Sperimentazioni di geoingegneria: gli effetti disastrosi sono reali

lunedì 24 ottobre 2016

L'aspetto occulto di un conflitto crescente


TOTALE PAZZIA
Cresce l'Ombra di una Possibile Guerra Nucleare
13 ottobre 2016
dal Sito Web ElRobotPescador
traduzione di Nicoletta Marino
Versione originale in inglese
 

Il politico ultra-nazionalista russo e alleato politico di Putin, Vladimir Zhirinovsky, capo del Partito Liberale Democratico di Russia ha dichiarato in un'intervista alla Reuters che se il candidato presidenziale degli Stati Uniti, Donald Trump non arriva al potere, scoppierà una guerra nucleare con la Russia.

"Gli Americani devono eleggere Donald Trump presidente il prossimo mese o prepararsi per una guerra nucleare" ha dichiarato Zhirinovsky, un politico radicale conosciuto per le sue dichiarazioni altisonanti.
Vladimir Zhirinovsky  

Ecco le parole del politico russo noto per la sua retorica esegetica:

"il candidato repubblicano è l'unica persona capace di allentare le tensioni tra Mosca e Washington scatenatesi su diversi temi come l'attuale crisi della Siria".

"Invece, l'ex segretaria di Stato americana e attuale rivale di Trump, la democratica Hillary Clinton, potrebbe scatenare una Terza Guerra Mondiale", avverte Zhirinovsky, un alleato di Vladimir Putin, durante l'intervista pubblicata mercoledì.
Secondo questo legislatore russo appartenente al partito che ha guadagnato il terzo posto nelle ultime elezioni parlamentari:
"le relazioni tra Russia e Stati Uniti non potrebbero essere peggiori. L'unica maniera per farle peggiorare sarebbe l'inizio di una guerra".
Coloro che voteranno il prossimo 8 novembre negli Stati Uniti
"devono rendersi conto che stanno votando per la pace sul pianeta Terra" se eleggono Trump. Però, se le urne daranno il responso di vittoria alla candidata democratica" è la guerra. Sarà un breve film. Sarà Hiroshimas e Nagasakis dappertutto".
Zhirinovsky assicura che se il magnate arriva al potere, gli Stati Uniti si allontanano da quanto sta succedendo in Ucraina o in Siria e Irak. Effettivamente: 
"la Clinton è una persona pericolosa".
Con lei gli Stati Uniti continueranno a intervenire negli affari di altri paesi.
"Lei potrebbe iniziare una guerra nucleare".

Non è l'unico che la pensa così.

Già in agosto l'economista, scrittore e analista politico Paul Craig Roberts, ha parlato nella stessa maniera…

"Un voto per Hillary è un voto per una guerra nucleare. Se Hillary riesce a insediarsi nello Studio Ovale, pronostico una guerra nucleare prima che termini il suo primo mandato. Un voto per Hillary è un voto per una guerra nucleare".

"Sappiamo che Hillary, come Bill, è bugiarda. Sappiamo che Hillary è una guerrafondaia.

Sappiamo che Hillary ha reso le dichiarazioni più irresponsabili mai pronunciate da un candidato presidenziale quando affermò che il presidente della Russia era il nuovo Hitler, portando così le tensioni tra gli Stati Uniti e la Russia ad un livello più alto di quello della Guerra Fredda.

Sappiamo che Hillary si allea con i neo-conservatori e che crede nell'ideologia dell'egemonia mondiale degli Stati Uniti che può portare ad una guerra contro la Russia e la Cina."
Un'altra figura importante che ha avvertito il pericoloso divenire dei fatti è il Vice primo Ministro turco Numan Kurtulmus, che ha affermato che: 
"Il mondo è sull'orlo di una grande guerra globale".
Numan Kurtulmus

"Il conflitto siriano è divenuto una "guerra suppletiva tra le due super potenze della Guerra Fredda, Russia e Stati Uniti. Se questa guerra suppletiva continua, gli Stati Uniti e la Russia arriveranno alla guerra.

