giovedì 23 giugno 2022

La filosofia transumana della Silicon Valley è fondamentalmente sbagliata

Se, attraverso la biotecnologia, potessimo migliorare drasticamente noi stessi, in modo tale che la nostra capacità di assorbire e manipolare le informazioni fosse illimitata, non provassimo inquietudine e non invecchiassimo, lo faremmo? Dovremmo? Per i sostenitori del miglioramento radicale, o "transumanesimo", rispondere "sì" è un gioco da ragazzi. Di conseguenza, spingono per lo sviluppo di tecnologie che, manipolando i geni e il cervello, creerebbero esseri fondamentalmente superiori a noi.

Transumanesimo è tutt'altro che un termine familiare, ma, indipendentemente dal fatto che usino la parola pubblicamente o meno, i suoi aderenti sono nei luoghi del potere, specialmente nella Silicon Valley.

Elon Musk, la persona più ricca del mondo, è dedita a rafforzare la "cognizione" e ha co-fondato la società Neuralink a tal fine. Avendo raccolto più di $ 200 milioni in nuovi finanziamenti nel 2021, a gennaio, Neuralink ne ha proclamato la disponibilità per avviare prove umane di chip per computer impiantabili nel cervello per scopi terapeutici, per aiutare le persone con lesioni al midollo spinale a camminare di nuovo.

Ma l'obiettivo finale di Musk nell'esplorazione delle connessioni cervello-computer è "sovrumano” o “radicalmente potenziata”, cognizione, una priorità assoluta transumanista. Quelli con capacità cognitive radicalmente accresciute sarebbero così avanzati che non sarebbero nemmeno più umani ma, invece, "postumani".

Nella fantasia transumanista, i postumani potrebbero, assicura il filosofo Nick Bostrom, “leggere, con perfetta memoria e comprensione, ogni libro nella Biblioteca del Congresso”. Allo stesso modo, secondo il futurista e transumanista Ray Kurzweil, che lavora in Google dal 2012, assorbirebbero rapidamente l'intero contenuto del World Wide Web.

Il piacere sarebbe pervasivo e sconfinato: i postumani lo faranno ”spruzzarlo nel [loro] tè.” D'altra parte, la sofferenza non esisterebbe, come avrebbero fatto i postumani ”divino” controllo dei propri stati d'animo ed emozioni. Naturalmente, la beatitudine postumana non sarebbe assolutamente assente immortalità.

Quest'ultima sfaccettatura, la ricerca per conquistare l'invecchiamento, ottiene già un notevole sostegno dalla Silicon Valley. Nel 2013, Larry Page, co-fondatore di Google e CEO della sua casa madre, Alphabet, fino a dicembre 2019, ha annunciato il lancio di Calico Labs, la cui missione è capire l'invecchiamento e sovvertirlo.

Un elenco crescente di startup e investitori, dedicato alla “riprogrammazione” della biologia umana con in vista la sconfitta dell'invecchiamento, è entrato nel mix. Questo elenco ora include il fondatore di Amazon Jeff Bezos, che a gennaio ha contribuito ai 3 miliardi di dollari che hanno lanciato Altos Labs.

Oggi, il riconoscimento del nome del transumanesimo si è diffuso oltre la Silicon Valley e il mondo accademico. Nel 2019, un articolo di opinione sul Washington Post affermava che "il movimento del transumanesimo sta facendo progressi”.

E un saggio del 2020 sul Wall Street Journal ha suggerito che, facendo "la nostra fragilità biologica più ovvio che mai", il COVID-19 potrebbe essere "solo il tipo di crisi necessaria per potenziare gli sforzi" per raggiungere l'obiettivo dell'immortalità dei transumanisti.

Probabilmente hai già familiarità con alcuni miglioramenti, come gli atleti che usano steroidi per ottenere un vantaggio competitivo o le persone che usano farmaci per l'ADHD come Ritalin e Adderall off label in cerca di una spinta cognitiva.

Ma un baratro separa tali miglioramenti dal transumanesimo, i cui devoti ci farebbero progettare un aggiornamento a livello di specie dell'umanità nella postumanità.

E la chiave di tutti i progressi pianificati del transumanesimo, mentali e fisici, è una comprensione specifica dell'"informazione" e del suo predominio causale in relazione alle caratteristiche che sostengono il premio. Questa attenzione all'informazione è anche il difetto fatale del transumanesimo.

Probabilmente, l'antecedente più vicino del transumanesimo è l'eugenetica angloamericana, inaugurata da Francis Galton, che ha coniato il termine eugenetica nel 1883.

Tra i molti parallelismi sostanziali tra il transumanesimo e l'eugenetica anglo-americana vi è l'insistenza sul fatto che la scienza stabilisca le aspirazioni guida dell'umanità e che l'intelligenza umana e gli atteggiamenti morali (come l'altruismo e l'autocontrollo) richiedono un maggiore aumento biologico.

Il termine transumanesimo fu usato per la prima volta da un eugenetico britannico, Julian Huxley (anche fratello di Aldous Huxley, autore di Brave New World).

