martedì 28 giugno 2016

"Normale = pazzo"

 
“Cartels of the Mind”: un film che non c'è mai stato

da Jon Rappoport 
27 giu 2016
"I Domini del collettivo cominciano a cadere. L'intera struttura è in decomposizione e comincia a crollare, un'ala qui e un'ala lì, e i robot aprono gli occhi e si spengono le loro macchine fotografiche."
Diversi anni fa, dopo aver letto un mio articolo, un produttore mi ha contattato per scrivere una sceneggiatura cinematografica. Non era sicuro se voleva che fosse un documentario o solo una peculiarità. Ma lui mi ha fatto capire che fosse "eroico" e che durasse nel tempo.

Abbiamo avuto diverse discussioni. Gli ho inviato delle note. Il titolo provvisorio è
“Cartels of the Mind.”

Alla fine ha tintinnato e poi scomparve.

Qui ci sono alcune di queste note preliminari. Non sono sempre sequenziali. E ho recentemente aggiunto uno o due commenti.

Se non è possibile vedere lo sfondo di un crimine, non si è visto il crimine che stai vedendo e gli effetti sensazionali, questo è tutto.

Ci sono persone che con le loro menti vogliono guardare esattamente come è il mondo. La loro mente guarda il mondo come si guardano delle fotografie. Questo è ciò che si sforzano di fare. L'idea che avrebbero potuto inventare qualcosa è così terrificante che invece optano per il mondo così com'è.

Questo è ciò che divertiva i surrealisti. Hanno cominciato a girare le cose a testa in giù, dentro e fuori. Hanno reagito agli esseri umani che si erano trasformati in robot. In telecamere robot.

Lo stato di sorveglianza è basato su di una telecamera robot. Tutto viene bloccato, basandosi sulla premessa che ciò che non è normale è pericoloso.

I cartelli di tutto il mondo diventano i cartelli della mente.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, il CFR (Council on Foreign Relations) ha cominciato a fare progetti per un mondo post-guerra.

La domanda che si pone è questa: potrebbe l'America esistere come nazione autosufficiente, o sarebbe dovuta andare al di fuori dei suoi confini per reperire le risorse vitali?

Com'era prevedibile, la risposta è stata: l'imperialismo.

Gli Stati Uniti non solo hanno bisogno di ottenere le risorse naturali all'estero, avrebbero dovuto intraprendere conquiste senza fine per assicurarsi l'accesso  continuo a queste risorse.

Il CFR, ovviamente, non era solo un piccolo di gruppo di esperti (think tank). 
Era collegato ai più alti livelli del governo degli Stati Uniti, attraverso il Dipartimento di Stato. Il fronte per gli interessi dei Rockefeller, in realtà si trovava al di sopra dello stesso governo.

Dietro tutte le sue macchinazioni c'era la presunzione che delle pianificate società erano il futuro del pianeta. Società chiuse e non aperte.

Attraverso guerre, operazioni clandestine, legislazioni, trattati, manipolazioni sul debito delle nazioni, controllo delle banche e della moneta, i paesi avrebbero potuto essere trasformati in "unità gestite" - e poi, con la cancellazione dei confini, combinate in regioni.

Sempre più spesso, le popolazioni dei paesi sarebbero stati disciplinati, tenuti e diretti in balia dello Stato.

E l'individuo? Si sarebbe estinto come altre specie estinte.

Per diversi decenni, la pseudo-disciplina chiamata "scienza sociale" si stava trasformando in risme di studi e relazioni sulle tribù, gruppi sociali, e le cosiddette classi di persone.

Gli specialisti, erano profondamente radicati nelle scienze sociali e nella guerra psicologica che, dopo la prima e seconda guerra mondiale, sono emersi con un nuovo status accademico e nuovo campo di studio: la comunicazione di massa.

Il loro obiettivo? La trasmissione di messaggi che, in conformità con gli obiettivi politici, provocare l'ostilità o l'accettazione pacificata nelle masse.

L'ostilità è stata incanalata in sostegno di nuove guerre; l'accettazione di un maggiore controllo del governo nazionale.

In nessuna di queste parti e formule l'individuo era protetto. Era considerato una wild card, una mina vagante, e aveva bisogno di essere svilito, di fatto un estraneo, e caratterizzato come un criminale che si opponeva alle esigenze della collettività.

Collettività = menti all'interno di una sola mente robot.

