giovedì 14 giugno 2018

L'albero evolutivo di tutte le religioni sulla Terra

Grafico creato da Simon E. Davies.

L'inizio della religione: questo è l'albero evolutivo di tutte le religioni sulla Terra 

Di Ivan 

Sin dagli albori dell'umanità, gli umani hanno cercato di dare un senso al loro mondo, soprattutto di fronte a fenomeni sconosciuti come "cosa causa tempeste", "cosa ci succede dopo la morte" e "come è stato formato il mondo"? È plausibile che da tali domande si siano formate le nostre prime religioni primitive. 

La prima prova di una pratica religiosa può essere fatta risalire a 100.000 anni fa quando abbiamo iniziato a seppellire i nostri morti. Sebbene non possiamo definire questo come l'origine della fede, suggerisce che agli albori dell'umanità, avevamo iniziato a considerare una specie di aldilà. 

Nel corso del tempo, questa pratica religiosa ha dato origine a una nuova ideologia che si è diffusa in tutti i continenti, conosciuta oggi come "animismo". Questa fede emergente era il sistema di credenze di base che si sarebbe evoluto e si sarebbe espanso in numerose altre ideologie in tutto il mondo. Il viaggio di queste religioni in evoluzione può essere suddiviso in tre periodi classici. 

Va notato che questi periodi non sono indicativi di una nuova ideologia che migliora i precedenti sistemi di fede. Le religioni cambiano nel tempo, si estinguono e si dividono in tradizioni distinte.  

Si adattano al loro ambiente, costruiscono il loro ambiente in parte, tutto proprio come fa l'evoluzione organica.  

Periodo 1: Animismo (100.000 a.C. - Presente) 

Gli umani cominciarono a credere che i costrutti naturali (ad es. Piante, animali, rocce e vento) possedessero un'essenza spirituale. Si credeva che queste entità spirituali avessero poteri e temperamenti che influenzarono il nostro mondo quotidiano. Adorando questi esseri divini, si è creduto che potessimo mantenere l'armonia con questo mondo spirituale e ottenere da loro favori.  

Periodo 2: Politeismo (15.000 a.C. - Presente) 

Le radici del politeismo potrebbero trovarsi nell'era epipaleolitica. Linguisti e storici hanno definito un'ipotetica famiglia linguistica chiamata Nostratic, che sembra aver influenzato tutti i dialetti africano ed euroasiatico. Molte delle parole che possono essere ricostruite coinvolgono gli dei della natura (come la madre terra e il padre del cielo). Ciò suggerisce che gli spiriti della natura dell'animismo si erano evoluti in una nuova generazione di Dei (dando agli esseri astratti del tuono e dell'acqua una forma più umana). Durante la rivoluzione neolitica, iniziarono ad emergere civiltà che richiedevano nuove aree di competenza (ad es. Legislazione, metallurgia, agricoltura e commercio). Erano i discendenti degli dei nostratici (ad esempio gli indoeuropei e i sumeri) che assunsero il ruolo di guida e leader nel mondo civilizzato. 

Tipicamente questi esseri divini erano divisi in diverse classi, che sorvegliavano i cieli, il regno dei morti e il mondo sotterraneo. Ciascuna divinità possedeva i propri poteri, pratica religiosa e dominio (ad es. Commercio, diplomazia, guerra, ecc.). L'uomo potrebbe adorare uno o tutti questi esseri, ottenendo il favore da loro tramite le offerte, la preghiera e persino il sacrificio.

Periodo 3: Monoteismo (1348 a.C. - Presente) 

Nell'età del bronzo, un nuovo movimento prese forma dando la priorità a un Dio su tutte le altre divinità. Questo sistema è noto come Monoteismo - una credenza in un Essere Supremo. Nel 1348 a.C., il faraone Akhenaton, elevò un dio meno conosciuto chiamato "Aten" allo status supremo, sottovalutando il ruolo di tutte le altre divinità egiziane. Un po' più tardi in Iran, Zoroastro (un prete persiano) sostenne che "Ahura Mazda" fosse l'unica divinità suprema. Questo nuovo sistema emergente postulò che un dio creatore aveva formato l'universo conosciuto ed era totalmente autosufficiente, capace di governare su tutti gli altri domini. Questa idea divenne importante nel giudaismo, nel cristianesimo, nell'islam e nel sikhismo. 

La maggior parte dei sistemi monoteistici tendono ad essere di natura esclusiva, il che significava che gli dei del Vecchio Mondo dovevano essere eliminati dalla coscienza dell'uomo. Di conseguenza, le religioni monoteistiche mostravano una tolleranza religiosa inferiore rispetto alle religioni politeiste, con il risultato di molte guerre e dispute politiche.  

Questo articolo è stato scritto da Simon E. Davies. Collaboratore su Ancient-Code.com   


Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...