giovedì 5 maggio 2016

'Il Papiro Tulli'



L'arrivo degli déi del cielo: 
Dettagli dell'antico papiro egiziano 
sull'avvistamento UFO di massa. 

Questo enigmatico antico testo offre la prova conclusiva di un avvistamento UFO di massa che ha avuto luogo in Egitto intorno al 1480 a.C., durante il regno di Thutmose III. "... Erano più numerosi di ogni altra cosa. Essi brillavano nel cielo più del sole ai limiti dei quattro angoli del cielo [...] potente era la posizione degli ardenti dischi ..."

 
La civiltà egizia da innumerevole tempo, è risultata incredibilmente collegata a misteriose divinità. Considerata come una delle più avanzate civiltà antiche, gli antichi egizi hanno raggiunto (nella loro lunga storia) livelli incredibili, sono stati dei sofisticati astronomi, architetti, ingegneri e scienziati. Tuttavia, la domanda d'obbligo è: da dove viene e deriva tutta la loro conoscenza? Inoltre, chi erano gli enigmatici 'dèi' e 'semidei' descritti negli antichi testi egizi? 

Mentre la maggior parte di noi hanno sentito parlare del Telo di Torino e la Pietra di Palermo, solo pochi sanno dell'esistenza di un antico documento egiziano chiamato 'Il Papiro Tulli'. Il Papiro di Tulli, non è solo un semplice papiro ma nei infatti, è una moderna trascrizione tradotta di un antico documento egiziano che registra quello che viene interpretato come un UFO di fuoco. 

Il Papiro Tulli viene citato da molti come uno dei più importanti antichi testi egizi che documentano la visita in Egitto (migliaia di anni fa) degli antichi astronauti. 

I testi antichi descrivono con grande precisione, un massiccio avvistamento UFO che si è verificato in Egitto durante il regno di Thutmosis III. 

Il Papiro Tulli apparteneva alla ex direttore del Museo Egizio in Vaticano, il professor Alberto Tulli. Il documento è considerato come "la prima testimonianza conosciuta di una flotta di dischi volanti, scritti millenni fa su un lungo papiro, in Egitto." 

Il papiro è stato tradotto dal principe Boris de Rachewiltz, dichiarando che il papiro "faceva parte degli Annali di Thutmose III." Tuttavia, nulla nell'antico testo fa riferimento al nome del Faraone, questo è un vero peccato, per un documento che non ha precedenti nella storia degli antichi astronauti. 

La parte più misteriosa dei documenti antichi sono gli enigmatici "cerchi di fuoco" che hanno volato nel cielo dell'Antico Egitto in due occasioni distinte, separate da un paio di giorni. 

Molti hanno screditato le credenziali del principe Boris de Rachewiltz, la verità è che lui era un noto studioso, e ci sono ancora alcune delle sue opere disponibili e citate oggi. Diversi studiosi concordano sul fatto che la sua traduzione del Papiro Tulli sia accettabile. Inoltre, la cosa veramente importante ribadita (più volte), è che il documento e la traduzione sono considerati autentici e non una bufala. 

Ci sono due traduzioni indipendenti dell'antico testo egiziano, uno dal principe Boris de Rachewiltz, e l'altra dall'antropologo R. Cedric Leonard. 

Questa è la traduzione di R. Cedric Leonard:

Nell'anno 22, del terzo mese dell'inverno, nella sesta ora del giorno [...] Tra gli scribi della Casa della Vita si è constatato che uno strano disco di fuoco stava volando in cielo. Non aveva la testa. Il soffio della sua bocca emetteva un cattivo odore. Il suo corpo era lungo una canna e una canna di larghezza. E non aveva voce. E' venuto verso la casa di Sua Maestà. Il loro cuore è diventato confuso, e si prostrarono con la pancia. Essi andavano dal re a segnalarlo. Sua Maestà ordinò che i rotoli situati nella Casa della Vita venissero consultati. Sua Maestà meditava su tutti questi eventi che erano ancora in corso.

Dopo diversi giorni passati, i cerchi di fuoco sono diventati più numerosi nel cielo che mai. Essi splendevano nel cielo più che la estesa luminosità del sole ed estesa ai limiti dei quattro angoli del cielo [...] Potente era la posizione dei dischi fiammeggiati.

L'esercito del Re guardava, con sua maestà in mezzo a loro. E' stato dopo il pasto serale che si sono visti i dischi salire a sud ancora più in alto nel cielo. Pesci e altri volatili piovevano dal cielo: una meraviglia mai prima conosciuta dalla fondazione del paese. Inoltre, Sua Maestà ha ordinato di portare l'incenso per placare il cuore di Amon-Ra, il dio delle Due Terre. Inoltre, è stato ordinato da Sua Maestà che l'evento venisse registrato negli Annali della Casa della Vita e venisse ricordato per sempre.

Secondo questo antico testo, il faraone che governò l'Egitto era Thutmose III, e questa massa di avvistamenti UFO è avvenuta intorno al 1480 a.C. E' stato registrato nella storia come un giorno di grande importanza, un giorno in cui si è verificato qualcosa di inspiegabile.

E' importante ricordare che è molto improbabile che gli antichi egizi abbiano misconosciuto questi "dischi di fuoco" con una sorta di fenomeni astronomici o meteorologici. Gli antichi Egizi erano esperti e astronomi dotti, e dal 1500 a.C., erano già esperti del settore, il che significa che avrebbero descritto i fenomeni astronomici in un modo molto diverso. Inoltre, in questi antichi documenti, i "dischi di fuoco" sono descritti come entità fisiche che cambiavano direzione nel cielo, così sappiamo che questi oggetti non sono caduti e/o atterrati, ma sono rimasti sopra il cielo egiziano.


FONTE 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page