sabato 7 dicembre 2019

Le tre verità silenziose del Piano Marshall

 

Dio Salvi la Regina - la Distruzione Americana dell'Impero Britannico
 
di Larry Romanoff  
dal sito Web GlobalResearch 

Questa è una parte poco conosciuta e mai discussa della storia degli Stati Uniti, ma ancora uno dei principali fattori che hanno spinto gli Stati Uniti alla sua schiacciante supremazia produttiva ed economica dopo la seconda guerra mondiale.  

Implica la distruzione finale dell'impero britannico, per la quale nessuna persona pensante avrebbe rimpianti, e anche le condizioni che si ottengono dopo la fine della seconda guerra mondiale.  

La prima guerra mondiale fece perdere alla Gran Bretagna circa il 40% del suo antico impero e ricchezza, e la seconda guerra mondiale completò questo compito, ma non senza l'intercessione predatoria poco conosciuta dell'America 

Durante la seconda guerra, la Gran Bretagna aveva bisogno di enormi volumi di forniture di cibo, materie prime, manufatti, armamenti e hardware militare.

Ma le fabbriche britanniche vennero distrutte dalla guerra e in ogni caso mancava una capacità produttiva sufficiente.  

Inoltre, alla Gran Bretagna mancava sempre più denaro per pagare quei beni, la sua soluzione era quella di acquistare a credito dalle sue colonie.  
  • Canada  
  • India  
  • Australia  
  • Sud Africa,  
... e molte altre nazioni hanno fornito all'Inghilterra i beni e i materiali di guerra necessari, promettendo un pagamento futuro.  

Il piano era che dopo la fine della guerra, la Gran Bretagna avrebbe rimborsato questi debiti con prodotti fabbricati che una Gran Bretagna ricostruita sarebbe stata in grado di fornire.  

Questi debiti sono stati registrati nell'allora valuta britannica di sterline inglesi e mantenuti su registri della Banca d'Inghilterra, comunemente denominati "saldi in sterline".  

Dopo la fine della seconda guerra, gli Stati Uniti erano l'unica grande economia del mondo che non era stata bombardata da macerie, una nazione con tutte le sue fabbriche intatte e in grado di operare a piena capacità producendo quasi tutto ciò di cui il mondo aveva bisogno.

Gli Stati Uniti avevano un'enorme capacità di approvvigionamento, ma i molti paesi dell'Impero britannico, le cui economie erano in buone condizioni e avevano soldi da pagare, si stavano rifiutando di acquistare dagli Stati Uniti poiché stavano aspettando che il Regno Unito ricostruisse e ripagasse i debiti in sospeso con manufatti.  

Il governo e le società statunitensi si resero conto che questo enorme mercato costituito da così tante nazioni del mondo, sarebbe rimasto chiuso per esso per forse decenni, che avrebbe avuto scarso o nessun successo commerciale in qualsiasi parte dell'ex impero britannico fintanto che quelli in sterline I saldi sono rimasti sui registri della Banca d'Inghilterra.  

E questo è un luogo in cui la vera natura dell'America viene messa a fuoco, un incidente che serve meglio di molti per illustrare la storia, del 
"fair play" americano e degli Stati Uniti che creano "condizioni di parità" ...
Alla fine della guerra, la Gran Bretagna, fisicamente devastata e finanziariamente in bancarotta, mancava di fabbriche per produrre beni per la ricostruzione, i materiali per ricostruire le fabbriche o acquistare le macchine per riempirle, o con i soldi per pagarle.  

La situazione della Gran Bretagna era così terribile, il governo mandò l'economista John Maynard Keynes con una delegazione negli Stati Uniti a chiedere assistenza finanziaria, sostenendo che la Gran Bretagna stava affrontando un "Dunkerque finanziario".  

