venerdì 15 aprile 2022

Socialismo: oppio delle masse

Mettiamo in chiaro qualcosa. Non esiste una forma pura di socialismo, in cui "il governo possiede i mezzi di produzione".

I mezzi di produzione possiedono il governo e viceversa. È sempre collusione. I potenti giocatori d'élite si cuciono insieme come un cadavere di Frankenstein ambulante.

Il socialismo può essere fatto con un sorriso o con pistole e carceri. Gli stili variano.

Ad esempio, il Council on Foreign Relations [CFR] ritiene che un "unire le mani al di là dell'acqua" internazionale sarebbe semplicemente dandy.

Potresti chiamare l'agenda del CFR socialismo o globalismo o fascismo o dittatura o stato corporativo, non importa. Per brevità, chiamatelo socialismo.

A livello di strada (non all'interno del CFR), ogni sostenitore della "soluzione" socialista o non ha idea di chi la installa e la gestisce, o crede sorprendentemente che "il governo" possa trasformarsi in un'impresa benefica e liberarsi della sua principale corruzione, poiché prende le redini del potere assoluto.

Nel frattempo, le élite ultra-ricche che usano il socialismo come arma, mentre lo propagandano come il nostro futuro umanitario, sanno benissimo che lo guideranno e non si fanno scrupoli a porre limiti severi alla libertà delle popolazioni. Vogliono imporre quei limiti.

Hope and Change, lo slogan dell'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, era perfetto per i socialisti di strada. Era abbastanza vago da essere iniettato con i propri vaghi sogni e fantasie.

I college, o come li chiamo io, le Accademie delle Grandi Generalità, hanno prodotto a tonnellate questi fantastici. "Se lo sento, deve essere vero e buono."

Uno di questi idealisti, negli anni '60, era un giovane di nome James Kunen. Ma di gran lunga più intelligente della maggior parte dei suoi compagni, scrisse un libro intitolato The Strawberry Statement: Notes on a College Revolutionary . Membro del gruppo di sinistra, Studenti per una società democratica (SDS), Kunen ha ricordato un evento curioso alla Convenzione SDS del 1968:

“...alla convention, gli uomini delle Business International Roundtables, gli incontri sponsorizzati da Business International per i loro gruppi di clienti e capi di governo, hanno cercato di comprare alcuni radicali [di sinistra]. Questi uomini sono i principali industriali del mondo e si riuniscono per decidere come andrà la nostra vita. Questi sono i ragazzi che hanno scritto Alliance for Progress. Sono l'ala sinistra della classe dirigente".

“... Si sono offerti di finanziare le nostre manifestazioni a Chicago. Ci hanno anche offerto denaro Esso (Rockefeller). Vogliono che facciamo molta agitazione radicale in modo che possano guardare più al centro mentre si spostano a sinistra".

Le élite dei Rockefeller si spostano verso la sinistra politica? Che cosa?

Guardate in questo modo. Se sei un uomo Rockefeller, che tipo di retorica userai per vendere la tua truffa? Il "mondo-utopico-migliore-per-il-popolo (di-sinistra)" o "vogliamo-mega-corporazioni-imbrogliare-e-mentire-e-rubare-la-gente-ciechi-e-co. -opt-il-governo (di destra)”?

Dal momento che qualsiasi tipo di retorica è progettata per finire nello stesso posto - il controllo globale - sceglierai la versione dal suono più attraente.

È semplicemente una questione di lavorabilità e di convenienza.

Ecco perché il gergo del socialismo di sinistra è venuto alla ribalta.

Questo è l'unico motivo.

Se un agente dei Rockefeller potesse usare, con buoni risultati, i racconti di nemici che invadono la Terra da un universo parallelo, lo farebbe.

