lunedì 26 febbraio 2018

Puma Punku - La porta del Puma

 

Puma Punku è la prova degli antichi astronauti?

Situato a soli 45 miglia a ovest di La Paz, sulle alte montagne delle Ande, si trovano le misteriose rovine di un sito archeologico chiamato Puma Punku.

Questo antico sito ospita pietre megalitiche che molti ricercatori affermano essere tra le più grandi del pianeta. Alcuni dei megaliti misurano fino a 26 piedi di lunghezza e pesano più di 100 tonnellate ciascuno.

Questo incredibile sito è stato costruito migliaia di anni fa da una cultura estremamente avanzata. Oggi, Puma Punku è considerato un grande complesso di templi o un gruppo di monumenti che fa parte del sito di Tiwanaku vicino a Tiwanaku, in Bolivia.

Tiwanaku è significativo nelle tradizioni Inca perché si ritiene che sia il luogo in cui è stato creato il mondo. Puma Punku significa "La porta del Puma".

Come notato dallo specialista andino, il professore di antropologia dell'Università di Binghamton, WH Isbell, una data radiocarbonica è stata ottenuta da Vranich da materiale organico proveniente dallo strato più basso e più antico del tumulo che forma il Puma Punku. Questo strato è stato depositato durante la prima delle tre epoche costruttive e risale alla costruzione iniziale del Puma Punku a 1510 ± 25 BP

Puma Punku è così unico nel modo in cui è stato costruito, modellato e posizionato, che è il sito più intrigante e antico del pianeta. Gli studiosi mainstream ritengono che i blocchi trovati a Puma Punku siano stati formati a mano con strumenti primitivi di pietra. Ma alcuni ricercatori sottolineano l'intricata lavorazione della pietra come prova dell'uso della tecnologia di precisione avanzata.

In che modo esattamente persone così primitive, vivendo migliaia di anni fa, hanno prodotto una pietra così perfetta? È possibile che gli antichi costruttori di Puma Punku abbiano fabbricato le pietre megalitiche con tecnologie avanzate? Strumenti di precisione che avrebbero potuto aiutarli a realizzare queste meraviglie di ingegneria e costruzione, tagli puliti, angoli precisi, sarebbe davvero possibile senza l'ausilio della tecnologia "moderna"? Molte persone oggi lo trovano abbastanza improbabile.

Se guardi attentamente le pietre, puoi vedere alcune pietre intricate, come se usassero macchine utensili o addirittura laser. È incredibile.

A Puma Punku troverai queste pietre incredibili con angoli retti perfetti, e alcune pietre hanno piccoli fori che sono stati equamente distanziati lungo questo solco, il che ti fa pensare se sia possibile o meno che gli antichi costruttori di Puma Punku usassero una sorta di macchinari avanzati.


Un incubo trasportazionale e logistico

Dopo anni di ricerche, gli archeologi hanno detto che le massicce pietre sono state scavate in cave a oltre 60 miglia di distanza e poi rotolate su Puma Punku su tronchi.

Tuttavia, ciò che sembra dimenticare qui e ciò di cui nessuno parla è il fatto che il sito archeologico di Puma Punku si trova a un'altitudine di 12.800 piedi. Ciò significa che si trova sopra la linea dove cresce l'albero naturale, quindi questo significa che nessun albero è cresciuto in quell'area, il che significa che non sono stati abbattuti alberi per usare rulli di legno.

Questo ci porta alla domanda ovvia su come gli antichi costruttori di Puma Punku trasportarono enormi blocchi di pietra verso la loro destinazione? Certo, avrebbero potuto importare tronchi da altre parti, ma a quell'epoca sarebbe stato un incubo il trasporto, e persino un'enorme forza lavoro non sarebbe stata sufficiente per queste massicce pietre arrivare a destinazione.

Abbiamo semplicemente troppe domande sulla tecnologia utilizzata, i trasporti, la logistica, ecc., Ed è difficile credere che tutto ciò sia stato ottenuto senza l'uso di utensili elettrici e forme avanzate di trasporto.

Spostare questi massicci blocchi di granito dalle loro cave e portarli a Puma Punku avrebbe richiesto un tipo di tecnologia avanzata, con cui le culture antiche avrebbero potuto sollevare queste pietre massicce e metterle nelle loro posizioni.

Puma Punku è semplicemente messo in uno di quei posti dove quando guardi quelle incredibili costruzioni, manipolate con quella stessa perfezione, la tua immaginazione si accende, ci sono così tante possibilità a questo punto, e le spiegazioni archeologiche convenzionali semplicemente non sono sufficienti.

Le domande giuste devono essere poste e ci sono così tanti misteri che circondano Puma Punku ... dai materiali usati per aiutarli nelle costruzioni ... ai metodi di costruzione e al trasporto dei blocchi e la risposta probabilmente sta di fronte a noi.

