mercoledì 7 settembre 2016

3,8 miliardi di anni fa


IL SEME DELLA VITA

Di tutti i misteri con cui si confronta l'Umanità alla ricerca della conoscenza, il più grande è, senza dubbio, il mistero chiamato "Vita".

La teoria evoluzionistica spiega come si è evoluta la vita sulla terra, dalle prime forme unicellulari fino all'Homo sapiens. Ma non spiega come ebbe inizio. Oltre alla domanda"siamo soli nell'universo?"

Secondo i Sumeri la vita venne introdotta nel sistema solare da Nibiru che donò <<il seme della Vita>> alla Terra nel corso della Battaglia celeste con Tiamat.

Da tempo la scienza moderna è giunta alle stesse conclusioni. Per immaginare la nascita della vita primitiva gli scienziati dovevano determinare o, almeno, ipotizzare le condizioni sulla terra primordiale.

Aveva acqua? Aveva un'atmosfera? E c'erano già i mattoni della vita: combinazioni molecolari di idrogeno, carbone, ossigeno, nitrogeno, zolfo e fosforo? L'aria secca era composta al 79% di nitrogeno (N2), al 20% di ossigeno (02) e all'1% di argo (Ar), più tracce di altri elementi (oltre all'aria secca, l'atmosfera contiene vapor acqueo).

Questo non riflette la relativa abbondanza di elementi nell'universo, dove l'idrogeno (87%) e l'elio (12%) compongono il 99% di tutti gli elementi. Perciò, fra le altre ragioni, si ritiene che l'attuale atmosfera terrestre non sia quella originaria del pianeta.

Sia l'idrogeno che l'elio sono estremamente volatili e la loro ridotta presenza nell'atmosfera, nonché la scarsità di gas "nobili", come il neon, l'argo, il cripton e lo xeno (in relazione alla loro abbondanza nel cosmo), ha suggerito agli scienziati che la terra abbia vissuto un "episodio termico" più di 3,8 miliardi di anni fa - un evento con il quale noi tutti abbiamo una certa familiarità. 

In linea di massima gli scienziati ritengono che l'atmosfera si ricostituì inizialmente con i gas fuoriusciti dalle convulsioni vulcaniche della terra ferita. Quando le nubi formatesi a seguito di queste eruzioni offuscarono la terra, formando una sorta di scudo, e l'atmosfera iniziò a raffreddarsi, il vapore acqueo si condensò e ricadde sulla Terra sotto forma di piogge torrenziali.

L'ossidazione di rocce e di minerali fornì la prima riserva di grandi quantità di ossigeno sulla Terra; la vita vegetale poi apportò all'atmosfera altro ossigeno e anidride carbonica (CO2) e, grazie all'aiuto di bacteri, ebbe così inizio il ciclo di nitrogeno.

E' interessante notare che anche in questa circostanza i testi antichi resistono magnificamente allo scrutinio della scienza contemporanea.

La quinta tavoletta dell'Enuma Elish, pur se molto danneggiata, paragona a saliva la lava che sgorgava da Tiamat e fa risalire l'attività vulcanica a un periodo antecedente alla formazione stessa di atmosfera, oceani e continenti. La <<saliva>> dice il testo, <<giaceva in strati>> man mano che fuoriusciva.

Vengono descritte le fasi <<di freddo>> e <<dell'assemblaggio delle nubi di acqua>>; quindi si sollevavano le <<fondamenta>> della Terra e si riunirono gli oceani - proprio come affermano i versetti della genesi. Fu solo a seguito di questi eventi che la vita fece la propria comparsa sulla terra: erba verde sui continenti e vita animale nelle acque.

Ma le cellule viventi, anche le più semplici, non sono composte di singoli elementi chimici, bensì da molecole complesse di diversi composti organici. Come si sono formate? poiché molti di questi composti sono stati trovati anche in altri punti del sistema solare, si è pensato che si siano composti naturalmente, con il trascorrere del tempo, molto tempo. 

Nel 1953 due scienziati dell'Università di Chicago, Harold Uery e Stanley Miller, eseguirono quello che venne definito <<un esperimento sbalorditivo>>. In un recipiente a pressione mescolarono semplici molecole organiche di metano, ammoniaca, idrogeno e vapor acqueo, dissolvendo poi la mistura in acqua per simulare il brodo primordiale e sottoposero la mistura a scintille elettriche, così da riprodurre i fulmini primordiali.

