Sperimentazioni di geoingegneria: gli effetti disastrosi sono reali

lunedì 25 agosto 2014

Una visione così condizionata della realtà

   

Noi: i figli di Matrix, dominati dagli dèi 

Un estratto dal libro di David Icke: I figli di Matrix, un libro che mira a raccogliere tutte le prove sul controllo extraterrestre, intraterrestre e interdimensionale sul pianeta Terra che viene esercitato da migliaia di anni.



reptilian brain"Antiche leggende narrano che le civiltà assai progredite di Atlantide e Lemuria si basavano sulle conoscenze portate sulla Terra da razze extraterrestri da molte parti della galassia e da altre dimensioni dell' universo.

La creazione consiste in una serie di infinite dimensioni di vita che vibrano a diverse velocità. Pensate alle frequenze delle numerosissime stazioni radiofoniche e televisive che in questo momento stanno trasmettendo nella vostra zona. Tutte condividono lo stesso spazio che occupa anche il vostro corpo. Voi non le vedete ed esse non si vedono tra loro perché vibrano su frequenze diverse. 

Quando spostate la manopola della radio da una stazione all'altra, non succede che la prima stazione smette improvvisamente di trasmettere perché voi avete deciso di non ascoltarla più. Continua infatti a trasmettere - e ad esistere - esattamente come prima. L'unica differenza sta nel fatto che voi non siete più sintonizzati su quella frequenza. Tutte le infinite frequenze della vita e dell'esistenza in tutta la creazione condividono lo stesso spazio. 

La maggior parte della gente chiama “dimensioni” queste diverse gamme di frequenza e ciò non è sbagliato perché si riferisce a una cosa ben precisa. Più precisamente si tratta di “densità”, poiché più è lenta la vibrazione di quell'energia, più densa e “solida” essa appare. Più veloce è la sua vibrazione, più etereo e immateriale è il suo aspetto. In seguito comincia a vibrare così velocemente da abbandonare la gamma di frequenza - la densità - dei nostri sensi fisici e noi non la vediamo più. La gamma di frequenza che riusciamo a vedere è quella che chiamo Terza Densità o Terza Dimensione.
 
Al momento siamo sintonizzati su questa frequenza, la gamma dei nostri sensi fisici, e così riusciamo a vederla e a toccarla. Quando “moriamo”, abbandoniamo questa gamma di frequenza e il nostro corpo e proseguiamo il nostro viaggio eterno altrove, su un'altra densità o dimensione. La nostra coscienza, il nostro pensiero, il senso che abbiamo di noi stessi sono eterni. In definitiva, tutte le frequenze e tutte le espressioni di vita sono la stessa energia. Noi siamo l'un l'altro. 

È questa la Legge dell'Uno che gli Illuminati del Tempio del Sole cercano di sopprimere da migliaia di anni. Alcuni esseri extraterrestri e ultradimensionali sanno come cambiare la loro frequenza, in modo da potersi spostare tra densità, comparendo e “sparendo” a seconda della frequenza su cui si sintonizzano, proprio come una manopola della radio. Ecco perché c'è chi sostiene di aver visto delle entità “sparire” davanti ai propri occhi. In realtà, non sono “sparite” affatto. Hanno solo abbandonato la gamma di frequenza accessibile a quella persona. La stessa cosa succede con gli UFO.

Man becoming

Non siamo soli
Le tre principali forme fisiche provenienti da costellazioni, pianeti e stelle come Orione, Sirio, le Pleiadi, Marte e gli altri pianeti che ho menzionato, sembrano essere state: la razza bianca o dei “biondi dagli occhi azzurri”; una stirpe rettiliana che ha assunto varie forme; e i cosiddetti “grigi” del moderno folklore UFO.

Esisteva anche una progredita stirpe nera e un'altra che, secondo chi sostiene di essere stato rapito da entità non umane, presentava un aspetto insettiforme. Negli studi sugli UFO, questi ultimi esemplari vengono designati con il nome di insettoidi. Capisco quanto sia difficile accettare e comprendere queste cose per chi, come noi, ha una visione così condizionata della realtà. Ma, innanzi tutto, non chiedo a nessuno di accettare ciò che dico - si tratta solo di informazioni, di cui potete fare l'uso che volete - e, in secondo luogo, il mondo non assomiglia minimamente alla nostra visione condizionata della realtà. Capire il legame tra i Nordici, i rettiliani e i grigi significa capire molte cose del mondo di oggi. 

