domenica 6 maggio 2018

Collegamento tra malattia apocalittica e microbioma

 

L'arrivo di una malattia apocalittica?


Da quando un altro giornalista ha "rotto il ghiaccio" su una questione che ho seguito per un po’, ora mi sento obbligato a condividere ciò che ho trovato e penso possa essere la "malattia apocalittica in arrivo" di cui parlava Aaron Kesel in “BillGates Warns of Coming Apocalyptic Disease—Pledges $12 Million To UniversalVaccine.” 

La "Coming Apocalyptic Disease" potrebbe essere proprio quella che viene soprannominata la "Klebsi Plague", un batterio mutato nel genere Klebsiella - Klebsiella pneumoniae, che è "originato" e "mutato" in Cina, dove alcune persone pensano che ci sia quello che viene chiamato batterio "libero" - dalla Scuola della scienza, o l'armeggiare con gli organismi per un tornaconto!  

Per quello che sono stato in grado di trovare, la peste di Klebsi non ha farmaci e/o farmacologie noti che la neutralizzino e gli antibiotici sono inutili contro di essa. La Cina, ha una storia di mortalità e in particolare di infetti e colpisce i cittadini di età superiore ai 65 anni. 

Da quello che sono stato in grado di raccogliere, Klebsi Plague è progettato per "colpire" gli Stati Uniti durante i caldi e umidi mesi estivi del 2018. Attacca i polmoni; inizia con una tosse e spesso diventa letale negli anziani e coloro il cui sistema immunitario è compromesso.  

Questa non è una tattica intimidatoria da parte mia, dato che mi sono seduto su queste informazioni, ma ora mi sento moralmente obbligato a divulgare ciò che ho scoperto facendo ricerche.

Cosa fare riguardo a ciò che avverte Bill Gates, se è corretto?

I miei suggerimenti come professionista sanitario in pensione sono:
  1. Inizia un protocollo di miglioramento del sistema immunitario, specialmente se tu oi tuoi figli avete qualche forma di malattia cronica o allergie respiratorie.
  2. Cerca un medico integrativo sanitario che capisca qual è il suggerimento n. 1.
  3. Mangia cibi coltivati ​​biologicamente, poiché i residui di erbicidi / pesticidi negli alimenti coltivati ​​in modo convenzionale interrompono il tuo sistema immunitario e il tratto digestivo, in particolare il microbioma, che è quasi come il secondo cervello del corpo.
  4. Dedica più tempo al dormire, perché è lì che il corpo ricostruisce e recupera, soprattutto le ghiandole surrenali.
  5. Proteggi i tuoi polmoni: smetti di fumare; interrompi l'uso di prodotti profumati, in particolare profumatori per ambienti e candele profumate che contengono sostanze chimiche volatili che respirate e che ritenete "profumate" così buone.
  6. Destressa il tuo stile di vita, poiché lo stress è un enorme soppressore immunitario.
Recentemente, la FDA ha trovato il glifosato, il principale ingrediente erbicida in Monsanto's Roundup®, in generi alimentari. 
"Ho portato cracker di grano, cereali a base di cereali e farina di mais da casa e c'è una buona dose in tutti loro", ha riferito un ricercatore dell'ufficio della FDA di nome Richard Thompson in una e-mail all'ufficio dell'agenzia di affari regolatori. Thompson, con sede in un laboratorio governativo in Arkansas, annotò nell'e-mail che l'unico cibo senza pesticidi che aveva a disposizione si rivelava essere broccoli. Un altro chimico della FDA che faceva test simili ha trovato grano di mais che contenevano tracce di glifosato a 6,5 ​​parti per milione (ppm). Il limite legale è 5 ppm. 
Il sito web britannico "The Guardian" ha pubblicato "Weedkiller trovato in granola e cracker, le e-mail interne della FDA lo rivelano", quindi cos'altro c'è di nuovo?

Quanto, e quanti pesticidi, stai mangiando davvero? 

Catherine J Frompovich (sito web) è una nutrizionista naturalista in pensione che ha conseguito una laurea specialistica in Nutrizione e Scienze della salute olistica, Certificazione in Teoria e pratica ortomolecolare e Studi sulle paralisi. Il suo lavoro è stato pubblicato su riviste nazionali e di compagnie aeree dai primi anni '80. Catherine ha scritto numerosi libri su problemi di salute insieme a documenti e monografie con co-autori di medici, infermieri e professionisti sanitari olistici. È stata una ricercatrice nel campo dell'assistenza sanitaria ai consumatori per 35 anni. 