Il mondo è sul filo di una grande guerra regionale o globale".
Riguardo a questa possibile "guerra nucleare" di cui si parla da mesi, ci sono notizie recenti che non invitano certo alla tranquillità.

La Russia spara con successo 3 missili balistici intercontinentali nello stesso giorno. 
Le Forze Armate russe hanno realizzato tre lanci con successo di missili balistici a lunga gettata, come esempio delle prove da combattimento delle Forze Missilistiche di denominazione strategica.
I lanci sono stati effettuati da diverse parti del paese.

Ecco cosa riporta la Web Sputnik… 
Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, durante la conferenza sulla sicurezza tenutasi a Berlino, ha detto che l'Alleanza atlantica inizia una tattica per intimidire la Russia: si pianifica il rafforzamento dell'infrastruttura e il dispiegamento di un nuovo tipo di proiettili vicino alla frontiera russa. 
Precedentemente, l'Amministrazione Nazionale per la Sicurezza Nucleare (NNSA) ha riportato che gli Stati Uniti avevano provato con successo le bombe con capacità nucleare moderna B61-7 y B61-11.

Gli esperti non escludono che queste armi saranno situate nelle basi NATO d'Europa per il 2020, il che aumenterebbe in maniera significante la capacità bellica dell'Alleanza.

Poi, il Capo del Pentagono, Ashton Carter, ha detto in più di un'occasione che tali misure servono da contrappeso alle presupposte "ambizioni aggressive della Russia".
 
Lo spiegamento in Europa di un'arma di tale precisione costituisce un problema serio per Mosca.

Il direttore del Progetto di Informazione Nucleare della federazione degli Scienziati Americani, Hans Kristensen, ha detto che:

"la NNSA sta sviluppando la prima bomba controllata a caduta libera per installarla sugli aerei da combattimento polivalenti F-35", che entreranno in servizio nella basi aeree dell'Alleanza che si trovano nei paesi baltici nel 2020.
Ha quindi aggiunto:
"è la modernizzazione nucleare più grande da parte della NATO dalla decade degli anni 80".
Per raggiungere le basi militari russe e il suo Ministero della Difesa dalle basi della Regione baltica, i caccia americani impiegherebbero solo alcuni minuti.

Il vice ministro della Difesa russo, Anatoli Antónov, ha spiegato che la bomba B61-12 è un'arma a doppio uso: può essere utilizzata come un elemento di armi strategiche lanciata da bombardieri pesanti e come una testata nucleare lanciata da aerei tattici.
L'esperto ha precisato che:
"I piani degli Stati Uniti sono di natura provocatoria e contraddicono le affermazioni di Washington sul suo impegno per il disarmo nucleare"

E' ovvio che in queste circostanze la Russia è obbligata a preparare delle contromisure dirette ad attualizzare i sistemi di difesa aerea sui suoi confini occidentali.

Però, il Ministero della Difesa del paese potrebbe considerare di impiegare le sue basi militari nei paesi dove le aveva avute in passato, Vietnam e Cuba compresi.
"I nostri cacciabombardieri a Cuba preoccuparono molto gli Stati Uniti e Washington ci chiamerà a negoziare per diminuire il livello di minaccia sia nei paesi baltici sia nei Caraibi", queste le parole dell'esperto militare Yuri Netkáchev.
Come si può vedere, è allucinante la leggerezza con cui ultimamente si parla di "guerra nucleare". 
Il problema, però, risiede nel fatto che crediamo sia impossibile una guerra nucleare perché secondo vecchi schemi basati sulla mutua distruzione dei contendenti.
E forse la guerra nucleare che si sta pianificando, si centra sull'uso di artefatti di valore tattico destinati a distruggere determinate infrastrutture del nemico, in ciò che non sarebbe altro che l'estensione di una guerra convenzionale.

Se così fosse, allora ci troveremmo davanti a una guerra pianificata da ambedue le parti in cui

"si rispetteranno determinate regole di scontro".
A questo livelli, è difficile dirimere la vera minaccia da ciò che sono solo prese di posizione o sproloqui minacciosi tra i due contendenti.

