venerdì 27 ottobre 2017

Il Tempo nel tempo tra passato - presente - futuro

 

Viaggi del tempo dai testi antichi alla scienza moderna 

by Ivan Petricevic 
25 September 2017
from Ancient-Code Website 

Numerosi testi antichi indicano come viaggiare nel tempo era realizzabile migliaia di anni fa. 

La prova di questo può essere trovata in numerosi manoscritti e testi antichi tra cui la Bibbia, e la prova che gli scienziati sono ancora interessati al viaggio nel tempo sono documentati da innumerevoli studi e scritti negli ultimi anni.
  
Nell'antico testo indiano del Mahabharata, scritto durante l'ottavo secolo a.C., il re Raivata è descritto come viaggiatore verso il cielo per incontrare il dio creatore Brahma, solo poi per tornare sulla Terra centinaia di anni dopo nel futuro.
  
I viaggi del tempo e macchine potenti che potrebbero aiutare una persona a viaggiare sono state da decenni uno dei grandi temi ricorrenti della fantascienza negli innumerevoli film da decenni. 

Ma c'è una ragione per questo. La possibilità di viaggiare nel tempo ha affascinato l'umanità per innumerevoli secoli.

Mentre molti potrebbero pensare che sia assurdo credere di viaggiare nel tempo, alcuni degli scienziati più brillanti del mondo hanno indagato se l'umanità possa davvero viaggiare attraverso il tempo nel prossimo futuro.

Albert Einstein ha concluso che il passato, presente e futuro esistono contemporaneamente.

Ora, con la giusta tecnologia, come un veicolo spaziale molto veloce - il genere che dobbiamo ancora inventare sulla Terra - una persona che viaggia nello spazio potrebbe sperimentare tecnicamente diversi giorni mentre un altro avrebbe sperimentato contemporaneamente solo poche ore o minuti.

Tuttavia, la saggezza e le convinzioni di Einstein hanno avuto scarso impatto sulla cosmologia o sulla scienza in generale quando si tratta di viaggiare nel tempo.
  
Se fosse veramente possibile viaggiare nel tempo, non possiamo quasi intravedere ciò che potrebbe significare per l'umanità e, soprattutto, per coloro che hanno avuto il potere di viaggiare nel tempo e il potere di scrivere la storia come vogliono.

E se questo può sembrare interessante, non conosciamo le conseguenze di alterare gli eventi passati e come potrebbero influenzare il futuro, se naturalmente abbiamo effettivamente i mezzi per farlo.

Se si guarda alla storia e ai diversi testi antichi possiamo trovare una serie di riferimenti di viaggi nel tempo catalogati da diverse culture in tutto il mondo.

Nella mitologia indù, c'è una storia su Re Raivata Kakudmi che viaggia per incontrare il creatore Brahma. Anche se questo viaggio non durò a lungo, quando Kakudmi tornò sulla terra, 108 yugas erano passati.
Ogni yuga rappresenta circa 4 milioni di anni circa ...(corsivo mio "yuga")


La spiegazione che Brahma ha dato a Kakudmi è che il tempo passa diversamente sui diversi piani dell'esistenza.

Inoltre, abbiamo riferimenti del Time Travel nel Corano. La storia si riferisce a un gruppo di individui che nel 250 d.C. minacciati dalla persecuzione si ritirarono sotto la guida di Dio, in una grotta dove Dio li fece dormire. Si sono svegliati 309 anni dopo.
  
Questa storia coincide con la storia cristiana dei sette dormienti, con poche differenze.

Ulteriori testimonianze si possono trovare nella Bibbia, secondo Erick von Daniken: 
Nella Bibbia, il profeta Geremia era seduto insieme ad alcuni suoi amici e c'era un ragazzo. Il suo nome era Abimelec, e Geremia disse ad Abimelech:
"Esci da Gerusalemme, c'è una collina e raccogli alcuni fichi per noi".
Il ragazzo uscì e raccolse i fichi freschi. 
All'improvviso, Abimelech sente qualche rumore e vento nell'aria, e diventa incosciente, ha avuto un blackout. Dopo un po' di tempo, si sveglia di nuovo e vide che era quasi sera. 
Così, quando fece ritorno si accorse che la città era piena di strani soldati.
E disse,
"Cosa sta succedendo qui? Dove sono Geremia e tutti gli altri?" 
E un vecchio gli rispose:
"Erano qui 62 anni fa." 
È una storia di un viaggio temporale scritta nella Bibbia.
Un'altra storia proviene dalla leggenda giapponese di Urashima Taro. 