*******************************

 

Nuova visione di come l’intestino influisce sul cervello nei sentimenti, la salute mentale, depressione e ansia 

di Alex Pietrowski
28 marzo 2018 

dal sito Web WakingTimes 

Negli ultimi anni, lo studio delle cause e dei trattamenti della depressione ha rivelato un legame con la salute del microbioma all'interno del sistema digestivo del corpo. 

L'ipotesi è che la presenza o l'assenza di batteri digestivi sani influisce sul modo in cui funziona il cervello, e una nuova ricerca (alcuni sentimenti istintivi sono una bandiera rossa) da parte di un neuroscienziato della Florida State University fornisce ulteriori informazioni su questo. 

I risultati della professoressa di ricerca e psicologia Linda Rinaman indicano una connessione molto importante tra l'intestino e il cervello, identificando percorsi che aiutano a capire perché i cosiddetti "sentimenti istintivi" hanno una forte influenza su emozioni, umore e decisioni. 
"Ci aspettiamo che queste linee di ricerca ci aiutino a capire meglio come le funzioni gastrointestinali contribuiscono alla funzione mentale sia normale che disordinata". Linda Rinaman 
La sua ricerca ha esaminato i percorsi tra l'intestino e il cervello nei mammiferi, notando come le sensazioni generate all'interno dell'intestino si spostano nel cervello, indicando che alcuni "sentimenti intestinali" sono una bandiera rossa e quindi possono essere un buon indicatore di umore sano e stati mentali. 

Nel corpo umano, il nervo vago agisce come la via tra il cervello e l'intestino. 

Il nervo vago, è il nervo più grande e più esteso del corpo, che trasporta e trasmette messaggi tra il tratto gastrointestinale e il cervello. Se l'intestino funziona in modo ottimale, il cervello è invitato a rispondere in modo più positivo.  

Il cibo e la corretta integrazione sono fattori importanti. 
"Le prove scientifiche e aneddotiche suggeriscono che una dieta povera può causare quei segnali protettivi e cautelativi per uscire di colpo, portando ad alterazioni dell'umore e del comportamento. 

Ad esempio, Rinaman ha detto, una dieta ricca di grassi può promuovere una risposta infiammatoria di basso grado nel tratto gastrointestinale, cambiando i segnali vagali e probabilmente esacerbando i sintomi di ansia, depressione o altri stati mentali disturbati. 

Rinaman ha detto che i tipi di batteri all'interno del tuo intestino sono modellati dalla tua dieta, e quei batteri possono influenzare il tuo stato emotivo e cognitivo."  
fonte 
Il significato emotivo del nervo vago è discusso ulteriormente: 
"La ricerca indica che un nervo vago sano è vitale per sperimentare l'empatia e favorire il legame sociale ed è fondamentale per la nostra capacità di osservare, percepire e prendere decisioni complesse. 
I test hanno rivelato che sono state diagnosticate anche persone con ridotta attività vagale, 
  • depressione 
  • disturbi di panico 
  • Post Traumatic Stress Disorder (PTSD
  • sindrome dell'intestino irritabile 
  • ansia 
  • disturbi di panico 
  • sbalzi d'umore violenti 
  • fibromialgia 
  • Alzheimer precoce 
  • obesità 
Dato lo stato della società di oggi e la vasta gamma di malattie associate a malsani nervosissimi di Vagus, non ci vuole un medico per concludere che guarendo i nostri nervi vagiosi collettivi, possiamo guarire molte carenze delle società. 

Gli scienziati hanno scoperto che la stimolazione artificiale del nervo vago (VNS), attraverso impulsi elettrici tramite un dispositivo simile a un pacemaker impiantato chirurgicamente, mostra risultati promettenti nel ridurre la depressione, le ansie e persino le condizioni come l'epilessia e l'obesità. 

Il VNS ha anche mostrato effetti positivi nel promuovere la perdita di peso in quanto i segnali al cervello di "pienezza" sono trasmessi più facilmente. 

Ma cosa accadrebbe se ci fosse un modo meno intrusivo e più naturale di stimolare e curare il nervo vago? "  
Frank Huguenard 
L'importante takeaway qui è che il supporto di una sana funzione intestinale e una sana funzione del nervo vago si sta rivelando un modo potenzialmente molto efficace per affrontare in modo olistico il trattamento della depressione e dell'ansia. 
"Le prove dimostrano che modificare la dieta, magari consumando i probiotici, può influire sul tuo stato d'animo e sul suo stato comportamentale, questo è molto chiaro negli studi sugli animali e sull'uomo".  
Linda Rinaman 
Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...