sabato 19 dicembre 2020

Tra speranza e scetticismo tra paesi europei

Sotto il segno della primula: in Italia si affidano a tali padiglioni di vaccinazione di famosi architetti, centinaia dei quali dovrebbero essere nel paese.

Che dire della disponibilità alla vaccinazione in altri paesi europei: una panoramica.

Di Von Karin Janker, Cathrin Kahlweit, Thomas Kirchner, Oliver Meiler, Alexander Menden und Nadia Pantel

Italia

Una primula rossa come simbolo di rinascita: così l'ha considerata il famoso architetto milanese Stefano Boeri quando il governo italiano gli ha chiesto di progettare un centro di vaccinazione. Boeri ha disegnato padiglioni temporanei realizzati con materiali ecologici, che ora vengono costruiti in tutta Italia nelle piazze, nei cortili degli ospedali e negli stadi sportivi. Inizialmente 300, da febbraio in poi dovrebbero essere 1500. Un fiore sul tetto, visibile da lontano. "La primula è la prima a fiorire dopo l'inverno", ha detto Boeri. Secondo gli ultimi sondaggi, otto italiani su dieci vogliono essere vaccinati; poche settimane prima era stato anche meno.

Andrea Crisanti, famoso microbiologo, che aveva pubblicamente messo in dubbio la trasparenza della fabbricazione dei vaccini e quindi indirettamente e involontariamente convenuto che anche coloro che credono nelle teorie del complotto, abbiano contribuito allo scetticismo iniziale. Tali tesi, diffuse sui social, hanno avuto un boom in Italia molto prima del Corona. Gli studi hanno dimostrato che il 13% dei genitori italiani non fa vaccinare la prole contro almeno una malattia infantile. Il movimento è anche chiamato "No Vax" in Italia. L'opposizione alla vaccinazione è più diffusa nel nord Italia, tra i cittadini istruiti. E in nessuna provincia è più grande che in Alto Adige.

Austria

La Kronen Zeitung è entusiasta. Sebastian Kurz mostra come funziona il buon governo; Il Cancelliere "ha combattuto per 900.000 dosi di vaccino" dal capezzale. In effetti, le prime consegne da inviare agli anziani e alle case di cura erano già state concordate e pianificate in tutta l'UE e il rifornimento era già stato ordinato. Per un momento, tuttavia, è stato importante sottolineare che da gennaio saranno disponibili 900.000 dosi di vaccino.

 
  Bassa partecipazione: ai test di massa - qui a Graz - ha preso parte solo poco meno di un quarto di tutti gli austriaci. (Foto: Erwin Scheriau / dpa)

Fino a pochi giorni fa si diceva che le vaccinazioni di massa in Austria non sarebbero iniziate fino al prossimo anno, ora dovrebbero essere effettuate anche dal 27 dicembre. Il governo aveva ordinato vaccini da diversi produttori. Il ministro della Salute Rudi Anschober ha sottolineato che non è ancora chiaro chi sarebbe stato vaccinato esattamente e quando. Le commissioni di vaccinazione si incontrano negli stati federali e cercano di convalidare la pianificazione. La vaccinazione obbligatoria è esclusa, anche se - o perché - la disponibilità della popolazione è apparentemente molto bassa. Solo un quarto della popolazione in tutto il paese aveva preso parte a test di massa nelle ultime settimane; Secondo i sondaggi, la disponibilità a farsi vaccinare contro il Corona "con certezza" è solo del 17 per cento. Un totale del 30 percento della popolazione, i sondaggisti stimano che alla fine sarebbero stati conquistati da una vaccinazione.

Francia

Quando mercoledì sera il primo ministro francese Jean Castex ha presentato il suo piano di vaccinazione all'Assemblea nazionale, ha usato una parola particolarmente spessa: trasparenza. I primi francesi verranno vaccinati alla fine di dicembre, inizialmente nelle case di cura e di riposo. Ma la vaccinazione non è solo una sfida per motivi logistici, ma anche per lo scetticismo della popolazione. Secondo un sondaggio di giovedì, solo il 38% dei francesi afferma di voler essere vaccinato contro il coronavirus non appena sarà disponibile un vaccino. Il 30 per cento afferma di "assolutamente non" voler essere vaccinato, il 19 per cento "probabilmente no" e il 13 per cento non è ancora sicuro. Gli scettici sostengono che non sappiamo ancora abbastanza sul virus o sugli effetti collaterali del vaccino. La sfiducia è particolarmente alta tra coloro che si vedono nell'opposizione politica. Solo il 27 percento degli elettori del Rassemblement National di destra e il 26 percento degli elettori della sinistra France Insoumise vogliono essere vaccinati.

Se il Premier Castex ora sottolinea che la distribuzione dei vaccini dovrebbe essere particolarmente trasparente, ciò è anche dovuto al fatto che ci sono stati diversi guasti nella lotta contro le pandemie. In primavera mancavano maschere e indumenti protettivi, anche per il personale ospedaliero. In autunno i laboratori di prova erano completamente sovraccarichi.