W. T. Samsel, autore di The Atlantean Connection, scrive:
«Durante la prima metà dell'era lemurica, il coinvolgimento di essere extraterrestri si limitava al ruolo di osservatori. Cioè a dire, essi non intervenivano né si immischiavano nelle cose che riguardavano quelli che allora erano per loro solo oggetto di studio. Lo sviluppo e il progresso della razza umana sulla Terra era sotto osservazione e veniva studiato da questi parenti provenienti dallo spazio. In The Atlantis Connection mi riferisco a tutto ciò come al “Progetto Titano”. I tre principali gruppi extraterrestri, che risultarono coinvolti nel Progetto Titano, provenivano da Sirio, dalle Pleiadi e da Orione, nonostante esistessero altre stirpi extraterrestri coinvolte in tutto questo. A questo punto entrò in scena la varietà rettiliana. Mentre gli abitanti di Sirio, delle Pleiadi e di Orione interagivano cooperando tra loro sulla base delle condizioni del programma accettate da tutti, i rettiliani si distinsero come elementi ribelli che non aderivano alla “regole” o principi del Progetto Titano stilati dai tre maggiori partecipanti al progetto».1
(…) Questa stirpe rettiliana è la forza dominante che sta dietro agli Illuminati (per lo meno ad un certo livello), ma con considerevole coinvolgimento da parte dei grigi e di alcuni elementi della razza bianca extraterrestre o Nordici, come vengono comunemente chiamati dagli ufologi.
La parte restante della popolazione globale è composta da pedine che prendono parte alle loro battaglie e alle loro alleanze. I rettiliani e i Nordici si incrociarono tra loro per creare stirpi ibride. L'ibridazione rettiliana coinvolse anche altre razze sparse per il mondo, ma il legame con i Nordici si configurò come il più importante per loro.2

Questa fusione creò un codice genetico rettiliano all'interno del DNA e queste sono le stirpi che hanno governato il mondo per migliaia di anni e che ancora oggi detengono le posizioni di potere, come vedremo. Alle famiglie a cui un tempo appartennero i faraoni egiziani e i re europei, oggi appartengono i presidenti degli Stati Uniti, i banchieri più in vista e i proprietari di mezzi di comunicazione. Un tema ricorrente sin dall'Età dell'oro di Atlantide e Lemuria-Mu è quello del serpente o rettile.
 
Le leggende si riferiscono ad entrambe quelle civiltà come alle Terre del Drago e alla Madre Patria.3 I Greci chiamavano Atlantide “Hespera” (uno dei tanti nomi di Venere) e credevano che fosse protetta da un drago.4 Testi degli Indiani d'America chiamano Atlantide col nome di “Itzamana”, che significa “Terra del drago”
(…) Lo stesso nome “Mu” ricorda il nome polinesiano con cui si designa il Drago.7 Un testo indiano Tamil, il Silappadikaran, descrive un continente sommerso nell'Oceano Pacifico e Indiano che chiama Kumari Nadu o Kumari Kandam, che significa la “Terra dei draghi e dei serpenti immortali”.8

Narrano le leggende che una stirpe arrivò sulla Terra da Sirio, la “stella canina” più brillante del cielo, che dista 8,7 anni luce da qui. Il termine “stella canina” deriva dalla sua posizione all'interno della costellazione Canis Maior ed essa è anche nota come Cane di Orione.9 


I DogonVarie leggende e resoconti sostengono che esseri provenienti da Sirio infusero conoscenze altamente avanzate alla civiltà di Atlantide e Lemuria-Mu e fondarono la Scuola misterica di Atlantide. Secondo Robert Temple in The Sirius Mystery, la tribù Dogon del Mali, in Africa, sostiene che esseri provenienti da Sirio abbiano fatto visita ai loro antenati, trasmettendo loro le proprie conoscenze sull'universo. Essi descrivono gli abitanti di Sirio come esseri anfibi, "dall'aspetto serpentiforme” - un tema, come vedrete, molto ricorrente.
Alcuni membri della tribù dei Dogon del Mali, nell'Africa nord-occidentale, rivelarono nel 1931 ad alcuni studiosi francesi alcune notevoli informazioni sul sistema di Sirio.  