Nel 1928, lo storico Oswald Spengler scrisse: “Non c'è proletario, nemmeno un movimento comunista, che non abbia operato nell'interesse del denaro, e per il momento consentito dal denaro, e che [l'operazione sia continuata] senza gli idealisti tra i suoi leader che hanno il minimo sospetto del fatto.

C'è un college in qualsiasi parte del mondo che lo riconosca e lo insegni? L'intuizione non è consentita. Silurerebbe troppe banalità e rivelerebbe troppe false tracce tracciate da ingannatori d'élite.

David Rockefeller, scrivendo le sue Memorie del 2003, ha affermato apertamente: 

“Alcuni credono addirittura che facciamo parte di una cabala segreta che lavora contro i migliori interessi degli Stati Uniti, che caratterizza me e la mia famiglia come 'internazionalisti' e cospira con altri in tutto il mondo per costruire una struttura politica ed economica globale più integrata: un mondo, se vuoi. Se questa è l'accusa, sono colpevole e ne sono orgoglioso".

Naturalmente, Rockefeller si è fermato prima di dire che lui ei suoi colleghi, nel nucleo del CFR e della Commissione Trilaterale, stavano usando il socialismo e la retorica utopica di alto livello semplicemente per arruolare la sinistra nella sua causa del "mondo unico". Non ha mai ammesso che le nozioni di "giustizia sociale" e "uguaglianza" venissero vendute alle masse credulone per lo stesso motivo.

Se fosse stato chiaro, le vittime (sia reali che immaginarie) avrebbero capito che stavano combattendo contro gli stessi oppressori che le stavano sostenendo, finanziandole, incoraggiandole e controllandole.

Il ricercato trionfo globale del socialismo è una copertura per la gestione e la tirannia globale d'élite.

"Grazie per l'aiuto. Ora che abbiamo vinto, sei sotto tiro. La nostra pistola.

Guardando avanti fino ad oggi, si può vedere questo lavoro di vendita che opera nelle sale del consiglio dei giganti della tecnologia (Google, Facebook, Twitter, ecc.). I leader aziendali (i nuovi Rockefeller e Carnegies) affermano di essere sostenitori del "socialismo digitale", che definiscono ridicolmente come un accesso aperto alle meraviglie di Internet per tutte le persone ovunque, compresi i poveri e gli sventurati. Ma l'ultima volta che ho guardato, quelle persone non possono mangiare un video di YouTube per una colazione che non possono permettersi.

Questa sciocchezza nasconde lo stesso nucleo sepolto nel socialismo d'altri tempi: i leader al vertice, che hanno fatto le loro mega fortune, vogliono voltarsi ed eliminare la concorrenza. Condividi e cura non si applica al mercato. Gli amministratori delegati della tecnologia vogliono colludere con il governo per ottenere favori speciali e vantaggi che i loro rivali minori non possono ottenere.

“Amiamo tutti e ci prendiamo cura di tutti, ma non sfidarci. Noi siamo i capi. Possediamo il gioco".

I giganti della tecnologia vogliono molto di più. Intendono aprire la strada, con i loro partner di governo, a un controllo ancora più stretto delle informazioni (censura) e a uno Stato di sorveglianza più vasto.

Intendono costruire un pianeta tecnocratico, in cui le società pianificate siano le fondamenta. I cittadini sono “punti dati” da inserire negli slot, dalla culla alla tomba, man mano che si costruisce un sistema mondiale.

Nozioni di equità, uguaglianza e altri termini di socialismo sono schierati come copertura per questa massiccia operazione.

Qualcuno potrebbe dire che questa versione di Brave New World/1984 non ha alcuna somiglianza con il socialismo.

Ma avrebbero torto. Questa versione è il socialismo perfetto, una volta che ti rendi conto che l'intera "filosofia politica" socialista non è mai stata altro che propaganda sottilissima.

Era un nulla trasformato in qualcosa.