Si dice che un uomo ha visitato il palazzo sottomarino del Drago Dio Ryujin. Rimase lì per tre giorni, ma quando tornò in superficie 300 anni erano passati.
  
Nel testo buddista Pali Canon è scritto che nel cielo dei trenta Deva (il luogo degli Dei) il tempo passa ad un ritmo diverso, dove cento anni della terra si contano come un solo giorno.


Tuttavia, nei tempi moderni, uno dei conti più famosi del viaggio nel tempo è l'infame Philadelphia Experiment che si suppone avvenisse nel 1943.
L'obiettivo principale dei progetti era quello di nascondere una nave della Marina e renderla invisibile ai radar nemici.

Tuttavia, si dice che l'esperimento ha avuto un esito negativo: non solo la nave è completamente scomparsa, è stata teleportata a Norfolk. Quando la nave apparve, alcuni membri dell'equipaggio erano fisicamente attaccati alla carena delle navi, altri svilupparono disturbi mentali, alcuni scomparsi completamente e altri avevano riferito di aver viaggiato verso il futuro.

Presumibilmente, Nikola Tesla è stato coinvolto nell'esperimento, eseguendo tutti i calcoli necessari e sviluppando i vari disegni, oltre a fornire i necessari generatori.

Nel 1960, un'altra interessante relazione sul viaggio di tempo è stata presentata da Pellegrino Ernetti, che ha affermato di aver sviluppato una macchina che gli permetteva di vedere il passato: 


Doveva sviluppare questa macchina che potesse rilevare, espandere e trasformare l'energia in un'immagine:
qualcosa come un televisore che mostrava quello che è successo nel passato.
Il fisico e il professor Ronald Lawrence Mallett dell'Università di Connecticut stanno lavorando al concetto di viaggiare nel tempo, sulla base della teoria della relatività di Einstein ed è assolutamente convinto che l'umanità possa in realtà viaggiare nel tempo.

Secondo Mallett, entro questo secolo, gli esseri umani avranno la capacità di viaggiare nel tempo.

Il fisico di particelle Brian Cox concorda che il viaggio temporale è possibile, ma solo in una sola direzione.

Non possiamo parlare di viaggi del tempo nei tempi moderni senza menzionare l'affascinante storia di un uomo chiamato Al Bielek che afferma di aver viaggiato nel tempo, in particolare nel futuro, fino all'anno 2749. 
Ma sono le storie sopra riportate una raccolta di racconti fantasiosi?
O c'è una lieve possibilità che qualcosa di simile possa essere avvenuta in passato?
È interessante notare che uno studio pubblicato di recente afferma che un viaggio in tempi minimi è veramente possibile. 

Pubblicato nella rivista IOPscience Journal Gravity Classica e Quantistica, lo studio (Domini retrogradabili di Acausal Traversable in Spacetime) afferma che lo spazio NON deve essere diviso in tre dimensioni - dove il tempo è separato. 

Benjamin K. Tippett dice invece che quattro dimensioni devono essere immaginate contemporaneamente come un continuum spazio-temporale in cui sono collegate le diverse direzioni:
Viaggio nel tempo...

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da


 Linee di realtà

di Ruben Torres
27 aprile 2015
del sito web LaCosechaDeAlmas

Abbiamo un concetto lineare del tempo: 
passato, presente e futuro. 
La fisica quantistica espone che i tempi passati coesistono con il tempo presente, quindi la linearità non esiste e il tempo come lo percepiamo.
In realtà il tempo viene letto da noi come un ago che legge le scanalature di un disco vinile. 

Sarebbero l'ago e il tempo esisterebbe solo quando abbiamo attraversato quella scanalatura che crea a sua volta il contenuto che leggiamo in essa.

In realtà moi saremo il tutto, l'ago e il disco, ma senza complicarlo troppo, continueremo con questo esempio. 

Mentre progrediamo a leggere quella linea (scanalatura) del tempo, ci vengono costantemente mostrate alternative per scegliere tra passare attraverso la riga corrente o la linea e/o saltare ad un'altra linea parallela. 

Con ogni decisione facciamo piccoli salti nella nostra linea temporale, lo facciamo ogni giorno e queste piccole scanalature finiscono per aggiungere le scelte di ognuno di noi, in un calcolo globale.

Queste piccole decisioni, forse irrilevanti, portano finalmente a scanalature più ampie che spaziano nelle linee temporali generali che riguardano tutti noi che abitano il pianeta. 