Secondo tali studiosi i Dogon sarebbero anche stati a conoscenza dell'esistenza, confermata solo in epoca recente, di tutti i pianeti dell'intero sistema solare fino a Plutone, e delle loro lune. Essi dicevano che una stella orbitava intorno a Sirio e che era così pesante che tutti i popoli del mondo non sarebbero riusciti a sollevarla.15 A quell'epoca, la stella a cui si riferivano, e che oggi è conosciuta col nome di Sirio B, non era ancora stata scoperta dagli scienziati. Pare che i Dogon abbiano detto che ci volevano circa 50 anni per compiere un'orbita completa intorno a Sirio A e che quest'ultima era “infinitamente piccola”.16

Sappiamo oggi che tutto questo è vero. Sirio B è una stella nana eccezionalmente pesante. Pare anche che credessero nell'esistenza di una terza stella, anch'essa orbitante intorno a Sirio A e che impiega 50 anni per compiere un giro completo. Ancora una volta questo astro all'epoca non era stato ancora scoperto, ma gli astronomi confermarono la sua esistenza nel 1995, attribuendogli il nome di Sirio C.17

Il simbolo del “tre” in uso tra gli Illuminati - la trinità - appare legato, almeno in parte, a queste tre stelle del sistema di Sirio.

(...) La centralità di Sirio è un tratto comune alla maggior parte delle antiche società - e delle società segrete. Si pensava che il calore dei mesi estivi fosse, in parte, causato da Sirio e, quindi, quei giorni divennero noti come i “giorni della canicola”. Il calendario egizio era regolato sui movimenti di Sirio (Sothis per i Greci) e il calendario sothico si basava su Sirio, che sorgeva un attimo prima del Sole, la cosiddetta alba eliaca dell'estate.22 Il numero 23 era importante per i Dogon, come lo fu per Egiziani e Babilonesi. Alcuni ricercatori sostengono che tale simbologia numerica si rifaceva all'alba eliaca del 23 luglio quando Sirio, la Terra e il Sole risultano allineati.

La dea Iside, secondo la mitologia egiziana, è un simbolo di Sirio. Robert Temple suggerisce in The Sirius Mystery che Iside sia Sirio e che la “dea sorella” di Iside, Neftis, rappresenti Sirio B. Si diceva che Iside fosse visibile e Neftis invisibile, proprio come Sirio A e B. Un altro simbolo di Sirio era Anubi (Anpu per  gli Egizi), la divinità raffigurata sotto forma di cane o con la testa di sciacallo e associata a Osiride, il “dio Sole” d'Egitto.26

(...) Il simbolo del cane o del lupo ricorre spesso nei culti di adorazione del serpente o dei rettiliani.
(...) Il capo degli “dei” rettiliani, noti come Anunnaki nelle tavolette sumere, viene designato col nome di An (in seguito Anu). Egli veniva raffigurato sotto forma di sciacallo o cane. Associato a Sirio, secondo la religione egizia, era Orione e desta interesse il fatto che moderni ufologi colleghino i rettiliani sia con Sirio che con Orione. Secondo il mito egiziano Iside (Sirio) era la compagna di Osiride (Orione?). Tra i maggiori simboli degli Illuminati tuttora esistenti figurano l'occhio, il triangolo o piramide, la stella a cinque punte, l'obelisco e la cupola. Il geroglifico egiziano che rappresenta Sirio è l'obelisco, la cupola e la stella a cinque punte; gii antichi ritenevano Sirio e Sirio B essenziali per la loro vita.