Gran Bretagna

I tabloid britannici hanno dichiarato l'8 dicembre come "V-Day" - basato sul "VE (Victory in Europe) Day", con il quale l'8 maggio verrà celebrata la vittoria sulla Germania nazista. "V" sta per vaccinazione, perché l'8 dicembre è stato ufficialmente somministrato per la prima volta il vaccino Biontech. Il Daily Mail ha citato una "eroina del V-Day", l'81enne Lyn Wheeler, che è stata una delle prime donne britanniche ad essere vaccinata, mentre esortava gli scettici sui vaccini a "fare il loro dovere per il paese" e farsi vaccinare. Questo è tanto più straordinario quanto quello Daily Mailfino ad ora diffuse con veemenza le tesi confutate dell'ex medico Andrew Wakefield secondo cui le vaccinazioni portano all'autismo. A causa della campagna di Wakefield, il Regno Unito è stato uno dei primi paesi europei con un movimento "anti-Vaxxer". La pandemia ha alimentato questa tendenza; secondo il gruppo di sensibilizzazione "Center for countering digital hate", il numero di follower britannici sulle piattaforme anti-vaccinazione è aumentato.

"Fare il dovere per il Paese": il primo passo in Gran Bretagna è stato vaccinare gli anziani e le persone con problemi di salute. (Foto: Gareth Jones / dpa)

Il governo del Regno Unito ha istituito la propria "unità di contro-disinformazione" per chiudere i siti web che diffondono notizie false, inclusa la disinformazione sulle vaccinazioni. Secondo un sondaggio dell'istituto di ricerche di mercato Kantar alla fine di novembre, il 75 per cento degli intervistati ha dichiarato che "probabilmente" si sarebbero vaccinati. Secondo il sondaggio, anche la sfiducia della strategia corona del governo britannico fino ad oggi gioca un ruolo tra coloro che esitano.

Olanda

Il virus sta prosciugando i Paesi Bassi. E i responsabili. Il primo ministro della salute si è dimesso in primavera dopo un crollo, mentre il suo successore riveduto Hugo de Jonge ha appena rinunciato al suo obiettivo di diventare il nuovo primo ministro. Poiché i tassi di infezione sono ancora alti e le unità di terapia intensiva sono piene, il governo ha rafforzato in modo significativo le misure del corona. Il sollievo dal vaccino sarebbe tanto più gradito. La disponibilità a vaccinare nella popolazione corrisponde grosso modo a quella in Germania. Ma la preparazione mostra un parallelo con il lento ritmo di accumulo delle capacità di prova in primavera. De Jonge inizialmente menzionava la prima settimana di gennaio come data per l'inizio delle vaccinazioni, ma ora l'obiettivo è più vicino alla metà del mese. Che il primo vaccino potrebbe essere approvato prima di Natale,ha colto l'Olanda con il piede sbagliato. Non sei pronto. Non c'è da aspettarsi che sarà uno dei paesi europei che inizieranno insieme il 27 dicembre. Il sistema informatico delle autorità sanitarie regionali sembra essere un grave problema. Inizialmente vaccineranno circa 450.000 dipendenti di cliniche e case di cura in 15 centri. Il paese "non fornisce un bel quadro", borbotta un parlamentare socialista.

Spagna

Fondamentalmente, gli spagnoli hanno una visione pragmatica delle vaccinazioni. Il paese ha uno dei tassi di vaccinazione più alti al mondo per le vaccinazioni standard. Secondo le statistiche dell'OCSE, circa il 55% degli spagnoli di età superiore ai 65 anni beneficia della vaccinazione antinfluenzale, mentre la Germania raggiunge solo un tasso del 35% in questa fascia di età. Quando si tratta di vaccinare contro il Sars-CoV-2, tuttavia, la disponibilità è inferiore: in uno studio dell'Istituto 40dB, solo il 24% degli intervistati afferma di voler essere vaccinato contro il virus il prima possibile. Il 13 per cento non vuole essere vaccinato affatto. L'istituto ha anche chiesto informazioni sui miti della cospirazione comune: secondo questo, l'8% degli intervistati crede che il Covid sarebbe trasmesso attraverso la tecnologia cellulare 5G.Secondo un sondaggio del World Economic Forum, la maggioranza degli spagnoli vuole essere vaccinata solo dopo un anno. Soprattutto, è scettica sul fatto che gli studi vengano completati così rapidamente e teme gli effetti collaterali. In un confronto internazionale, la Spagna è uno dei paesi più cauti.

Molti spagnoli più anziani ottengono il vaccino antinfluenzale; Con Corona, la disponibilità è notevolmente inferiore. 
(Foto: Jordi Boixareu / immagini imago / ZUMA Wire)

Il ministro della Salute Salvador Illa vuole iniziare a vaccinare il 27 dicembre. Nella prima tornata si vaccinano i residenti e i dipendenti delle case di riposo, poi gli operatori sanitari e i gruppi a rischio. La Spagna ha ordinato 140 milioni di dosi di vaccino per i suoi 47 milioni di abitanti.

Fonte: https://www.sueddeutsche.de/politik/europa-zwischen-hoffnung-und-skepsis-1.5151602

************************************

Articoli consigliati: 

COVID 19: O il piano nefasto che vedi  

Moderna, Pfizer annuncia un nuovo vaccino contro l’esitazione dei vaccini 

L’età della pietra moderna, la nuova ignoranza e il postmoderno

®wld

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Niente più Cinema, tutto sarà in streaming – indipendentemente dal Covid o dai vaccini

E c'è chi ancora nega affermando che non siamo una colonia USA…

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”

Stato di emergenza, Tarro contro Conte: “voglio sapere i nomi degli esperti”
Leggi QUI L'articolo di imolaoggi.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

GUARDA IL CIELO! CHE COSA STANNO FACENDO?

Come osano? come osano fare questo? Questa deve essere la reazione dell’umanità.

Perché questa mancanza di interesse dei nostri cieli?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...