Gli americani erano disposti a farlo, a una condizione:  
Fornirebbero alla Gran Bretagna finanziamenti, beni e materiali per ricostruirsi, ma imponevano che la Gran Bretagna dovesse prima eliminare quei saldi in sterline ripudiando tutti i suoi debiti verso le sue colonie.
L'alternativa era non ricevere né assistenza né credito dagli Stati Uniti  

La Gran Bretagna, impoverita e indebitata, senza risorse naturali e senza credito o capacità di pagare, non aveva altra scelta se non quella di capitolare. E, naturalmente, con l'annullamento di tutti i crediti e dato che gli Stati Uniti potevano produrre oggi, quelle nazioni coloniali non avevano ulteriori motivi per rifiutare i manufatti dagli Stati Uniti  

La strategia ha avuto successo ...  

Quando la Gran Bretagna si ricostruì, gli Stati Uniti avevano più o meno catturato tutti gli ex mercati coloniali britannici e per qualche tempo dopo la fine della guerra gli Stati Uniti stavano producendo più del 50% di tutto ciò che era prodotto nel mondo.  

E quella fu la fine dell'Impero britannico, e l'inizio dell'ultima fase della crescita americana.  

Gli americani sono stati propagandati nel ritenere che il loro paese "sostenesse disinteressatamente" lo sforzo bellico europeo e che "generosamente" avesse pianificato e finanziato l'intera ricostruzione di tutta l'Europa devastata dalla guerra.  

Le loro teste sono piene di "prestito", del "Piano Marshall" e molto altro.  

Ma qui abbiamo tre verità silenziose:
  • Uno è che gli Stati Uniti hanno assistito l'Europa e il Regno Unito principalmente perché avevano bisogno dei mercati per i loro beni.  Le corporazioni statunitensi trovarono poco potere d'acquisto nelle nazioni europee che ora erano in gran parte distrutte e fallite, e senza questi mercati anche l'economia americana sarebbe crollata.  Era l'interesse commerciale piuttosto che la "compassione" o "carità" che ha spinto l'assistenza finanziaria degli Stati Uniti nel Regno Unito e in Europa. Tutto ciò che gli Stati Uniti hanno fatto è stato fornire finanziamenti al consumo su larga scala per i prodotti delle proprie società, con la maggior parte del "finanziamento" che non ha mai lasciato gli Stati Uniti Il piano Marshall era principalmente un programma di welfare per le multinazionali americane.
  • La seconda verità è che l'Europa e l'Inghilterra hanno pagato molto per questa assistenza finanziaria. Fu solo nel 2006 che la Gran Bretagna pagò finalmente l'ultima rata sui prestiti concessi dagli Stati Uniti nel 1945.
  • Il terzo è che il finanziamento del dopoguerra in Europa non era principalmente per la ricostruzione, ma come base per un controllo politico schiacciante che è stato ampiamente sostenuto fino ad oggi. I fondi del decantato Piano Marshall americano furono spesi più per finanziare l'Operazione Gladio che per la ricostruzione europea.
Come ha notato William Blum in uno dei suoi articoli,
  • gli Stati Uniti erano molto più interessati a sabotare la sinistra politica in Europa che alla ricostruzione  
  • i fondi del Piano Marshall furono sottratti per finanziare vittorie politiche per l'estrema destra, nonché per il violento programma terroristico noto come Operazione Gladio ...  
Ha anche correttamente affermato che la CIA ha scartato ingenti somme per finanziare il giornalismo e la propaganda sotto copertura, uno dei condotti era la Ford Foundation.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno esercitato enormi restrizioni economiche e politiche sui paesi beneficiari come condizioni per la ricezione di fondi, la maggior parte utilizzata per aiutare a rafforzare i banchieri e le élite europee nelle loro posizioni di potere economico e politico (dopo una guerra che essi stessi hanno istigato) piuttosto che "assistere" nella ricostruzione.  

Alla fine, anche gli europei avrebbero potuto fare a meno della cosiddetta "assistenza" degli Stati Uniti, e l'Europa sarebbe stata molto meglio e più indipendente oggi se avessero rifiutato l'offerta.  

La convinzione della maggior parte degli americani che la loro nazione abbia "ricostruito" l'Europa è pura mitologia storica creata dalla propaganda e sostenuta dall'ignoranza ...


®wld 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...