Gli Anunnaki (Annedoti) sembrano avere stretti legami con l'acqua e i loro discendenti usano ancora oggi nomi in codice che si riferiscono spesso alle loro origini “marine”. Le più importanti tra queste famiglie risiedono o in regioni caldissime come il Texas, l'Arizona, il Nevada e la California o, più spesso, in zone fredde e umide dove vi è abbondanza di acqua. Il prefisso Anu ricorre in molti nomi della mitologia antica, come in Anunnaki ( e in An o Anu, il loro “capo”). Abbiamo Anubi e Anukis e nell'antica lingua sanscrita il termine “anu-pa” significa “paese dell'acqua”.34

Gli Zulu conoscevano Sirio B come la stella “dell'abisso” molto tempo prima che fosse identificata dalla moderna tecnologia. Nel suo libro Song Of The Stars, Credo Mutwa scrisse:
«Non solo tra gli Zulu, ma anche tra i Dogon e molte altre tribù africane variamente diffuse, circolano storie dei Nommo, che ricordano quelle del Popolo delle Acque delle nostre leggende. Costoro vengono descritti come esseri intelligenti che hanno visitato la Terra parecchie volte. Vengono solitamente descritti come simili agli esseri umani, ma con pelle che ricorda quella dei rettili. Ne ho sentito parlare come di un incrocio tra un piccolo demonio e un delfino».37
(...) I fondatori della civiltà sumera furono gli stessi Anunnaki rettiliani che avevano controllato Atlantide nelle sue fasi finali e che l'avevano condotta verso la distruzione. L'ossessione che costoro nutrivano nei confronti della tecnologia e del controllo esercitato dalla macchina, così caratteristici dell'era finale di Atlantide, si può vedere anche nel mondo odierno. E c'è una ragione per tutto.

Un tema ricorrente nelle leggende di Atlantide e Lemuria è quello per cui, soprattutto nelle fasi finali di quelle civiltà, sia emersa una forza oscura che si appropriò delle scuole misteriche e delle posizioni di potere e usò le proprie avanzate conoscenze nel modo più orrendo e malvagio. Essi manipolarono la mente delle persone e seminarono il disordine attraverso un uso improprio della “magia” esoterica - la manipolazione dell'energia. Scoppiarono enormi conflitti e secondo alcuni resoconti persino gli stessi cataclismi avrebbero potuto essere causati dal modo in cui essi squilibrarono il campo energetico della Terra. Questi erano gli Anunnaki all'opera - e questo è quello che fanno ancora oggi".

tratto da:
Figli di Matrix         
Scritto da Cristina Bassi
Fonte: http://thelivingspirits.net/








Aprofondimeti e articoli correlati:  
Gli adoratori del sole
la nostra specie Homo Sapiens
La terza Anima-Sentinelle Extraterrestri-lo stadio personale nella via dell'evoluzione
Progenie di Iside-Sothis e di Osiride.Orione
 

4 commenti:

  1. sincronicità: sono appena incappato ne 'le stanze di dzyan'.... ;)
    http://www.sakti.it/testi%20nuovo%20sito/stanze%20di%20dzyan.pdf

    RispondiElimina
  2. Ciao Theyogi, mi piacerebbe avere un tuo parere su questo post e sul link che hai postato qui sul mio blog, mi interessa il tuo parere perche' so che sei un maratoneta che vive prevalentemente all'aria aperta. Presumo che i tuoi neuroni siano ben ossigenati, visto la tua attivita' agonistica.

    RispondiElimina
  3. così, in due righe, è sin troppo ovvio che riscrivere la nostra storia non gioverebbe all'elite che ci governa da sempre, ma pure, in barba all'evidenza, è la maggioranza di noi stessi che continua a negarla: meglio una rassicurante gabbietta dorata che la vertigine del cielo aperto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...certo ch non giova, e non giova il special modo al CICAP che si crede il detentore della verità senza averne nessun diritto, ma sol auto-proclamazione.

      Anche le gabbiette dorate stanno perdendo le rassicurazioni; del cielo aperto è rimasto solo la vertigine dei metalli pesanti che continuano a spruzzarci addosso, fumigandoci come scarafaggi.

      Non so se lo hai visto Theyogi, abbiamo portato a termine il Documentario La guerra segreta sulle scie chimiche alias "Geo-ingegneria" ..diffondilo se puoi

      Elimina

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page