Il transumanesimo come lo conosciamo, tuttavia, è una sorta di connubio tra impegni sostanziali condivisi con l'eugenetica anglo-americana e l'idea che gli esseri viventi e le macchine siano fondamentalmente simili, quest'ultima derivante dagli sviluppi nell'informatica e nella teoria dell'informazione durante e dopo la seconda guerra mondiale.

Qui, l'idea chiave è che le entità e le macchine animate sono, in sostanza, informazioni, le loro operazioni fondamentalmente le stesse. Da questa prospettiva, i cervelli sono dispositivi computazionali, la causalità genetica funziona attraverso "programmi" e gli schemi informativi che ci costituiscono sono, in linea di principio, traducibili nel regno digitale.

Questa lente informativa è il punto cruciale del transumanesimo: le sue convinzioni scientifiche e la fiducia nelle prospettive dell'autotrascendenza tecnologica dell'umanità nella postumanità.

Alcune delle più grandi promesse del transumanesimo si basano sul presupposto che i geni, in quanto informazioni, guidino e dominino la posizione delle persone in relazione a complessi tratti fenotipici, come intelligenza, autocontrollo, gentilezza ed empatia: in altre parole, che "codificano per" queste caratteristiche. Così interpretati - assicurano i transumanisti - questi tratti sono manipolabili.

Le radici di queste idee risalgono a più di 50 anni fa. Ad esempio, in La logica della vita (1970), François Jacob ha annunciato che, "con l'accumulo di conoscenza, l'uomo è diventato il primo prodotto dell'evoluzione in grado di controllare l'evoluzione".

L'aspettativa di Jacob di aumentare le caratteristiche mentali complesse, una volta individuati "i fattori genetici coinvolti" - in altre parole, raggiunto la dovuta familiarità con i "meccanismi" informativi che svolgono ruoli chiave nella loro causalità - è palpabile nel transumanesimo. Oggi, invece, la prospettiva rappresentata da Jacob è sempre più rifiutata da scienziati, filosofi della scienza e storici.

Che i geni influenzino le caratteristiche umane non è in discussione. Laddove i transumanisti sbagliano è nel ruolo sproporzionato assegnato ai geni nella creazione dei loro tratti preferiti.

In contrasto con caratteristiche fisiche ben definite, come il colore degli occhi, la relazione tra le "informazioni" genetiche e caratteristiche come l'intelligenza e la gentilezza è sfumata e indiretta. Oggi, la teoria dei sistemi evolutivi sostituisce la causalità unidirezionale dominante precedentemente depositata nei geni.

Da questo punto di vista, lo sviluppo abbraccia una gamma di livelli e una ricchezza di fattori, biologici e non biologici, che interagiscono in modi complessi. 

In modo cruciale, come osserva la filosofa della scienza Susan Oyama, nessuno di questi fattori, geni inclusi, “è privilegiato a priori come portatore di forma fondamentale o come origine del controllo causale ultimo”; piuttosto, "tutto ciò che [l'] organismo fa ed è sorge da questo complesso interattivo, anche se influenza proprio quel complesso".

La comprensione del cervello da parte dei transumanisti è similmente viziata. La loro presunzione che particolari capacità mentali siano legate ad aree specifiche del cervello - e potrebbero, quindi, essere prese di mira per la manipolazione - è sempre più obsoleta.

In effetti, un passaggio monumentale nel focus della ricerca neuroscientifica, da aree discrete con funzioni dedicate a reti funzionali complesse, è ben avviato. Come è ormai ben documentato, compiti mentali come l'attenzione, la memoria e la creatività coinvolgono numerose aree del cervello; le singole regioni sono pluripotenti, nel senso che hanno più ruoli; e varie aree funzionano come "hub". 

Per fare un solo esempio, come osserva il neuroscienziato Luiz Pessoa, l'amigdala, a lungo considerata un'area strettamente emotiva, legata in particolare all'elaborazione delle informazioni relative alla paura, "è sempre più riconosciuta per svolgere ruoli importanti nei processi cognitivi, emotivi e sociali".

Leggi la storia completa qui ...

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Sempre più vicini all’orlo di una guerra nucleare con la Russia

CO2 – una copertura per la povertà forzata e il minor consumo di energia

NASA: ha scelto di lasciare che la bufala del riscaldamento globale causata dall’uomo persista e si

La comunità scientifica del clima continua a fingere

COSA ACCADE NEI NOSTRI CIELI? - GIORGIO PATTERA

Un buco aperto nella matrice economica – siate felici. Va tutto bene

L’OZONO POTREBBE INDEBOLIRE UNO DEI PIÙ IMPORTANTI MECCANISMI DELLA TERRA

Una nuova classe globale che modella il nostro futuro comune in base ai propri interessi

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 21: LA VERITÀ NON DETTA SUI TAMPONI NASALI

Gli umani non sono sovrappopolati - Stiamo invecchiando e diminuendo

Li chiamano effetti collaterali - quando sapevano che sarebbe successo ... Essi sapevano che questo

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...