Scanalature come la guerra o la pace, per esempio, ci fanno passare tra una linea temporale ad un'altra, scegliendo un futuro o un altro. 

Siamo coloro che manipolano il tempo e cosa succederà sarà una irrimediabile conseguenza della nostra scelta, ogni piccola decisione si aggiunge in modo che il corso del pianeta salti tra una o l'altra. 

Le possibilità sono estese, ma quando scegliamo di andare avanti, le linee temporali vengono create o distrutte, nessuna è alterata, esiste semplicemente o non esiste, secondo la nostra scelta. 

Creiamo la possibilità e una volta materializzata è questa realtà che esiste, finché l'osservatore (creatore) non vede a ciò che accade al suo lavoro e ciò non accade, è solo in suspense, in quella nuvola di possibilità.

L'ago salta sul disco vinile, salta tra diversi solchi e legge diversi avvenimenti, secondo le loro scelte passate, gli eventi e le azioni sono sviluppate in modo che alla fine siamo tutti esposti a prendere una cosciente decisione, anche se la coscienza della decisione non è integrata in noi. 
Una scelta porta ad un'altra e così via ...


Possiamo sempre scegliere, ma la nostra tendenza ad essere gestita inconsciamente ci farà scegliere secondo la tendenza e non secondo la coscienza, provocando avvenimenti che non si adattano mai al meglio per noi, ma sostengono l'ideale degli altri.

Fondamentalmente per questo soggetto è facile da capire, tutto quello che facciamo sarà decisivo per il futuro di tutti. 

Siamo tutti uniti e le decisioni inconsce portano i loro frutti, futuri errori e fallimenti. La catastrofe viaggia con noi tenendoci le mani finché continuiamo a vivere inconsapevolmente. 

Continuare a aspettare altri per risolvere il futuro implica che la linea temporale che sceglieremo sarà quella che gli altri scelgono per te e, è quasi certamente la decisione peggiore che si possa fare.

Con in mente l'azione passiva o egoista, la nostra performance sarà inevitabilmente peggiore. 

Se pensiamo solo al meglio per noi o al meglio per il sistema, la linea temporale scelta sarà quella che porta ad un risultato negativo. 

Non è questione di uscire e bruciare il parlamento, congresso, né di votare per il candidato giusto, ma far uscire dalla nostra mente tutto ciò che pensi ti rende diverso o superiore agli altri: 
  • la tua classe
  • il tuo stato
  • i tuoi titoli
  • il tuo denaro
  • il tuo colore della pelle
  • i tuoi beni 
Tutto ciò che è di circostanza e non definisce l'essere che tu sei, siamo più di quello che sembriamo, l'avvolgimento è diverso, ma all'interno degli stessi flussi di energia.

Creare un mondo migliore significa credere che possiamo crearlo, credere in noi stessi, partecipare attivamente alla nostra fede e mantenerla come l'unica credenza valida. 

Le linee temporali saranno trasformate e salteremo a quella più adatta per noi, senza induzione esterna, né provocazione mediatica, senza paura.
Linee di realtà nella scelta costante, tempi di cambiamento nelle linee di cambiamento, creare il proprio pensiero, creare la propria creazione, ora e da ora in poi...


Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

2 commenti:

  1. Ciao Wlady
    e si ,queste linee temporali imposteci dagli altri o scelte da noi chissa' !!
    credo che la nostra immaginazione possa fare molto e forse potrebbe anche incidere in un certo senso su un cambio di paradigma...molto auspicabile
    ti mando il mio ultimo escursus sulla linea temporale in cui ci troviamo dal 500 in poi
    http://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?cieloterra
    come sempre cari salutoni ciao roberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto;
      grande glossa la tua e ben argomentata.

      Senza dubbio un cambio di paradigma sarebbe auspicabile ma, vedo che in vece di progredire stiamo regredendo, mi viene in mente Ipazia All'Agorà, assassinata dai mascalzoni (ignoranti seguaci) della religione.

      Oggi, non siamo messi meglio, nonostante le finte rapacificazioni con i protestanti luterani, dovranno passare eoni di tempo prima che l'essere umano comprenda la sua vera natura con i suoi limiti dettati dai suoi sensi.

      Non credo ci saranno risvolti positivi, con una ghiandola pineale sempre più atrofizzata dagli inquinanti che giornalmente vengono sparsi in cielo, nell'acqua e sulla Terra.

      Pubblicherò oggi stesso il tuo post.

      Ricambio di cuore i graditi saluti, ciao wlady

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...