venerdì 23 ottobre 2015

CHI SEI? - WHO ARE YOU?


Aspetto geologico sulla grande costruzione della Sfinge di Giza

Gli scienziati: la prova geologica mostra che la Grande Sfinge ha 800.000 anni

Uno dei monumenti più misteriosi ed enigmatici sulla superficie del pianeta è senza dubbio la Grande Sfinge di Giza in Egitto. Si tratta di una antica costruzione che ha sconcertato i ricercatori fin dalla sua scoperta e fino ad oggi, nessuno è stato in grado di datare con precisione la Sfinge, poiché non ci sono documenti scritti o menzioni passate su di essa. Ora, due ricercatori ucraini hanno proposto una nuova teoria provocatoria in cui i due scienziati ritengono che la Grande Sfinge d'Egitto sia vecchia di circa 800.000 anni. Una teoria rivoluzionaria che è sostenuta dalla scienza.

Lo studio è stato presentato in occasione della Conferenza internazionale di Geo-archeologia e Archeo-mineralogia tenuta a Sofia dal titolo: ASPETTO GEOLOGICO DEL PROBLEMA sulla COSTRUZIONE del sito sulla GRANDE Sfinge egizia.

Gli autori di questo documento sono gli scienziati Manichev Vjacheslav I. (Istituto di Geochimica Ambientale della Accademia Nazionale delle Scienze dell'Ucraina) e Alessandro G. Parkhomenko (Istituto di Geografia dell'Accademia Nazionale delle Scienze dell'Ucraina).

Il punto di partenza di questi due esperti è il cambiamento di paradigma avviato da West e Schoch, un 'dibattito' destinato a superare la visione ortodossa dell'Egittologia con riferimento alle possibili origini remote della civiltà egiziana e, dall'altro, prove fisiche di erosione idrica presente nei monumenti della Piana di Giza.

Secondo Manichev e Parkhomenko:
"Il problema della datazione sulla costruzione della Grande Sfinge egiziana è ancora valida, nonostante le ricerche fatte sulla sua lunga storia. L'approccio geologico in relazione ad altri metodi scientifico-naturali, permette di rispondere alla domanda circa l'età relativa della Sfinge. L'indagine visiva condotta sulla Sfinge ha portato alla conclusione sul ruolo importante che ha avuto l'acqua sui corpi idrici di grandi dimensioni che ha parzialmente invaso il monumento formando dei tagli e cavità sulle sue pareti verticali ".
"La morfologia di queste formazioni ha un'analogia con tali simili cavità formate dal mare nelle zone costiere. La somiglianza genetica delle forme di erosione rispetto alla struttura geologica e alla composizione petrografica dei complessi rupestri sedimentari portano a una conclusione che l'energia delle onde sono state un fattore decisivo per la distruzione del monumento storico, piuttosto che all'abrasione della sabbia portata dal vento. Nella voluminosa letteratura geologica conferma di fatto l'esistenza antichi laghi d'acqua dolce in vari periodi del Quaternario dal Pleistocene inferiore all'Olocene. Questi laghi erano sparsi nei territori adiacenti al fiume Nilo. L'erosione che ha subito la grande conca dove è sita la Sfinge corrisponde al livello della superficie dell'acqua, che ha avuto luogo nel Pleistocene inferiore. La Grande Sfinge egiziana era già presente sulla piana di Giza da quel tempo geologico (historical)."
Un sostenuto dibattito è stato fatto dagli scienziati ucraini nei riguardi della Sfinge, argomenti basati anche su punti di vista e studi geologici per quanto riguarda la Sfinge e la sua età, sono anche stati fatti da parte di Schoch. Manichev e Parkhomenko hanno messo all'attenzione l'aspetto deteriorato del corpo della Sfinge, lasciando da parte le caratteristiche erosive in ​​cui si trova la Sfinge, che erano stati studiati in precedenza da Schoch. Gli studiosi ucraini si sono concentrati sul terreno ondulato della Sfinge che visualizza un disegno misterioso.

Gli scienziati tradizionali offrono spiegazioni per questa evidente caratteristica che si basa sull'effetto o stato di abrasione fatto del vento e della sabbia, portando avanti la tesi che le ondulazioni sono state formate perché gli strati più duri di roccia sopportano meglio le erosioni mentre gli strati più morbidi sarebbero stati intaccati ed erosi, formando dei vuoti.

Tuttavia, come ha osservato Manichev e Parkhomenko, questa tesi non spiega perché la parte anteriore dove si trova la testa della Sfinge manca di tali caratteristiche. Per quanto riguarda la tesi sostenuta da Schoch su un periodo di forti precipitazioni piovose che si sono verificate circa il 13.000 a.C., gli scienziati ucraini hanno riconosciuto a Schoch la parziale ipotesi che suggerisce che le caratteristiche erosive della Sfinge vanno indietro nel tempo oltre il 13.000 a.C. Manichev e Parkhomenko sostengono è che le zone montane e costiere del Caucaso e Crimea, (che conoscono molto bene), hanno un tipo di erosione eolica che differisce morfologicamente dalle caratteristiche erosive riportate sulla Sfinge. Essenzialmente, essi affermano che l'erosione del vento ha un effetto molto morbido, indipendentemente dalla composizione geologica delle rocce.

 
Il muro occidentale del recinto Sfinge, mostra un'erosione costante lungo tutta la sua lunghezza.
(Cortesia e copyright di Colin Reader)

"Nelle nostre spedizioni geologiche in diverse montagne e zone litoranee della Crimea e Caucaso abbiamo potuto spesso osservare le forme di alterazione eolica la cui morfologia differisce notevolmente sulla disgregazione che si verificano sul GES. La maggior parte delle forme naturali dovute agli agenti atmosferici sono di carattere levigato, indipendentemente della composizione litologica delle rocce".

