemmeno più. Gli effetti collaterali gravi sono aumentati di circa ottanta volte rispetto al 2009, l’ultimo anno con dati affidabili.

Ma non si tratta solo di vaccinazione forzata, c’è di più.

“Non possiederai nulla e sarai felice” promette uno spot del World Economic Forum sul previsto “Reset globale”. Non possiederai nulla e sarai felice – una classica mezza verità.

La confisca dei nostri beni è la vera metà, che questo ci renda felici, questa è la metà menzognera. Perché il reset di Klaus Schwab è possibile solo con un controllo digitale capillare attraverso i nostri dati personali e finanziari.

Si tratta di cancellare il sistema finanziario globale completamente indebitato attraverso tassi d’interesse negativi, espropriazione e inflazione – o una loro combinazione. Il debito globale ammonta attualmente a 290 trilioni di dollari, tre volte e mezzo il PIL globale. La massa monetaria M1 disponibile per pagarli è di 35,2 trilioni. Nessuno sa come si possa pagare un tale debito in modo corretto e legale con così pochi soldi.

Quindi questa plandemia riguarda una riorganizzazione globale della vita sociale ed economica – non secondo regole democratiche, ma secondo i dettami dei saccheggiatori globali.

I normali mezzi democratici non funzionano contro questa rivoluzione dall’alto – lo stiamo sperimentando da un anno e mezzo con crescente disillusione. Lettere, petizioni, ricorsi in tribunale, comizi, referendum – a conti fatti hanno ottenuto poco, tranne la consapevolezza:

Stanno andando fino in fondo, usando tutti i mezzi politici, legali, propagandistici e finanziari.

La plandemia è il mezzo per un fine. Cioè: renderci sottomessi tramite la paura, a diffondere la “malattia”, per sottoporci al controllo digitale e per effettuare un reset globale.

Questo è un obiettivo a lungo termine. E questo richiede una risposta a lungo termine. La prima regola è: non tirarsi indietro, non scendere a compromessi e resistere alla libertà concessa di fare festa e di viaggiare.

La seconda regola è: diminuire le dipendenze e costruire la resilienza. Immunità (anche mentale), sicurezza di approvvigionamento e amicizie sono le parole chiave per questo.

La terza regola: teniamo occupato l’avversario.Legare le sue forze con azioni politiche, legali e comunicative. Non deve riposare, così come sta cercando di spingere noi con sempre nuove misure irragionevoli.

La quarta e più importante regola: creare il nostro campo, il campo dell’umanità. Tutti noi percepiamo un grande ponte di fiducia che ci unisce. Usiamolo per costruire una società parallela aperta, con cultura ed educazione libere, con un’economia basata sulla solidarietà e l’uguaglianza di fronte alla legge.

Il 1° agosto si celebra (in Svizzera) la riuscita della resistenza contro gli Asburgo. Volevano imporre le loro regole alla Svizzera originale: Salutare simbolicamente un cappello a cilindro, portare l’accesso al Gottardo nelle loro mani – e soprattutto dirottare denaro nelle loro casse.

Oggi la situazione è molto simile: dobbiamo indossare una mascherina con un valore simbolico. L’accesso alle strutture è limitato. Presto ci verrà presentato il conto: Tasse, inflazione ed espropriazione.

Ma: Noi festeggiamo il 1° agosto solo perché la resistenza ci ha permesso di costruire una buona vita. Se non fosse per quello che l’idea della Confederazione svizzera ha reso possibile, il 1° agosto sarebbe un giorno come un altro.

Se festeggiamo oggi – e vogliamo farlo – è perché è l’inizio di una nuova Svizzera, una terra di libertà, uguaglianza e fraternità. La forza per questo grande obiettivo sonnecchia già dentro di noi – è la fiducia in noi, nel nostro prossimo e in tutte le persone che stanno riscoprendo la libertà grazie alla Plandemia.

Non è solo la “libertà da”, è soprattutto la “libertà di”: La libertà di vivere e la libertà di amare il prossimo, il creato e non da ultimo noi stessi.

Con saluti amichevoli

Christoph Pfluger, editore di Corona Transition

https://corona-transition.org/

Il vero obiettivo per il 2030: non possederete più nulla”.

 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...