Tiahuanaco, altrettanto stupendo e mistificante

Nel 1549, mentre cercava la capitale dell'Impero Inca, i conquistatori spagnoli guidati da Pedro Cieza de León attraversarono la Bolivia e trovarono le rovine di un sito archeologico chiamato Tiahuanaco. A meno di un quarto di miglio a nord-est di Puma Punku, i ricercatori moderni ritengono che Tiahuanaco fosse un tempo il centro della civiltà con più di 50.000 abitanti.


In effetti, Tiahuanaco è probabilmente la più grande cultura americana di cui molte persone non abbiano sentito parlare. Era uno degli antecedenti più importanti degli Inca e della loro storia. Il livello di realizzazione nell'architettura, nello sviluppo politico, nell'agricoltura, nelle industrie era diverso da qualsiasi altra scoperta in Sud America, e molti studiosi concordano sul fatto che Tiahuanaco fu misteriosamente abbandonato intorno al 1100 d.C., per ragioni che ancora non conosciamo.

Tuttavia, numerosi scavi hanno rivelato una grande quantità di informazioni su Tiahuanaco. Negli anni '60, il governo boliviano ha scavato e dissotterrato il tempio sotterraneo a Tiahuanaco.

All'interno delle mura del cortile sommerso quadrato, i ricercatori hanno scoperto centinaia di misteriose teste di pietra con una vasta gamma di funzioni.

La maggior parte degli studiosi e degli autori concorda sul fatto che ci sono tutte le razze umane rappresentate a questo muro, anche i crani allungati, le persone che indossano turbanti, le persone con il naso largo, le persone con il naso sottile, le persone con labbra carnose, le persone con labbra sottili e alcuni dei le statue sono particolarmente insolite perché non sembrano rappresentare la popolazione locale.

Questi luoghi misteriosi sembrano rappresentare ogni tipo e forma della testa umana esistente sul pianeta.


Due di loro, che sono molto intriganti, sono stati creati in bianco, e assomigliano molto alle teste aliene grigie, dicono gli ufologi.

Viracocha, il dio creatore andino

Una statua gigante al centro del tempio sommerso raffigura il dio creatore, noto come Viracocha. Curiosamente, Viracocha è stato raffigurato con molte caratteristiche diverse da quelle della popolazione nativa. Questo solleva una domanda interessante; Perché gli abitanti di Tiahuanaco dovrebbero raffigurare il loro dio più prominente con caratteristiche diverse dalle loro?

Ad esempio, Viracocha era raffigurato con barba e baffi, qualcosa di molto insolito perché gli indiani d'America non hanno barba e baffi. Allora, chi era Viracocha, ed è possibile che ci sia qualcosa di più per lui di ciò che siamo stati indotti a credere?

Scrittura sumera in America?

Uno dei più affascinanti reperti archeologici mai scoperti vicino a Tiahuanaco è la famosa ciotola Fuente Magna.

L'artefatto è una ciotola di ceramica, e ha scritto sulla sua superficie una scrittura geroglifica sumerica e proto-sumera. Questo è un problema enorme per gli studiosi mainstream poiché queste due civiltà non sono mai state collegate e si trovano dall'altra parte del mondo.


In effetti, queste due antiche culture erano separate da più di 8.000 miglia, eppure la Fuente Magna Bowl disegna un collegamento diretto tra gli antichi Sumeri e Tiahuanaco e Puma Punku.


2 commenti:

  1. Ciao caro Wlady...misteri su misteri ma un po' alla volta si riveleranno....io la penso come Ighina riguardo alla Terra e ti mando un link di una ricerca brasiliana che se confermata.....altro che elezioni o euro etc...
    vien giu' tutta la scienza manipolata da Copernico e Newton etc
    https://www.prnewswire.com/news-releases/los-cientificos-del-dakila-pesquisas-emiten-un-documental-que-demuestra-que-la-tierra-no-es-redonda-674469843.html
    un salutone ciao roberto

    RispondiElimina
  2. Ciao Roberto;
    grazie del gradito link che ho letto con interesse:

    Il fatto è che la "scienza ufficiale", non vuole distaccarsi dai suoi paradigmi, è difficile quanto meno impossibile confrontarsi con i baroni del "sapere".

    Nessuno è in grado di aprire una disamina senza dover litigare e insultarsi, ovunque c'è "un io so tutto" e nessun confronto è possibile, tutt'al più si salvano in corner citando wikipedia come se fosse l'oracolo del sapere.

    Ricambio il gradito saluto, ciao wlady

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Governo, strategia all’italiana. “5G ipoteticamente sicuro”. Hanno già deciso ...

Tutto quello che c'è da sapere sul lancio del 5G

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

STATISTICHE