Sperimentazioni di geoingegneria: gli effetti disastrosi sono reali

mercoledì 2 marzo 2016

Grandi quantità di fibre nella ricaduta atmosferica


Fibre sintetiche ricadono dall'atmosfera: 
Una fonte di microplastiche per l'ambiente? 
Rachid Dris ⁎, Johnny Gasperi, Mohamed Saad, Cécile Mirande, Bruno Tassin Université Paris-Est, LEESU (Laboratoire eau environnement et Systèmes urbains), 61 avenue du Général de Gaulle, 94010 Cedex Créteil, Francia
RIASSUNTO

Storia dell'articolo: Ricevuto 2 ottobre 2015, ricevuto in forma riveduta 22 dicembre 2015 accettato il 5 gennaio 2016 disponibile xxxx on-line

Fonti, percorsi e serbatoi di microplastiche, particelle di plastica inferiore a 5 mm, restano poco documentati in un contesto urbano. Mentre alcuni studi hanno sottolineato che negli impianti di depurazione sono un potenziale percorso per le microplastiche, però, nessuno lo ha messo a fuoco sul compartimento atmosferico.

In questo lavoro, la ricaduta atmosferica di microplastiche è stata studiata in due siti urbani e sub-urbani differenti. Le microplastiche sono state raccolte continuamente con un imbuto in acciaio inox. I campioni sono stati filtrati e osservati con uno stereo-microscopio. Le fibre di microplastiche sono state rilevate in quasi tutti i campioni raccolti. Nei campioni raccolti è stato evidenziato una ricaduta atmosferica compresa tra 2 e 355 particelle / m2 / al giorno. I flussi registrati erano sistematicamente superiori ai centri urbani rispetto a siti sub-urbani.

La caratterizzazione chimica ha permesso di stimare al 29% la proporzione di tali fibre essendo tutte sintetiche (fornita con la petrolchimica), o una miscela di materiali naturali e sintetici. L'estrapolazione delle fibre raccolte (con peso e volume), ha permesso una stima approssimativa che mostra che tra le 3 e 10 tonnellate di fibre ogni anno si sono depositate dalla ricaduta atmosferica nell'agglomerato parigino (2500 km2).

Questi risultati potrebbero servire alla comunità scientifica che lavora sulle diverse fonti della microplastica sia in ambienti marini che continentali.

risultati e discussione

Sulla base di un monitoraggio a lungo termine (un anno), i nostri risultati mostrano grandi quantità di fibre dalla ricaduta atmosferica, che non è ancora stata riportata in letteratura. Durante il monitoraggio di tutto l'anno (sito 1), la ricaduta atmosferica variava dai 2 a 355 particelle / m2 / al giorno (Fig. 2) con una ricaduta media atmosferica di 110 ± 96 particelle / m2 / al giorno (media ± DS), che indica un elevata variabilità annuale. Sulla posizione 2 (controllo a 6 mesi), la ricaduta atmosferica è stata di circa 53 ± 38 particelle / m2 / al giorno (media ± SD). PDF  

FONTE 
Oggetto: microplastiche nel miele e nell'acqua 

La plastica e i micro-detriti sono fatti principalmente di polietilene, ma anche etilene / butilene e copolimeri etilene / acetato di vinile, si è pensato che potessero venire da cosmetici e da toelette contenenti particelle esfolianti come il gel doccia e il dentifricio, che passa attraverso l'ambiente dai sistemi fognari e l'aria portandoli direttamente al nostro cibo. Le microplastiche possono costituire fino al 10% del peso totale del prodotto. Inoltre, le particelle granulari utilizzate come abrasivi per trattare superfici (come per esempio nei cantieri) possono passare direttamente nell'ambiente.

Anche le fibre degli abiti possono passare nell'ambiente attraverso il sistema fognario in quanto, come le particelle granulari nei cosmetici, alcuni di questi scivolano attraverso gli impianti di trattamento delle acque reflue. Se vengono utilizzati fanghi contenenti microplastiche come i fertilizzanti in agricoltura, la plastica e i micro-detriti possono essere soffiati in atmosfera e quindi si possono anche immettere nel nostro cibo.

I sorprendenti risultati delle ricerche svolte presso l'Università di Oldenburg, hanno rilevato che le fibre, frammenti e materiali anche granulari si trovano nel miele, acqua e altre bevande potabili.

1. Quali informazioni dispone per l'ambiente la Commissione sugli attuali livelli di plastica e micro-detriti?

2. quali informazioni dispone la Commissione in merito al livello di plastica e micro-detriti negli organismi acquatici?

3. Di quali informazioni dispone la Commissione sulla misura in cui le microplastiche contengono additivi utilizzati nella produzione di polimeri, e le sostanze inquinanti assorbite dall'ambiente?

4. Alla luce degli studi che sono stati condotti, quali azioni ritiene la Commissione siano necessarie?

5. Intende la Commissione presentare una proposta legislativa per eliminare gradualmente l'uso delle microplastiche nei cosmetici e prodotti per la pulizia?

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+P-2013-013557+0+DOC+XML+V0//EN

Guarda anche:
Ces mystérieux filaments qui tombent du ciel

Pubblicato su: http://www.nogeoingegneria.com/

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

TANKER ENEMY TV

TANKER ENEMY TV
La Guerra del Clima

Ricordando Giorgio Tremante

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nin.Gish:Zid.Da

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Torna all'inizio

Torna all'inizio
Home page