Inoltre, i due ricercatori continuano spiegando che:
"La nostra esperienza personale nella ricerca scientifica sulla geologia delle coste marine ci ha dato motivi per tracciare un'analogia con il GES suggerendoci un altro meccanismo della sua distruzione. Specialisti-geologi, che lavorano nel campo delle coste-marine geomorfologiche, conoscono tali forme dovute alle onde che formano cavità e fessure (Morskaya Geomorfologiya, 1980). Possono essere mono e multi-piano. Esse sono disposte orizzontalmente alla superficie dell'acqua di mare, se la costa effettua una parete verticale (scogliera). Soprattutto le onde formano profonde cavità e tagli nelle rupi scoscese costituite da strati di rocce carbonacee. Tali forme di rilievo sono ben note e studiate nel dettaglio, sulla costa del Mar Nero, del Caucaso e della Crimea (Popov, 1953; Zenkovich, 1960). Il modello di formazione generale degli incavi e delle fessure nelle rocce sedimentarie del Caucaso è dato da Popov (1953, 162; Fig. 3). Nella dinamica del processo sulla formazione degli incavi e fessure provocate dal moto ondoso si può notare una caratteristica, tale caratteristica è dovuta all'energia provocata dalle onde che si infrange sullo strato roccia a livello della superficie dell'acqua. Inoltre, l'acqua sia salina che dolce può sciogliere le rocce."
Manichev e Parkhomenko propongono una nuova naturale teoria che può spiegare le ondulazioni e le caratteristiche misteriose della Sfinge. Questo meccanismo è l'impatto delle onde sugli scogli della costa. Fondamentalmente, questo potrebbe produrre, in un periodo di migliaia di anni la formazione di uno o più strati di increspature, un fatto che è chiaramente visibile, per esempio, sulle rive del Mar Nero. Tale processo, che agisce in senso orizzontale (cioè, quando le onde colpiscono la roccia in superficie), produrrà una usura o dissoluzione della roccia.

Il fatto è che l'osservazione di queste cavità nella Grande Sfinge ha fatto pensare agli scienziati ucraini che questo grande monumento potrebbe essere stato influenzato da sopra tale processo, nel contesto di immersione in grandi masse d'acqua, non dalle regolari inondazioni del Nilo.

Manichev e Parkhomenko suggeriscono che la composizione geologica del corpo della Sfinge è una sequenza di strati composti di calcare con piccoli interstrati di argille. Manichev e Parkhomenko spiegano che queste rocce possiedono un diverso grado di resistenza all'effetto dell'acqua e le cavità non sono dovute all'abrasione della sabbia, le cavità dovrebbero corrispondere agli strati di una certa composizione litologica. Essi suggeriscono che le grandi cavità della Sfinge si sono infatti formate all'interno di diversi strati, o occupano una parte dello strato di composizione omogenea. 

Il posteriore della Grande Sfinge d'Egitto

Manichev e Parkhomenko sono fermamente convinti che la Sfinge doveva essere stata sommersa sotto l'acqua per molto tempo e, a sostegno di questa ipotesi, essi sono portati verso l'esistente letteratura degli studi geologici sulla Piana di Giza. Secondo questi studi, alla fine del periodo geologico del Pliocene (tra 5,2 e 1,6 milioni di anni fa), l'acqua di mare è entrata nella valle del Nilo e gradualmente la zona è stata inondata. Ciò ha portato alla formazione di depositi lacustri, che sono di 180 mt. sopra il livello dell'attuale del Mar Mediterraneo.

Secondo Manichev e Parkhomenko, l'alto livello dell'acqua di mare ha anche causato lo straripamento del Nilo creando nel tempo corpi idrici molto lunghi. Per quanto riguarda il tempo corrisponde a 800.000 anni.

Quello che abbiamo qui è la prova che contraddice la teoria convenzionale di deterioramento causato dalla sabbia e dall'acqua, una teoria già criticata da West e Schoch, che ha ricordato che nel corso dei secoli, il corpo della Sfinge è stato sepolto dalle sabbie del deserto, così il vento e la conseguente erosione della sabbia non avrebbero fatto alcun danno all'enigmatica Sfinge.

Tuttavia, se Schoch ha chiaramente rilevato l'azione di corsi d'acqua causate da piogge continue, i geologi ucraini vedono l'effetto dell'erosione sul corpo Sfinge causata dal contatto diretto dalle acque dei laghi formatosi nel Pleistocene. Ciò significa che la Grande Sfinge d'Egitto è uno dei monumenti più antichi sulla superficie della Terra, spingendo indietro drasticamente l'origine del genere umano e della civiltà.

Qualcuno potrebbe dire che la teoria proposta da Manichev e Parkhomenko sia molto estrema perché pone la Grande Sfinge in un'epoca in cui non c'erano esseri umani, secondo schemi evolutivi attualmente accettati. Inoltre, come è stato dimostrato, i due templi megalitici, che si trovano adiacenti alla Grande Sfinge sono stati costruiti dalla stessa pietra il che significa che la nuova datazione della Sfinge include questi monumenti con la stessa Sfinge a 800.000 anni. In altre parole, ciò significa che civiltà antiche hanno abitato il nostro pianeta molto più indietro nel tempo di quanto è disposta ad accettare e dica la scienza ufficiale. 

Fonte di Riferimento: Geo-archeologia e Archeo-mineralogia (Eds. RI Kostov, B. Gaydarska, M. Gurova). 2008. Atti del Convegno Internazionale, 29-30 ottobre 2008 Sofia, Casa Editrice "St. Ivan Rilski ", Sofia, 308-311.
Traduzione e adattamento
curata da Nin.Gish.Zid.da

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page