Cade a pezzi e soffia via, e il rictus-ghigno del controllo compare. Lo stesso sorriso esisteva nella Chiesa romana medievale, nell'antico impero romano, nell'Egitto dei Faraoni, in Babilonia, in Sumer, nelle civiltà Maya e Azteche, in tribù e clan da tempo sepolti e dimenticati.

È cambiata solo la lingua dei venditori agli acquirenti.

Mao Zedong (alias Mao Tse-tung), padre fondatore e sovrano della Cina comunista, dichiarò apertamente: "Il socialismo... deve avere una dittatura, senza di essa non funzionerà". Mao non ha girato intorno al cespuglio. Mantenendo la sua dittatura, scoprì che avrebbe potuto avere problemi con tra i 40 ei 70 milioni della sua stessa gente. Quindi, solo per essere sicuro, li ha uccisi.

Ma non preoccuparti, sii felice. Nel mondo esistono socialismi meno violenti, purché i cittadini rinuncino volontariamente alla propria indipendenza.

Ad esempio, potresti optare per la visione di Tony Blair. Tony è un criminale di guerra accusato (Iraq/2003, tra 100.000 e milioni di morti), ma il lato positivo è che non ha massacrato un gran numero della sua stessa gente. Nel 1983, Tony ha dichiarato:

“Sono socialista non per la lettura di un libro di testo che ha catturato la mia fantasia intellettuale, né per la tradizione sconsiderata, ma perché credo che, nel migliore dei casi, il socialismo corrisponda più da vicino a un'esistenza che è insieme razionale e morale. Sta per cooperazione, non confronto; per amicizia, non per paura. Rappresenta l'uguaglianza, non perché voglia che le persone siano le stesse, ma perché solo attraverso l'uguaglianza nelle nostre circostanze economiche la nostra individualità può svilupparsi adeguatamente".

Ti lascerò provare a tradurre quel senso di incomprensione generalizzato. Prendete le parole “razionale”, “morale”, “cooperazione”, “comunione”, “uguaglianza nelle nostre circostanze economiche” e mettetele a terra. Cerca di applicarli alla vita reale. Determina quali politiche e normative effettive deriverebbero da esse.

Tony è uno dei decani dell'Accademia delle Grandi Generalità. Sa come spalarlo in largo e in profondità. La sua unica abilità è apparire seria e sincera.

Condivide questo attributo con molti dei suoi colleghi socialisti. Hanno imparato i loro trucchi ai piedi dei mentori e puoi tracciare la linea fino a Platone.

“Non siamo Stalin, non siamo Mao. Onesto. Vogliamo fare del bene. Aiutaci ad aiutarti. Siamo tutti sulla stessa barca. C'è una bella giornata davanti. Lascia che facciamo il nostro lavoro".

O come disse Bill Clinton, "Sento il tuo dolore".

Nessuno lo ha sentito dire, sottovoce: "Certo, non faccio attenzione ai sentimenti".

Fonte

Ti potrebbe interessare: Un buco nella matrice economica

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Sempre più vicini all’orlo di una guerra nucleare con la Russia

CO2 – una copertura per la povertà forzata e il minor consumo di energia

NASA: ha scelto di lasciare che la bufala del riscaldamento globale causata dall’uomo persista e si

La comunità scientifica del clima continua a fingere

COSA ACCADE NEI NOSTRI CIELI? - GIORGIO PATTERA

Un buco aperto nella matrice economica – siate felici. Va tutto bene

L’OZONO POTREBBE INDEBOLIRE UNO DEI PIÙ IMPORTANTI MECCANISMI DELLA TERRA

Una nuova classe globale che modella il nostro futuro comune in base ai propri interessi

Il Sequel di Crolla Cabala, Crolla! – Parte 21: LA VERITÀ NON DETTA SUI TAMPONI NASALI

Gli umani non sono sovrappopolati - Stiamo invecchiando e diminuendo

Li chiamano effetti collaterali - quando sapevano che sarebbe successo ... Essi sapevano che questo

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...