Comunque sia chi ne pagherà le conseguenze saremo noi…
******

COMMENTO (E CONFESSIONE PERSONALE) DI 'EL ROBOT PESCADOR':

Generalmente, in questo blog mi sono limitato a esporre informazioni estratte dalla rete e provenienti da diversi ambiti a volte insieme a analisi appropriate.
Sono poche le volte, però, in cui espongo le sensazioni interiori che le notizie producono su di me , oltre ogni ragionamento.

Ma i n questo caso, faccio un'eccezione e commenterò ciò che provo nella speranza che alcuni lettori facciano lo stesso ed esprimano (se lo desiderano) quali sono i loro sentimenti per il conflitto che viviamo.

So che quanto dirò qui di seguito potrebbe sembrare a molti lettori una stupidaggine o una pazzia.

Ma per una ragione che non arrivo a definire con parametri razionali, ho l'intima sensazione che CI STANNO PRENDENDO IN GIRO.

Gira e rigira, però dentro di me non posso eliminare questa sensazione
Forse perché voglio ingannarmi, o perché non voglio accettare la possibilità che dovremo vivere una grande guerra in pochi mesi o anni.

Nella mia testa, però, c'è una vocina che non vuole zittirsi e che mi dice che tutto quanto stiamo vivendo (malgrado i milioni di morti e la distruzione che stanno avvenendo) sa molto di inganno. Da tutte e due le parti...

E' come su tutti si fossero messi d'accordo nel voler impaurire la popolazione.

Non vi ingannerò: non ho nessuna spiegazione razionale per questa sensazione personale; tutto quello che vedo e ascolto mira proprio nella direzione opposta. Pertanto mi posso sbagliare.

Non posso però evitare di sentire che c'è un aspetto occulto in tutto questo conflitto crescente.

E' come se tutta questa probabile guerra mondiale fosse un pretesto per la realizzazione di un altro tipo di manovra che non ci aspettiamo. Come se ci minacciassero con una grande guerra mondiale che "distruggerà tutto" però all'ultimo momento apparirà "una soluzione" forse veicolata per mezzo di un certo "tipo di fenomeno o evento" tale da farci accettare "la soluzione proposta" come "l'unica opzione per salvarci dalla catastrofe".

So che molti penseranno "all'arrivo degli UFO e degli extraterrestri", agli "anticristo che scendono dal cielo" e a altre "fantasie" abilmente infiltrate nella rete in questi ultimi anni.


Non so dove saranno diretti i colpi (visto che ho parlato di un possibile contatto extraterrestre orchestrato in precedenti articoli a mo' di ipotesi).

Ultimamente, inoltre, siamo stati sottoposti a un bombardamento costante di informazioni sulla colonizzazione di Marte. Ma forse tutto potrebbe essere veicolato attraverso qualcosa di molto più mondano e meno fantasioso.

Ripeto: so che non ha senso perché tutte le prove e gli indizi puntano in altra direzione.

C'è, però, qualcun altro che abbia la sensazione che tutta questa minaccia di terza guerra mondiale non sia altro che una manovra orchestrata e che in realtà ci stanno preparando qualcos'altro?
Fonti
Fonte: 

****** 

Navi e missili, e se questa guerra ora ci esplodesse addosso?
Articolo di libreidee.org

2 commenti:

  1. ciao vladi, condivido l'analisi: nella migliore delle ipotesi, quella che vediamo è solo la fatidica punta dell'iceberg....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Theyogi, bentrovato.

      E' proprio così la punta dell'iceberg; in effetti l'articolo sopra in resta al bog: "La linea di fondo? Non vi è alcun Oriente contro Occidente, almeno non dove le élite sono interessate," ci racconta come potrebbe essere la strategia delle élite.

      Non è così peregrina l'ipotesi che
      il "conflitto" tra Est e Ovest è una farsa ingegnerizzata

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page