giovedì 21 dicembre 2017

Circa 3,5 miliardi di anni fa c'era vita sulla Terra

 

Gli scienziati hanno finalmente confermato, 
c'era vita sulla Terra circa 3,5 miliardi di anni fa.

Di Ivan 

Più esperti esplorano le origini della vita sulla Terra, più sorprendenti sono le scoperte fatte.

Secondo gli esperti, molto prima che gli esseri umani apparissero sulla Terra, le forme di vita circa 3,5 miliardi di anni fa, chiamarono questo pianeta casa. Stiamo parlando di miliardi, non di milioni.

Per decenni gli scienziati hanno discusso sulle origini della vita e le forme più antiche di vita  prima di chiamare casa il nostro pianeta.

Ora, un nuovo studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences ha utilizzato tecniche all'avanguardia per datare gli organismi più antichi sulla Terra.

"Lo studio descrive 11 campioni microbici da cinque taxa (organismi viventiseparati, che collegano le loro morfologie alle firme chimiche che sono caratteristiche della vita. Alcuni rappresentano batteri e microbi ormai estinti da un dominio della vita chiamato Archaea, mentre altri sono simili alle specie microbiche ancora oggi presenti. I risultati suggeriscono anche come ognuno di loro sia sopravvissuto su un pianeta privo di ossigeno".

I loro risultati sconcertanti hanno rivelato che batteri e microbi si erano già sviluppati sul nostro pianeta 3,5 miliardi di anni fa, e potrebbero aver vissuto sulla Terra per lungo tempo senza ossigeno, o molto limitato.
  
Lo studio pionieristico è stato condotto dal paleobattologo William Schopf dell'Università della California-Los Angeles e dal geoscientista John Valley dell'Università del Wisconsin-Madison.
  
I ricercatori hanno analizzato batteri e microbi ormai estinti che sono stati scoperti nel 1982 presso l'Apex Chert, una formazione rocciosa situata nell'Australia occidentale.

Gli organismi sono stati trovati nella roccia.

 
Un esempio di uno dei microfossili scoperto in un campione di roccia recuperato dall'Apex Chert. Immagine di credito: J. William Schopf, UCLA
  
Un acceso dibattito che dura da oltre due decenni

I primi risultati "controversi" furono ottenuti dal professor Schopf e dal suo team nel 1993, quando, usando l'analisi radiometrica, riuscirono a datare l'organismo fossilizzato a 3,45 miliardi di anni fa.
  
Il rock Schopf e il suo team analizzati sono risultati la prima prova di vita sulla Terra, e Schopf e il suo team hanno dedotto che "creature" potrebbero essere esistite sulla Terra un miliardo di anni prima di quanto chiunque avesse pensato fosse possibile.
  
Queste affermazioni sollevarono numerosi dubbi mentre altri esperti sostenevano che le affermazioni di Schopf erano troppo speculative e che gli organismi che aveva trovato - invisibili ad occhio nudo - non erano altro che rocce stranamente modellate, strani minerali che somigliavano solo a organismi biologici, ma che alla fine non erano.
  
Tuttavia, sono passati più di due decenni da quando Schopf ha fatto la scoperta, il che significa che la tecnologia è notevolmente migliorata da allora.
  
Il professor Schopf ha trovato nuovi modi per analizzare l'esemplare di roccia dopo aver sviluppato nuovi metodi rivoluzionari.

Come notato dagli esperti, qualsiasi tipo di sostanza organica ha una caratteristica miscela di isotopi di carbonio. Pertanto gli scienziati hanno identificato nuovi metodi per scoprire le differenze tra organismi. Canta uno strumento molto raro, uno spettrometro di massa di ioni secondari, gli esperti sono riusciti a separare il contenuto di carbonio in ogni fossile in isotopi. Ciò ha permesso loro di misurare la composizione carbonio-isotopico di ciascun fossile separato e confrontarlo con rocce senza fossili della stessa epoca.
  
La tecnologia moderna aiuta a confermare 
una teoria degli anni '90
  
Dopo aver misurato la composizione carbonio-isotopico di ciascun fossile separato, Schopf e il suo team hanno scoperto come la differenza nei rapporti isotopico-carbonio tra i fossili e le rocce senza fossili, il che significa che la loro teoria del 1993 era corretta.
  
La roccia, datata (datata radiometricamente) di 3,5 miliardi di anni, ha dimostrato di contenere i resti della prima antica vita biologica quanto la roccia in cui sono stati trovati gli organismi.

Schopf ei suoi colleghi hanno collegato specifici rapporti carbonio-isotopi a specifiche forme fossili, che li hanno aiutati a identificare vari antichi organismi.

Hanno poi analizzato i microfossili individualmente e identificato cinque specie di cui due sono state identificate come fotosintesi, due erano organismi che consumano metano e un organismo che produce metano.


Riferimento: J. William Schopf, Kouki Kitajima, Michael J. Spicuzza, Anatoliy B. Kudryavtsev e John W. Valley. Le analisi SIMS del più antico assemblaggio noto di microfossili documentano le loro composizioni isotopiche di carbonio correlate al taxon. PNAS, 18 dicembre 2017 DOI: 10.1073 / pnas.1718063115



Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti sono sottoposti a moderazione prima della loro eventuale pubblicazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...