Negli anni e decenni passati, questa nozione del collettivo e le sue esigenze, sono diventate una espansa "civiltà umana". Non importava trovarsi fuori dal campo visivo, nessuno se ne accorgeva che i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri erano sempre più poveri. Questo fatto è stato minimizzato, con al centro della scena la copertura della Storia "curata e condivisa".

Su ogni livello della società, le persone sono state invitate a pensare a se stesse come parte di un gruppo più grande. L'individuo e le sue speranze, i suoi sogni unici, i suoi desideri e le energie, la sua determinazione e forza di volontà ... tutti questi sono stati descritti come reliquie di un passato impraticabile e illusorio.

In molti casi, pionieri solitari che hanno cercato di innovare in direzioni che avrebbero potuto in realtà portare beneficio a tutta l'umanità, sono stati assorbiti in un solo corpo del collettivo, annunciato come collettivo umano ... e poi scaricati sul lato della strada con le loro invenzioni, e successivamente dimenticati.

Nella società pianificata, nessuno si eleva al di sopra della massa stessa, ad eccezione di quegli uomini che gestiscono e operano e propagandano per la massa.

Al fine di influenzare l'illusione del successo individuale, come una sorta di valvola di sicurezza per le aspirazioni di milioni di persone,
è emerso il culto della celebrità. Ma anche lì, straordinarie storie di ascesa e poi di caduta precipitosa, la gloria e poi l'umiliazione, sono stati e sono presentati come melodrammi cautelativi.

Questo potrebbe succedere anche a te. Se ti vorresti opporre. Si potrebbero subire le conseguenze. Lasciate cadere gli altri. Tenete la mente vuota. Non fare nulla di insolito. Accorciare la capacità di attenzione. Disabilitare il proprio apparato mentale. Allora non sarai mai tentato di distinguerti dalla massa.

L'impeto della tecnocrazia gli ingranaggi e le sue promesse selvagge nella manipolazione genetica, interfacce cervello-macchina, e altri download automatici assicurano senza nessuno sforzo qualcosa di "più grande della vita." Collegarsi, per salire a nuove altezze.

La libertà? L'indipendenza? Sono vecchi e tremolanti sogni visualizzati su uno schermo per interposta persona.


La grandezza individuale, l'immaginazione, il potere creativo? Un galeone affondato carico del suo tesoro che, dopo un esame più attento, non è mai stato in grado di navigare.

Il Piano è tutto ciò che è importante. Il piano prevede la sorveglianza universale, al fine di mappare la vita di miliardi di persone, mossa dopo mossa, dove sistemi di controllo all'interno dei quali quei miliardi vivono, giorno per giorno la progettazione.

Ma il peggior risultato di tutti è: l'individuo non può nemmeno concepire la propria vita e il futuro in termini di grandi dimensioni. L'individuo risponde a stretto e controllo con una scrollata di spalle, come a dire: "Che differenza fa?"

Ha comprato il pacchetto collettivista. Le sue stesse risorse
interne di unicità  sono sommerse sotto strati di consenso e accettazione passiva.

E non fare l'errore su questo consenso della realtà, per l'esaltazione del gruppo, non è
araldico in alcun senso. L'impiallacciatura propagandata copre un cinico sfruttamento di ogni uomo, donna e bambino.

L'individuo, legato da una amnesia circa la propria libertà e da ciò che può veramente dire, opta per un posto nella penombra collettiva. Egli può brontolare e lamentarsi, ma si adatta.

Non riesce a ricordare un'altra possibilità.

Ogni impresa in cui si trova si rivela essere una pallida copia della cosa reale.

Le energie profonde di potere e desiderio di libertà rimangono inerti.

Eppure, la lotta continua a vivere. Vive in luoghi nascosti dentro ogni individuo che vuole uscirne fuori, che vuole tornare a se stesso, che vuole gridare su un palco.
 
La libertà e di nuovo il potere. La frantumazione dell'amnesia.
In questa nazione rubata ... E così gli estinti rendimenti individuali.
Piccoli e meschini appetiti e le ossessioni diventano grandi appetiti.
 
Il domino del collettivo comincia a cadere. L'intera struttura in decomposizione crolla, un'ala qui e un'ala lì, e i robot aprono gli occhi e spengono le loro macchine fotografiche.
 
La stragrande e appiccicosa membrana chiamata "gente" comincia a disintegrarsi nella mente delle persone che vivono nelle caotiche città.
Viene visualizzato un nuovo messaggio istruttivo:
"Normale = pazzo".

Link
(Per leggere la mega-collezione di Jon, "uscita dalla matrice", clicca qui.)

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page