L'esperimento produsse diversi aminoacidi e idrossidi-acidi, i mattoni delle proteine, essenziali per costituire la materia vivente. Altri ricercatori, in seguito, hanno sottoposto misture simili a luce ultravioletta, a radiazioni ionizzanti, o al calore, per simulare l'effetto dei raggi del Sole, e hanno ripetuto l'esperimento anche nell'atmosfera primitiva e sul brodo primordiale, ottenendo gli stessi risultati.

Ma una cosa era dimostrare che la natura stessa era in grado, in certe condizioni, di creare i mattoni della vita, anche complessi composti organici; un'altra era soffiare la vita in questi composti, che restavano inerti nelle camere di compressione. Per "vita" si intende la capacità di assorbire nutrienti (di qualsiasi natura) e di replicarsi, non solo di "esistere".

Anche la narrazione biblica della creazione riconosce che, quando l'essere più complesso sulla Terra, l'uomo, venne plasmato con l'argilla, fu comunque necessario l'intervento divino per "soffiargli lo spirito di vita". Senza di quello sarebbe stato inanimato, infatti, non era ancora "vivente".

Negli anni Settanta e Ottanta la biochimica ha svelato molti dei segreti della vita. Sono state esplorate le parti più recondite delle cellule, è stato scoperto il codice genetico che governa la replicazione, e sono state sintetizzate molte delle complesse componenti degli esseri unicellulari o le singole cellule di organismi più evoluti.

Seguendo la ricerca Stanley Miller, Università della California, san Diego, commentò che <<abbiamo imparato a fare composti organici da elementi inorganici; il passo successivo è imparare come essi si organizzano in una cellula replicante>>.

Il brodo primordiale presuppone la presenza, nell'oceano, di una moltitudine di queste prime molecole organiche che cozzano l'una contro l'altra sulla scia di onde, correnti o cambi di temperatura e, infine, attraendosi, dando così forma ai gruppi dei quali si sono sviluppati, infine, i polimeri, molecole disposte a catena che compongono la materia vivente.

Ma cos'è che ha dato a queste cellule la memoria genetica per sapere, non solo come combinarsi, ma anche come replicare e far crescere, infine, dei corpi? La necessità di coinvolgere il codice genetico nella transizione della materia organica inanimata a una animata ha condotto all'ipotesi della vita dall'argilla

Il lancio di questa teoria è attribuito all'annuncio, compiuto nell'aprile del 1985, da ricercatori dell'Ames Research Center, un centro della NASA a Montainview, California. In realtà, però, l'idea che l'argilla sulle spiagge di mari antichi avesse giocato un ruolo importante nell'origine della Vita sulla terra venne divulgata nel corso della Pacific Conference on Chemistry nell'ottobre del 1977.

James A. Lowless, che dirigeva un'equipe di ricercatori all'Ames, illustrò di esperimenti nei quali, semplici aminoacidi (i mattoni chimici delle proteine) e nucleoridi (i mattoni chimici dei geni), iniziarono a formarsi in catene, non appena furono depositati su argille che contenevano tracce di metalli, come zinco o nickel, e dove poi si seccarono.

I ricercatori fecero una scoperta interessante: tracce di nickel restavano solo sui venti tipi di aminoacidi comuni a tutta la materia vivente sulla terra, mentre le tracce di zinco aiutavano a legare i nucleotidi, il che dava un composto analogo"all'enzima cruciale" (chiamato DNA polimerasi) che tiene insieme i pezzi di materiale genetico in tutte le cellule viventi.

Nel 1985 gli scienziati dell'Amer Research Center hanno riferito di notevoli progressi compiuti nella comprensione del ruolo dell'argilla nei processi che avevano portato la vita sulla Terra. Scoprirono infatti che l'argilla ha due proprietà essenziali: la capacità di immagazzinare e di trasformare l'energia.

Nelle condizioni primordiali questa energia avrebbe potuto provenire, fra le altre possibili fonti, dal decadimento radioattivo. Usando l'energia immagazzinata, l'argilla avrebbe potuto fungere da laboratorio chimico dove le materie prime organiche venivano trasformate in molecole più complesse.

Prima parte del capitolo settimo "IL SEME DELLA VITA" dal libro "L'Altra Genesi" 
Seguirà prossimamente la seconda parte

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page